Vai al contenuto

Berlino, 24 ottobre 2020

Foto Street in Berlin - gierre 2020

 

La vedo triste, oggi, la nostra simpatica metropoli. Il tempo è discreto ma d'autunno il vestito che si adatta alla città non è questo. Alle spalle due settimane di crescente preoccupazione per il virus, con Spahn (Ministro della Salute) in quarantena, come diversi altri esponenti politici, tutti meravigliati perché, sentendosi quasi in colpa, giurano di aver rispettato tutte le regole di prevenzione. Il discorso pubblico di Mutti ( Merkel. ndr ) ha dato la linea e la rarefatta presenza di viandanti che mi pare di rilevare forse lo testimonia. Il sindaco della città, Mueller, dice che gli appelli non bastano più, che ora si deve parlare di regole e restrizioni. Anche i politici tedeschi non sono miracolati di Lourdes e fanno ciò che possono, federalismo permettendo.
Da oggi il Senato berlinese dichiara formalmente che la strategia del tracciamento è resa impossibile dall'alto numero dei contagiati (+893 in 24 ore a Berlino) e che si scommetterà sulla responsabilità personale dei cittadini. Ergo, l'attenzione del sistema pubblico si concentrerà sul personale di assistenza, sui ricoverati negli ospedali (all'oggi 374, di cui 101 in terapia intensiva), case di cura, e sui senza tetto. I cittadini accertati come positivi si debbono mettere ilprima possibile in isolamento domestico per 14 giorni, senza contattare il Dipartimento di Salute e dovrebbero informare rapidamente le persone di contatto affinché facciano il test e si autocollochino, se positivi, in quarantena.

...continua a leggere "Vivere a Berlino nell’epoca del Corona di Franco Di Giangirolamo"

Segnaliamo questo articolo di Donato Greco che fa chiarezza sul tema " Convivere con il Covid".

Convivere con il Covid. Ma cosa vuol dire? E soprattutto, è possibile? Sì, ecco come. Senza arrivare a nuovi lockdown generalizzati

di Donato Greco

Il messaggio che sento di dover dare su Covid -19 è relativo al domani: domani reale e domani prossimo, senza addentrarmi nel domani remoto. E quindi partiamo dallo scenario attuale per capire cosa presumibilmente, in base alle conoscenze e all'esperienza, ci aspetta e cosa possiamo e dobbiamo fare per imparare a convivere con questo virus. A partire dalle nuove conoscenze accumulate in questi mesi che ci permettono di usare le misure di prevenzione in modo più efficace, mirandole a specifiche situazioni ed evitando interventi privi di un razionale logico.

Leggi l'articolo su Quotidiano Sanità 

FONTE ETUI 
Autrice Aída Ponce Del Castillo

Le grandi potenze del mondo, molti stati e aziende stanno combattendo per vincere la corsa all'intelligenza artificiale (AI). L'intelligenza artificiale è di importanza strategica per l'Unione Europea, con la Commissione Europea che ha recentemente dichiarato che "l'intelligenza artificiale è un obiettivo che può fare dell'Europa un leader tecnologico globale".

Per raggiungere questo obiettivo, l'UE deve creare un quadro etico e giuridico appropriato. Questa Outlook Note sostiene che tale quadro deve essere solidamente basato sulla regolamentazione - può essere raggiunto aggiornando la legislazione esistente - e che deve prestare particolare attenzione alla protezione dei lavoratori. I lavoratori sono in una posizione di subordinazione ai loro datori di lavoro e, nella fretta dell'Europa di vincere la corsa all'IA, i loro diritti rischiano di essere trascurati. Questo è il motivo per cui deve essere sviluppato un quadro giuridico protettivo e applicabile, con la partecipazione delle parti sociali.

DOWNLOAD EBOOK 

 

Germania. Rischio Coronavirus . Le valutazioni del Robert Koch Institute rispetto alle provenienze dei viaggiatori verso la Germania o per chi dalla Germania intende viaggiare verso paesi esteri .

Dal sito del Robert Koch Institute ricaviamo queste informazioni utili per quanti fossero interessati ad un viaggio da e per la Germania.

Informazioni sulla designazione delle aree di rischio internazionali da parte del Ministero degli esteri federale, BMG e BMI

Stato: 22/10/2020, 12:00

Inglese: informazioni sulla designazione delle aree a rischio internazionali (PDF, 90 KB, il file non è privo di barriere)

Il Rapporto sui casi di contagio in Germania al 22/10/2020

Dal sito RKI.DE

...continua a leggere "Germania.Informazioni sulla designazione delle aree di rischio internazionali da parte del Ministero degli esteri federale, BMG e BMI"

 

Fonte: Saluteinternazionale

Autore: Gavino Maciocco

Due libri usciti a settembre – di Marco Geddes e Francesca Nava – ci aiutano a capire, a conoscere com’è nata e come si è sviluppata la pandemia, a sapere cos’è andato storto. Per non ripetere gli stessi errori.

“Sapete cosa temo? Che da questa esperienza non si sia in grado di apprendere, cioè di acquisire e mettere in atto provvedimenti, organizzazioni, comportamenti adeguati affinché il ripresentarsi di questa epidemia o di fenomeni simili sia prevenuto e affrontato adeguatamente”.

Quando – lo scorso luglio – Marco Geddes consegnò all’editore il manoscritto del libro “La sanità al tempo del coronavirus”[1] l’epidemia raggiungeva il livello più basso di diffusione (“dati del 19 luglio: 219 casi e 3 morti. Mai così pochi decessi, nessuno in Lombardia”). Ebbene, i timori che il paese, e il nostro sistema sanitario, si facessero trovare impreparati di fronte a una seconda ondata erano purtroppo molto ben fondati: i dati di ieri 20 ottobre 2020, 10.874 casi e 89 morti.

...continua a leggere "Imparare dalla Pandemia"

20 ottobre 2020

 

 

Fonte Industrial-union 

 In Sri Lanka, i lavoratori dell'abbigliamento sono stati messi in quarantena dai militari nel cuore della notte, a seguito di un rapido aumento delle infezioni. I sindacati dicono che questo avrebbe potuto essere evitato istituendo i comitati sanitari raccomandati.

A partire dal 19 ottobre, il numero totale di casi di Covid-19 a Minuwangoda Brandix è salito a 2.122, inclusi più di mille lavoratori tessili Brandix Limited, i loro parenti e familiari.

Questo gruppo rappresenta quasi la metà del numero totale di casi di Covid nello Sri Lanka e ha fatto notizia a livello nazionale.

I sindacati sostengono che l'esercito, che gestisce i centri di quarantena Covid, sia entrato di notte nelle residenze dei lavoratori tessili, senza previa informazione, per chiedere loro di recarsi immediatamente nei centri di quarantena. ...continua a leggere "Succede in Sri Lanka. I lavoratori dell’abbigliamento hanno sopportato dure misure di contenimento del Covid-19"

 

Foto graffiti in Berlin - gierre 

Autore : Gino Rubini

- Le misure di distanziamento e lockdown
- Gli errori di politica sanitaria e preventiva da evitare per il futuro
- Da dove deriva la sottovalutazione del rischio biologico in grado di produrre una pandemia
- Dal lockdown alle riaperture, i profili di rischio dei lavori e le misure adottate
- La pandemia in Europa e nel mondo
- Riflessioni su ciò che non si dovrà più fare e su ciò che occorre fare per non essere impreparati.
- Il vincolo al cambiamento che deriva dall’esperienza della pandemia
- Conoscenza e comunicazione

Questo articolo è già pubblicato sul numero 208 della Rivista Inchiesta

L'ARTICOLO

 

CHI LO SAPEVA? | La superficialità  dell'OMS sui rischi di contagio  da corona  nelle situazioni  lavorative rischia un disastro di livello mondiale 
FONTE HAZARDS MAGAZINE CHE RINGRAZIAMO . VEDI ANCHE LA VERSIONE ORIGINALE IN LINGUA INGLESE.
Chi avrebbe pensato che avremmo dovuto mettere un avvertimento sulla salute all'Organizzazione mondiale della sanità? L' editore dei rischi Rory O'Neill ha scoperto che il consiglio "incredibilmente dannoso" dell'OMS sui rischi del Covid-19 sul posto di lavoro sta lasciando i lavoratori in pericolo di vita.

Domande e risposte: Suggerimenti per la salute e la sicurezza sul lavoro nel contesto del COVID-19 , pubblicato dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il 26 giugno 2020, ha rivelato come l'agenzia delle Nazioni Unite dai piedi di piombo non abbia né la conoscenza né la capacità di consigliare sulle questioni di lavoro.

Ma questo non l'ha fermato per un momento. Le omissioni nella sua guida - in particolare nessuna menzione dell'ispezione e dell'applicazione del lavoro, e una mancanza di consapevolezza delle potenziali interazioni con altri rischi sul posto di lavoro e la necessità di una protezione più ampia dell'occupazione - hanno mostrato perché un'agenzia delle Nazioni Unite non lavorativa non dovrebbe essere leader sul posto di lavoro problema.

La guida dell'OMS contraddice una guida molto più protettiva pubblicata nel maggio 2020 dall'agenzia specializzata delle Nazioni Unite sul lavoro, l'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

La domanda e risposta dell'OMS ripete le posizioni politiche elaborate nella sua guida provvisoria del 10 maggio 2020, Considerazioni per la salute pubblica e le misure sociali sul posto di lavoro nel contesto di COVID-19 ' . Questo documento ha ricevuto un'accoglienza ostile, definita "pericolosa" dalla Confederazione sindacale internazionale (ITUC) e dal Consiglio dei sindacati globali.

Rischio calcolato male

Il primo errore dell'OMS è un'affermazione ripetuta che "Covid-19 si diffonde principalmente attraverso goccioline respiratorie o contatto con superfici contaminate". Ma all'inizio della pandemia sono state sollevate preoccupazioni sul fatto che i rischi di goccioline e contatti non fossero l'unica minaccia rappresentata da questo coronavirus.

...continua a leggere "Le superficialità e gli errori della OMS rispetto alla valutazione dei rischi negli ambienti di lavoro"

 

ETUI Policy Brief N°5/2020
Politiques économiques, sociales et de l’emploi en Europe

Les applications de traçage des contacts pour le COVID-19 : comment éviter que la vie privée ne devienne la prochaine
victime rendra possible le traçage des contacts ». Le 21 avril, le Premier ministre néerlandais Mark Rutte a déclaré que le développementes applications de traçage du COVID-19 se poursuivrait, en dépit  du fait que sept de ces applications ont été testées et qu’aucune d’entre elles n’a réussi à répondre aux exigences en matière de sécurité, de respect de la vie privée et de fiabilité.
Aída Ponce Del Castillo

IL DOCUMENTO

 

Il Ministero della Salute con l'Istituto Superiore di Sanità ed altri Enti propone un documento "Prevenzione e risposta a COVID-19: evoluzione della strategia e pianificazione nella fase di transizione per il periodo autunno-invernale".

Nel sottotitolo il documento è definito approfondimento complementare ai documenti generali già resi pubblici su preparedness, pianificazione e contesti specifici.

Il documento contiene link ai numerosi documenti analizzati: Leggi, Decreti, Verbali CTS, Protocolli, documenti ISS, INAIL, Pubblicazioni, dati sulla pandemia aggiornati al 6/10/2020.

IL DOCUMENTO

 

Fonte Eurofound

 

La fiducia nell'Unione europea è stata significativamente più alta tra gli intervistati nell'ondata di luglio del  sondaggio Eurofound su Vita, lavoro e COVID-19 rispetto ad aprile, con una fiducia media nell'UE superiore alla fiducia nei governi nazionali. Ciò si riflette positivamente sul lavoro delle istituzioni europee durante l'estate nell'affrontare la pandemia COVID-19, poiché livelli molto bassi di fiducia nell'UE durante le prime fasi della pandemia hanno sollevato questioni fondamentali sulla percezione dell'azione dell'UE e su una più ampia solidarietà europea durante il crisi. ...continua a leggere "Eurofound. La fiducia nell’UE si riprende a seguito delle risposte COVID-19"

Segnaliamo questo articolo da INRS (FR)

13/10/2020

FONTE INRS

Ventilation, chauffage, climatisation : quelles précautions prendre contre la Covid-19 ?

Pour prévenir risques de transmission du virus de la Covid-19 dans les locaux de travail, certaines précautions sont nécessaires quant à l’utilisation des dispositifs de ventilation, de chauffage et de climatisation. Un nouveau document présente les recommandations de l’INRS.

 

Fonte mentepolitica.it

Francesco Domenico Capizzi * - 14.10.2020

Mobilità sanitaria

 

 

 

 

Già nel 2017 il CENSIS affermava che “la Medicina moderna sta diventando troppo cara per essere vitale: la spesa sanitaria italiana cresce più rapidamente del PIL al punto che la forbice tra finan­ziamento statale e spesa prevedibile rischia di aprire una voragine nei conti pubblici”. Alla constatazione si potrebbe aggiungervi il motivo: il Servizio Sanitario Nazionale deve e non può non ricorrere a sistemi tecnologici complessi e molto onerosi di diagnosi e cura. Una problematica decisiva di politica socio-sanitaria che avrebbe dovuto già essere affrontata, per sé stessa da tempo cogente e di non facile soluzione, puntando decisamente sulla evitabilità e la prevenzione delle malattie cronico-degenerative e neoplastiche, in cresci­ta costante fino a rappresentare grande parte delle patologie affrontate quotidianamente dall’organizzazione sanitaria le cui risorse e forze sono destinate, in Italia come in altri Paesi industria­lizzati, essenzialmente alla loro diagnosi e cura e con risultati non entusiasmanti.

...continua a leggere "Strategia a posteriori e mobilità sanitaria attiva e passiva"

FONTE MATLINE

15/10/2020
Pubblicate 5 nuove sostanze
Pubblicata le schede della sostanze:
Isobutilnitrito: classificata in classe 2B dalla IARC nel volume 122 del 2019, sostanza con un uso industriale limitato.
2,4-dicloronitrobenzene: classificata in classe 2B dalla IARC nel volume 123 del 2020. Si tratta di una sostanza utilizzata come intermedio nella produzione di pigmenti azoici, prodotti farmaceutici e prodotti agrochimici;
o-fenilendiamina: classificata in classe 2B dalla IARC nel volume 123 del 2020. Si tratta di una sostanza utilizzata come intermedio nella produzione di sostanze chimiche.
1,4-dicloro-2-nitrobenzeneclassificata in classe 2B dalla IARC nel volume 123 del 2020. Largamente utilizzata per la produzione di pigmenti.
2-amino-4-clorofenoloclassificata in classe 2B dalla IARC nel volume 123 del 2020. Largamente utilizzata per la produzione di coloranti.

Fonte Union-news 

Il governo deve garantire che il lancio di qualsiasi vaccino COVID-19 sia gestito interamente dal NHS e dagli enti pubblici e non consentire il coinvolgimento di aziende private e l'uso di personale non qualificato, afferma UNISON.

Nella sua risposta a una consultazione del Dipartimento della Salute e dell'Assistenza Sociale sulle modifiche alle normative in materia di medicina, il sindacato ha espresso preoccupazione per consentire agli operatori non sanitari di somministrare qualsiasi vaccino.

Milioni di persone dovranno essere protette dal coronavirus una volta approvato un vaccino. È fondamentale che qualsiasi programma di vaccinazione sia erogato e supervisionato da operatori sanitari, afferma UNISON.

Non dovrebbero esserci scorciatoie consentendo alle aziende private di utilizzare personale con poca formazione che potrebbe creare pericoli aggiuntivi, avverte il sindacato.

UNISON chiede inoltre che alcuni gruppi di grande esperienza come i professionisti del dipartimento operativo (ODP) vengano aggiunti all'elenco degli operatori sanitari che possono somministrare i vaccini.

Il capo della sanità dell'UNISON, Sara Gorton, ha dichiarato: “L'utilizzo da parte del governo di società private per eseguire test e rintracciare è stato un disastro. Eventuali ulteriori errori su quella scala consentiranno semplicemente al virus di continuare a diffondersi. I ministri non possono deludere di nuovo la nazione, devono fare le cose in modo diverso e mantenere qualsiasi programma all'interno del NHS e degli organismi di sanità pubblica.

“Il pubblico ha bisogno della totale fiducia che qualsiasi vaccino verrà somministrato in modo sicuro e qualsiasi follow-up gestito adeguatamente dal NHS. All'inizio della pandemia, migliaia di ex operatori sanitari si sono offerti di tornare al NHS e aiutare nel momento del bisogno. Ma alcuni non sono mai stati contattati.

“Ora è il momento di garantire che la loro esperienza sia messa a frutto nella somministrazione di qualsiasi vaccino. Il governo dovrebbe pianificare questo ora per evitare qualsiasi ripetizione del test e tracciare macerie. Nel frattempo, i ministri dovrebbero anche fare tutto il possibile per garantire che ci sia un elevato assorbimento del vaccino antinfluenzale e che sia ampiamente disponibile per ridurre al minimo l'impatto sul NHS nei prossimi mesi ".

 

FONTE THE CONVERSATION 

AUTRICI  CHE RINGRAZIAMO 

Dagli Stati Uniti al Brasile , Gran Bretagna , Germania e Australia, gli stabilimenti di lavorazione della carne hanno svolto un ruolo peculiare nella diffusione del COVID-19.

In Brasile, funzionari sindacali affermano che un quinto dei dipendenti del settore - circa 100.000 lavoratori delle fabbriche di carne - sono stati infettati. Negli Stati Uniti, le strutture per la lavorazione della carne sono state collegate a più di 38.500 casi e ad almeno 180 decessi . Le lavorazioni di carne hanno costituito quasi la metà dei punti caldi del COVID-19 negli Stati Uniti a maggio. Sono stati anche la principale fonte iniziale di infezioni nell'epidemia della "seconda ondata" di giugno in Australia nello stato del Victoria.

Uno dei motivi di queste trasmissioni è che la lavorazione della carne avviene in spazi refrigerati ristretti. Ma il fatto che l'industria non sia stata collegata a grandi epidemie virali in tutti i paesi e le regioni suggerisce che anche altri fattori controllabili sono stati determinanti.

La lezione fondamentale di questi focolai è che le condizioni di lavoro malsane e il lavoro precario devono essere affrontati per impedire all'industria della carne di agire come incubatore di COVID-19.

Condizioni di lavoro malsane

Studi precedenti hanno dimostrato che l'influenza e altri coronavirus (SARS e MERS) sono più stabili e quindi si diffondono più facilmente a temperature più basse . Sebbene le temperature più basse non abbiano ancora dimostrato in modo definitivo di aumentare le trasmissioni di COVID-19, i ricercatori australiani hanno identificato un'associazione con una minore umidità .

Shutterstock

Questo da solo aumenta il rischio per gli addetti alla lavorazione della carne, che svolgono un intenso lavoro manuale su una linea di produzione relativamente vicina ad altri. Ma questo rischio è aggravato da altri fattori, in particolare la scarsa qualità dell'aria che contribuisce alle malattie respiratorie, il che rende più grave qualsiasi infezione da COVID-19 .

Come notato dalla US Occupational Safety and Health Administration , tra i "molti gravi rischi per la salute e la sicurezza" a lungo associati al lavoro di lavorazione della carne vi sono "i rischi biologici associati alla manipolazione di animali vivi o all'esposizione a feci e sangue malattie".

Uno studio del 2017 ha rilevato disturbi respiratori come tosse, mancanza di respiro e respiro sibilante da tre a quattro volte più diffusi tra i lavoratori dei macelli rispetto agli impiegati. Tra i lavoratori del pollame, uno studio del 2013 ha rilevato che oltre il 40% aveva sintomi asmatici (rispetto a circa il 10% di tutti gli adulti ). Ciò è stato attribuito alla "polvere di pollame", una combinazione biologicamente attiva di residui di pollo, piume e muffe.

Shutterstock

Una ventilazione insufficiente rende la diffusione del coronavirus 20 volte più probabile, secondo un rapporto pubblicato a giugno dalla Federazione europea dei sindacati per l' alimentazione, l'agricoltura e il turismo .

La relazione elenca anche altri fattori, come le distanze sociali inadeguate e la mancanza di dispositivi di protezione individuale adeguati. Ma alla fine, la scarsa qualità dell'aria è sintomatica della mancanza di un luogo di lavoro sano e sicuro per molti lavoratori della lavorazione della carne.

È anche pertinente per il resto di noi. L'American Society for Heating, Refrigeration and Air ‐ Conditioning Engineers, ad esempio, ha raccomandato che la presa d'aria di ventilazione in tutti gli edifici dovrebbe ora essere tre cambi d'aria all'ora . È da tre a cinque volte superiore allo standard minimo per gli uffici.

Tutto ciò si riduce a una necessità fondamentale di migliorare gli standard di salute e sicurezza nei macelli e negli impianti di lavorazione della carne su tutta la linea.


Per saperne di più: La morte dell'ufficio open space? Non proprio, ma una rivoluzione è nell'aria


Aumentare la sicurezza del lavoro e il diritto al congedo per malattia

L'altro principale insegnamento da trarre dall'industria della lavorazione della carne è il rischio rappresentato dal “lavoro precario”, dove i lavoratori non hanno i diritti e le tutele di essere dipendenti.

Non è un caso, come sostiene il rapporto dell'Unione della Federazione Europea, che la stragrande maggioranza dei lavoratori della carne risultati positivi in ​​Europa sono lavoratori migranti, assunti tramite subappaltatori, con pochi diritti di lavoro e che spesso vivono in alloggi sovraffollati.

Si stima che l' 80% circa dei lavoratori della carne nei Paesi Bassi, ad esempio, provenga dall'Europa centrale e orientale, impiegato tramite agenzie interinali.

I lavoratori sono tipicamente impiegati come lavoratori occasionali, o "assunzioni giornaliere" (il che significa che il loro lavoro termina tecnicamente alla fine di ogni turno) o tramite accordi di subappalto che li considerano "lavoratori autonomi". Come osserva il rapporto:

Le condizioni di lavoro per molti operai della carne sono estremamente precarie. Inoltre, il livello delle indennità di malattia può essere molto basso. Ciò potrebbe aver determinato il fatto che in caso di sintomi da COVID-19 alcuni lavoratori non hanno segnalato lo stato delle loro condizioni di salute per paura di perdere il lavoro o per non potersi permettere una vita dignitosa con indennità di malattia.

Shutterstock

Queste cose possono essere risolte

Le prove provenienti da diversi paesi mostrano che queste cose possono essere risolte.

La Danimarca è il simbolo dell'automazione della lavorazione della carne e di una retribuzione dignitosa , consentendo l'allontanamento sociale all'interno delle fabbriche e quindi bassi focolai di COVID-19.

In Spagna, un contratto collettivo che garantisce ai lavoratori subappaltati le stesse condizioni degli altri dipendenti è stato accreditato per il controllo delle trasmissioni COVID-19.

In Germania, le trasmissioni legate alla lavorazione della carne sono rallentate dopo che a maggio è stato vietato ai macelli di assumere lavoratori temporanei .

Nel Victoria, in Australia, garantire che tutti i lavoratori abbiano accesso a un congedo pandemico retribuito (insieme ad altre misure tra cui il governo che impone rigorose distanze fisiche e protocolli di sicurezza negli stabilimenti) sembra aver avuto successo.

Ma molte di queste risposte sono solo risposte temporanee di emergenza. La pandemia globale ha portato l'attenzione globale sulla necessità a lungo termine di una riforma sistemica per eliminare i pericoli di luoghi di lavoro malsani e lavoratori privi di potere, e garantire che i lavoratori possano permettersi di restare a casa quando sono malati.

In un certo senso siamo tutti complici di un sistema che ha visto peggiorare le condizioni di lavoro nell'ultimo decennio. Abbiamo accettato l'ascesa di complesse società di subappalto e false società "fenice" progettate per privare i lavoratori dello status di dipendenti, e catene di supermercati e fast-food che spingono le pressioni sui costi verso il basso nelle catene di approvvigionamento, semplicemente perché ci piace la carne a buon mercato.


Per saperne di più: Trasmissioni sul posto di lavoro: un risultato prevedibile della divisione di classe nei diritti dei lavoratori


Ci sono iniziative in Europa per affrontare questa mancanza di responsabilità estendendo la responsabilità legale a tutta la catena del subappalto . Altri paesi farebbero bene a imparare da questi esempi.

In un modo o nell'altro, il nostro amore per i prezzi bassi non dovrebbe vedere i lavoratori trattati come carne.

 

Fonte Collettiva.it che ringraziamo 

La presentazione del volume "Lavorare in fabbrica oggi. Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Fca/Cnhi/Marelli”. Le condizioni negli stabilimenti sono peggiorate per sei lavoratori su dieci

È stato presentato oggi da Massimo Bonini, Davide Bubbico, Francesco Garibaldo, Francesca Re David, Maurizio Landini, Giuseppe Berta e Gad Lerner a Milano, presso la Società umanitaria, il volume "Lavorare in fabbrica oggi. Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Fca/Cnhi/Marelli”, edito dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, un progetto di ricerca a cura delle Fondazioni Claudio Sabattini e Giuseppe Di Vittorio. Alla redazione del volume hanno partecipato diversi docenti, esperti e ricercatori.

“La prima parte del volume – spiega una nota della Fiom - si focalizza sulle condizioni di lavoro negli stabilimenti, con una ricerca che è il risultato di circa 10 mila questionari raccolti all’inizio del 2018, ovvero circa il 20% della platea operaia di riferimento dei 54 stabilimenti coinvolti nell’inchiesta. Inoltre, sono state effettuate circa 170 interviste qualitative in 16 stabilimenti con lavoratori e delegati sindacali". L'obiettivo dell'inchiesta è fare un bilancio coinvolgendo i lavoratori, tra iscritti e non iscritti al sindacato, delll’applicazione del World ClassManufacturing (Wcm) e dell’Ergo- Uas.

Dall'inchiesta emerge che negli ultimi anni la percezione dei lavoratori è che le condizioni di lavoro negli stabilimenti di Fca, Cnhi e Marelli sono peggiorate per 6 lavoratori su 10 (il 59,7%). Solo l'11,9% le giudica migliorate. Pesano soprattutto i carichi di lavoro, dei quali il 43,1% dei dipendenti Fca esprime un giudizio negativo a fronte del 9,7% che vede un netto miglioramento. Visti gli alti carichi, i tempi di lavoro sono poco o per nulla sostenibili secondo il 46,2% del campione, ma dobbiamo anche registrare che una parte dei lavoratori ritiene migliorata la situazione ergonomica. È invece interessante constatare come l'obiettivo della partecipazione alla vita aziendale non trova conferma nell'indagine, infatti solo il 22% dichiara di aver preso parte alle riunioni di team.

La seconda parte del volume, spiega ancora il sindacato, è sulla situazione industriale ed economica del gruppo Fca, fino alle prospettive relative alla fusione con Psa. Affronta la trasformazione radicale che sta avvenendo nell'industria dell'auto in Italia e a livello globale dalla propulsione alle nuove tecnologie, mettendo in risalto il ritardo degli investimenti e l'assenza di una politica industriale che dia risposte alle incognite del futuro anche in vista della fusione tra Fca e Psa. Il settore automotive italiano occupa 1,2 milioni di occupati nell’industria e servizi di cui 258.700 nel settore industriale diretto e indiretto, pari all’1,5% di tutta l’attività manifatturiera, e di questi 162.000 in quello diretto. Il fatturato è di 330 miliardi di euro; di questi il settore industriale ne genera 100 pari al 5,9% del Pil.

"Bisogna poi considerare la componentistica con 156.550 addetti e un fatturato di 46,5 miliardi con 22 miliardi di esportazione e un saldo attivo di 6,8 miliardi. Stiamo parlando di uno dei settori chiave dell’industria italiana ed europea, che rappresenta circa il 6% dell’occupazione totale dell’Unione europea, e l’11% di quella manifatturiera. La presentazione di questo volume fa parte di un percorso della Fiom per tenere aperta l’attenzione sui lavoratori del settore automotive”, conclude la nota.

 

 

Vedi Documento completo  con gli accrediti per partecipare alla sessione stream

15 OTTOBRE 2020
DALLE 16 ALLE 18.00
DIRETTA STREAMING

DAGLI ARCHIVI DEL NOVECENTO UNA RIFLESSIONE SU PREVENZIONE, SALUTE PUBBLICA E AMBIENTE

La Rete per gli Archivi del Presente, nell’ambito della Festa della Storia, dopo la forzata sospensione delle attività di questi mesi, torna proponendo, in diretta streaming, un momento di riflessione dedicato alla cultura della difesa della salute ambientale, sui luoghi di lavoro e sui territori, dagli anni Settanta sino ad oggi.

Saranno presenti:

Flavia Franzoni, esperta di formazione nel settore sociale

Gino Rubini, già Responsabile Area Salute e Sicurezza Luoghi di Lavoro Cgil Emilia Romagna

Villiam Alberghini, già responsabile dell’area Prevenzione e Sicurezza nei luoghi di lavoro della ASL di Bologna,

Loris Campetti, giornalista e scrittore

Modera Silvia Napoli, Archivio di Stato di Bologna

Durante l’incontro l’attrice-regista Angela Malfitano leggerà alcuni brani di documenti tratti dal fondo personale del medico Guido Deffenu, militante di Medicina democratica e verranno proiettate alcune immagini dall’Archivio storico della nuova sinistra “Marco Pezzi” e dall’Archivio storico “Paolo Pedrelli” della Camera del Lavoro metropolitana di Bologna

 

 

Fonte R.Koch Institute 

Numeri di casi in Germania

Stato: 10.10.2020, 00:00 (aggiornato online alle 8:50)

La differenza rispetto al giorno precedente si riferisce ai casi che vengono trasmessi all'RKI su base giornaliera. Ciò include i casi segnalati al dipartimento della salute lo stesso giorno o nei giorni precedenti.

COVID-19 : numeri di casi in Germania e nel mondo 10 ottobre 2020 

Ultimi aggiornamenti

10/10/2020 - Aggiornamento dei dati: i bollettini della sorveglianza integrata COVID-19 in Italia

Sono online i nuovi dati realizzati dall’ISS: il documento “Epidemia COVID-19. Aggiornamento nazionale 6 ottobre 2020” (pdf 13 Mb) - con l’appendice al bollettino con il dettaglio regionale (pdf 1,1 Mb).

Fonte Epicentro.ISS

 

foto di gierre 2020

Fonte : Nurses Union  Canada 

Canada. Una ricerca sulla qualità della gestione della pandemia promossa dal Sindacato di categoria degli infermieri canadesi (CFNU)ha messo in luce una serie di gravi errori e inadempienze che hanno esposto a gravi rischi la salute degli infermieri.

L'indagine indipendente è stata commissionata dalla Canadian Federation of Nurses Unions e condotta da Mario Possamai, ex senior advisor della Ontario SARS Commission.
"La CFNU ha commissionato questa indagine dopo che i leader del governo e della sanità pubblica hanno ripetutamente ignorato le preoccupazioni per la sicurezza degli infermieri", ha detto Linda Silas, presidente della CFNU. "Questo rapporto ci dice cosa è andato storto, cosa è andato bene, dove si trova la responsabilità e, soprattutto, dove andremo da qui mentre ci prepariamo per le prossime ondate di questa pandemia".
La relazione formula 50 raccomandazioni per migliorare la sicurezza pubblica e dei lavoratori e per aumentare la trasparenza e la responsabilità. Tra le raccomandazioni vi sono misure urgenti che sanciscono un approccio precauzionale nella risposta alla pandemia del Canada.

IL REPORT DELLA RICERCA

Fonte Facebook
Una strage senza fine, dopo l'amico e collega Giancarlo Mazzetti deceduto il 9 maggio, oggi lo sconforto e la rabbia in me per una strage che ci sta strappando alla vita ad uno a uno . Ieri sera s 'è preso Luciano.
Maledetto amianto e maledetto chi pur sapendo non lo ha difeso dalle mortali fibre dell'amianto
La strage infinita, senza sosta e senza respiro, non sono bastati i più di 305 colleghi che ti hanno preceduto morti per essere stati esposti alle fibre mortali dell'amianto per profitto, il 2020 l’ennesimo lutto colpisce ancora i lavoratori delle OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI DELLE FERROVIE DELLO STATO di BOLOGNA.
La comunità OGR in questo momento di dolore, si stringe attorno ai familiari di Luciano.
Ciao Luciano resterai sempre con noi.  Questa storia che dura ormai da più di 40 anni e che ha visto i lavoratori dello stabilimento in prima linea nella lotta alla sicurezza degli ambienti di lavoro e alla salute dei lavoratori esposti inconsapevolmente alle famigerate polveri killer dell’amianto, accumulando nel tempo un vero e proprio bollettino di guerra, causando a questa comunità operaia dell’OGR oltre 305 vittime, mettendo ancora oggi in apprensione quanti anno lavorato in stabilimento, e quanti ancora vi lavorano. Ieri sera l’ultima tragedia, ancora l’amianto...... mesotelioma.. priva della voglia di vivere il nostro collega Luciano Tonioli, tutti quelli che hanno avuto l’onore di conoscerlo e apprezzarne le sue qualità umane professionali, sono affranti e sconfortati per la sua perdita, gli amici i colleghi tutti addolorati nell’assistere passivamente a questa sterminio si stringono vicini al dolore dei famigliari con tanta pena.
GRANDE TRISTEZZA E SCONFORTO
ho un gran nodo in gola è in me nell'apprendere questa brutta notizia, sei stato un amico ci saremmo dovuti trovare questa settimana, ma il male non c'è l'ha permesso.
OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI DELLE FERROVIE DELLO STATO di via Casarini BOLOGNA.

Fonte : Saluteinternazionale.info che ringraziamo 

Autrice : Marzia Ravazzini

Il Presidente Trump è stato costretto a ricoverarsi per quel coronavirus che lui ha sempre trascurato e che nel suo paese ha provocato il più alto numero di morti e l’esplosione delle diseguaglianze razziali nella salute.

Duecentomila morti e ventimila bandiere per ricordarli. È un’immagine forte che si scaglia contro il cielo azzurro a contrasto con il Washington Monument – l’obelisco del centro di Washington D.C. davanti alla Casa Bianca. Le bandiere – posizionate in terra il 22 settembre e che resteranno fino al tramonto del 23 settembre – rappresentano le vite perse a causa della pandemia COVID-19.  Un’azione simbolica, guidata dal “The Covid Memorial Project”[1]– Il Progetto in Memoria della COVID – con lo scopo di fare memoria e di dire apertamente che “queste vite sono ben oltre un valore statistico – queste vite erano famiglie, amici, vicini di casa”, come recita la presentazione ufficiale.[2]

...continua a leggere "Il virus nelle elezioni americane 2020"

 

Fonte Collettiva.it 

In due giorni, tre lavoratori della provincia di Imperia hanno perso la vita. Ieri, i due operai edili, intervenuti nel Comune di Bajardo per ripristinare la viabilità interrotta a causa del mal tempo, oggi il ritrovamento di un operaio della Dock Lanterna, che nella notte dell’allerta meteo tra venerdì e sabato si è recato al lavoro ed è precipitato con la sua autovettura nel Roja.

"Il comune denominatore di queste morti non è stato il maltempo, ma l’incuria dell’uomo. La mancanza di investimenti sul territorio, non solo in termini manutentivi, ma anche economici e di sviluppo, produce condizioni di pericolosità, non solo per chi deve intervenire, ma per tutta la collettività. Nell’esprimere le proprie condoglianze alle famiglie dei tre operai deceduti, la Cgil di Imperia e le categorie Fillea e Funzione Pubblica, chiediamo a istituzioni e politica di recuperare il tempo perduto, affinchè la vita di lavoratori e cittadini non sia più messa in pericolo".. Così in una nota congiunta la Camera del lavoro Imperia, Fillea e Funzione pubblica Cgil Imperia..

 

Fonte Legambiente che ringraziamo 

Ecco le pagelle sulla qualità dell’aria di 97 città italiane: l’85% sono sotto la sufficienza. 

Mal’aria di città 2020, edizione speciale 

Che aria si respira nelle città italiane e che rischi ci sono per la salute?  Di certo non tira una buona aria e con l’autunno alle porte, unito alla difficile ripartenza dopo il lockdown in tempo di Covid, il problema dell’inquinamento atmosferico e dell’allarme smog rimangono un tema centrale da affrontare.

A dimostrarlo sono i nuovi dati raccolti da Legambiente nel report Mal’aria edizione speciale in cui sono state confrontate le concentrazioni medie annue delle polveri sottili (Pm10 e Pm2,5) e del biossido di azoto (NO2) negli ultimi cinque anni (2014-2018) con i rispettivi limiti suggeriti dall’OMS.

Solo il 15% delle città ha raggiunto nei 5 anni un voto sufficiente: Sassari (voto 9), Macerata (voto 8), Enna, Campobasso, Catanzaro, Grosseto, Nuoro, Verbania e Viterbo (voto 7), L’Aquila, Aosta, Belluno, Bolzano, Gorizia e Trapani (voto 6).  L’85% è invece sotto la sufficienza: fanalini di coda Torino, Roma, Palermo, Milano e Como (voto 0).  Un quadro preoccupante. Comunicato stampa

I dati dello scorso anno 

L'8 settembre 2020 il Ministero del Lavoro francese ha pubblicato i risultati della sezione psicosociale della sua indagine “SUMER” condotta nel 2016-2017. Istituito nel 1994, questo sistema mira a monitorare i cambiamenti nei rischi professionali e valutare l'effetto delle politiche di prevenzione. L'indagine 2016-2017 si basa su un questionario che ha consentito a 1.143 medici del lavoro di intervistare in dettaglio più di 33.000 dipendenti. I risultati di questa quarta edizione rivelano livelli preoccupanti di stress da lavoro. In pole position per i lavori ad alto rischio troviamo il servizio pubblico ospedaliero dove il 35% dei lavoratori soffre di "stress sul lavoro".

Dietro questo concetto accademico, si deve comprendere che l'ambiente ospedaliero è caratterizzato da un carico di lavoro elevato e una bassa libertà decisionale - due fattori di rischio psicosociale. Questa distinzione spiega perché i dirigenti sono i meno esposti (16%), in quanto l'intensità del loro lavoro è compensata dal margine di manovra a loro disposizione per soddisfare queste richieste. È quando il lavoratore è vincolato da procedure o scadenze rigorose che il carico di lavoro diventa fonte di sofferenza, come sembra essere il caso del personale ospedaliero.

Un'analisi più dettagliata rivela che il tasso di esposizione è quasi del 40% tra le donne che lavorano in questo settore, contro il 29% tra gli uomini. Questa tendenza può essere vista nel settore privato e nella pubblica amministrazione.

L'indagine SUMER esamina anche sei ulteriori fattori di rischio e, ancora una volta, il servizio civile ospedaliero sembra un rendimento scarso. Il personale ospedaliero segnala il comportamento più ostile, sprezzante, negazione del riconoscimento e aggressione verbale, fisica o sessuale. Ad eccezione di quest'ultimo fattore, questa volta sono gli uomini i più esposti.

Questi fattori di rischio sono tutt'altro che banali. Generatori di stress, hanno conseguenze significative sulla salute dei lavoratori. Numerosi studi epidemiologici hanno dimostrato che lo stress sul lavoro porta a problemi cardiovascolari, disturbi muscoloscheletrici e sintomi depressivi. Come ha sottolineato lo scorso luglio il Sindacato Nazionale dei Professionisti Infermieristici (SNPI): "dovete incolpare di lavorare sottopagati, a corto di personale, con condizioni di lavoro deplorevoli in alcuni luoghi". Infatti, la SNPI afferma che il 30% dei giovani infermieri abbandona la professione entro cinque anni dal conseguimento del diploma.

Questi risultati mostrano che la crisi sanitaria del Covid-19 si verifica in un contesto ospedaliero sfavorevole ed è quindi probabile che aggravi i problemi preesistenti.

Riferimenti :

COVID-19 EU PolicyWatch: Nuovo strumento per monitorare le misure per mitigare l'impatto sociale ed economico di COVID-19

 

I governi, le parti sociali, le imprese e altre istituzioni si sono mossi rapidamente per attuare misure per controllare la diffusione di COVID-19 in tutta Europa e per mitigare l'impatto sociale ed economico della pandemia. Per tenere traccia di queste diverse iniziative in tutta Europa, Eurofound ha lanciato  COVID-19 EU PolicyWatch , un nuovo database che raccoglie e mappa le risposte politiche introdotte negli Stati membri, insieme a Regno Unito e Norvegia, durante questo periodo critico.

Nel giro di poche settimane, la pandemia COVID-19 ha trasformato radicalmente la vita lavorativa in tutto il mondo, mettendo a dura prova aziende e lavoratori. Molte aziende si sono rivolte a schemi di lavoro a tempo ridotto, al riorientamento delle modalità di lavoro o alla chiusura delle attività per soddisfare i necessari requisiti di allontanamento sociale. Di conseguenza, un numero crescente di imprese è stato minacciato, mettendo a rischio il lavoro di sempre più lavoratori. I responsabili politici - compresi i governi, le istituzioni di sostegno, le parti sociali e altri attori sociali - si sono mossi rapidamente per mitigare le conseguenze sociali ed economiche di queste misure su imprese e lavoratori.

Il database COVID-19 EU PolicyWatch di Eurofound fornisce una panoramica delle misure politiche introdotte dall'inizio della pandemia COVID-19, creando un pool di informazioni con i dettagli delle pratiche aziendali specifiche in ciascun paese. Il database include misure governative su larga scala e contratti collettivi più ampi, nonché iniziative regionali e locali e misure di sostegno per gruppi più piccoli di lavoratori.

Poiché la situazione è in continua evoluzione, le misure vengono attuate, modificate o sostituite rapidamente. Si prevede di aggiornare i casi a luglio e ottobre 2020 con informazioni sull'adozione di misure importanti.

 

L'Agenzia per la tutela della salute della Brianza si è dotata di un sito web interessante che tratta il tema degli  "Approfondimenti sui rischi lavorativi specifici: Piani Mirati di Prevenzione, FAQ e informazioni"

E' strutturato in forma sintetica e intuitiva. I Piani Mirati di Prevenzione, le Faq e le informazioni offrono un materiale di consultazione ricco. Uno strumento di lavoro utile.

Il sito ATS della Brianza

Riprendiamo dal sito di  Alleanza Italiana per lo Sviluppo sostenibile ASVIS   questo articolo che analizza l'impatto multidimensionale  della pandemia Covid-19 e l'incremento dei divari per quanto riguarda lavoro, reddito, salute e opportunità di crescita sociale e culturale.  E' palese che le stesse politiche e pratiche di prevenzione che saranno ancor più necessarie, al contempo, saranno ancor più difficili da realizzare.... Ringraziamo l'Autore e ASVIS

Editor

 di Andrea De Tommasi

 

La salute e l’occupazione. Le disuguaglianze territoriali e di genere. In che modo gli effetti della crisi hanno acuito le differenze a tutti i livelli. 2/10/20

“Un virus microscopico è ora la minaccia numero uno nel nostro mondo”, ha detto il 24 settembre il segretario generale Antonio Guterres al Consiglio di sicurezza dell’Onu. Del resto, l’epidemia di Covid-19, oltre agli impatti devastanti sulla salute, ha innescato diversi tipi di disuguaglianza su scala globale. Il primo aspetto riguarda proprio le disuguaglianze nel diritto alla salute. Diversi studi hanno evidenziato che le differenze socioeconomiche nella salute sono ampie e in crescita. È stato dimostrato che coloro che si trovano negli strati economici inferiori sono più propensi a contrarre il virus. Ad esempio, secondo ricerche effettuate nel Regno Unito e negli Stati Uniti, i gruppi etnici minoritari che partono in svantaggio per quanto riguarda l’accesso alle cure mediche, come i neri e gli ispanici, sono stati colpiti in modo sproporzionato dal Covid-19. Nelle economie avanzate, si assiste a tassi di mortalità più elevati tra i gruppi più emarginati.

D’altra parte, il rischio che la crisi impatti significativamente sulla povertà a livello globale è suffragato dalle previsioni delle Nazioni Unite. Il Sustainable development outlook 2020 calcola che fino a 100 milioni di persone potrebbero cadere in povertà, supponendo che la distribuzione del reddito non cambi.  Anche la fame aumenterà, con il numero di persone che affrontano un'insicurezza alimentare acuta che raddoppierà a circa 265 milioni entro la fine del 2020. Nei Paesi più poveri, sono a rischio i progressi conquistati nella salute e nell’istruzione negli ultimi dieci anni. Secondo la Banca mondiale, che quantifica l’Indice del capitale umano come il potenziale di ciascun individuo costituito dalla conoscenza, capacità e dalla salute che potrebbe accumulare nel corso della vita, già prima degli effetti della pandemia un bambino nato in un Paese a basso e medio reddito poteva aspettarsi di raggiungere solo il 56% del proprio potenziale di capitale umano . Ora che il quadro è peggiorato, le proiezioni suggeriscono che la chiusura delle scuole, combinata con le difficoltà familiari, influenzeranno in modo significativo l’accumulo di capitale umano. Parallelamente, si prevede che l’interruzione dei servizi sanitari, le perdite di reddito e il peggioramento dei livelli di nutrizione aumenteranno la mortalità infantile e l’arresto della crescita, con effetti che si faranno sentire nei decenni a venire. ...continua a leggere "Il virus e i divari in aumento: l’impatto multidimensionale del Covid-19"

di Francesco Domenico Capizzi * - 30.09.2020

Old Lives Matter

 

 

 

 

 

 

 

 

“Ogni periodo di vita possiede un suo proprio carattere: la delicatezza dei fanciulli, la baldanza dei giovani, la serietà dell'età adulta e la sapienza della anzianità e della vecchiezza che portano un loro frutto naturale che, nel loro tempo, va raccolto” (N. Flocchini, Cato maior: de senectute, Mursia 2015).

La testimonianza di Cicerone su Marco Porcio Catone ottantacinquenne rivela la scansione della sua vita di vegliardo assimilabile a quella dei tanti di ogni epoca: da giovane “censore”, da adulto “sapiente” , da anziano “antico e  vecchio” ben consapevole che “opporsi alla natura è come combattere gli dei nelle vesti dei titani…la smemoratezza, tipica dell'età avanzata, è maggiore in chi non si dedica a una qualche operosa attività”. Nessuna traccia di compatimento, anzi la constatazione benevola delle varie fasi della sua lunga vita fino a prospettare un ruolo attivo nell’età attempata. Al contrario, l’odierno ageismo, moda minoritaria ma in ascesa, intenderebbe discriminare sulla base dell’età: colpisce quasi un europeo su tre al di sopra dei 60 anni, ben constatabile nel corso della pandemia, tanto che la Società Francese di Geriatria e Gerontologia (SFGG) e le Società omologhe europee, americane ed asiatiche hanno lanciato un allarme promuovendo "#OldLivesMatter" per sensibilizzare cittadini ed Istituzioni trascorsi due decenni dalla promulgazione dell’art. 25 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea che riconosce “il diritto degli anziani a condurre una vita dignitosa e indipendente e a partecipare alla vita sociale e culturale”. Catone e Cicerone continuano ad ispirare una “qualche operosa attività” e l’abbattimento di ogni pregiudizio?

Nel 2050 gli ultrasessantenni assommeranno ad oltre due miliardi nel Mondo, in Italia raggiungeranno i 20 milioni con oltre 1/3 di ultrasessantacinquenni e 1/5 di ultraottantacinquenni a fronte di una riduzione numerica della popolazione di almeno 2 milioni e mezzo.

I problemi che le previsioni pongono devono articolarsi in un quadro prospettico di sostenibilità strutturale per l'intero Paese ( dati ISTAT 2019):

- già oggi tre lavoratori supportano lo Stato sociale di un pensionato, nel prossimo futuro saranno in due a sostenerlo;

- una popolazione attempata risulta anche essere più malata a causa di un graduale declino fisico e ad una accresciuta vulnerabilità a causa degli effetti negativi sulla idoneità a nutrirsi, deglutire, mantenere un cor­retto apporto dietetico, sulle capacità di parlare, sorridere e restare in rela­zione con altre persone.

- circa la metà degli anziani soffre già di patologie gengivali e della sindrome delle fauci secche, non possiede la dentizione ritenuta appena sufficiente che è di almeno venti denti, subisce l’incremento e l’accumulo di patologie cronico-degenerative quali ipertensione arteriosa, malattie cardio-vascolari e respiratorie, diabete, obesità, neoplasie, deficit cognitivi, senza contare gli effetti della solitudine e non autosufficienza, ecc. con relativi incrementi esponenziali di necessità assistenziali di diagnosi e cura;

- bisognerà rispondere, iniziando fin da subito, a ricercare soluzioni adeguate economico-organizzativo-strutturali. Oltretutto gran parte degli anni di vita acquisiti dopo gli ottantacinque, persistendo l’attuale situazione, rischiano di essere impegnati a combattere contro più comorbilità;

- è chiaro che, per il numero e la qualità dei potenziali cittadini-utenti-pazienti-malati-clienti non è neppure pensabile gravare troppo sugli attuali Presidi ospedalieri, poliambulatori, medicina territoriale e case protette pubbliche e private: le città si vedrebbero trasformate gradualmente in nosocomi e ospizi a cielo aperto;

- neppure è possibile, data la dubbia sostenibilità, poggiare un peso eccessivo sulla Sanità territoriale considerando che in Italia nel 2030 gli anziani che vivono in solitudine potrebbero raggiungere i 4 milioni e mezzo a fronte del 10% assegnato dal budget sanitario nazionale attualmente riservato all’assistenza e solo dell'1,3% alle cure  domiciliari, con consistenti disomogeneità regionali, mentre nei Paesi del nord Europa supera il 25%;

- potranno subire incrementi e miglioramenti le attuali Strutture sanitarie avvalendosi della erogazione prossima dei fondi europei, ma la soluzione principe sta nel guidare, per quanto possibile secondo Leggi e Costituzione, il processo generale di invecchiamento della popolazione nel solco della difesa della salute cercando di invecchiare tutti in buona salute;

la vera novità, dunque, si chiama prevenzione primaria, iniziando a rifiutare che l’anzianità sia già per sé stessa, come tradizione vuole, una malattia. Basti questo dato: oltre un terzo delle demenze senili può subire una significativa riduzione mediante la correzione precoce di obesità, ipertensione,  depressione, sordità, disturbi della masticazione, dell’udito e della mobilità, abolizione di tabagismo e consumo smodato di alcool, incremento dell’attività fisica e mentale, miglioramento del rapporto sociale e familiare, superamento della solitudine e del senso dell’abbandono mediante il rilancio di uno spirito di comunità…e intanto in Gran Bretagna si istituisce il Ministero alla solitudine preso atto che oltre un milione e 200.000 persone soffrono di solitudine permanente. In Italia il 13% della popolazione non può contare su nessuno per ogni necessità intervenuta e il 12% non ha parenti prossimi ed amici con i quali confidarsi (Eurostat 2019). Da aggiungere un dato significativo: Telefono amico riceve ogni anno oltre 50.000 telefonate con una tendenza all’incremento delle richieste di aiuto.

E’ indispensabile, pertanto, superare la strategia sanitaria a posteriori che, posta come unica via da seguire, condurrebbe ad incompatibilità economiche straordinarie oltre che a distorsioni culturali, fra cui la medicalizzazione di disagi e malattie evitabili ab initio, e ad errori progettuali di tipo sanitario senza neppure poter contrapporsi con risoluta efficacia al lievitare delle malat­tie cronico-degenerative e all’impennarsi della spesa sanitaria ed assistenziale.

Diviene, dunque, mandatorio e subordinato al concetto di prevenzione primaria, valorizzata e rilanciata anche la prevenzione secondaria, non concepire la corporeità come aggregazione di cellule, organi ed apparati con il rischio di  confluire nel binario morto del darwinismo (fisico e sociale) e nel materialismo meccanicista di de La Mettrie (1747) che considerano le persone-individui hommes machines dai com­plessi meccanismi fisiologici e atavismi fisio-gnonomici. Su questa via si giunge a rilanciare, spesso inconsapevolmente, concezioni antropologiche di tipo lombrosiano.

* Già docente di Chirurgia generale nell’Università di Bologna e Direttore della Chirurgia generale degli Ospedali Bellaria e Maggiore di Bologna

 

SEGNALAZIONE STRUMENTI DI LAVORO . FONTE INAIL 

01/10/2020

Il testo, realizzato dal Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici (Dit), suddiviso in sette capitoli e due appendici, fornisce utili indicazioni sulle varie fasi dell’attività di controllo

Forni per le industrie chimiche e affini

ROMA - La monografia, articolata in sette capitoli e due appendici, descrive le varie fasi dell’attività tecnica di prima verifica periodica dei Forni per le industrie chimiche e affini. L’articolo 71, comma 11, del d.lgs. 81/2008 stabilisce che le attrezzature di lavoro, elencate nell’allegato VII al decreto, siano sottoposte a verifiche periodiche tese a valutarne lo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza. L’Inail è l’ente preposto alla realizzazione, diretta o avvalendosi di soggetti pubblici o privati abilitati, della prima di tali verifiche, attraverso le Unità operative territoriali.

Le istruzioni definiscono le modalità di esecuzione dei controlli. Le indicazioni contenute nella monografia hanno l’obiettivo di definire le modalità per lo svolgimento dei controlli al fine di fornire informazioni e indicare comportamenti corretti all’utenza. Queste verifiche hanno lo scopo di accertare la conformità alle regole di installazione previste dal fabbricante nelle istruzioni d’uso, lo stato di manutenzione e conservazione, il mantenimento delle condizioni di sicurezza fissate in origine dal fabbricante, l’efficienza dei dispositivi di sicurezza e di controllo.

Dichiarazione di messa in servizio/immatricolazione. Il datore di lavoro che mette in servizio l’attrezzatura deve darne immediata comunicazione all’Inail. Questa comunicazione, che deve essere inoltrata utilizzando la procedura telematica Inail di certificazione e verifica di impianti e attrezzature – CIVA, si configura, in base alla legge, come dichiarazione di messa in servizio.

Il datore di lavoro deve indicare i dati tecnici richiesti. Nella dichiarazione di messa in servizio, il datore di lavoro indica i dati tecnici richiesti: pressione, temperatura, capacità, potenzialità e fluido di esercizio e allega una specifica documentazione. A seguito della dichiarazione di messa in servizio, l’Unità operativa territoriale Inail competente per territorio, previo esame della documentazione trasmessa, provvede ad assegnare una matricola alle attrezzature che ne risultano sprovviste e a comunicarla al datore di lavoro. Con l’emanazione del decreto 11 aprile 2011 viene data, per la prima volta la possibilità, per insiemi di limitata complessità, di assegnare un solo numero di matricola all’intero insieme, anziché ad ogni singola attrezzatura.

Richiesta di prima verifica periodica. Nella richiesta di prima verifica periodica che deve essere effettuata utilizzando la procedura informatica CIVA, il datore di lavoro allega copia della dichiarazione di conformità CE/UE o della prima pagina del libretto matricolare, al fine di consentire una corretta identificazione dell’attrezzatura. La prima verifica periodica prevede che il verificatore, oltre ad effettuare i controlli di sicurezza dell’attrezzatura, (il cui esito è registrato nel verbale di prima verifica periodica), compili una scheda tecnica di identificazione dell’attrezzatura o dell’insieme. Sulla scheda tecnica va specificata l’intestazione dell’ente o del soggetto abilitato che ha effettuato la verifica (logo, timbro o riferimento equivalente).

Requisiti per una corretta verifica periodica. Per la corretta conduzione della verifica e la compilazione del verbale occorre: identificare l’attrezzatura, verificare la corrispondenza delle matricole rilasciate dall’Inail al momento della dichiarazione di messa in servizio delle attrezzature, constatare la rispondenza delle condizioni di installazione, di esercizio e di sicurezza con quanto indicato nella dichiarazione di messa in servizio, controllare l’esistenza e la corretta applicazione delle istruzioni per l’uso del fabbricante.

Due appendici dedicate alle check list e alle circolari del Ministero del Lavoro. Nella prima appendice, sotto forma di lista di controllo, viene indicato un elenco, non esaustivo, degli elementi costituenti l’attività di verifica. Nella seconda sono riportate una serie di circolari del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali sull’argomento, tra cui la n. 23 del 13 agosto 2012 che ha specificato come la periodicità delle verifiche non venga interrotta da intervalli temporali di inattività dell’attrezzatura. Pertanto, se i termini previsti dalla normativa vigente risultano trascorsi, al momento della riattivazione, si deve richiedere la verifica periodica prima del riutilizzo.

 

La versione aggiornata del book COVID curato dalla CIIP (Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione). In particolare nella versione di fine settembre è stato revisionato il capitolo sulla sorveglianza sanitaria.

Una sintesi dei contributi delle Associazioni di
CIIP in occasione dell’emergenza COVID-19
Giugno 2020 - aggiornata al punto 7 nel
settembre 2020

Book COVID-19 a cura CIIP

WHO . Global epidemiological situation

To date, over 32.7 million COVID-19 cases and 991 000 deaths have been reported to WHO. During the week of 21–27 September, there were more than 2 million new cases and 36 000 new deaths reported, which is similar to the numbers reported the previous week. Cumulative deaths are expected to exceed
one million in the coming week.

Leggi il Rapporto settimanale WHO 

Fonte Snop.it

Indicazioni operative relative alle attività del medico competente nel contesto delle misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2 negli ambienti di lavoro e nella collettività (4 settembre 2020)

 

Attachments:
File File size
Download this file (Min salute Circolare lavoratori fragili 04092020.pdf)Min salute Circolare lavoratori fragili 04092020.pdf 817 Kb

Fonte Afeva Emilia Romagna 

RIMOZIONE IN SICUREZZA DELLE TUBAZIONI IDRICHE INTERRATE IN CEMENTO AMIANTO – Istruzioni operative Inail per la tutela
dei lavoratori e degli ambienti di vita.

Pubblicato nel 2019 il Manuale INAIL dedicato alla rimozione in sicurezza delle tubazioni idriche in Cemento-Amianto, una pubblicazione utile che fa il punto sulle istruzioni operative tese a salvaguardare i lavoratori che intervengono sulle RETI IDRICHE, e i cittadini, disponendo le misure che impediscono la liberazione delle fibre di amianto durante l’attività.

Per l’occasione pubblichiamo una prima riflessione sulla questione della presenza di Fibre di Amianto nelle acque potabili a cura di AFeVA Emilia Romagna.

Scarica il Manuale INAIL e i documenti sul servizio idrico e amianto dal sito AfeVA Emilia Romagna

L’editoriale

Un’alleanza per il clima, la terra e la giustizia sociale  
Vittorio Capecchi

Attraverso il Covid 19. Uno sguardo sulle sfide per la democrazia e per il sindacato
Gianni Rinaldini

Scenari del coronavirus

Cosa sta succedendo al lavoro “dei vuoti e dei pieni”
Maria Grazia Gabrielli intervistata da Carmelo Caravella

Un’esperienza in fabbrica durante il corona virus
Loris Campetti

La contrattazione della prestazione di lavoro ai tempi del Covid     
Matteo Gaddi

Aspetti economici e sociali della crisi del coronavirus 
Riccardo Bellofiore

Questi nostri giorni. Uomini e virus  
Emilio Rebecchi

Italia, Portogallo, Spagna ed Europa   
Massimo Serafini

Il Covid-19 nelle Americhe: la voce e l’azione dei sindacati       
Sergio Bassoli

Coronavirus. Tra emergenze, disinganni, nuovi e antichi insegnamenti
Gino Rubini

Scienza, ricerca, scuola dentro e oltre la pandemia     
Andrea Ranieri

Il cancello di Arundhati Roy           
Mario Agostinelli

Guardare indietro per guardare avanti

Conflitto sociale e rappresentanza nel primo dopoguerra     
Adolfo Pepe

I 50 anni dello Statuto dei lavoratori   
Umberto Romagnoli

Valore e limiti dello Statuto dei lavoratori  
Tiziano Rinaldini

Per acquistarlo online vai qui 

Nella mattinata del 25 settembre si è svolta a Berlino la prima manifestazione/sciopero del dopo lockdown contro il cambiamento climatico e per politiche ambientali e di sistema che impediscano i disastri ambientali cui rischiamo già di abituarci.
Alla Porta del Brandeburgo migliaia di ragazzi giovanissimi, più liceali che universitari si sono schierati con ordine distanziati di un metro e mezzo con i loro cartelli , con i volti coperti con mascherine.Gli organizzatori avevano già predisposto con piccoli cerchietti bianchi disegnati sull'asfalto le postazioni di ciascun manifestante…

 

Un severo servizio d'ordine svolto da ragazzine e ragazzini hanno fatto rispettare i distanziamenti tra i partecipanti, inflessibili e determinati a mantenere le promesse alle autorità di garantire una manifestazione senza assembramenti e conforme alle norme anti contagio.Era freddo stamane a Berlino e pioveva ma questa avversità non ha scalfito la determinazione di queste ragazze e ragazzi a fare sentire propria voce,a richiamare l'attenzione rispetto al futuro, al loro futuro, alle loro speranze per una vita che non sia ritmata dal susseguirsi di eventi ambientali catastrofici. C'era anche molta ironia nelle scritte in diversi cartelli….

 

 

Al contempo molte centinaia di ciclisti hanno sfilato per le vie di Berlino su velocipedi, tricicli ad energia solare, i mezzi più fantasiosi che si possa immaginare. Una manifestazione consapevole delle grandi difficoltà per il futuro rispetto ad una battaglia che sarà durissima e al contempo leggera, elegante e gioiosa.

Foto e articolo  di Gino Rubini 

 

 

 

 

Su segnalazione del DORS riportiamo il link a questo report di ricerca molto utile e importante.

La salute dei lavoratori della vendita al dettaglio di alimenti: osservazione e ascolto per l’equità in tempi di coronavirus

Alessandro Migliardi 1
Silvia Pilutti 2
Michele Marra 3
Roberto Di Monaco 4
Giuseppe Costa 5

1,3 Servizio di Epidemiologia ASL TO3, Regione Piemonte; 2 Prospettive Ricerca socio-economica SAS, Torino;
4 Dipartimento di Culture, politica e società, Università di Torino;
5 Dipartimento di Scienze cliniche e biologiche, Università di Torino.

IL REPORT