Può il Vertice alimentare delle Nazioni Unite fare la differenza in un mondo sopraffatto dal cibo spazzatura?

Segnalazione articolo

Fonte Health Policy Watch 

di

 

Molti bambini nel sud del mondo bevono più bevande zuccherate che latte, grazie alla promozione aggressiva di alimenti ultralavorati nei paesi a basso e medio reddito (LMIC) negli ultimi due decenni.

I tassi globali di obesità e diabete sono esplosi a causa dei cambiamenti nella dieta e queste condizioni hanno reso le persone molto più vulnerabili alle gravi malattie da COVID-19 e nessun paese è stato in grado di invertire le tendenze dell’obesità.

Il vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite (UNFSS) di giovedì mira a “costruire una conversazione globale sul modo in cui produciamo, lavoriamo e consumiamo cibo e galvanizziamo le azioni e gli impegni globali per cambiare i nostri sistemi alimentari per fornire cibo sicuro e nutriente per tutti all’interno i nostri confini planetari”, secondo l’ONU.

Ma la preparazione del vertice è stata rocciosa. I suoi organizzatori sono stati accusati di mancanza di trasparenza e di aver concesso un posto a tavola alle grandi aziende alimentari, alcoliche e del tabacco, secondo una lettera firmata da accademici di politica alimentare di fama internazionale e ONG internazionali tra cui l’Alleanza per le malattie non trasmissibili (NCD).

Nel frattempo, un certo numero di organizzazioni – in particolare che rappresentano i piccoli agricoltori e le popolazioni indigene – hanno boicottato il suo pre-vertice a Roma a luglio, citando l’infelicità per il dominio dell’agrobusiness. ( traduzione del primo paragrafo tramite google translator) . L’articolo integrale alla fonte in lingua inglese su Health Policy Watch che ringraziamo 

Sanità. A che serve un Ministro?

Prendiamo dal sito Salute Internazionale questo articolo di Gavino Maciocco : condividiamo appieno l’analisi sullo stato dell’arte e sulle prospettive del SSN. Ringraziamo Gavino Maciocco  e Salute Internazionale per l’eccellente lavoro svolto . Editor

***

È in atto – aggravato dalla pandemia – un processo di privatizzazione, e insieme di impoverimento, del SSN. Un processo silenzioso e per questo ancora più insidioso perché sottratto al pubblico dibattito, nel disinteresse (apparente) della politica e nel silenzio assordante del Ministro della salute.

“Il Servizio sanitario nazionale è arrivato impreparato all’appuntamento con Covid-19, penalizzato da anni di de-finanziamento, di tagli dei posti letto e del personale e da politiche che hanno inciso negativamente sulla tenuta dei servizi territoriali e di prevenzione. Ha mostrato le sue debolezze e fragilità.
Rapidamente si è sviluppato un generale consenso politico sulla necessità di rafforzare il servizio sanitario nazionale. Ma passata la fase acuta della pandemia, la sanità è ben presto tornata a occupare la parte bassa della classifica delle priorità̀ del paese.
La conferma che non fosse in vista alcun rafforzamento del SSN è arrivata già lo scorso aprile quando il Governo ha reso note le previsioni di andamento della spesa sanitaria pubblica. Se dal 2017 al 2020 questa percentuale era rimasta ferma al 6,6% del PIL (tra le più basse in Europa), impennandosi al 7,3% nel 2021 a causa delle spese Covid, la tendenza programmata negli anni successivi mira decisamente al ribasso: 6,7% nel 2022; 6,6% nel 2023 e addirittura 6,3% nel 2024.

Continua a leggere “Sanità. A che serve un Ministro?”

OMS/ILO: quasi 2 milioni di persone muoiono ogni anno per cause legate al lavoro

FONTE ILO 

Le prime stime globali dell’OMS/ILO su malattie e infortuni sul lavoro delineano il livello di morti premature prevenibili dovute all’esposizione a rischi per la salute legati al lavoro.

Comunicato stampa | 17 settembre 2021

GINEVRA (ILO News) – Malattie e infortuni sul lavoro sono stati responsabili della morte di 1,9 milioni di persone nel 2016, secondo le prime stime congiunte dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

Secondo le stime congiunte dell’OMS/OIL sul carico di malattie e lesioni legate al lavoro, 2000-2016: Rapporto di monitoraggio globale , la maggior parte dei decessi correlati al lavoro è dovuta a malattie respiratorie e cardiovascolari.

Le malattie non trasmissibili hanno rappresentato l’81% dei decessi. Le maggiori cause di morte sono state la broncopneumopatia cronica ostruttiva (450.000 decessi); ictus (400.000 decessi) e cardiopatia ischemica (350.000 decessi). Gli infortuni sul lavoro hanno causato il 19% dei decessi (360.000 morti). Continua a leggere “OMS/ILO: quasi 2 milioni di persone muoiono ogni anno per cause legate al lavoro”

CINGOLANI E L’ARIA CHE TIRA

 

Fonte: La Bottega del Barbieri che ringraziamo come ringraziamo l’amico Mario Agostinelli autore dell’articolo.

Nelle funamboliche esternazioni del ministro Cingolani, pochi ravvisano lo spirito di fondo che ne anima le intenzioni. Negli ambienti che non rinunciano alla crescita a qualunque costo ed a prolungare una cultura dello spreco, si sta affermando una visione del futuro disdegnata dal tutto il mondo delle scienze naturali e temuta da quello dell’ecologia integrale. Tollerare, cioè, ingiustizie sociali insanabili e mettere in conto condizioni climatiche ostili alla sopravvivenza e alla rigenerazione della biosfera, pur di non rinunciare alla combustione dei fossili o al nucleare “riabilitati” da un intervento a valle del ciclo, con la pretesa insensata di ridurre le scorie di una produzione energetica insostenibile.

Continua a leggere “CINGOLANI E L’ARIA CHE TIRA”

Lunghe ore di lavoro uccidono più lavoratori che gli infortuni

Fonte: Health Policy Watch 

18/09/2021 • Kerry Cullinan

I maggiori killer dei lavoratori sono gli ictus e le malattie cardiache associate a lunghi orari di lavoro – oltre 55 ore a settimana.

Questo è secondo un rapporto congiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), la prima valutazione comparativa globale del rischio del carico di malattia correlato al lavoro, pubblicato venerdì.

Le malattie associate a lunghi orari di lavoro hanno rappresentato quasi il 40% dei decessi globali nel 2016, circa 750.000 decessi. Le persone del sud-est asiatico e del Pacifico occidentale, gli uomini e le persone con più di 54 anni erano più a rischio.

Gli infortuni sul lavoro sono stati la prima causa di morte dei lavoratori, rappresentando il 19,4% dei decessi (360.000 decessi) – circa la metà dei decessi causati da lunghe ore di lavoro. I lavoratori più a rischio di infortuni sono stati quelli dei settori edile, dei trasporti, manifatturiero e agricolo.

L’esposizione sul posto di lavoro all’inquinamento atmosferico (particolato, gas e fumi) è stata responsabile di 450.000 morti.

L’articolo prosegue alla fonte:  Long Working Hours Kill More Workers Than Injuries

Aggiornamenti dal Processo Eternit di Novara 

 

Foto di un tetto d’amianto, wikipedia

di Laurie Kazan-Allen 

Fonte : Segreteria internazionale per la messa al bando dell’amianto 

Il 13 settembre 2021 un evento sismico in un tribunale italiano è passato in gran parte inosservato. L’Italia è l’unico Paese al mondo che ha cercato con costanza e coscienza di rendere conto dei responsabili dell’epidemia nazionale di malattie legate all’amianto che ha tolto la vita a un numero imprecisato di cittadini. 1 Per i loro reati sono stati processati individualmente e congiuntamente i titolari di conglomerati di amianto, i dirigenti dei singoli stabilimenti e gli altri che sovrintendevano alla produzione e alla commercializzazione di materiale cancerogeno. L’imputato ha affrontato una serie di accuse tra cui omicidio colposo, omicidio volontario e reati ambientali.

Questa settimana alla Corte d’Assise di Novara, la Procura della Repubblica ha iniziato a presentare il caso – noto come Eternit bis – contro il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny, accusato, in questo caso, di omicidio volontario per la morte tra il 1992 e il 2016 di 63 lavoratori e 320 persone del pubblico che hanno respirato le fibre di amianto liberate dalle operazioni dello stabilimento Eternit di Casale Monferrato. Negli ultimi dieci anni Schmidheiny è stato accusato in diverse giurisdizioni italiane di omicidio, omicidio colposo, omicidio colposo aggravato, danni permanenti all’ambiente e mancato rispetto delle norme di sicurezza. 2Schmidheiny non è mai apparso di persona in nessuno dei processi italiani e ha affermato che le azioni legali contro di lui equivalevano a “tortura di stato” da parte di uno “stato fallito”. Essere il bersaglio di questa prolungata vendetta legale, ha detto, ha danneggiato la sua salute mentale e lo ha costretto a trovare conforto nella meditazione per affrontare “il suo odio per gli italiani”.

Continua a leggere “Aggiornamenti dal Processo Eternit di Novara “

I renitenti alla vaccinazione sono vincibili ma non convincibili, per lo meno nella stragrande maggioranza.

Autore : Franco Di Giangirolamo

Perchè? Perchè i loro veri obiettivi non sono circoscrivibili alla salute.

E anche perchè questo „gioco di società“ per il quale sono anche disponibili a pagare qualche prezzo, è impegnativo, divertente e soddisfacente per loro.

Non c’è alcun argomento, nè razionale nè emotivo che possa smuoverli dalle granitiche e quasi.ideologiche certezze nelle quali si sono arroccati e che hanno poco a che vedere con la tutela della salute individuale e collettiva, mentre sono fondamentali per forgiare nuove identità da coalizzare in un movimento contro“ il Leviatano, riconosciuto in qualunque autorità, sia essa politica, che scientifica, che economica.

Continua a leggere “I renitenti alla vaccinazione sono vincibili ma non convincibili, per lo meno nella stragrande maggioranza.”

Il Green pass è utile, ma attenzione a licenziare o discriminare chi non ce l’ha

Autore: Cesare Cislaghi

Fonte : Scienza in rete  che ringraziamo

 

L’efficacia del Green Pass non sta nella certezza dell’assenza di contagiosità bensì nella drastica riduzione della sua probabilità. Con alcuni conti semplificati, in questo articolo l’epidemiologo Cesare Cislaghi mostra come il Green Pass possa contribuire a raggiungere qualcosa di simile all’immunità di gruppo. Sarebbe però pericoloso, osserva, se portasse a delle vere e proprie discriminazioni sociali: è importante che ci si limiti a forme sanzionatorie, che non costituiscano una sostanziale discriminazione di alcuni gruppi basata solo sulle loro opinioni e non sui loro comportamenti.

 

Crediti immagine: sentidos humanos/Unsplash

Continua a leggere “Il Green pass è utile, ma attenzione a licenziare o discriminare chi non ce l’ha”

UNA STRATEGIA POSSIBILE?

 

di Franco Di Giangirolamo

Per non essere soffocato dalla noia ma, soprattutto, dall’oppressione del dilagare dello stupidario mediatico, ho quasi smesso di interessarmi alla pandemia limitando al massimo le letture a quelle elaborazioni che mi paiono affidabili.

Mi sono fatto una idea da „cittadino“ del tutto privo sia di esperienze scientifiche specifiche che di esperienza di direzione politica, mettendomi però nei panni di chi deve decidere.

Una presunzione smisurata, direte, e avete ragione. Però è meno smisurata di quella che va per la maggiore, ovvero criticare chi decide senza mettersi nei panni del decisore e senza rischiare di essere contestati duramente e seriamente.

Continua a leggere “UNA STRATEGIA POSSIBILE?”

Per un PNRR della salute e della sicurezza nel lavoro. Basta con l’ecatombe di lavoratori e lavoratrici che muoiono su lavoro.

 

Immagine tratta da wikipedia Francisco José de Goya y Luciente – Il muratore ferito, 1786-1787 olio su tela, 268×110 cm – Madrid, Museo Nacional del Prado

 

Non c’è giorno che non si registri un incidente mortale sul lavoro, quando non sono due o tre. Questa persistenza del fenomeno infortunistico correlato al lavoro si protrae nel tempo con tipologie e causalità dell’accadimento che non si discostano da quanto succedeva cinquanta o sessant’anni fa. Prevalgono le cadute dall’alto, dai tetti e/o dalle impalcature. Le tecniche per evitare questi tragici eventi si sono evolute: ad esempio i ponteggi metallici di recente progettazione non presentano più l’incognita della rottura di una tavola di legno, sono più facili da gestire nel montaggio e nello smontaggio. Eppure anche oggi un lavoratore di 54 anni è morto a Genova in un cantiere del centro cittadino. Non dimentichiamo la lavoratrice di Prato dilaniata dalle parti in movimento di un orditoio e la lavoratrice di Camposanto,Modena anch’essa straziata a morte da una macchina fustellatrice. Non sono vittime di impianti tecnologici industria 4.0.Erano lavoratori e lavoratrici che svolgevano lavori su macchine operatrici sostanzialmente tradizionali. Le indagini delle autorità di vigilanza sono in corso, non sappiamo quale sia stata la causa di queste tragedie, se vi siano state delle colpose rimozioni dei dispositivi elettronici di blocco che dovrebbero bloccare queste macchine quando la mano, un braccio, il corpo dell’operatore entra in un’area a rischio.
Sappiamo però che in troppi casi i lavoratori e le lavoratrici non ricevono un’adeguata formazione rispetto ai rischi cui sono esposti. Sappiamo anche che vengono invitati a rimettere in moto macchinari quando si inceppano, operazioni che dovrebbe eseguire un manutentore esperto… Sappiamo che non gli viene spiegato che quando avvertono una situazione di pericolo grave hanno il diritto di mettersi al sicuro chiamando chi ne sa di più.

Continua a leggere “Per un PNRR della salute e della sicurezza nel lavoro. Basta con l’ecatombe di lavoratori e lavoratrici che muoiono su lavoro.”

INRS. Una nuova guida per aiutare le aziende a selezionare un esoscheletro

FONTE : INRS Una nuova guida per aiutare le aziende a selezionare un esoscheletro

L’INRS pubblica una guida per aiutare le aziende a scegliere un esoscheletro adatto alle loro esigenze di assistenza fisica. Questo metodo fa parte di un più ampio processo di integrazione di queste nuove tecnologie. Spiegazioni di Laurent Kerangueven, esperto dell’INRS.

ed6416

LA GUIDA INRS

Qual è l’obiettivo della nuova guida pubblicata dall’INRS e intitolata “Riferimenti metodologici per la selezione di un esoscheletro professionale”?

L’INRS dispone già di un’offerta informativa (vedi riquadro) volta a supportare le aziende che desiderano dotarsi di esoscheletri per prevenire i disturbi muscoloscheletrici (DMS). Suggeriamo alle aziende di affidarsi ad un approccio strutturato che va dalla definizione della necessità di assistenza fisica all’integrazione dell’esoscheletro in una reale situazione lavorativa (leggi la brochure  ED 6315). Questa nuova guida si pone come complemento a questo approccio rispondendo più in particolare alle difficoltà che le aziende affrontano oggi nella scelta di un esoscheletro. Esiste infatti una crescente diversità di esoscheletri e rapidi sviluppi tecnologici. Questa guida offre benchmark metodologici e operativi per supportare le aziende nell’identificazione e valutazione degli esoscheletri più adatti alle proprie esigenze.

Continua a leggere “INRS. Una nuova guida per aiutare le aziende a selezionare un esoscheletro”

Si muore sul lavoro come 50 anni fa. Che fare ? Podcast Diario Prevenzione 14 settembre 2021 – Puntata n° 89

a cura di Gino Rubini . In questa puntata parliamo di:

–  Si muore sul lavoro con le stesse tipologie d’infortunio come 50 anni fa. Che fare ?
– Lancio di un’applicazione per la salute e sicurezza sul lavoro per i lavoratori portuali
– UK. COVID-19 : improbabili ulteriori blocchi ma alcune restrizioni invernali sono possibili
– L’offensiva autunnale dell’amianto in Russia
– Lombardizzare il SSN
– Perchè siamo a favore dell’obbligo alla vaccinazione anti Covid 19

 

Lancio di un’applicazione per la salute e sicurezza sul lavoro per i lavoratori portuali

 

Fonte ETUI

 

La Seafarers’ Trust of the  International Transport Workers’ Federation  (ITF) ha lanciato una nuova applicazione di sicurezza “OSH Ports”, attraverso la quale i lavoratori imparano a identificare e ridurre i rischi nei porti. Dopo aver completato un breve corso di formazione e aver superato una valutazione, i lavoratori portuali ricevono un certificato ufficiale riconosciuto dal   Centro internazionale di formazione dell’Organizzazione internazionale del lavoro  (ILO-ITC). I contenuti e il programma dell’app sono stati sviluppati con la partecipazione attiva degli stessi portuali, attraverso i sindacati affiliati all’ITF.

Il lavoro nei porti può essere pericoloso e i lavoratori portuali sono esposti a molti pericoli ogni giorno. I rischi abituali riguardano il rumore, il sollevamento di carichi pesanti, i lavori in quota e la caduta di merci. Ma i lavoratori portuali possono anche gestire un cocktail di sostanze chimiche tossiche dalle navi che scaricano, causando un’alta incidenza di cancro  tra i lavoratori attivi e i pensionati. Questi rischi sono amplificati da orari di lavoro lunghi, ritmi di lavoro intensi, attrezzature e procedure inadeguate e una cronica mancanza di formazione. Per ridurre i costi, gli operatori utilizzano lavoratori non formati, intermittenti e talvolta anche marittimi per movimentare il carico.

Continua a leggere “Lancio di un’applicazione per la salute e sicurezza sul lavoro per i lavoratori portuali”

La sentenza della Cassazione sulla strage di Viareggio.

 

Un documento importante da studiare da parte di chi si occupa di prevenzione e sicurezza  per comprendere le tendenze nell’ambito della magistratura rispetto alla valutazione delle responsabilità in materia di sicurezza ferroviaria e di sicurezza sul lavoro.La sentenza ha suscitato molto sconcerto e dissenso anche rispetto al non riconoscimento del ruolo dei RLS e delle Organizzazioni di rappresentanza degli interessi legittimi dei lavoratori e dei cittadini in materia di sicurezza sul lavoro e nel territorio. Come tutte le sentenze va rispettata ma ciò non vuol dire che non debba essere criticata per l’immagine che offre,  come afferma lo storico giornale dei macchinisti “in marcia” : ” salva i potenti e smantella la sicurezza dei lavoratori dai rischi ferroviari e il principio consolidato della responsabilità delle imprese nella tutela della popolazione”

IL TESTO DELLA SENTENZA

UK. COVID-19: further lockdowns unlikely but some winter restrictions are possible

Fonte Theconversation.com

James Gaughan, University of York and Peter Sivey, University of York

On July 19 2021, nearly all legal restrictions aimed at limiting the spread of COVID-19 were removed in England. A requirement to isolate at the request of NHS Track and Trace remains for people exposed to an infected person and who aren’t double vaccinated, but other control measures such as the closure of nightclubs and limits on the size of indoor social gatherings have been lifted.

This move marked the end of the “roadmap” for gradually easing restrictions, which had been announced back in February. A major point stressed by politicians was that progress towards opening up again would be “irreversible”.

Yet following the relaxation of restrictions in the summer of 2020, control measures were ultimately reintroduced the following winter with national lockdowns in November 2020 and January 2021. So a natural question now is, will 2021 be any different?

Continua a leggere “UK. COVID-19: further lockdowns unlikely but some winter restrictions are possible”

L’offensiva autunnale dell’amianto in Russia 

 

Welcome sign at the entrance to Asbest, saying “Asbest is my town and destiny”. Fonte file Commons Licence, Wikipedia .

 

Fonte : Questo articolo è stato pubblicato in lingua inglese sul sito del Segretariato internazionale per la messa al bando dell’amianto. La Traduzione è stata effettuata con google translator, il testo di riferimento è quello publicato sul sito del  Segretariato. editor

di Laurie Kazan-Allen

Il 1° settembre, il giorno in cui tradizionalmente i bambini russi tornano a scuola dopo la pausa estiva, è celebrato come Giornata annuale della conoscenza. Gli alunni entrano nelle aule addobbate a festa vestiti con abiti nuovi e con in mano mazzi di fiori per celebrare l’importanza della giornata. Mercoledì la scorsa settimana (1 settembre 2021), il governatore di Sverdlovsk Yevgeny Kuyvashev ha visitato le classi di tre scuole superiori, inclusa una nella città mineraria di amianto di Asbest (Amianto). 1 Secondo un notiziario, “offrì agli studenti opzioni per le loro future professioni”. Indipendentemente dal fatto che abbia evidenziato o meno le possibilità di carriera nella miniera di amianto crisotilo della città, non lo sappiamo con certezza, ma dal momento che il suo proprietario Uralasbest è uno dei maggiori datori di lavoro della zona, sembra molto probabile. 2Ciò che il Governatore non avrebbe menzionato era l’elevato rischio per i lavoratori Uralasbest di morte prematura e/o malattie debilitanti derivanti dall’esposizione professionale all’amianto, un noto cancerogeno.

Continua a leggere “L’offensiva autunnale dell’amianto in Russia “

I servizi sanitari nei paesi più poveri devono essere “ripristinati” per affrontare le malattie non trasmissibili

 

Segnaliamo questo articolo di pubblicato sul sito Health Policy Watch. 

” I servizi sanitari nei paesi a basso e medio reddito devono ancora adattarsi al loro crescente carico di malattie non trasmissibili (NCD) e continuano a dare priorità alle malattie infettive, secondo un nuovo rapporto lanciato giovedì dalla NCD Alliance.   Secondo il rapporto, i “silos” di trattamento per l’HIV e la tubercolosi devono essere trasformati in servizi sanitari universali integrati per servire meglio le persone in LMIC, molte delle quali convivono sia con malattie infettive che con malattie non trasmissibili.

“Il COVID-19 ha portato a un maggiore riconoscimento del fatto che le distinzioni di lunga data tra malattie infettive e non trasmissibili non sono così nette come si pensava una volta: quelli con condizioni croniche hanno un rischio significativamente più elevato di ricovero o morte per virus”, secondo l’alleanza NCD.  La stragrande maggioranza delle persone che si sono ammalate gravemente o sono morte a causa del COVID-19 aveva una condizione di base, in particolare ipertensione, malattie cardiovascolari e diabete, osserva.”

Health Services in Poorer Countries Need to be ‘Reset’ to Address NCDs

ETUI. Per una transizione climatica industriale equa ed efficiente

La base industriale europea deve subire una trasformazione rapida e persistente verso la neutralità del carbonio e la circolarità, ma questa transizione deve avvenire in modo equo e socialmente equo. In questo documento di lavoro, valutiamo i meccanismi di sostegno all’industria pesante che sono stati messi in atto negli ultimi 20 anni, confrontando la situazione nei Paesi Bassi, in Germania e in Belgio. Confrontiamo anche i recenti sviluppi nei quadri di politica industriale di questi paesi, considerando le leve della politica europea e nazionale. Concludiamo che i quadri politici sono stati in gran parte “difensivi”, privi di lungimiranza e hanno avuto effetti distributivi negativi. I recenti cambiamenti nella politica hanno aperto strade per il progresso, ma il livello di ambizione rimane insufficiente e irregolare.
Per il download  di questo documento vai QUI 

Trattato pandemico: gli Stati Uniti propongono prima di modificare le norme sanitarie internazionali esistenti; La Germania preme per le sanzioni

 

Un articolo molto puntuale sugli sviluppi per definire nuovi strumenti di governo su scala mondiale per fronteggiare future pandemie, alla luce dell’esperienza di Sars-Covid 2.

L’articolo pubblicato su Health Policy Watch da Kerry Cullinan descrive le dinamiche in atto per accellerare almeno le modifiche del Regolamento sanitario internazionale. Mentre un “trattato pandemico” potrebbe richiedere anni per essere stabilito, il Regolamento sanitario internazionale (IHR) dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) potrebbe essere rivisto più rapidamente per migliorare significativamente la risposta alle epidemie globali, affermano i massimi funzionari statunitensi. Le dichiarazioni hanno coinciso con una riunione del gruppo di lavoro di 3 giorni degli Stati membri dell’OMS per discutere i modi per rafforzare il muscolo globale dietro la preparazione e la risposta alla pandemia.

“Alcuni importanti passi avanti per far progredire la sicurezza sanitaria globale potrebbero richiedere anni per realizzare, ad esempio, la creazione di un nuovo strumento internazionale sulla preparazione e la risposta, che l’OMS e un certo numero di altri paesi hanno approvato”, ha affermato il segretario di Stato americano Antony J. Blinken e il Segretario alla Salute e ai Servizi Umani Xavier Becerra hanno scritto su JAMA .

Leggi l’articolo alla fonte : Health Policy Watch

Lombardizzare il SSN

 

Fonte Saluteinternazionale che ringraziamo 

di Fulvio Lonati 

L’Intesa Stato-Regioni dello scorso 4 agosto introduce nell’assistenza domiciliare i classici meccanismi della Lombardia: esternalizzazione dei servizi ai privati in competizione tra loro per accaparrarsi l’erogazione delle prestazioni. Un serio colpo al SSN.

Più “sintomi” mostrano che è in atto il tentativo di esportare in tutta la nazione il modello del sistema sanitario lombardo, nonostante l’epidemia COVID-19 ne abbia drammaticamente reso evidente l’inadeguatezza, in quanto orientato a privilegiare ospedali, tanto più se super-specialistici e privati, a fronte della marginalizzazione della “medicina territoriale” e dell’assenza di una qualsiasi forma di organizzazione distrettuale.

Per comprendere questi “sintomi” sono necessarie alcune precisazioni preliminari.

Continua a leggere “Lombardizzare il SSN”

Letture scelte da Berlino di Franco Di Giangirolamo

Berlin, 1 settembre 2021

 

***

MEFISTOFELE….CHE GENIO!!!

Dopo un Agosto cattivo, quasi marcio, certamente brutto, dopo la vittoria di Allah sul Dio trinitario, dopo le manifestazioni sempre più violente dei combattenti per la libertà dal vaccino, mentre è alle porte la fine dell’era Merkel, che rimpiangeremo per un pezzo, aver voglia, come dice un mio amico FB, di ritirarsi in una abbazia per meditare è sintomo di salute mentale e non di depressione incipiente.

Non avendo eremi a portata di mano e, viceversa, qualche impegno da onorare, l’unica evasione che mi posso concedere senza scomodare i lussi è immergersi nella lettura, magari su una panchina, vista Spree.

Ed eccomi alle prese con un vecchio sogno: leggere il Faust di Goethe perché, come ebbi a dire alla mia insegnante di tedesco in un momento euforico „non si può morire in Germania senza aver almeno letto il vostro sommo poeta“. Non sarebbe rispettoso per il popolo che mi ospita. Non mi ero impegnato con lei e con me stesso a „capire“ ma almeno a „leggere“ e forse questo momento è quello giusto, anche se è più facile a dirsi che a farsi.

Avevo già fatto la salita sulla montagna sacra leggendo la bella traduzione del germanista Giovanni Vittorio Amoretti, ma è come andare sulla vetta del Cervino con l’elicottero. Si vede tutto il bello possibile ma non è una scalata!

Dal libro cadono diversi foglietti, tra i quali un appunto scarabocchiato malamente da una testimonianza di Guido Carli, relativamente ai tempi in cui era Ministro del Tesoro. Non ricordavo di averlo tenuto e ora che mi passa per le mani ho deciso di socializzarne il contenuto.

Continua a leggere “Letture scelte da Berlino di Franco Di Giangirolamo”

Uk. Ricerca BMJ sul rischio Covid per gli insegnanti

Fonte : National Education Union,Uk

Commentando uno studio pubblicato dal British Medical Journal che ha rilevato che gli insegnanti non erano a maggior rischio di ricovero ospedaliero a causa di Covid-19 rispetto ad adulti simili in età lavorativa, la dott.ssa Mary Bousted, segretario generale congiunto della National Education Union, ha dichiarato:  

“È una notizia molto buona e molto rassicurante che gli insegnanti non siano più a rischio di ricovero a causa del Covid. Lo studio non può determinare perché questo sia il caso – sebbene il fatto che l’insegnamento sia generalmente una professione per i più giovani e un la grande maggioranza della professione è di sesso femminile e il fatto che gli insegnanti siano stati tempestivi nel farsi vaccinare sembra essere un fattore che contribuisce in modo significativo a questi risultati positivi. 

“Nulla in questo studio, tuttavia, nega l’importanza della vigilanza nella soppressione della trasmissione di Covid nelle scuole. Il NEU ha costantemente indicato che i problemi di Covid nelle scuole riguardano principalmente la trasmissione comunitaria in avanti, una posizione adottata tardivamente dal Primo Ministro a gennaio. quando ha descritto le scuole come vettori di trasmissione. Un picco di infezione da Covid nei bambini in età scolare porterà a un numero maggiore di bambini e personale che perde la scuola e correrà enormi rischi di trasmissione virale nella comunità in cui molti adulti non condividono la giovinezza o il benessere generale degli insegnanti Salute. 

“Rimaniamo preoccupati per i nostri membri più vulnerabili, ad esempio coloro che sono registrati come clinicamente estremamente vulnerabili o donne incinte al terzo trimestre. Dobbiamo garantire una maggiore protezione per le molte migliaia di queste categorie. Il NEU invita i dirigenti scolastici e universitari a concedere ogni ragionevole dispensa per garantire che il personale possa continuare a lavorare in sicurezza. Ciò contribuirà sicuramente a mantenere basso il numero del personale scolastico in ospedale”. 

FINE 

N.B. Traduzione automatica con Google Translator. Il testo di riferimento è l’originale in lingua inglese

2021-151-NEU 

Morti sul lavoro: lettera al governo Draghi dell’operaio Marco Bazzoni

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi,
Spett.le Governo

Il 6 Agosto 2021, il Presidente Draghi ha detto:

” Tra tutti i problemi c’è una cosa che sta a cuore a tutti noi e a me in particolare: cercare di fare qualcosa per migliorare la situazione inaccettabile sul piano della sicurezza sul lavoro”

Che iniziative ha intenzione di mettere in campo per fermare questo triste bollettino di guerra sul lavoro?
Il 31 Agosto 2021 sono usciti i dati Inail, aggiornati al 31 Luglio 2021.
Nei primi 7 mesi del 2021 (dati Inail) ci sono state 677 denunce di infortunio mortale sul lavoro, 312762 denunce di infortunio sul lavoro.
Ho citato pochissimi numeri, e vi spieghero’ il perche’.

Quando si parla di queste tragedie, spesso si parla sempre e solo di numeri.
Credo fortemente che chi muore sul lavoro, non debba essere ricordato da statistiche piene zeppe di numeri.

Basta parlare di numeri, quelle sono persone.
Lavoratori con degli affetti, una moglie, dei figli, che la mattina sono usciti per andare a lavoro e poi non sono piu’ tornati a casa.
E questo sui mezzi d’informazione raramente viene fuori.

Quando verranno emanati i decreti attuativi mancanti, perche’ il Dlgs 81/08, che e’ entrato in vigore 13 anni fa (15 maggio 2008) sia completamente attuato?

Quando verra’ aumentato il personale ispettivo delle Asl (tecnici della prevenzione), visto che i controlli per la sicurezza spettano per la maggior parte a loro?

Voglio ricordare che gli ispettori del lavoro controllano solo la regolarita’ retributiva e la sicurezza sul lavoro nei cantieri (ma devono sempre preavvisare le Asl territorialmente competenti).

Va benissimo l’assunzione di 2000 ispettori del lavoro, come prospettato dal Ministro del Lavoro Andrea Orlando, visto che questo serve a reprimere il lavoro nero e irregolare.E si sa bene, che chi lavora in nero, molto spesso non lavora neppure in sicurezza.

Ma non basta assolutamente.
Il Presidente Draghi si e’ speso piu’ volte, dicendo che bisogna fare di piu’ per la sicurezza sul lavoro.

Mi aspetto che alle sue parole corrispondano i fatti.
Nell’attesa e con la speranza che qualcuno mi risponda, Vi porgo cordiali saluti.

Marco Bazzoni, operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, Firenze

 

OMS lancia un hub di sorveglianza pandemica a Berlino guidato da un epidemiologo nigeriano

 

 

L’unica cosa che si muove più velocemente dei virus sono i dati, hanno osservato gli esperti mercoledì in occasione del lancio dell’Hub for Pandemic and Epidemic Intelligence dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a Berlino.

L’obiettivo dell’hub è lavorare con i partner per “creare gli strumenti e i dati necessari per consentire ai paesi di prepararsi, rilevare e rispondere ai rischi di pandemia ed epidemia”, secondo l’OMS.

Ha nominato il dottor Chikwe Ihekweazu, direttore generale del Centro per il controllo delle malattie della Nigeria, nuovo capo dell’hub e assistente del direttore generale dell’OMS per l’intelligence sulle emergenze sanitarie a Ginevra.

LEGGI L’ARTICOLO ALLA FONTE: HEALTH POLICY WATCH

La proposta sbagliata dell’Assessore alla Sanità della Regione Lazio D’Amato.

 

L’annuncio dell’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «La Regione sta studiando il modo per contestare ai No vax le spese per le cure mediche»
«Queste persone che rifiutano la vaccinazione mettendo a rischio le libertà altrui devono assumersi la responsabilità delle proprie scelte e azioni fino in fondo»  «Chi finisce in terapia intensiva e ha rifiutato il vaccino deve pagarsi il ricovero»

< fonte open.online >

Ancora una volta prima di lanciare uno slogan riflettiamo a fondo su cosa stiamo facendo. La caratteristica del SSN italiano è quella della universalità della prestazione che non richiede per l’accesso alle cure, quali che esse siano, un pagamento. Il mantenimento del SSN avviene attraverso il pagamento delle tasse. Se si decide di fare pagare il costo della terapia intensiva a quei cittadini che non hanno voluto vaccinarsi e si sono ammalati di COVID, una specie di sanzione richiesta a gran voce da tanti, si apre un varco ed una discontinuità rispetto alla caratteristica fondamentale del SSN, quello della universalità della prestazione.

Continua a leggere “La proposta sbagliata dell’Assessore alla Sanità della Regione Lazio D’Amato.”

The Taliban reportedly have control of US biometric devices – a lesson in life-and-death consequences of data privacy

Margaret Hu, Penn State

In the wake of the Taliban’s takeover of Kabul and the ouster of the Afghan national government, alarming reports indicate that the insurgents could potentially access biometric data collected by the U.S. to track Afghans, including people who worked for U.S. and coalition forces.

Afghans who once supported the U.S. have been attempting to hide or destroy physical and digital evidence of their identities. Many Afghans fear that the identity documents and databases storing personally identifiable data could be transformed into death warrants in the hands of the Taliban.

This potential data breach underscores that data protection in zones of conflict, especially biometric data and databases that connect online activity to physical locations, can be a matter of life and death. My research and the work of journalists and privacy advocates who study biometric cybersurveillance anticipated these data privacy and security risks.

Continua a leggere “The Taliban reportedly have control of US biometric devices – a lesson in life-and-death consequences of data privacy”

La riapertura dell’Inghilterra ha avuto un costo

 

Fonte: Newsletter  Risks delle TUC

Un mese dopo che l’Inghilterra ha abbandonato la maggior parte delle sue restrizioni sul coronavirus ( Hazards 1005 ), gli esperti hanno confermato i timori per un alto costo umano. Il governo del Regno Unito ha portato avanti i cambiamenti nonostante migliaia di scienziati abbiano avvertito che si trattava di un “esperimento pericoloso e immorale”. In una lettera aperta pubblicata sulla rivista medica Lancet del 7 luglio, hanno sostenuto che anche un numero crescente di casi di Covid-19, derivano dalla nuova variante Delta e dal fatto che gran parte della popolazione del Regno Unito non fosse ancora completamente vaccinata si fosse messa in movimento  ( Hazards 1005). Da allora è diventato chiaro che mentre la vaccinazione ha avuto un grande impatto, la pandemia continua a mietere vittime. “Il Regno Unito ha una media di circa 90 morti al giorno per Covid. La nostra riapertura è stata tutt’altro che un successo senza riserve”, ha affermato Kit Yates, co-direttore del Center for Mathematical Biology presso l’Università di Bath. “Se ci fosse una lezione che vorrei che altri paesi prendessero dall’osservare il tentativo di riapertura del Regno Unito è che i vaccini non sono l’intera soluzione al problema”, ha detto Yates alla CNN. “Sì, fanno un’enorme differenza, ma se vuoi tenere il passo con questa malattia, allora devi sostenere i vaccini con altre misure di salute pubblica collaudate: obbligo di mascherine negli spazi pubblici interni, ventilazione nelle scuole e nei luoghi di lavoro, un test funzionante e guidato localmente, traccia e isola il sistema in combinazione con il supporto per l’isolamento. Con i bambini non vaccinati e in procinto di tornare a scuola, “dovremmo aspettarci di vedere ulteriori aumenti della trasmissione quando ciò accadrà, il che porterà inevitabilmente a più casi, più ricoveri e tragicamente più morti”, ha detto Yates.
Notizie della CNN . Deepti Gurdasani, John Drury, Trisha Greenhalgh e altri. Corrispondenza. L’infezione di massa non è un’opzione: dobbiamo fare di più per proteggere i nostri giovani , The Lancet, Online First 7 luglio 2021. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(21)01589-0 . I firmatari della lettera.

Crumiri di ieri, crumiri di oggi

Pubblichiamo con vero piacere questa riflessione di Gianni Marchetto, già operaio alla Fiat , delegato Fiom e leader nelle lotte per la salute in Fiat negli anni ’60 ‘ 70 e oltre. Quelle lotte contro le nocività in fabbrica si trasformarono in esperienze e divennero cultura e capacità diffusa di fare prevenzione e di contrattare migliori condizioni di vita nel lavoro. Gianni forte di questa cultura ci offre una interpretazione su quello che accade ora con la pandemia. Una lettura importante che fa riflettere. gierre

crumiri_di_ieri_oggi

Puoi scaricare il file .pdf , clicca qui 

 

 

Svizzera. Pandemia, si continua a giocare col fuoco

Autore: Claudio Carrer

Fonte : areaonline.ch

 

Sul fronte della pandemia la situazione è critica e assai preoccupante anche in Svizzera. E il rischio di un ulteriore aggravamento, complici i rientri dalle ferie, lo spettro della variante Delta attualmente in circolazione e lo stallo che si registra con le vaccinazioni, è concreto. Una quarta ondata è alle porte e urgono contromisure, affermano da settimane gli esperti della task force scientifica della Confederazione. Ma soltanto l’altro ieri è giunta una prima, peraltro timidissima, reazione del Consiglio federale, che ha iniziato a ipotizzare un’estensione dell’obbligo del certificato Covid negli spazi interni di bar, ristoranti e strutture sportive, culturali e del tempo libero.

Continua a leggere “Svizzera. Pandemia, si continua a giocare col fuoco”

E’ nata una nuova sindrome?

 

**

Francesco Domenico Capizzi * 

Una nuova sindrome? La sindrome conseguente a Sars-2 Covid 19: una miscellanea di poliforme e molteplici situazioni associate, potenzialmente patogenetiche, che potrebbero persistere nel tempo, anche dopo la fine della pandemia:

–  Durante il confinamento i tabagisti abituali sono passati dal 23% a circa il 22% della popolazione adulta: 630 mila consumatori in meno mantenendo pressoché intatta la proporzione maschio/femmina. E’ confortante che oltre 200 mila persone tra i 18 e i 34 anni e circa 270 mila tra i 35 e i 54 anni abbiano rinunciato a fumare. Il fenomeno in sé positivo è, però, subito contraddetto dai quasi 4 milioni di persone che, nel medesimo periodo, hanno debuttato nel club dei fumatori abituali e dei già fumatori, per così dire, incalliti, che hanno incrementato il consumo quotidiano di tabacco.

Continua a leggere “E’ nata una nuova sindrome?”

E’ sufficiente il green pass per uscire dalla pandemia ? ascoltate il Podcast di Diario Prevenzione – 27 agosto 2021 – Puntata n° 88 a cura di Gino Rubini

– Green Pass . Il rumore di fondo di una polemica con toni sopra le righe e con uno stile di comunicazione più appropriato per le tifoserie avversarie in un campo di calcio sta attraversando il paese. Ma cosa serve per davvero per uscire dalla pandemia ?
– Morire di lavoro. Qualcosa che ho imparato. Un articolo di Fulvio Perini che mette in evidenza le difficoltà di questa epoca per fare prevenzione nei luoghi di lavoro
– Il cambiamento climatico potrebbe diventare il principale fattore di rischio globale per la salute.
– Frittura mista

Inail. Bollettino trimestrale denunce infortuni e malattie professionali

Riteniamo utile segnalare i Bollettini trimestrali Inail sulle denunce degli infortuni e delle malattie professionali . Fonte Inail 

BOLLETTINO TRIMESTRALE – ANNO 2021

 

 

Aggiornate le linee guida sul rischio microclima

Fonte CIIP- Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Sul Portale Agenti Fisici sono state pubblicate le nuove linee guida del coordinamento delle Regioni in collaborazione con INAIL e ISS relative alla gestione del rischio microclima.

Come nella precedente versione il documento è organizzato in FAQ. La copia qui scaricabile è opportunamente indicizzata.

 

Allegati:
Scarica questo file (INTRO_FAQ_AGENTI_FISICI_E_MICROCLIMA_2021_08_18.pdf)Linee Guida rischio Microclima [Portale A.Fisici]