Un efficace video INRS sui rischi per la salute derivanti dal lavoro notturno….

Riteniamo utile socializzare questo video sugli effetti del lavoro notturno sulla salute dei lavoratori . Questa pubblicazione INRS è un eccellente esempio di comunicazione efficace sui rischi  per la salute. Ecco la introduzione del INRS francese : “Il lavoro notturno, tra le 21 e le 6 del mattino, riguarda quasi il 20% dei dipendenti ed è presente in molti settori di attività. Questa organizzazione del lavoro ha impatti sulla salute e sulla sicurezza.
Infatti, l’esposizione irregolare alla luce desincronizza il principale orologio biologico e sconvolge i ritmi biologici, in particolare il cosiddetto ritmo circadiano.
Oltre a provocare uno sconvolgimento del ritmo biologico, il lavoro notturno provoca un debito di sonno.
Il lavoro notturno provoca affaticamento, disturbi della vigilanza e del sonno che possono essere causa di infortuni, conseguenze sull’umore, sulla salute psicologica (stress, aggressività, ecc.) ma ha ripercussioni anche sulla salute fisica: disturbi metabolici, obesità, disturbi digestivi, diabete , cancro, malattia coronarica, ipertensione, …”

Questo è il video pubblicato su youtube

 

 

Una fuga di notizie mostra che gli Emirati Arabi Uniti hanno pianificato di utilizzare i colloqui sul clima della COP28 per concludere accordi sui combustibili fossili

Fonte Znetwork.org

Gli Emirati Arabi Uniti, che ospitano la conferenza sul clima COP28 delle Nazioni Unite di quest’anno, hanno segretamente cospirato per utilizzare l’incontro globale come luogo per concludere accordi sui combustibili fossili con altri paesi e fare pressioni per petrolio e gas, rileva un’indagine schiacciante.

Secondo quanto riferito  dal Center for Climate Reporting  (CCR) e  dalla BBC , Sultan al-Jaber – che è sia presidente della COP28 che amministratore delegato della compagnia petrolifera statale degli Emirati Arabi Uniti, Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC) – ha cercato di utilizzare la conferenza come un’opportunità per aumentare le esportazioni di petrolio e gas di ADNOC. Al-Jaber ha trascorso gli ultimi mesi incontrandosi con leader globali e aziendali, con almeno un paese che avrebbe dato seguito a una discussione sugli affari legati all’ADNOC.

Leggi tutto

ISTITUTO RAMAZZINI. PUBBLICATI I DATI SULLE LEUCEMIE DELLO STUDIO GLOBALE SUL GLIFOSATO

 

Fonte Istituto Ramazzini

I ricercatori dello Studio Globale sul Glifosato (Global Glyphosate Study GGS), che hanno recentemente presentato i loro risultati sull’aumento dell’incidenza della leucemia nei ratti esposti a basse dosi di glifosato e di erbicidi a base di glifosato, hanno reso ora pubblici i dati sulle leucemie dello studio. >>>

l’articolo prosegue alla fonte  Istituto Ramazzini 

” The quiet quitting, ovvero , Ma chi me lo fa fare ? ” Podcast di Diario Prevenzione -29 novembre 2023 – Puntata n° 114

 

a cura di Gino Rubini

Benvenute/i ad un podcast senza fronzoli.

In questa puntata parliamo di:

– CIIP: Un documento sui rischi connessi all’impiego di Diisocianati e Poliuretani
– Appello globale per il monitoraggio della salute dei lavoratori su The Lancet
– Condizioni di lavoro deplorevoli per i lavoratori che lavorano alla ristrutturazione degli edifici COP28
– Nuovi rischi lavorativi: stress lavoro correlato e rischi psicosociali
– Lavoro, la grande fuga e il fenomeno nuovo del ” The quiet quitting, ovvero , Ma chi me lo fa fare ? ”  **

Buon ascolto ! 

** Riferimenti

  • Francesca Coin – Le grandi dimissioni. Il nuovo rifiuto del lavoro e il tempo di riprenderci la vita – Einaudi
  • Andrea Colamedici Maura Gancitano – Ma chi me lo fa fare ? Come il lavoro ci ha illuso: la fine dell’incantesimo – Harpercollins
  • Jim T. Harper – The Quiet Quitting Crisis. A Comprehensive Guide to Detecting, Preventing and Addressing Quiet Quitting in the Workplace – Be Wise Media

 

Condizioni di lavoro deplorevoli per i lavoratori che lavorano alla ristrutturazione degli edifici COP28

 

Fonte Hesamail  che ringraziamo 

Un sondaggio condotto dalla ONG britannica FairSquare evidenzia le deplorevoli condizioni di lavoro dei lavoratori impegnati nella ristrutturazione degli edifici della COP28 a Dubai.

L’indagine  mostra che i lavoratori migranti hanno lavorato a 42°C e sotto un sole cocente all’inizio di settembre per ristrutturare gli edifici dell’Expo City a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Sono queste le premesse che accoglieranno capi di Stato, rappresentanti e media durante la COP28, dal 30 novembre al 12 dicembre.

Originari dell’Africa e dell’Asia meridionale, i 20-30 lavoratori coinvolti trasportavano carichi pesanti in condizioni di caldo estremo e umidità elevata in periodi in cui il lavoro non è legale negli Emirati Arabi Uniti. Da una risoluzione ministeriale adottata nel 2022, il lavoro all’aperto è vietato dalle 12:30 alle 15:00 dal 15 giugno al 15 settembre, poiché il caldo è estremo durante l’estate. Le violazioni sono supportate dalle testimonianze raccolte dai ricercatori e da prove visive che potranno essere consultate da Le Monde . I lavoratori affermano che hanno dovuto superare i rischi nonostante il dolore affinché le strutture fossero pronte entro la fine di novembre. “La settimana scorsa pensavo che sarei morto per ogni secondo trascorso fuori, ma devi avere uno stipendio”, dice uno di loro.

Leggi tutto

Nuovi rischi lavorativi: stress lavoro correlato e rischi psicosociali

Fonte  Il Manifesto in rete 

di Maurizio Mazzetti che ringraziamo 

Chi in qualche modo si è occupato di sicurezza sul lavoro, o ha ricevuto la relativa formazione, si sarà imbattuto, specialmente se diciamo non più giovanissimo, in una elencazione dei possibili rischi lavorativi (diretti, o presenti nell’ambiente di lavoro anche se non toccanti tutti i lavoratori, cosiddetti rischi ambientali) quale quella seguente:

  • rischi fisici (es. da contatto con la corrente elettrica, rumori, temperature troppo alte o molto basse)
  • chimici (es. contatto con acidi, vapori, gas tossici)
  • biologici (virus, batteri, altri agenti morbigeni)
  • infortunistici (es. inciampare/scivolare sul pavimento, martellarsi un dito, tagliarsi con la motosega, essere investiti da un muletto)
  • da organizzazione del lavoro (ad esempio, turni, orari, modalità di svolgimento della prestazione, tempi di esecuzione e pause, rapporti con il pubblico)

Superata o meno che sia la suddetta elencazione, l’evoluzione tecnologica degli strumenti produttivi, e, parallelamente, quella organizzativa della produzione, hanno condotto ad una domanda di accrescimento qualitativo della prestazione lavorativa, cui sempre più richiede partecipazione, iniziativa, problem solving, esattezza, autodiagnosi e correzione degli errori, relazione con colleghe/i e/o clienti/utenti. Si può ben dire che aziende ed organizzazioni sempre più richiedono a chi lavora una prestazione non tanto fisica, ma sempre più psichica: se un tempo lavoratrici e lavoratori vendevano forza fisica in cambio della retribuzione, oggi sempre più vendono la loro intelligenza e le proprie capacità mentali, e le proprie capacità e competenze. Come conseguenza, l’attenzione al rischio da organizzazione del lavoro è cresciuta; peraltro, sia il D. Lgs. 626/1994, sia il vigente Testo Unico TU 81/2008, (articoli 17, 28 e 29) pongono esplicitamente in capo al datore di lavoro quello di valutare “tutti i rischi”.

Leggi tutto

IBAS. Mortalità globale dovuta all’amianto: aggiornamento

Fonte:   IBAS 

 

27 novembre 2023

Un documento sottoposto a revisione paritaria intitolato “Stime globali, regionali e nazionali del carico di malattie e incidenti legato al lavoro nel 2019”, redatto da ricercatori finlandesi e italiani, è stato pubblicato sullo Scandinavian Journal of Work, Environment & Health il 12 novembre 2023. Dopo quattro anni di ricerca, gli autori hanno concluso che le precedenti stime globali sulla mortalità da amianto erano troppo basse: “una stima più realistica delle morti correlate all’amianto potrebbe essere di 289.621 sul posto di lavoro e 304.841 se si includono anche fattori ambientali e ambientali. causalità semi-professionali”. Vedi: Stime a livello globale, regionale e nazionale del carico di malattie e infortuni legati al lavoro nel 2019 .

SustAIn Magazine #3 – Una visione diversa dell’intelligenza artificiale: decidiamo noi cosa deve fare l’intelligenza artificiale

Fonte Algorithm Watch che ringraziamo 
[ la traduzione che postiamo è stata effettuata con l’assistenza di google translator, per un uso professionale di questo articolo raccomandiamo di fare riferimento al testo alla fonte ]

Il terzo e ultimo numero della rivista SustAIn affronta la questione di chi potrebbe assumersi la responsabilità di guidare lo sviluppo dell’IA nella giusta direzione.

Quando volantini e opuscoli pubblicitari si accumulano nella spazzatura è chiaro a tutti che non fa bene all’ambiente. Ma che effetto hanno sul pianeta gli annunci personalizzati su Internet? Ad ogni visita a un sito web, vengono installati centinaia di cookie per alimentare un’infrastruttura pubblicitaria invisibile ma estremamente dispendiosa in termini energetici con dati utente personalizzati.

L’intelligenza artificiale divora molte risorse e spesso ha conseguenze deleterie per la nostra società e l’ambiente. L’uso sostenibile e sensato dell’IA è responsabilità di tutti e dovremmo decidere insieme dove implementarla e dove no.

Leggi tutto

Dal proletariato alla neoplebe, le nuove classi sociali: intervista a Paolo Perulli

Segnaliamo questa intervista al sociologo Paolo Perulli pubblicata dal quotidiano online L’indipendente .L’individuazione di una nuova categoria interpretativa: quella della “neoplebe” e delle trasformazioni degli assetti di potere delle scietà contemporanee offre una lettura ed una rappresentazione inquietante del futuro.
26 NOVEMBRE 2023

Ha ancora senso parlare di classi, e quindi di lotta di classe, nel terzo millennio? O forse si tratta di un concetto superato? Dopotutto, la divisione tra due classi che ha contraddistinto l’era industriale, ovvero della borghesia (la classe di chi detiene i mezzi di produzione) e del proletariato (ovvero di chi non detiene solo la propria forza lavoro) è oggettivamente problematica e il mondo decisamente più sfumato. Su questo si interroga nel suo ultimo libro Paolo Perulli, docente di Sociologia economica, concludendo che sì: parlare di classi è ancora necessario per comprendere il mondo che abitiamo. Occorre, tuttavia, attualizzare le categorie: neoplebe, classe creativa ed élite. Questi sono, secondo Perulli, i nuovi soggetti collettivi che segnano le società occidentali. Una analisi di una nuova triade di classi sociali è necessaria, per l’autore, per interpretare il mondo attuale e per poterlo, infine, anche scardinare. L’intervista prosegue alla fonte L’Indipendente  

Amianto-Brasile: Intervista a Fernanda Giannasi – ABREA – Associazione Brasiliana Esposti Amianto

Fonte AFeVA che ringraziamo

Bologna, 13 novembre 2023

Il 25 ottobre 2023, è stata realizzata l’intervista a Fernanda Giannasi, Fondatrice dell’Associazione Brasiliana Esposti Amianto – ABREA). Link al sito di ABREA

Fernanda partecipava in quei giorni a Bologna al Consesso internazionale del Collegium Ramazzini, dove si discuteva delle tematiche sanitarie legate alle patologie Asbesto Correlate e più in generale all’esposizione dei lavoratori ai cancerogeni ed ai temi della salute pubblica nell’attuale crisi sanitaria internazionale. Link al sito del Collegium Ramazzini

ABREA ha intessuto in 30 anni innumerevoli rapporti con le Associazioni Esposti e vittime amianto italiane e con il mondo scientifico italiano ed internazionale. Fa parte della coalizione internazionale per la messa al bando globale dell’amianto.

L’intervista è stata realizzata nella sede di AFeVA Emilia Romagna, ed è stata condotta da Andrea Caselli.

Vedi l’intervista a Fernanda Giannasi su YouTube (durata 22 minuti)

8 giugno 2017

2017 – partecipazione di Fernanda Giannasi al Convegno organizzato a Bologna da AFeVA Emilia Romagna – Lotte e amianto: sofferenza, coinvolgimento, impegno

Appello globale per il monitoraggio della salute dei lavoratori su The Lancet

Fonte  ICOH 
Appello globale per il monitoraggio della salute dei lavoratori su The Lancet Gli esperti di salute sul lavoro dell’OMS e dei paesi hanno chiesto dati e sistemi di monitoraggio della salute dei lavoratori per migliorare il monitoraggio dei progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile. L’appello è stato pubblicato su The Lancet ( disponibile qui ) come parte della serie Lancet su lavoro e salute ( disponibile qui ).

Gli autori sottolineano che i cambiamenti nel mondo del lavoro, come la globalizzazione, l’automazione, la digitalizzazione, le nuove pandemie, l’inquinamento ambientale e il cambiamento climatico, stanno causando nuovi rischi per la salute sul lavoro e aumentando le disuguaglianze sanitarie tra i lavoratori. Gli esperti chiedono dati e sistemi di monitoraggio per rafforzare il monitoraggio della salute e dei diritti del lavoro, dei determinanti sociali e ambientali della salute e delle disuguaglianze sanitarie tra i lavoratori.

Le stime congiunte OMS/ILO del carico di malattie e infortuni sul lavoro ( disponibili qui ) hanno dimostrato che l’esposizione a orari di lavoro prolungati causa il 40% di tutti i decessi legati al lavoro e che le malattie legate al lavoro (non gli infortuni) ne causano l’81%. dei decessi legati al lavoro. Sono disponibili indicatori per 183 paesi sulla proporzione della popolazione esposta a orari di lavoro prolungati e sul numero di decessi per malattie legate al lavoro dall’applicazione dell’OMS sul carico delle malattie professionali ( disponibile qui ).

Tra gli autori figurano il Ministro della Sanità della Somalia e alti dirigenti dell’OMS e dei Ministeri della Sanità o degli istituti nazionali di salute sul lavoro di Cina, Italia, Nepal, Sud Africa, Togo e Stati Uniti d’America.

CIIP: Un documento sui rischi connessi all’impiego di Diisocianati e Poliuretani

Fonte CIIP 

Segnaliamo  il documento CIIP “Diisocianati e Poliuretani” sui rischi connessi all’impiego di tali sostanze, oggi di grande attualità date le recenti restrizioni nell’utilizzo imposte dalla normativa europea e la loro grande diffusione.

Il documento del GdL CIIP-Rischio Chimico è stato redatto da Carlo Sala, coordinatore del Gruppo, con la collaborazione di Gianandrea Gino (AIDII).

Per scaricare il file pdf del Documento  CLICCA QUI 

 

 

Mai più a ferragosto. Storia di un infortunio mortale

Fonte DORS.IT che ringraziamo

Riprendiamo dal DORS  questa storia d’infortunio mortale, la novantesima del Repertorio delle storie d’infortunio scritte dagli operatori dei servizi di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro che partecipano al Progetto

” Identificare cause e soluzioni degli infortuni lavorativi. Il modello  comunità   di pratica e narrazione  ” 

Riteniamo per davvero importante questa iniziativa  e vogliamo contribuire a  fare conoscere  questo lavoro prezioso che alimenta le conoscenze utili alle pratiche di prevenzione. editor

 

Franco ha 65 anni, ha fatto l’autotrasportatore per tutta la vita ma, da alcuni anni, si è messo in proprio. Compra mezzi di trasporto e attrezzature e casa sua diventa il luogo in cui svolge la sua attività. Manca poco a ferragosto, Franco vuole abbellire il cortile di casa piantando alcune palme dentro grandi fioriere di cemento. Per farlo si serve dell’autogru facendosi aiutare da Rexha, un’autista che, da qualche giorno, aveva cominciato a lavorare con lui. Ma quel giorno qualcosa va storto.

Questa è la novantanovesima storia aggiunta al repertorio delle storie di infortunio, nel quale sono raccolte le storie scritte dagli operatori dei servizi di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro che partecipano al progetto “Identificare cause e soluzioni degli infortuni lavorativi Il modello comunità di pratica e narrazione“.

Vai al repertorio delle storie di infortunio, leggi direttamente la sintesi della storia o la storia completa “Mai più a ferragosto“.

Fattori di rischio di cancro in Europa: scopri i primi risultati dell’indagine sull’esposizione dei lavoratori dell’EU-OSHA

Per contribuire alla lotta contro il cancro professionale, l’EU-OSHA ha condotto un’indagine sull’esposizione dei lavoratori sui fattori di rischio del cancro (WES) in Europa. L’obiettivo è identificare meglio i fattori di rischio sul posto di lavoro che possono portare alla malattia, fornendo dati aggiornati e completi che possano essere utilizzati per la prevenzione, la sensibilizzazione e l’elaborazione delle politiche.

Migliaia di lavoratori in sei Stati membri dell’UE (Germania, Irlanda, Spagna, Francia, Ungheria e Finlandia) sono stati intervistati per stimare la loro probabile esposizione a 24 fattori di rischio di cancro noti, che includono prodotti chimici industriali, sostanze e miscele generate da processi, insieme a fattori fisici fattori di rischio.

L’indagine rivela che le radiazioni UV e le emissioni diesel sono le esposizioni più frequenti al rischio di cancro nei luoghi di lavoro europei. I primi risultati offrono anche uno sguardo sui preziosi dati che possono essere ottenuti da WES.  

Leggi il comunicato stampa

Esplora i primi risultati e il riepilogo della metodologia

Scopri di più nella nostra  nuova sezione web dedicata al WES

Un saggio importante. IL SALARIO MINIMO LEGALE COME STRUMENTO DI ATTUAZIONE COSTITUZIONALE

IL SALARIO MINIMO LEGALE COME STRUMENTO DI ATTUAZIONE COSTITUZIONALE di Federico Martelloni

Professore ordinario di Diritto del lavoro Università Alma Mater Studiorum di Bologna

Sommario: 1. La questione del salario minimo nel dibattito della Costituente; 2. La costituzionalizzazione del salario minimo convenzionale nella prassi giurisprudenziale; 3. Frammentazione della rappresentanza sindacale, contrattazione pirata e dumping salariale; 4. Una legge sul salario minimo come argine al lavoro povero: limiti e prospettive; 5. Dalla direttiva UE sul salario minimo alle recenti proposte di legge in Italia; 6. L’opportunità di introdurre un salario minimo legale, oggi.

Per leggere il saggio e scaricare il file pdf  clicca QUI 

COP28: a year on from climate change funding breakthrough, poor countries eye disappointment at Dubai summit

Lisa Vanhala, UCL

At the COP27 summit in Sharm El-Sheikh, Egypt, an agreement to establish a loss and damage fund was hailed as a major breakthrough on one of the trickiest topics in the UN climate change negotiations. In an otherwise frustrating conference, this decision in November 2022 acknowledged the help that poorer and low-emitting countries in particular need to deal with the consequences of climate change – and, tentatively, who ought to pay.

This following year has seen more extreme weather records broken. Torrential rains created flooding which swept away an entire city in Libya, while wildfires razed swathes of Canada, Greece and the Hawaiian island of Maui.

As these events become routine worldwide, the case grows for an effective fund that can be set up quickly and help those most vulnerable to climate change. But after a year of talks, the fund has, so far, failed to materialise in the way that developing countries had hoped.

I’m writing a book on UN governance of loss and damage, and have been following the negotiations since 2013. Here’s what happened after the negotiators went home and what to watch out for when they return, this time at COP28 in Dubai.

Big questions

Many questions were raised and left unresolved in Sharm El-Sheikh. Among them: who will pay into this new fund? Where will it sit? Who will have power over it? And who will have access to the funding (and who won’t)?

A transitional committee with 14 developing country members and 10 developed country members was appointed by the UN to debate these questions after COP27. The committee has met regularly over the last year, but at its fourth meeting at the end of October – scheduled as the last session – important questions surrounding the fund, such as who should host and administer it, remained. Discussions broke down without an agreement.

Leggi tutto

La CES lancia il suo manifesto per le elezioni europee del 2024

Fonte ETUI 

( la traduzione è stata effettuata con google translator)

La CES ha pubblicato il suo manifesto per le elezioni europee del 2024, contenente 12 impegni per “Realizzare un trattamento equo per i lavoratori” , che presenterà al Parlamento europeo il 15 novembre 2023. Vedi sotto per il testo completo. 

La Confederazione Europea dei Sindacati (CES) rappresenta oltre 45 milioni di lavoratori e le loro 93 organizzazioni sindacali nazionali e 10 federazioni sindacali europee.

Le elezioni del Parlamento europeo del 2024 sono le elezioni parlamentari europee più importanti da molti anni. Determineranno se l’Europa rimarrà sulla strada del progresso e della solidarietà che abbiamo visto nella sua risposta alla crisi del Covid-19 e sosterranno i lavoratori e le loro comunità in tutto il continente; o se tornerà all’austerità, con i suoi attacchi ai lavoratori.

La CES e le sue organizzazioni affiliate valorizzano la propria autonomia. Questo manifesto è un invito a sostenere gli impegni elencati di seguito come visione per l’Europa per i prossimi cinque anni.

Leggi tutto

In questa puntata: La salute richiede la pace. Come evitare un mondo climatico distopico…..

Connessioni 5

18 novembre 2023

fatti, eventi, report di ricerca e dati per capire meglio cosa succede nel campo della prevenzione e della salute negli ambienti di vita e di lavoro.

In questa puntata della Rubrica vi offriamo documentazione su:

– Il diritto universale alla salute richiede la pace e rifiuta la guerra
– Per evitare un futuro climatico distopico, dobbiamo prima immaginare il mondo che vogliamo
– La violence environnementale de l’économie fossile
– Regione Emilia-Romagna. Proteggersi dai rischi, nel linguaggio dei segni.
– Convegno nazionale agricoltura 2023: Taranto, 26 ottobre 2023.

Il diritto universale alla salute richiede la pace e rifiuta la guerra
E’questo il titolo del documento promosso dalla AIE Associazione Italiana di Epidemiologia alla elaborazione del quale hanno partecipato venti società scientifiche  che fanno riferimento al campo della salute e della sanità. E’ un primo passo importante. Nel documento si afferma: ” In qualità di società scientifiche di area sanitaria, dati i nostri obblighi professionali incentrati sulla tutela e la promozione della salute, sentiamo urgente la necessità di esprimerci pubblicamente e congiuntamente a favore della pace e contro la guerra in tutte le aree del pianeta.

Leggi tutto

Nota dei Presidenti delle Associazioni scientifiche sul testo del Ddl di modifica del D.Lgs 81/08

Pubblichiamo la nota che i Presidenti delle Associazioni scientifiche SIML, CIIP, AIPMEL, ANMA hanno inviato alle Autorità di Governo rispetto alla valutazione del DdL che contiene modifiche al D.lgs 81/2008. Il testo del DdL proposto dal governo è stato inviato per urgente esame alla Conferenza Unificata Stato-Regioni. Il DdL apporta all’art.2 diverse modifiche al D.Lgs 81/08. Riteniamo che si debba prestare la massima attenzione all’apertura da parte del governo di questo percorso d’urgenza per un intervento di modifiche normative che richiederebbero consultazioni approfondite e accuratezza prima di modificare le norme in materia di salute e sicurezza nel lavoro. Rinviamo alle pagine del sito della CIIP che contiene la documentazione in merito.

LETTERA DdL LAVORO

Per scaricare il file pdf della nota clicca QUI 

La documentazione completa  è scaricabile dal sito della CIIP 

Scheda INRS . Valutare i rischi di esposizione professionale al radon. Misurare l’attività volumetrica del radon nell’aria durante l’inverno

FONTE:  INRS – FRANCE

 

Tutte le aziende devono interrogarsi sulla presenza del radon nei luoghi di lavoro e includere nel proprio documento unico la valutazione dei rischi professionali legati all’esposizione a questo gas naturale radioattivo.Valutare i rischi di esposizione professionale al radon

Misurare l’attività volumetrica del radon nell’aria durante l’inverno

Tutte le aziende devono valutare il rischio di esposizione al radon, in particolare nei locali di lavoro situati nel seminterrato o al piano terra degli edifici. Questo gas radioattivo naturale è presente ovunque. Tuttavia, l’esposizione al radon è la seconda causa di cancro ai polmoni in Francia, dopo il tabacco. Le misurazioni dovrebbero essere effettuate preferibilmente in inverno.Il radon, emesso naturalmente dal suolo, è presente ovunque sulla superficie terrestre. Pertanto, si trova negli spazi interni a livelli di concentrazione che dipendono da diversi parametri di cui bisogna tenere conto nella valutazione. Tra questi parametri troviamo la zona potenziale radon del comune, l’efficacia del sistema di ricambio dell’aria o anche la presenza di fattori che favoriscono l’ingresso del radon negli edifici (pavimento in argilla, locali in depressione, passaggio di condotti tecnici, ecc.). ).

Leggi tutto

Regione Emilia-Romagna. Proteggersi dai rischi, nel linguaggio dei segni. La nuova collana di video prodotti in collaborazione con ENS Emilia-Romagna

Fonte : Protezione Civile ER 

Cosa fare in caso di terremoto, alluvione, incendi di bosco, e una guida al portale Allertameteo ER, ora accessibili a tutti

Bologna – La prevenzione riguarda tutti e deve essere accessibile a tutti. E’ ora disponibile una nuova collezione di video sui rischi e le norme di autoprotezione realizzata per le persone con disabilità sensoriali, nel linguaggio dei segni LIS .
Questa operazione è stata resa possibile grazie al supporto di ENS, Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordi Emilia-Romagna  che ha collaborato con l’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, nell’ambito della Campagna nazionale Io Non Rischio sulle buone pratiche di protezione civile 

I materiali divulgativi sono stati tradotti nella lingua dei segni grazie al coinvolgimento di un operatore sordo ENS. Per garantire la piena accessibilità, i video sono stati provvisti di sottotitoli e audiodescrizione così da favorirne l’usabilità.

Per accedere a questi  materiali divulgativi  vai alla fonte : CLICCA QUI