28 aprile 2024 – Giornata Mondiale Vittime del Lavoro e dell’Amianto – reportage iniziative in Emilia Romagna Video e foto

Le iniziative che si sono celebrate in Emilia Romagna per la Giornata Mondiale Vittime del Lavoro e dell’Amianto. Segnaliamo il reportage dal sito dell’Associazione famigliari delle Vittime dell’Amianto AFeVA Emilia Romagna 

Bologna, 29 aprile 2024

Una giornata in memoria delle vittime dell’amianto e del Lavoro in Emilia Romagna, le iniziative di Rubiera e di Bologna.

 

Amianto-Brasile: Intervista a Fernanda Giannasi – ABREA – Associazione Brasiliana Esposti Amianto

Fonte AFeVA che ringraziamo

Bologna, 13 novembre 2023

Il 25 ottobre 2023, è stata realizzata l’intervista a Fernanda Giannasi, Fondatrice dell’Associazione Brasiliana Esposti Amianto – ABREA). Link al sito di ABREA

Fernanda partecipava in quei giorni a Bologna al Consesso internazionale del Collegium Ramazzini, dove si discuteva delle tematiche sanitarie legate alle patologie Asbesto Correlate e più in generale all’esposizione dei lavoratori ai cancerogeni ed ai temi della salute pubblica nell’attuale crisi sanitaria internazionale. Link al sito del Collegium Ramazzini

ABREA ha intessuto in 30 anni innumerevoli rapporti con le Associazioni Esposti e vittime amianto italiane e con il mondo scientifico italiano ed internazionale. Fa parte della coalizione internazionale per la messa al bando globale dell’amianto.

L’intervista è stata realizzata nella sede di AFeVA Emilia Romagna, ed è stata condotta da Andrea Caselli.

Vedi l’intervista a Fernanda Giannasi su YouTube (durata 22 minuti)

8 giugno 2017

2017 – partecipazione di Fernanda Giannasi al Convegno organizzato a Bologna da AFeVA Emilia Romagna – Lotte e amianto: sofferenza, coinvolgimento, impegno

Consiglio dell’Unione Europea: approvato il testo della Direttiva che riduce i limiti di esposizione all’amianto per i lavoratori.

Riprendiamo dal sito di AFeVA che ringraziamo:
Bologna, 2 novembre 2023

23 ottobre 2023. E’ arrivato alla conclusione (manca solo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea) la Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2009/148/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi connessi con un’esposizione all’amianto durante il lavoro.

Scarica il testo approvato

Scarica la vecchia direttiva 2009/148/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 30 Novembre 2009

Il 20 ottobre 2021 il Parlamento Europeo con 675 voti favorevoli, 2 contrari e 26 astensioni approvava una risoluzione a protezione dei lavoratori dall’amianto e di raccomandazione alla Commissione Europea di legiferare coerentemente .

Il 28 settembre 2022, la Commissione Europea ha avanzato una Proposta di Direttiva che modifica l’attuale direttiva UE sull’amianto indirizzata al Parlamento Europeo, agli Stati membri con la Commissione che chiede una rapida approvazione. Una volta adottata, gli Stati membri avranno due anni per recepire la direttiva nel diritto nazionale.

Leggi tutto

Quale futuro per il ruolo del RLS ? Podcast di Diario Prevenzione 6 ottobre 2023 – Puntata n° 112

 

Benvenute/i ad un  Podcast senza fronzoli

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di :

– “Oltre la Rete: salute e sicurezza sul lavoro nella pesca professionale”
– Inquinamento dell’aria in Europa: livelli ancora superiori alla soglia di sicurezza, soprattutto per i bambini
– Reggio Emilia ad Amianto Zero – 11 ottobre 2023
– Una sentenza sulla quale riflettere: Quale futuro per il ruolo del RLS ?
– Infortuni mortali sul lavoro. Alcune riflessioni amare sugli (ultimi?) eventi

Buon ascolto !

 

COR-RENAM ER: Casi di Mesotelioma in Emilia Romagna – Report aggiornato al 30 giugno 2023

Bologna, 5 settembre 2023

Pubblicato il rapporto del COR-RENAM Emilia-Romagna con i dati del Registro Mesoteliomi aggiornati al 30 giugno 2023.

Scarica il rapporto “Il MESOTELIOMA MALIGNO IN EMILIA-ROMAGNA: incidenza ed esposizione ad amianto aggiornata al 30 giugno 2023”  a cura di A. Romanelli, C. Storchi, L. Mangone

Nel report, i dati dell’anno 2022, ancora in via di definizione (saranno più completi nei prossimi report) , registrano il dato di 140  casi di mesoteliomi da esposizione pregressa all’amianto, vengono inoltre registati 57 nuovi casi registrati nel primo semestre dell’anno .

Andamento medie quinquennali: (1997-2001) media 81,8 casi anno; (2002-2006) media 113 casi anno; (2007-2011) media 130,8 casi anno; (2012-2016) media 150,2 casi anno; (2017-2021) media 152,6 casi anno;

Al 30 giugno 2023, risultano archiviati 4.182 casi, tra cui 196 sospetti, risultati alle successive indagini non mesoteliomi e 3.986 mesoteliomi maligni. Tra questi, 107 risultano incidenti in epoca anteriore al 01/01/1996, data di inizio della rilevazione dell’incidenza su base regionale, e 458 diagnosticati in persone non residenti nella nostra Regione, la cui documentazione è stata per intero trasmessa al COR di residenza.

L’analisi dei dati, pertanto, è stata condotta sui 3.421 casi di MM incidenti in cittadini effettivamente residenti in Emilia-Romagna alla data della diagnosi.

Leggi tutto

Amianto: il Consiglio dell’Unione Europea e il Parlamento Europeo raggiungono un’accordo su nuove norme e limiti per la protezione dei lavoratori.

Fonte AFeVA che ringraziamo

Bologna, 4 luglio 2023

Scarica il Comunicato ETUC (Sindacato Europeo)

Scarica il comunicato del Consiglio dell’Unione Europea

Il 27 giugno 2023 è stato annunciato il raggiungimento dell’accordo provvisorio fra il Consiglio dell’UE ed il Parlamento Europeo su una nuova legge volta a rafforzare la protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione all’amianto.

Le nuove norme riducono gli attuali Valori Limite per l’amianto e prevedono modalità più accurate per misurare i livelli di esposizione.

“La protezione dei lavoratori dalle fibre di amianto cancerogene sarà notevolmente
migliorata, ma rischia di essere implementata troppo tardi per proteggere coloro che sono
coinvolti nelle ristrutturazioni edilizie nell’ambito del Green Deal dell’UE.” questo l’incipit del comunicato del Sindacato Europeo.

L’attuale limite previsto dalla Normativa Europea è di 0,1 fibre/cmcubo (100.000 f/mcubo), l’accordo prevede la riduzione del limite a 0,01 fibre/cmcubo (10.000 f/mcubo), 10 volte più basso.

I vari paesi UE hanno 2 anni di tempo dalla Direttiva per legiferare sui nuovi limiti.

Inoltre entro 6 anni gli stati membri devono modificare il sistema di misurazione delle fibre di amianto (oggi si utilizza la microscopia a contrasto di fase -PCM- non in grado di conteggiare le fibre più fini) sostituendolo con con la microscopia elettronica -EM- in grado di misurare e conteggiare le fibre di amianto ultrafini , a questa scadenza avranno a disposizione due possibilità:

  • misurare le fibre di amianto sottili, nel qual caso il valore limite massimo di esposizione amianto rimarrà a 0,01 f/cmcubo
  • non misurare le fibre di amianto sottili, nel qual caso il valore limite massimo di esposizione sarà ridotto a 0,002 f/cmcubo

Leggi la notizia dell’ottobre 2022 sulla proposta della Commissione Europea

Leggi la notizia del 20 ottobre 2021 sulla risoluzione del Parlamento Europeo

Auspichiamo una rapida conclusione del percorso di approvazione Europea della Direttiva, e conseguentemente di recepimento da parte delle Istituzioni Nazionali.

Un commento più articolato, lo pubblicheremo sulla base del testo della Direttiva approvata e dei suoi allegati tecnici.

Amianto Zero . Un risultato possibile: Assemblea pubblica ad Alfonsine Sabato 4 marzo 2023

ASSEMBLEA PUBBLICA ALFONSINE
AMIANTO ZERO
UN RISULTATO POSSIBILE
MAPPATURE – BONIFICHE – SALUTE

Sabato 4 marzo 2023 – dalle ore 15.00 alle ore 18.00

ad ALFONSINE presso il Cinema Gulliver

Piazza della Resistenza, 2

Il Comitato Salviamo le api, salviamo noi – Progetto otto passi per l’ambiente di Alfonsine, l’Associazione Familiari e Vittime Amianto Emilia Romagna aps, la CGIL di Ravenna invitano la cittadinanza a partecipare. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Alfonsine.

scarica la locandina Scarica il testo del Volantino

Programma dell’iniziativa.

Pubblicazioni INAIL: Le malattie asbesto-correlate (2017-2021) riconosciute da INAIL e dati Fondo Vittime Amianto – Report 2022

 

Fonte AFeVA

Bologna, 07 novembre 2022

Il 4 novembre 2022, INAIL ha pubblicato l’aggiornamento, su richiesta del Comitato Amministratore del Fondo Vittime Amianto, dell’ OPUSCOLO dal titolo “LE MALATTIE ASBESTO CORRELATE” a cura della Consulenza statistico attuariale dell’INAIL con il coordinamento scientifico di Silvia D’Amario, Autrice Daniela Martini.

I dati pubblicati riguardano le malattie asbesto Correlate riconosciute dall’INAIL nel quinquennio 2017-2021 (fonte Open Data), le rendite per malattie asbesto correlate erogate dall’INAIL, il numero dei beneficiari professionali del Fondo Vittime Amianto e le prestazioni UNA-TANTUM per mesoteliomi non professionali. Il report contiene inoltre dati interessanti per comprendere le linee di tendenza delle patologie asbesto-correlate (riconosciute dall’INAIL). Ovviamente, sarebbe erroneo, trarre conclusioni sull’andamento epidemiologico delle malattie asbesto-correlate, dato ricavabile solo da altri tipi di studi: dati RENAM, dati regionali dei COR, studi di coorti di lavoratori, registri tumori ed altro.

Scarica l’opuscolo INAIL

Il confronto fra i dati riconosciuti dall’INAIL, con i casi rilevati dal RENAM ( VII rapporto del 2021che riporta i dati dei mesoteliomi rilevati al 2018, peraltro del tutto incompleti), è possibile per l’anno 2017, quando i casi di Mesotelioma RENAM rilevati sono stati 1486 (mancano i dati di Abruzzo – Molise – Campania) a fronte di un dato riportato sull’ Opuscolo attuale (riconoscimenti INAIL) che vede, sempre per l’anno 2017: 625 nuovi indennizzi INAIL per mesotelioma di origine professionale più 282 persone alle quali è stata riconosciuta l’UNA-TANTUM del FVA per mesotelioma non professionale (più 5 domande ancora in istruttoria).

Leggi tutto

AMIANTO OGR BOLOGNA: è deceduto Nino Dall’Olio per mesotelioma.

Bologna, 17 ottobre 2022

Purtroppo è deceduto un altro ex lavoratore dell’OGR di Bologna per mesotelioma: Nino Dall’Olio.

Nino aveva 84 anni e l’11 gennaio di quest’anno gli è stato diagnosticato il mesotelioma che se lo è portato via, oggi si sono tenuti i suoi funerali .

Assunto nel 1960 in FF.SS., ha lavorato presso le Officine Grandi Riparazioni di Bologna, con un breve intervallo presso le OGR di Rimini.

Certamente le esposizioni ad amianto sono avvenute alle OGR dove svolgeva la mansione di Carrozziere lamierista, Nino è stato anche coordinatore dei lavori di cassa rotabili del Settebello.

AFeVA Emilia Romagna aps e i colleghi di lavoro si uniscono al dolore della moglie Maria, delle figlie Patrizia e Daniela e dei nipoti per la scomparsa di NINO.

Leggi  la notizia ed il comunicato di AFeVA ER  su www.afevaemilaromagna.org

ISOCHIMICA AVELLINO-AMIANTO: Tribunale di Avellino Condanna a 10 anni di reclusione 4 imputati – (2 resp. sicurezza di Isochimica e 2 funzionari FF.SS)

Fonte AFevA Emilia Romagna 

Bologna, 1 febbraio 2022

Il Tribunale di Avellino, il 28 gennaio 2022, ha emesso quattro condanne per disastro doloso, omicidio colposo, lesioni personali e rimozione od omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro nella vicenda AMIANTO all’ ISOCHIMICA di Avellino.

I condannati in primo grado di giudizio sono: i responsabili della sicurezza di ISOCHIMICA Vincenzo Izzo e il suo vice Pasquale De Luca, i funzionari delle Ferrovie dello Stato Aldo Serio e Giovanni Notarangelo.

Leggi tutto

Eternit Giustizia: non siano solo due semplici parole

Fonte areaonline.ch che ringraziamo

L’avvio a Novara di un nuovo processo per omicidio intenzionale contro Stephan Schmidheiny riaccende la speranza delle vittime: Guai ad arrendersi al crimine d’impresa
di Claudio Carrer

Si è aperto a Novara il 9 giugno scorso il nuovo processo per i morti dell’Eternit contro l’ex patron e miliardario svizzero Stephan Schmidheiny, accusato di omicidio volontario. Un’accusa in relazione alla morte per mesotelioma (il tipico cancro da amianto che colpisce soprattutto la pleura e più raramente il peritoneo) di 392 persone, 62 lavoratori e 330 semplici cittadini, del Monferrato Casalese, vittime delle polveri di amianto disperse negli ambienti di lavoro e di vita dallo stabilimento di Casale Monferrato. Si tratta di una tappa cruciale della lunghissima ed estenuante rincorsa di una qualche forma di giustizia per le vittime. Il nostro reportage da Novara, con interviste e testimonianze.

Leggi tutto

Amianto. Giornata internazionale della memoria dei lavoratori 2021: la gloria e la carneficina

AutriceLaurie Kazan-Allen

Fonte : Segretariato Internazionale per il divieto dell’amianto 

28 aprile 2021

Giornata internazionale della memoria dei lavoratori 2021: la gloria e la carneficina

La Giornata Internazionale della Memoria dei Lavoratori (IWMD), che si celebra il 28 aprile, è un giorno per ricordare i morti e combattere per i vivi. Durante i giorni bui della pandemia Covid, le federazioni mondiali del lavoro, i sindacati e le loro affiliate si sono impegnate nuovamente sull’IWMD 2021 per ottenere il riconoscimento della salute e della sicurezza come diritto fondamentale dei lavoratori. Con la perdita di così tanti operatori sanitari e in prima linea a causa del coronavirus, è incomprensibile che qualcuno possa contestare questo obiettivo.

Come i pazienti Covid, le vittime dell’amianto lottano per ogni respiro doloroso. Nei punti caldi dell’amianto come Casale Monferrato, Monfalcone e Senigallia, in Italia, l’amianto caduto viene ricordato all’IWMD in occasione di raduni comunali e sindacali, sessioni informative e cerimonie di posa di corone; agli organizzatori e ai partecipanti a questi eventi, il 28 aprile è la Giornata internazionale per le vittime dell’amianto. 1

Leggi tutto

Pubblicato il rapporto del COR-RENAM Emilia-Romagna con i dati del Registro Mesoteliomi aggiornati al 31 dicembre 2020.

Fonte AFeVA

Il rapporto pubblicato registra una significativa riduzione dei casi di Mesotelioma nell’anno 2020 rispetto al 2019, 101  contro  140.

Dovremmo essere contenti della riduzione, ma ci pare troppo presto per considerare accertata la tendenza alla riduzione dei casi:

bisogna tenere in considerazione alcuni fattori:

  1. i dati possono considerarsi pressoché completi per gli anni 1996-2019, mentre per il periodo successivo è in corso la rilevazione dei casi. Se si confronta questo rapporto con quello del Dicembre 2019 si può osservare che il dato 2019 è passato in un anno da 108 a 140 casi per effetto del completamento di alcune istruttorie in corso su specifici casi. E’ quindi plausibile attenderci un incremento nel prossimo anno dei dati sui quali stiamo ragionando, quanto non è possibile dirlo oggi.
  2. Il 2020 è stato l’anno dell‘EPIDEMIA di COVID-19, e l’impatto sulle strutture sanitarie potrebbe aver determinato sia un rallentamento dei percorsi diagnostici che della loro segnalazione al COR-RENAM.
  3. I decessi a causa del COVID-19, potrebbero avere riguardato situazioni di patologie da amianto non ancora diagnosticate ma decisive per segnare il decorso della patologia legata al COVID-19.

Un’altra vittima dell’amianto

Mauro Roda – elettricista nelle FF.SS. a Bologna – è deceduto la notte del 4 marzo 2021 a causa del Mesotelioma causato dall’amianto respirato sul lavoro.

Condividiamo con l’Associazione  famigliari e vittime dell’amianto le condoglianze alla famiglia.  Sul sito dell’Associazione  AFeVA un ricordo di Mauro Roda.

OGR Bologna e Rimini: RSU OMC e lavoratori in lotta per difendere il lavoro e le officine

Riprendiamo dal sito di AFeVA Emilia Romagna questo articolo che illustrala lotta dei lavoratori delle Officine Manutenzione Ciclica di Bologna e Rimini per mantenere l’attività produttiva. Come afferma il Presidente dell’Associazione dei famigliari delle vittime AFeVA Andrea Caselli” Non è accettabile il disimpegno di FF.SS., va difeso il lavoro e la memoria. Non è accettabile l’oblio della memoria e del lavoro. Come sempre difendiamo il lavoro, il lavoro in sicurezza ed il diritto di ricordare. Senza giustizia, senza lavoro, senza memoria il territorio verrà desertificato, e questa è una prospettiva che non possiamo accettare.” editor

La lotta dei lavoratori OMC Bologna e Rimini per difendere la Manutenzione Ferroviaria, il lavoro e la memoria

Venerdì 22 gennaio 2021, i lavoratori e le lavoratrici delle Officine Manutenzione Ciclica FF.SS.  (EX-OGR) di Bologna e Rimini  hanno svolto uno sciopero dimostrativo di un’ora per chiedere il mantenimento dell’attività produttiva dell’Officina. Lo sciopero ha avuto un’adesione totale e si è focalizzato attorno alla richiesta di una ripresa del confronto con l’azienda, che non sta applicando gli accordi siglati. Dei 120 lavoratori che dovrebbero essere in forza allo stabilimento, solo 85 sono gli attualmente al lavoro, il Turn-over non è stato garantito e si assiste ad una voluta diminuzione dell’attività di manutenzione.

Questo comportamento dell’azienda Trenitalia delle FF.SS. fa pensare all’intenzione di dismettere progressivamente l’attività di manutenzione, propiziando così la chiusura delle Officine.  

La RSU dello stabilimento ha reiterato la richiesta di un’impegno delle istituzioni pubbliche (Regione e Comuni) a impegnarsi con le FF.SS. per ottenere un tavolo di discussione per il mantenimento dell’attività produttiva dello stabilimento, dopo un primo incontro non risolutivo.

L’articolo del Corriere della Sera Bologna

Come AFeVA Emilia Romagna, siamo impegnati a sostenere questa lotta, decisiva per il mantenimento di lavoro professionale e per un sistema di trasporti pubblici strategico per il paese e per il nostro territorio.

Ricordiamo a tutti che la sopravvivenza delle OMC (EX OGR) è anche strettamente legato alle rivendicazioni degli ex-esposti amianto, fra cui anche la bonifica dello stabilimento OGR di via Casarini e la sua riqualificazione come luogo da destinare alla memoria della tragedia dell’Amianto e per usi sociali e culturali per la città di Bologna.

Non è accettabile il disimpegno di FF.SS., va difeso il lavoro e la memoria. Non è accettabile l’oblio della memoria e del lavoro. Come sempre difendiamo il lavoro, il lavoro in sicurezza ed il diritto di ricordare. Senza giustizia, senza lavoro, senza memoria il territorio verrà desertificato, e questa è una prospettiva che non possiamo accettare.

Andrea Caselli – Presidente di AFeVA Emilia Romagna aps

Leggi tutto

Amianto: nel giorno di Natale l’ennesimo lutto alle OGR Bologna

Partecipiamo al cordoglio per la scomparsa di Gianni Dal Monte a causa di un mesotelioma pleurico contratto sul lavoro e porgiamo le nostre condoglianze ai suoi  famigliari, ai suoi amici e colleghi della OGR. Diario Prevenzione

Il Comunicato di AFeVA ER 

Gianni Dal Monte – operaio saldatore alle OGR dal 1970 al 1979 – ci ha lasciati a causa di un mesotelioma pleurico contratto in Officina.

Nel giorno di Natale se ne è andato Gianni Dal Monte, 83 anni. Operaio saldatore al 5° reparto delle OGR negli anni ’70, nel 2019 la diagnosi di Mesotelioma pleurico contratto per avere respirato le fibre di amianto nel suo lavoro alle Officine, malattia che ne ha causato la morte.

Gianni nella sua vita è stato tante cose: saldatore sopraffino, militante della CGIL e delegato sindacale, sempre e fino all’ultimo impegnato nel sociale, nella costruzione della comunità, impegnato ad apprendere quello che non sapeva, poi ad insegnare ciò che aveva imparato.

Da sempre iscritto ad AFeVA ER, nel novembre 2019 ha partecipato alla realizzazione di una intervista sulla sua esperienza in OGR, nell’ambito del Patto di Collaborazione realizzato col comune di Bologna. Da questa intervista, e lo sanno bene tutti quelli che lo hanno conosciuto, viene fuori la sua schiettezza, il suo rigore a partire dal suo lavoro di saldatore, il rifiuto di qualsiasi atteggiamento vittimistico, il rifiuto della delega e la fiducia e l’impegno nei processi di costruzione collettiva di comunità, dalla fabbrica al quartiere, dal condominio alle attività ricreative.

Alla domanda su quale messaggio darebbe ai giovani, Gianni risponde: “– Non delegare. Partecipando e vivere in prima persona il… poi è chiaro non puoi essere dappertutto, però tu devi essere informato, sapere cosa succede e organizzarti. Organizzarti perché senza organizzazione non vai da nessuna parte, senza organizzazione sei perdente… perché loro sono organizzati. E sanno quello che vogliono. E la loro organizzazione del lavoro, la maggior parte passa sulle tue palle – spalle! Anche adesso. Come si fa andare a spiegare ai rider che quando vanno a casa da quel lavoro lì non hanno niente, non hanno pensione, non hanno… come si fa andare a spiegare? Terrificante. È chiaro che anche io quando non avevo un lavoro prendevo quel che c’era, ma la mia idea era un’altra, io lo sapevo bene che dovevo partecipare, dovevo organizzarmi, dovevo..” …”Perché io non ho ancora mollato l’osso, io partecipo ancora.”

E’ vero Gianni, fino all’ultimo non hai mollato l’osso della vita, dell’impegno. Quello che ci hai insegnato, cercheremo di metterlo in pratica, per un lavoro dignitoso e sicuro, per una memoria che insegni a vivere il presente e a costruire il futuro.

In nome tuo e delle centinaia di lavoratori e lavoratrici vittime dell’amianto, ma soprattutto vittime dell’avidità di profitto e della sciatteria di tanti, continueremo l’impegno per la ricerca, per la cura del mesotelioma, per liberare l’ambiente dall’amianto.

AFeVA ER, si stringe ai familiari ed agli amici e colleghi a cui porge le più sentite condoglianze.

Bologna, 27 dicembre 2020

 

OGR Bologna: Le cause per danni da amianto in sede civile sono possibili e rafforzate nonostante la sentenza di archiviazione del procedimento penale

 

La recente pubblicazione delle notizie sull’archiviazione del procedimento penale sulle OGR, ha provocato qualche incertezza nelle persone che intendono chiedere in sede civile i danni all’azienda (FF.SS. -RFI), in realtà non solo continua ad essere possibile, ma alla luce delle motivazioni della sentenza queste sono addirittura rafforzate.

Pertanto pubblichiamo un contributo degli avvocati dello Studio Legale Associato (Francesca Ferretti, Stefania Mangione e Francesca Stangherlin) che fanno chiarezza sulla questione.

Leggi il contributo dello Studio Legale Associato e l’intervento dell’Avv.  Stefania Mangione in occasione della Assemblea di AfeVA ER

Fais-Pendoli: un video che ricorda le vittime dell’amianto in OGR

Fonte: AFeVA che ringraziamo

Bologna, 1 dicembre 2020

Salvatore Fais

Questo docufilm è stato realizzato: per la parte documentale da Salvatore Fais matricola FS 897173 e per il montaggio da Loris Pendoli matricola FS 897171 e anche ex operaio della officine Casaralta.

Il bisogno di dare visibilità a una strage negata e offesa nella memoria, con le crude testimonianze delle vittime e dei familiari delle vittime, per contestare con forza e sdegno, una scandalosa e vergognosa sentenza penale di archiviazione, riuscendo in una disposizione, quello di negare il sacrosanto diritto di giustizia per le uccisioni da amianto di lavoratori inerti nella officina grande riparazione delle ferrovie dello stato di via Casarini a Bologna. Dove personalmente constatiamo…purtroppo da una quindicina di anni che si è perseguito a livello politico e di magistratura un orientamento giurisprudenziale del disconoscimento dell’assassinio di tanti.. troppi lavoratori…colpevoli solo di lavorare, con responsabili aziendali che nulla hanno fatto per tutelare la salute dei propri lavoratori. Le ultime sentenze di OGR e CASARALTA  lo sono a dimostrare.
Che dire oltre allo sdegno e  alla rabbia per una sentenza complice di quelle morti:  guardate la realtà dei fatti e ciò che con queste sentenze si è voluto negare. Buona visione.

Salvatore Fais e Loris Pendoli

Storia senza fine, nuova tragedia all’OGR di Bologna di Salvatore Fais

Fonte Facebook
Una strage senza fine, dopo l’amico e collega Giancarlo Mazzetti deceduto il 9 maggio, oggi lo sconforto e la rabbia in me per una strage che ci sta strappando alla vita ad uno a uno . Ieri sera s ‘è preso Luciano.
Maledetto amianto e maledetto chi pur sapendo non lo ha difeso dalle mortali fibre dell’amianto
La strage infinita, senza sosta e senza respiro, non sono bastati i più di 305 colleghi che ti hanno preceduto morti per essere stati esposti alle fibre mortali dell’amianto per profitto, il 2020 l’ennesimo lutto colpisce ancora i lavoratori delle OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI DELLE FERROVIE DELLO STATO di BOLOGNA.
La comunità OGR in questo momento di dolore, si stringe attorno ai familiari di Luciano.
Ciao Luciano resterai sempre con noi.  Questa storia che dura ormai da più di 40 anni e che ha visto i lavoratori dello stabilimento in prima linea nella lotta alla sicurezza degli ambienti di lavoro e alla salute dei lavoratori esposti inconsapevolmente alle famigerate polveri killer dell’amianto, accumulando nel tempo un vero e proprio bollettino di guerra, causando a questa comunità operaia dell’OGR oltre 305 vittime, mettendo ancora oggi in apprensione quanti anno lavorato in stabilimento, e quanti ancora vi lavorano. Ieri sera l’ultima tragedia, ancora l’amianto…… mesotelioma.. priva della voglia di vivere il nostro collega Luciano Tonioli, tutti quelli che hanno avuto l’onore di conoscerlo e apprezzarne le sue qualità umane professionali, sono affranti e sconfortati per la sua perdita, gli amici i colleghi tutti addolorati nell’assistere passivamente a questa sterminio si stringono vicini al dolore dei famigliari con tanta pena.
GRANDE TRISTEZZA E SCONFORTO
ho un gran nodo in gola è in me nell’apprendere questa brutta notizia, sei stato un amico ci saremmo dovuti trovare questa settimana, ma il male non c’è l’ha permesso.
OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI DELLE FERROVIE DELLO STATO di via Casarini BOLOGNA.
Narrazione di uno sterminio senza luce in fondo al tunnel

Leggi tutto

INAIL. RIMOZIONE IN SICUREZZA DELLE TUBAZIONI IDRICHE INTERRATE IN CEMENTO AMIANTO

Fonte Afeva Emilia Romagna 

RIMOZIONE IN SICUREZZA DELLE TUBAZIONI IDRICHE INTERRATE IN CEMENTO AMIANTO – Istruzioni operative Inail per la tutela
dei lavoratori e degli ambienti di vita.

Pubblicato nel 2019 il Manuale INAIL dedicato alla rimozione in sicurezza delle tubazioni idriche in Cemento-Amianto, una pubblicazione utile che fa il punto sulle istruzioni operative tese a salvaguardare i lavoratori che intervengono sulle RETI IDRICHE, e i cittadini, disponendo le misure che impediscono la liberazione delle fibre di amianto durante l’attività.

Per l’occasione pubblichiamo una prima riflessione sulla questione della presenza di Fibre di Amianto nelle acque potabili a cura di AFeVA Emilia Romagna.

Scarica il Manuale INAIL e i documenti sul servizio idrico e amianto dal sito AfeVA Emilia Romagna

Microraccolta Amianto: Mancata applicazione della delibera regionale da parte dei Comuni, disordine informativo, i cittadini lasciati soli – La denuncia di CGIL ER ed AFeVA ER

Bologna, 3 agosto 2020

Il giorno 24 luglio 2020, si è tenuta in videoconferenza la riunione della Cabina di regia del Piano Amianto Regione Emilia-Romagna.

Uno dei punti in discussione è  quello che riguarda la realizzazione operativa della Microraccolta dei Manufatti Contenenti Amianto, ovvero la possibilità per il cittadino di rimuovere e smaltire piccole quantità di Amianto dalla propria residenza.

Il Piano Amianto ha previsto l’adozione da parte della Regione di standard omogenei in tutta la regione, unificando sia le quantità di amianto trattabile, sia le prassi per attivarla, sia le procedure per effettuarla in sicurezza da parte dei cittadini.

A questa previsione ha fatto seguito il 1° luglio del 2019 la relativa delibera di giunta, a cui ha fatto seguito la deliberazione di ATERSIR (l’agenzia regionale per i servizi idrici e dei rifiuti, costituita dai comuni dell’Emilia Romagna) vedi qui di seguito.

Leggi tutto

COR-RENAM Emilia Romagna: AMIANTO – Casi di Mesotelioma Report aggiornato al 30/06/2020

FONTE AFEVAEMILIAROMAGNA

Bologna, 29 luglio 2020

Il responsabile del COR Reggio Emilia – Dr. Antonio Romanelli

Pubblicato il rapporto del COR-RENAM Emilia-Romagna con i dati del Registro Mesoteliomi aggiornati al 30 giugno 2020.

Il rapporto pubblicato, è stato completato con i dati relativi ai singoli territori dell’Emilia-Romagna sulla base di una richiesta della CGIL ER nell’ambito della Cabina di Regia del Piano Amianto.

Leggi il Rapporto del COR-RENAM di Reggio Emilia (dati aggiornati al 30 giugno 2020)

L’analisi dei dati, è stata condotta sui 2.961 casi di mesotelioma maligno incidenti in cittadini effettivamente residenti in Emilia-Romagna alla data della diagnosi.

Il tasso di incidenza regionale per 100.000 abitanti (TIS), calcolato per il periodo 2014-2018 e standardizzato con il metodo diretto con la popolazione italiana 2000, è pari a 3,8 negli uomini e 1,1 nelle donne. Il tasso più alto negli uomini è stato registrato a Reggio Emilia (5,8) e nelle donne sempre a Reggio Emilia (2,3). Sono risultati superiori alla media regionale anche i TIS, per uomini e donne, a Piacenza e Parma  ; per le sole donne a Ferrara e per i soli uomini a Ravenna. La provincia di Rimini registra il tasso più basso per gli uomini (2,7), e quella di Forlì-Cesena il tasso più basso per le donne (0,4).

Leggi tutto

PRONTO SOCCORSO PSICOLOGICO GRATUITO: Iniziativa dell’Associazione RIVIVERE di Bologna per assistere le persone in tempi di CORONAVIRUS

FONTE AFEVAEMILIAROMAGNA

L’Associazione RIVIVERE di Bologna, da anni impegnata nel supporto psicologico a persone che hanno vissuto un lutto, ha deciso in questa fase drammatica della pandemia di coronavirus di attivare 2 servizi di PRONTO SOCCORSO PSICOLOGICO GRATUITO PER L’EMERGENZA DI Covid-19 in Emilia Romagna.

L’Associazione RIVIVERE, collabora da anni con AFeVA Emilia Romagna, con la quale ha stipulato una convenzione.

scarica il manifesto dell’iniziativa .jpg  

Di seguito il testo della locandina:

“LASCIATEMI PIANGERE”

L’Associazione RIVIVERE di Bologna ha attivato 2 servizi di

PRONTO SOCCORSO PSICOLOGICO GRATUITO per l’emergenza Covid-19 in Emilia Romagna:

  1. Sei un operatore sanitario attivo nella gestione dell’emergenza Coronavirus?
  2. Stai vivendo il lutto per la perdita di un tuo familiare a causa delle complicanze da contagio Covid-19?

Invia un SMS al N° 3391295102 e in breve tempo verrai ricontattato  per usufruire di un percorso di pronto soccorso psicologico gratuito.

Condividi questo messaggio, aiutaci a raggiungere chi ha bisogno.

Dott.ssa Francesca Bonarelli

Prof. Francesco Campione

Associazione Rivivere – Bologna

 vedi il sito web dell’Associazione Rivivere

Bancarotte delle aziende dell’amianto: vincitori e vinti….

11 febbraio 2020

Segnaliamo l’articolo di  Laurie Kazan-Allen  Presidente del Segretariato Internazionale per la messa la bando dell’amianto IBAS .

Nell’articolo vengono descritte le strategie con le quali questi colossi che operano in tutte le fasi del ciclo dall’estrazione alla  produzione di manufatti e prodotti contenenti amianto si stanno sottraendo  alle proprie  responsabilità rispetto alle richieste di risarcimenti da parte dei lavoratori e delle lavoratrici esposte alle fibre d’amianto. Di solito scelgono la via del fallimento….del cambio di ragione sociale, di scarico delle responsabilità su bad company svuotate di capitali. Nei paesi asiatici come Indonesia, in India come in  America latina,  in Brasile,  continuano a produrre grandi volumi di prodotti che contengono amianto. Come afferma l’autrice nel 2020 non dovrebbero più esserci industrie dell’amianto in ragione dei danni sanitari, ma così non è . In ogni caso, afferma l’autrice , i lavoratori non si dovrebbero fidare delle aziende che lavorano l’amianto….

Fonte :  Il Blog di Laurie  Kazan-Allen

 

COR-RENAM Emilia Romagna: AMIANTO – Casi di Mesotelioma Report aggiornato al 31/12/2019

FONTE AFEVAEMILIAROMAGNA CHE RINGRAZIAMO 

Bologna, 3 febbraio 2020

Pubblicato il rapporto del COR-RENAM Emilia-Romagna con i dati del Registro Mesoteliomi aggiornati al 31 dicembre 2019.

Il rapporto pubblicato, è stato completato con i dati relativi ai singoli territori dell’Emilia-Romagna sulla base di una richiesta della CGIL ER nell’ambito della Cabina di Regia del Piano Amianto.

Scarica il Report di aggiornamento semestrale del COR-Renam Emilia-Romagna _2019

L’analisi dei dati, è stata condotta sui 2.878 casi di mesotelioma maligno incidenti in cittadini effettivamente residenti in Emilia-Romagna alla data della diagnosi.

Il tasso di incidenza regionale per 100.000 abitanti (TIS), calcolato per il periodo 2014-2018 e standardizzato con il metodo diretto con la popolazione italiana 2000, è pari a 3,8 negli uomini e 1,1 nelle donne. Il tasso più alto negli uomini è stato registrato a Reggio Emilia (5,8) e nelle donne sempre a Reggio Emilia (2,3). Sono risultati superiori alla media regionale anche i TIS, per uomini e donne, a Piacenza, Parma e Reggio Emilia ; per le sole donne a Ferrara e per i soli uomini a Ravenna. La provincia di Rimini registra il tasso più basso per gli uomini (2,7), e quella di Forlì-Cesena il tasso più basso per le donne (0,4).

l MM conferma le sue caratteristiche di tumore raro con aumento dell’incidenza in entrambi i generi, registrato fino al 2012 e con primi segni di andamento stazionario negli anni successivi. In considerazione della sua pressoché totale letalità, questa malattia assume ancora rilevanza sociale con impatto superiore a quello degli infortuni mortali. I dati INAIL relativi agli infortuni mortali denunciati 2014-2018 (117, 108, 139, 124 e 123) mostrano, in effetti, un’occorrenza alquanto minore, 611 vs 752, rispetto all’incidenza dei MM (133, 151, 160  e 159 e 149), registrata dal ReM nello stesso periodo (cfr. Relazione Annuale 2018, ed. INAIL, Roma 26 giu 2019).

Nota 1: Il Registro Mesoteliomi rileva incidenza/esposizione ad amianto di questa temibile patologia neoplastica ad alta frazione eziologica professionale su tutto il territorio della Regione Emilia-Romagna dal 1996.
Istituito presso l’Ausl di Reggio Emilia, il suo responsabile scientifico è il Dott. Antonio Romanelli

Nota 2: L’incidenza può considerarsi pressoché completa per gli anni 1996-2018, mentre per il periodo successivo è in corso la rilevazione dei casi. Se si confronta questo rapporto con quello precedente del Giugno 2019 si può osservare che il dato 2018 è passato da 144 a 149 casi per effetto del completamento di alcune istruttorie in corso su specifici casi. Mentre il dato relativo del 2019 passa da 44 a 108.

In sostanza si può affermare che il numero di casi registrati si stabilizza dopo circa 1 anno , a causa del tempo necessario a compiere le istruttorie dei singoli casi. Il dato del 2019 lo si potrà valutare come stabilizzato, con piccolo margine di errore nel Report che sarà pubblicato fra un anno.

Leggi e confronta i precedenti rapporti COR-Renam

“TOGLIAMO L’AMIANTO DAL PAESE ITALIA”: 385 MILIONI DI € ALLE REGIONI PER TOGLIERE L’AMIANTO DA SCUOLE E OSPEDALI – Decreto ministro ambiente Costa

 

Annunciato dal Ministro all’Ambiente Costa il Piano di Bonifica dall’AMIANTO degli edifici pubblici (Scuole ed Ospedali), destinati 385 milioni che saranno suddivisi e messi a disposizione delle Regioni.

E’ ora necessario che le regioni avviino i Piani Operativi dove, individuati i siti da bonificare, venga pianificata la progettazione degli interventi.

Naturalmente, sarebbe necessario chiarire come sono stati individuati i bisogni delle diverse regioni, in base a quali stime o mappature.  

Alla Regione Emilia Romagna sono destinati 8.796.062,87 €.

leggi tutta la notizia, scarica la ripartizione per Regione dei finanziamenti e guarda il video del Ministro Costa sul sito di AFeVA ER