mercoledì 26 luglio 2017
you are here: Home arrow Notizie arrow Agenda arrow 127 MORTI BIANCHE: QUESTO L’EPILOGO A FEBBRAIO 2017
127 MORTI BIANCHE: QUESTO L’EPILOGO A FEBBRAIO 2017 Stampa E-mail
Inserito da Editor   
mercoledì 12 aprile 2017

CON IL MESE DI FEBBRAIO 2017 LA LISTA DI VITTIME IN OCCASIONE DI LAVORO SALE A 99. L’ABRUZZO CONTINUA A GUIDARE LA TRISTE CLASSIFICA CON 18 CASI. RISPETTO AL 2016 LA VARIAZIONE DEGLI INFORTUNI MORTALI È AUMENTATA DEL 41,4%.

I primi due mesi del nuovo anno contano ben 32 vittime in più rispetto allo stesso periodo del 2016. I mesi di Gennaio e Febbraio 2017 hanno portato al triste esito di ben 127 casi di infortuni sul lavoro con esito mortale: 99 in occasione di lavoro (il 41,4% in più rispetto i primi due mesi del 2016) e 28 in itinere. Un dato particolarmente elevato quello rilevato dall’ultima analisi condotta dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering sulla base di dati INAIL. 

L’Abruzzo è la Regione che, anche questo mese, guida la luttuosa classifica con 18 casi, seguita dalla Lombardia con 12 decessi e dal Veneto con 11.

Analizzando la situazione da un punto di vista dell’incidenza sugli occupati, si può riscontrare che la macro area interessata maggiormente è il Sud Italia con un indice di incidenza pari al 9.3 e 32 casi (il 32,3% del totale), seguita dalle Isole con un indice di 5.2 e 10 casi. 

La situazione Provinciale è guidata da Pescara con 12 casi registrati e un indice di incidenza pari al 112.5, seguita da L’Aquila con 5 casi e un indice di incidenza pari al 46.1.

I settori “non determinati” rappresentano attualmente il settore economico maggiormente colpito con 47 casi di morte sul lavoro, pari al 47,5 % del totale. Questi sono seguiti dal settore manifatturiero e dal settore delle costruzioni con 10 decessi ciascuno, pari al 10,1% del totale.
                                                                                                              
88 casi, pari all’88,9%, hanno coinvolto cittadini italiani, mentre 11 casi, pari all’11,1%, hanno coinvolto degli stranieri. Una percentuale significativa dell’86,9% pari a 86 casi, viene imputata a morti bianche che hanno coinvolto persone di sesso maschile, mentre 13 sono i casi che hanno interessato persone di sesso femminile (pari al 13,1%).

Due sono le fasce d’età che contano maggiori vittime in questi primi mesi del 2017: quella tra i 55 e 64 anni e quella tra i 45 e 54 anni, rispettivamente con 30 e 29 casi (pari al 30,3% e al 29,3% dei casi totali). Tuttavia, analizzando la situazione e considerando l’indice di incidenza sugli occupati, la fascia d’età maggiormente colpita è quella degli ultra sessantacinquenni (con un indice di incidenza del 15,9). 

I dati sopra citati sono disponibili attraverso la pubblicazione mensile sul sito www.vegaengineering.com.

Ci auguriamo che il comunicato e le tabelle statistiche possano diventare un utile strumento di lavoro per Voi e possano contribuire a diffondere la cultura della sicurezza sul lavoro. 

Marta Colpo

Osservatorio
Sicurezza Vega Engineering

cid:261041011@10022010-2480

Ufficio Stampa - Dott.ssa Marta Colpo  
Centro Direzionale Terraglio Uno - Via Don F. Tosatto 37 – Mestre (VE) 
Tel 041-957185 - Fax 041 3969038
Web site: www.vegaengineering.com

Social Network: LinkedIn – Facebook -  Twitter – You Tube - Google+


< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente Luglio 2017
Evidenze


Rinasce l’archivio del Crd


Diego Alhaique



Una mattina di primavera del 1999 squillò molto presto il telefono di casa. Era Gastone Marri. Mi comunicava che l’archivio del Centro ricerche e documentazione rischi e danni da lavoro (Crd) stava per essere mandato al macero. Leader della Cgil nel periodo più ricco e intenso della partecipazione diretta dei lavoratori alle lotte di fabbrica contro la nocività delle condizioni di lavoro, Marri aveva ideato il Crd, l’aveva fortemente voluto e poi diretto, dalla sua costituzione nel 1974. Sapeva bene, quindi, l’immensa perdita di memoria storica che una tale evenienza avrebbe comportato. L’archivio giaceva abbandonato in quella che era stata la sua sede, a Roma, in viale Regina Margherita, in un appartamento al primo piano di un vecchio palazzo umbertino, in affitto al Centro unitario dei patronati, che però da lì a poco l’avrebbero lasciato. 


continua ---> leggi tutto


Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Podcast









Ambiente Lavoro Salute - Podcast di Diario Prevenzione 

25 luglio  2017 - puntata n° 47
a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di 

- La precarietà nella professione di giornalista, rischi per la salute. Un numero monografico della Rivista HesaMag 15 - 2017


- MIOPI ALLO SPECCHIO - A proposito della cultura dei genitori che si oppongono alle vaccinazioni dei figli

- ATTACCO AL CAPITALE UMANO DEL SSN ( da saluteinternazionale.info)

- Rinasce l’archivio del Crd  di Diego Alhaique



(34 MINUTI)



Per ascoltare le puntate

clicca 


***


Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !

Act NOW!

OndeCorte
 
OndeCorte
I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013