Le vite degli altri . Una sentenza singolare…

Lunedì sera andremo in onda con una vicenda drammatica il cui esito giudiziario urla rabbia per qualsiasi cittadino intellettualmente onesto.
Alle 23:45 del 29 giugno 2009 un treno merci carico di gas GPL deraglia nella stazione ferroviaria di Viareggio e un’onda di fuoco investe e uccide 32 innocenti.
Accanto alla vicenda processuale che vede protagonisti i parenti delle vittime, alla ricerca delle responsabilità ( a vari livelli) dei diversi dirigenti coinvolti, vi sono: Vincenzo Cito, Filippo Cufari, Dante De Angelis, Maurizio Giuntini, Alessandro Pellegatta e Giuseppe Pinto, sei ferrovieri, sei RLS che hanno condiviso la battaglia per la sicurezza, la verità e la giustizia mettendo a disposizione le conoscenze di carattere tecnico (documenti, prove e testimonianze), sia per la formazione delle determinazioni processuali, sia per la divulgazione delle regole di dettaglio del funzionamento del sistema ferroviario, con processi produttivi sconosciuti ai più. Il tutto costituendosi PARTE CIVILE nel processo. Continua a leggere “Le vite degli altri . Una sentenza singolare…”

Lavoro e Salute marzo 2021

 

 

E’ disponibile online il numero di marzo 2021 della Rivista Lavoro e Salute

Scarica il pdf della Rivista 

Indice

3- editoriale L’ammucchiata fra simili
4- Autonomia differenziata: guardarla da SUD per vedere l’effetto
7- La frana della montagna di Tavernola Bergamasca
8- Esegetica di un governo nato dall’alto. L’autorevole distruttore
SANITA’
10- Le possibilità di un’industria farmaceutica pubblica oggi
12- Crisi Covid, l’accusa di Manon Aubry
14- Suor Teresa Forcades racconta il potere della farmacocrazia
15- Come aderire a Medicina Democratica Onlus
16- Vaccini, test salivari, medicina territoriale
17- Oggi siamo nella stessa situazione di un anno fa
18- Professionalità e responsabilità. E di scena il triage
20- Il mito della neutralità della comunità scientifica
21- DRG, un sistema che paga l’aumento delle malattie
22- Operatori sanitari e salute mentale durante la pandemia
23- La salute mentale, dal “manicomio” al socio-sanitario

Continua a leggere “Lavoro e Salute marzo 2021”

Il virus della disuguaglianza

Fonte Collettiva

Mille super-ricchi recuperano le perdite generate dal Covid in soli 9 mesi, mentre per i miliardi di persone più povere del pianeta la ripresa potrebbe richiedere oltre dieci anni

Ingiustizia, iniquità disuguaglianza, disparità, sperequazione, divario, differenza. Non mancano i termini per descrivere quanto già esisteva nelle nostre società e che è ora esploso prepotentemente con questa pandemia e Oxfam ci fornisce le prove con il suo rapporto, dal quale emerge che “le 1.000 persone più ricche del mondo hanno recuperato il loro livello di ricchezza pre-Covid in soli 9 mesi mentre potrebbero essere necessari oltre 10 anni per le persone più povere per recuperare dall’impatto economico della pandemia”. Continua a leggere “Il virus della disuguaglianza”

Fais-Pendoli: un video che ricorda le vittime dell’amianto in OGR

Fonte: AFeVA che ringraziamo

Bologna, 1 dicembre 2020

Salvatore Fais

Questo docufilm è stato realizzato: per la parte documentale da Salvatore Fais matricola FS 897173 e per il montaggio da Loris Pendoli matricola FS 897171 e anche ex operaio della officine Casaralta.

Il bisogno di dare visibilità a una strage negata e offesa nella memoria, con le crude testimonianze delle vittime e dei familiari delle vittime, per contestare con forza e sdegno, una scandalosa e vergognosa sentenza penale di archiviazione, riuscendo in una disposizione, quello di negare il sacrosanto diritto di giustizia per le uccisioni da amianto di lavoratori inerti nella officina grande riparazione delle ferrovie dello stato di via Casarini a Bologna. Dove personalmente constatiamo…purtroppo da una quindicina di anni che si è perseguito a livello politico e di magistratura un orientamento giurisprudenziale del disconoscimento dell’assassinio di tanti.. troppi lavoratori…colpevoli solo di lavorare, con responsabili aziendali che nulla hanno fatto per tutelare la salute dei propri lavoratori. Le ultime sentenze di OGR e CASARALTA  lo sono a dimostrare.
Che dire oltre allo sdegno e  alla rabbia per una sentenza complice di quelle morti:  guardate la realtà dei fatti e ciò che con queste sentenze si è voluto negare. Buona visione.

Salvatore Fais e Loris Pendoli

Succede in Svizzera. Lavoro: Controlli e controllori del tutto insufficienti

La pandemia ha reso ancora più evidenti le lacune in materia di protezione dei dipendenti nelle aziende. La Svizzera non rispetta le direttive Oil

Fonte : Areaonline.ch 

Autore:  Claudio Carrer

Piani di protezione insufficienti, autorità federali e cantonali troppo passive e gravi lacune nell’ambito dei controlli sui luoghi di lavoro per quanto attiene al rispetto delle misure di tutela della salute delle lavoratrici e dei lavoratori. È in queste condizioni che la Svizzera sta gestendo la seconda violenta ondata della pandemia di coronavirus. Di qui il moltiplicarsi degli appelli delle organizzazioni sindacali affinché vengano adottati provvedimenti a vari livelli per ridurre il rischio di contagio in ambito professionale.

Continua a leggere “Succede in Svizzera. Lavoro: Controlli e controllori del tutto insufficienti”

Storia senza fine, nuova tragedia all’OGR di Bologna di Salvatore Fais

Fonte Facebook
Una strage senza fine, dopo l’amico e collega Giancarlo Mazzetti deceduto il 9 maggio, oggi lo sconforto e la rabbia in me per una strage che ci sta strappando alla vita ad uno a uno . Ieri sera s ‘è preso Luciano.
Maledetto amianto e maledetto chi pur sapendo non lo ha difeso dalle mortali fibre dell’amianto
La strage infinita, senza sosta e senza respiro, non sono bastati i più di 305 colleghi che ti hanno preceduto morti per essere stati esposti alle fibre mortali dell’amianto per profitto, il 2020 l’ennesimo lutto colpisce ancora i lavoratori delle OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI DELLE FERROVIE DELLO STATO di BOLOGNA.
La comunità OGR in questo momento di dolore, si stringe attorno ai familiari di Luciano.
Ciao Luciano resterai sempre con noi.  Questa storia che dura ormai da più di 40 anni e che ha visto i lavoratori dello stabilimento in prima linea nella lotta alla sicurezza degli ambienti di lavoro e alla salute dei lavoratori esposti inconsapevolmente alle famigerate polveri killer dell’amianto, accumulando nel tempo un vero e proprio bollettino di guerra, causando a questa comunità operaia dell’OGR oltre 305 vittime, mettendo ancora oggi in apprensione quanti anno lavorato in stabilimento, e quanti ancora vi lavorano. Ieri sera l’ultima tragedia, ancora l’amianto…… mesotelioma.. priva della voglia di vivere il nostro collega Luciano Tonioli, tutti quelli che hanno avuto l’onore di conoscerlo e apprezzarne le sue qualità umane professionali, sono affranti e sconfortati per la sua perdita, gli amici i colleghi tutti addolorati nell’assistere passivamente a questa sterminio si stringono vicini al dolore dei famigliari con tanta pena.
GRANDE TRISTEZZA E SCONFORTO
ho un gran nodo in gola è in me nell’apprendere questa brutta notizia, sei stato un amico ci saremmo dovuti trovare questa settimana, ma il male non c’è l’ha permesso.
OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI DELLE FERROVIE DELLO STATO di via Casarini BOLOGNA.

I lavoratori domestici di cura chiedono uno “scudo contro COVID-19”

Aggiornamenti e chiarimenti all circolare del Ministero della Salute del 29 aprile 2020, con particolare riguardo ai lavoratori e alle lavoratrici fragili

Fonte Snop.it

Indicazioni operative relative alle attività del medico competente nel contesto delle misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2 negli ambienti di lavoro e nella collettività (4 settembre 2020)

 

Attachments:
File File size
Download this file (Min salute Circolare lavoratori fragili 04092020.pdf)Min salute Circolare lavoratori fragili 04092020.pdf 817 Kb

La tecnologia blockchain digitale può migliorare le condizioni di lavoro nel Sud del mondo?

Fonte Equaltimes.org

di Laura Villadiego

Visti dall’alto, gli allevamenti di gamberetti che punteggiano la costa della provincia thailandese di Surat Thani formano un mosaico acquoso di piscine. La vista da terra, tuttavia, presenta un’immagine diversa: la maggior parte di queste fattorie sono nascoste dietro alti muri e le informazioni su ciò che accade dietro di loro sono difficili da trovare.

L’industria della pesca in Thailandia, il principale produttore mondiale di gamberetti , è stata oggetto di anni di critiche per la sua opacità e di numerosi scandali di abusi sul lavoro in varie fasi della catena di produzione. Nonostante le riforme intraprese dal governo negli ultimi anni, gli allevamenti ittici continuano ad essere un importante punto di contesa nel settore.

“I lavoratori dell’acquacoltura [in Thailandia] vengono solitamente assunti da altri paesi, come il Myanmar [Birmania], e vivono sul posto negli allevamenti ittici. Le condizioni sono spesso dure quando il lavoro viene svolto sotto il sole “, afferma la data scientist Juliette Alemany di FairAgora Asia, una società di consulenza con sede in Thailandia specializzata in tracciabilità nell’industria alimentare. Nascoste dietro queste mura, alcune aziende non sempre registrano i propri dipendenti o rispettano le leggi sul lavoro esistenti.

Ma una semplice applicazione mobile sviluppata da FairAgora Asia potrebbe aiutare a cambiare la situazione fornendo un picco virtuale dietro queste mura e facendo luce su ciò che accade in questi allevamenti ittici.

Basata sulla tecnologia blockchain digitale (un registro condiviso che garantisce la veridicità delle operazioni Internet), FairAgora Asia ha progettato la sua piattaforma digitale VerifiK8 per aiutare le aziende a monitorare e riferire sulle loro condizioni di lavoro e sull’impronta ambientale.

“È uno strumento digitale che monitora l’impatto sociale e ambientale [delle aziende]. Controlla i parametri sociali [forniti dalle aziende] rispetto ai dati di produzione per scoprire se le aziende lungo la catena di produzione sono dalla parte “rossa” o “verde” in termini di impatto “, afferma Emmanuelle Bourgois, fondatrice di FairAgora Asia.

Continua a leggere “La tecnologia blockchain digitale può migliorare le condizioni di lavoro nel Sud del mondo?”

Circolare Inail n. 34 del 11 settembre 2020 per il reinserimento e l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro.

Regolamento per il reinserimento e l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro. Circolari Inail 30 dicembre 2016, n. 51, 25 luglio 2017, n. 30 e 26 febbraio 2019, n. 6. Valutazione delle limitazioni funzionali e individuazione degli interventi. Chiarimenti interpretativi.

L’articolo 3 del Regolamento in oggetto individua, quali soggetti destinatari degli interventi di reinserimento e di integrazione lavorativa tutti i lavoratori con disabilità da lavoro tutelati dall’Inail che, a seguito delle menomazioni conseguenti all’evento lesivo di origine lavorativa o del relativo aggravamento e delle connesse limitazioni funzionali, necessitano di progetti personalizzati mirati a consentire o ad agevolare la prosecuzione dell’attività lavorativa […]

REGGIO EMILIA. PROCESSO MEDICI DEL LAVORO: ASSOLTE CON FORMULA PIENA LE DOTTORESSE MARTINELLI E GUIDI.

17 Luglio 2020

Il 15 Luglio scorso, dopo ben 5 anni, si è concluso il processo contro gli organi ispettivi dei Servizi di medicina preventiva con una sentenza eclatante: il giudice infatti ha stabilito che “il fatto non sussiste” assolvendo con formula piena le dottoressa Marinella Martinelli e Loredana Guidi.

I fatti risalgono al 2015 quanto l’allora Presidente di Unindustria, Stefano Landi, firmò un esposto-denuncia per concussione nei confronti delle operatrici dello Spsal con l’accusa di aver arrecato minacce e danno ad alcuni medici competenti di quella che può essere considerata la più importante agenzia territoriale sui temi della sicurezza: la Check up service.
Un’agenzia che fa capo ad Unindustria, e che si avvale di diversi medici competenti per le ditte più importanti, contando un piccolo esercito di medici competenti che gestiscono la sorveglianza sanitaria per diverse migliaia di lavoratori in provincia di Reggio Emilia.

In campo c’erano gli interessi delle imprese coinvolte, a partire dall’obbligo di denuncia/segnalazione alla Direzione territoriale del lavoro, all’Ausl e all’Inail di malattie professionali riscontrate, laddove non ottemperare a tale obbligo significa compiere un reato penale.

A Reggio Emilia assistiamo alla contraddizione per cui da un lato queste segnalazioni sono pochissime, soprattutto da parte dei medici competenti, e dall’altro arrivano da parte dei lavoratori moltissime denunce di malattie muscolo-scheletriche agli arti superiori. 
Parliamo di circa 11.000 lavoratori e della prima causa in assoluto di malattia di origine professionale a Reggio Emilia come in Italia.

Il dubbio legittimamente sorto è che, dietro la denuncia di concussione a Martinelli e Guidi, ci fosse la volontà di nascondere questa verità, e cioè che sul lavoro ci si ammala spesso.
Anche a 40 anni si può diventare inidonei al lavoro, perché ritmi e carichi di lavoro sono aumentati considerevolmente e gli spazi per il recupero psico fisico sono stati annullati.

In Cgil, e in particolare al Dipartimento salute e sicurezza, si registrano quotidianamente casi di allontanamento dal lavoro senza retribuzione o di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, e quasi sempre i tentativi di reinserimento lavorativo di persone con inabilità non vengono accettate dalle aziende.

Occorre che il medico competente sia slegato dall’impresa e che imprescindibili siano i comportamenti rigorosi e scrupolosi degli operatori dei servizi di prevenzione pubblica.
Si assiste infatti ad un fenomeno che rivela tutta la debolezza di un sistema di prevenzione e di sorveglianza sanitaria che nei fatti è stato privatizzato. Quando un medico competente denuncia troppo viene allontanato e sostituito facilmente.

Ci siamo pertanto meravigliati dell’equidistanza dell’AUSL su questa vicenda, e abbiamo considerato ingiusto l’allontanamento dal servizio ispettivo di operatori esperti e così capaci.

La Cgil infine esprime un ringraziamento per il rigore professionale delle dottoresse Martinelli e Guidi che hanno tenuto alta la bandiera della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

La Segreteria della Camera del Lavoro
Il Dipartimento salute e sicurezza della CGIL di RE

Regione Emilia-Romagna. Emergenza epidemiologica COVID-19 e nozione di “lavoratore fragile” – Chiarimenti.

Emergenza epidemiologica COVID-19 e nozione di “lavoratore fragile” – Chiarimenti.
La Regione Emilia-Romagna ha elaborato questo documento per fare chiarezza sulla tutela dei c.d. “lavoratori fragili”. Questo documento ha origine dalle richieste provenienti dalle Istituzioni scolastiche. Questi chiarimenti dovrebbero favorire il lavoro dei Dirigenti scolastici.

IL DOCUMENTO