Vai al contenuto

Il flusso informativo del mainstream, pervaso dalle narrazioni che generano paure tanto forti quanto immotivate sulle inesistenti invasioni di migranti oscura e relega alle cronache locali i report dei decessi o di gravi malori sul lavoro verosimilmente causati dalle ondate di calore. Sono troppi i lavoratori del settore costruzioni o infrastrutture all'aperto che sono esposti alle temperature estreme di questi giorni. Per il settore delle costruzioni esistono strumenti protettivi quale la Cassa integrazione coperte dalle Casse edili nei casi di ondate di calore… Per altri settori industriali le imprese possono adottare provvedimenti di organizzazione del lavoro utilizzando le ore del mattino meno calde… Pubblichiamo questo primo riassunto elaborato da Alberto Baldasseroni dopo una ricerca in rete che ha posto in evidenza questi casi di decessi o di gravi malori attribuibili alla esposizione alle ondate di calore.

Riassunto dei casi di presunta morte o grave malore verificatisi in occasione dell’ondata di calore della settimana 24 giugno 01 luglio 2019 in Italia e segnalati dalla stampa, trovati tramite Google con ricerca basata su parole chiave.
a cura di Alberto Baldasseroni

 

FONTE  CIIP 

Il lavoro in situazioni di temperature elevate è un tema sempre più attuale. Il progetto Heat Shield del CNR finanziato da fondi europei è stato riproposto in questo sito negli ultimi anni.

Proponiamo agli interessati, oltre alle iniziative Heath Shield del 20172018 e 2019, alcuni documenti che possono aiutare per affrontare questa tematica tipica dei mesi estivi.

"Lavoro d’estate in condizioni di temperatura elevata: il rischio di colpo da calore", pubblicato a cura del Coordinamento Provinciale SPISAL di Padova

"Estate sicura - come vincere il caldo. Consigli alla popolazione per affrontare le ondate di calore", pubblicato dal Ministero della Salute - CCM

"Estate sicura - Caldo e lavoro. Guida breve per i lavoratori". pubblicato dal Ministero della Salute - CCM - INAIL - D/Ep/Lazio

FONTE NEWS.YAHOO.AU

[ traduzione google translator ] 

Più di 500 lavoratori in un consiglio comunale  di Sydney hanno abbandonato il lavoro dopo che il management si è presumibilmente rifiutato di prestare attenzione alle loro preoccupazioni sull'uso del diserbante basato su glifosato Roundup, che è stato collegato al cancro.

Lo staff esterno del Blacktown City Council lo scorso mese ha rifiutato di continuare a usare gli spray al glifosato, esortando la direzione a seguire la guida di altri consigli locali che hanno vietato il prodotto e hanno iniziato a sperimentare alternative più sicure, ha detto la United Services Union. ...continua a leggere "Sydney council workers protest Roundup use"

 

FONTE : RAINENWS.IT

E' la seconda vittima sul posto di lavoro. Si tratta di un operaio 24enne deceduto in ospedale venerdì sera.Parliamo ancora di caldo, perché alle cinque vittime di ieri se n'è aggiunta una sesta, la seconda sul posto di lavoro e sempre a Verona. Questa volta, a perdere la vita, un muratore 24enne ricoverato in ospedale nello stesso giorno, giovedì, in cui era stato ricoverato un agricoltore di 77 anni, poi deceduto

Il tragico episodio, che ha visto il decesso del 24enne, si è verificato a Colognola ai Colli. Il giovane carpentiere di origine kosovara, risiedeva nel Bresciano, ed era impegnato nella ristrutturazione di villa Zoppi, un edificio storico del Comune veronese, dove si recava da alcuni giorni con la sua squadra alle dipendenze di una ditta lombarda. Al momento di tornare sul furgone, attorno alle 17.30, il ragazzo si è diretto verso un marciapiede dove si è infine accasciato. Avvicinato dai colleghi, il giovane non dava segni di vita e perciò sono stati chiamati i soccorsi. Prelevato da un'ambulanza è stato elitrasportato in ospedale al Fracastoro di San Bonifacio, dove è arrivato già in codice rosso. Nonostante gli sforzi del personale medico e a distanza di un giorno dal malore, il ragazzo è deceduto.

di Gabriella Galli

L’Istituto sindacale europeo (Etui) ha condotto uno studio finalizzato a stimare gli oneri economici e umani dovuti all’incidenza degli agenti cancerogeni.

Alcuni dati

Ogni anno nell’Unione europea 1,3 milioni di persone muoiono di cancro.

Tra il 2 e il 12% si stima (dati di letteratura scientifica) siano i decessi da attribuire all’esposizione professionale ad agenti cancerogeni.

Gli agenti cancerogeni individuati, nello studio dell’Etui, come i principali responsabili dei danni gravi e mortali per la salute dei lavoratori sono 25

si tratta di prodotti chimici, sostanze generate da processi come le polveri di legno e le emissioni diesel, fattori occupazionali come lavoro a turni, industria della gomma.

I 25 agenti selezionati sono responsabili ogni anno di circa 190.000 nuovi casi (tra i 125.000 e i 275.000).

Le sedi di cancro occupazionali più frequenti sono: polmone, mammella e vescica.

Il costo complessivo dei danni conseguenti all’esposizione ai 25 agenti considerati è stimano tra i 270 e i 610 miliardi di euro per anno nell’Ue -28 (corrispondente all’1,8-4,1% del Pil dell’Ue).

L'ARTICOLO PROSEGUE SU  REPERTORIOSALUTE.IT