Vai al contenuto

 

Riteniamo utile e importante in un'epoca in cui il confronto delle proposte tra forze di pensiero diverse pare soccombere rispetto ai discorsi di incitamento all'odio, alla produzione di false notizie tese a seminare paure e ad individuare "capri espiatori".

La libertà di parola e la libertà di espressione sono una parte fondamentale della nostra democrazia.Tuttavia, non devono essere usate per produrre danni agli altri.

Non è accettabile dare la colpa a razze diverse, gruppi etnici o religiosi, lavoratori migranti o rifugiati per i problemi del nostro paese.
Purtroppo  questa campagna elettorale per le elezioni europee rischia di caratterizzarsi per la virulenza degli slogan, con la ricerca facile di consensi con slogan razzisti, con assalti a persone indifese appartenenti a minoranze etniche. La propaganda di un ministro a tempo perso produce un grottesco decreto sicurezza bis che prevede sanzioni per chi opera salvataggi di naufraghi in mare, un vero e proprio dispositivo teso alla istigazione alla omissione di soccorso.
La formazione del Parlamento Europeo e il ricambio nelle istituzioni europee che ne conseguirà devono avere come obbiettivo la costruzione di una vision e di una strategia per affrontare i grandi temi che costituiranno le sfide dei prossimi anni.
Per questo motivo segnaleremo nei prossimi giorni documenti rilevanti utili alla riflessione per scegliere bene.

Il primo documento che segnaliamo:

REFOCUS THE EUROPEAN UNION:  PLANET, LIFETIME, TECHNOLOGY

A report by the European Reformists, edited by Heather Grabbe and Tomáš Valášek

Buona Lettura

Il sito predisposto dalla Commissione Europea per la segnalazione di prodotti pericolosi questa settimana riporta la segnalazione di numerosi giocattoli in ragione o del rilascio di sostanze chimiche pericolose o per il rischio che parti di essi possano essere inghiottite dai bambini più piccoli.
Altri prodotti di uso comune vengono segnalati come asciugacapelli, ecc.

 

Rapid Alert System - Weekly Report
Report 19 ( Published on: 10/05/2019)

  • Dichiarazione sostenuta da oltre 30 organizzazioni benefiche antirazziste, gruppi comunitari, organizzazioni per i diritti delle donne e gruppi per i diritti umani
  • Le autorità locali hanno esortato a correggere le false affermazioni fatte sulle loro aree durante la campagna elettorale

Il TUC, i gruppi comunitari, le organizzazioni per i diritti umani e gli enti di beneficenza hanno oggi (venerdì) un appello congiunto senza precedenti sui partiti politici per sradicare i discorsi di incitamento all'odio durante la campagna elettorale europea.

La dichiarazione - organizzata dal TUC - è firmata da più di 30 organizzazioni e chiede a tutti i partiti politici di opporsi a discorsi di incitamento all'odio illegali.

E sollecita le autorità locali a correggere pubblicamente le false affermazioni fatte da candidati e partiti che potrebbero suscitare divisioni nelle loro comunità.

Frances O'Grady, segretaria generale del TUC, ha dichiarato:

"Non c'è spazio per il razzismo, la misoginia o qualsiasi altra forma di odio durante - o dopo - queste elezioni.

"Ci auguriamo che i politici e la società civile si uniscano a noi nella richiesta di una campagna rispettosa".  

La dichiarazione dice:

Invitiamo i partiti politici a prendere tutti i provvedimenti necessari durante la campagna elettorale del Parlamento europeo per sradicare i discorsi di incitamento all'odio e le false affermazioni che dividono le nostre comunità.

La libertà di parola e la libertà di espressione sono una parte fondamentale della nostra democrazia.Tuttavia, non devono essere usati per incitare danni agli altri. 

Non è accettabile dare la colpa a razze diverse, gruppi etnici o religiosi, lavoratori migranti o rifugiati per i problemi della Gran Bretagna.

La Commissione per l'uguaglianza e i diritti umani (EHRC) ha prodotto delle linee guida su come i partiti politici ei candidati dovrebbero comportarsi durante i periodi elettorali.

Questa guida delinea ciò che è la libertà di parola legale e ciò che è un discorso di odio illecito. E afferma chiaramente che l'incitamento all'odio razziale, all'odio religioso o all'odio a causa dell'orientamento sessuale è contro la legge e non dovrebbe essere usato nelle campagne politiche.

La guida evidenzia anche il ruolo chiave che le autorità locali devono svolgere nel definire le cose in modo diretto, se i candidati usano affermazioni false per influenzare il voto pubblico. Questo per garantire che le persone locali non siano fuorviati.

Le elezioni sono un momento importante per discutere le questioni che riguardano la società.

Qualunque sia il risultato è essenziale che queste elezioni non siano abusate per seminare odio e divisione.Su questo, dobbiamo stare insieme.

firmatari:

Amnesty International
Asylum Matters
British Institute of Human Rights
Citizens UK
Community Security Trust (CST)
End Violence Against Women Coalition
Equality Trust
Equally Ours
Fawcett Society
Friends, Families and Travellers
Gender Identity Research and Education Society
Hope not Hate
Institute of Race Relations
Jewish Council for Racial Equality
Joint Council for the Welfare of Immigrants
Joseph Rowntree Foundation
LGBT Consortium
LGBT History Month
Migrant Voice
Migrants Organise
Muslim Council of Britain
Race on the Agenda
Runnymede Trust
Show Racism the Red Card
Schools OUT UK
Stonewall
TellMAMA
Trades Union Congress
Unite Against Fascism
Women’s Budget Group
Women’s Resource Centre
4in10: London Child Poverty Network

ENDS

Notes to editors:
- The EHRC guidance contains information on freedom of expression for local authorities, candidates and political parties during an election period.

Pubblichiamo questo Report della Presidente della Segreteria Internazionale per la messa al bando dell'amianto Laurie Kazan-Allen che rappresenta la situazione brasiliana .

FONTE: LKA Blog

7 maggio 2019

L'associazione brasiliana degli esposti all'amianto

Mentre il Memorial Day dei lavoratori internazionali (28 aprile 2019) era caratterizzato da servizi commemorativi, manifestazioni pubbliche e vari eventi in tutto il mondo, ho avuto l'opportunità di partecipare al servizio ecumenico annuale dell'Associazione Brasiliana dell'Amianto-Esposto (ABREA ). L'evento, che si è tenuto a Osasco, l'unico centro dell'industria brasiliana di cemento-amianto, si è svolto in una piazza intitolata alla memoria della prima vittima di asbesto dell'ABREA: Aquilino Alves dos Santos. 1 La presenza di così tanti membri ABREA e di visitatori internazionali provenienti da Giappone, India, Indonesia e Regno Unito ha spinto un partecipante a battere "L'anno prossimo, abbiamo bisogno di un quadrato più grande".

Il presidente dell'ABREA, Eliezer João de Souza, ha sottolineato che il servizio è rivolto a tutte le religioni e, in effetti, un ministro spiritista e missionari cristiani hanno parlato al raduno. Con parole gentili hanno dato conforto a coloro che avevano perso i propri cari e hanno elogiato la comunione della famiglia ABREA. Lo slogan sul retro della maglietta indossata da uno dei relatori era apposito: "Gente semplice, fazendo coisas pequenas, em lugares não importantes, consegue mudanças extraordinárias." La traduzione inglese è la seguente: "Gente semplice che fa piccole cose in luoghi poco importanti possono portare cambiamenti straordinari. "

...continua a leggere "L’associazione brasiliana degli esposti all’amianto"

Una brochure prodotta da Funzione Pubblica Cgil nazionale.

La Premessa

La violenza nei luoghi di lavoro è ormai riconosciuta sin dal 2002 come un importante problema di salute pubblica nel mondo (World Health Organization, 2002).
Il National Institute of Occupational Safety and Health (NIOSH) definisce la violenza nel posto di lavoro come “ogni aggressione fisica,comportamento minaccioso o abuso verbale che si verifica nel posto di lavoro”. Gli atti di violenza consistono nella maggior parte dei casi in eventi con esito non mortale, ossia aggressione o tentativo diaggressione, fisica o verbale, quale quella realizzata con uso di unlinguaggio offensivo.
Ogni anno in Italia si contano 1200 atti di aggressione ai danni dei lavoratori della sanità, che è come dire che il 30% dei 4mila casi totali di violenza registrati nei luoghi di lavoro riguarda medici infermieri ostetriche, farmacisti… insomma coloro che curano o si prendono cura dei cittadini. E nel 70% dei casi le vittime delle aggressioni sono donne.
La classifica dei luoghi maggiormente colpiti dalla violenza nel 2017: al primo posto troviamo i Pronto soccorso con 456 aggressioni, seguono i reparti di degenza con 400, gli ambulatori con 320, gli Spdc con 72 atti di violenza, le terapie intensive con 62, le aggressioni al 118 sono state 41, 37 invece quelle nell’ambito dell’assistenza domiciliare, 20 nelle case di riposo e, infine, 11 nei penitenziari. >>> segue

LEGGI LA BROCHURE ( 16 pagine . pdf )