Vai al contenuto

 

FONTE UNITE 

Unite, il sindacato britannico e irlandese più grande che rappresenta l'equipaggio di cabina, ha invitato l'industria aerea a intraprendere azioni urgenti per contrastare l'aria tossica in cabina, e ha altresì annunciato azioni legali in 51 cause giudiziarie contro cinque compagnie aeree del Regno Unito.

Unite sostiene le azioni giudiziarie contro le compagnie aeree del Regno Unito dopo che le prove di esperti indipendenti hanno concluso che l'aria nella maggior parte delle cabine delle compagnie aeree commerciali può causare danni neurologici irreversibili e malattie croniche tra individui sensibili.

Le dichiarazioni sostenute dal sindacato sostengono che le prove mediche esperte mostrano un'esposizione a lungo termine all'aria di cabina o ad "eventi di fumi" ad alte dosi che possono portare a piloti e membri dell'equipaggio che sviluppano malattie croniche e condizioni di pericolo di vita.

...continua a leggere "GB . I piloti e gli equipaggi di cabina lanciano un’azione legale contro le compagnie aeree nella disputa sull’aria tossica"

 

FONTE FBU.ORG.UK

Numerosi studi dimostrano che autorità pubbliche e datori di lavoro non sono in grado di tutelare sufficientemente i vigili del fuoco dal rischio di esposizione ad agenti cancerogeni, mutageni e tossici per la riproduzione (CMR). Ciò significa che i vigili del fuoco sono doppiamente a rischio - non solo dalla natura della loro stessa professione ma anche dalle conseguenze di essa.
Vi è un grande divario tra i tumori riconosciuti come malattie professionali nei vari paesi e il numero di tumori attribuibili all'esposizione professionale. Dati nazionali e dati UE sui tumori contengono pochissime informazioni sulle professioni dei malati di cancro. L'European Trade Union Institute (ETUI) stima che l'8% di tutti i casi di cancro siano correlati al lavoro, costituendo il 12% dei casi di cancro tra gli uomini e il 7% dei casi di cancro tra le donne. Inoltre, studi specifici hanno dimostrato che i vigili del fuoco nella fascia di età compresa tra 30 e 49 anni presentano un significativo rischio di eccesso di cancro alla prostata e melanoma cutaneo.

...continua a leggere "I vigili del fuoco inglesi chiedono una maggiore protezione dall’esposizione a sostanze cancerogene, mutagene e reprotossiche"

 

FONTE BALPA 

08/01/2019

traduzione assistita da Google Translator

La British Airline Pilots 'Association ha fatto una dichiarazione rispetto all'ultimo episodio di sorvoli di droni a Heathrow, che ha visto i voli temporaneamente bloccati.

Il segretario generale della BALPA, Brian Strutton, ha dichiarato:

"Questo secondo incidente con il drone in meno di un mese ha dimostrato quanto sia importante che gli aeroporti investano immediatamente nella tecnologia di protezione dai voli dei droni. Il governo dovrebbe garantire che ogni aeroporto lo faccia nell'interesse della sicurezza pubblica e dovrebbe accelerare e rafforzare la sua ulteriore legislazione sui droni prevista per la fine dell'anno. È tempo di agire in modo rapido e deciso.

"Un incidente aereo o in elicottero con un drone ha il potenziale per essere catastrofico e quindi è giusto che Heathrow sia stato chiuso fino a quando non è stato sicuro che i voli potevano decollare e atterrare di nuovo in sicurezza. Questo provvedimento può essere frustrante per i passeggeri che sono in ritardo ma  è la loro sicurezza che deve venire prima. "

Data di rilascio: 20/12/2018

La British Airline Pilots Association (BALPA) ha risposto ai rapporti secondo cui Gatwick è stato chiuso a causa di numerosi avvistamenti di droni.

Il capo della sicurezza del volo di BALPA, il dott. Rob Hunter, ha dichiarato:

"Il pubblico deve capire che i droni non sono solo giocattoli e potrebbero avere conseguenze catastrofiche se si scontrano con un aereo. Sappiamo che molti droni saranno sotto gli alberi di Natale delle persone e li imploriamo per assicurarci che siano a conoscenza delle regole e pilotino i loro droni in modo sicuro e ragionevole.

"Questi avvistamenti di droni a Gatwick sono un'ulteriore prova del fatto che sono necessarie leggi e leggi più severe per tenere  lontani  i droni dai voli con equipaggio. Ecco perché abbiamo bisogno del processo di registrazione e di formazione in vigore prima piuttosto che dopo, così le persone che violano la legge possano essere scoperte e processate. Allo stesso tempo, BALPA chiede anche al governo di prendere in considerazione l'irrigidimento della legge per creare una zona no-fly più ampia intorno agli aeroporti.

"Dobbiamo garantire che le persone che fanno volare droni si assumano la responsabilità delle loro azioni e lo facciano responsabilmente con la consapevolezza che, se mettono in pericolo un aeromobile, potrebbero essere condannati a pene detentive ".