Documentario Arte.tv : “Amianto – Una storia senza fine”

 

 

SCHEDA

Amianto – Una storia senza fine

L’amianto non brucia, respinge l’umidità, può essere miscelato con cemento e trasformato in tessuti. Per decenni, la sostanza ha isolato gli scheletri d’acciaio dei grattacieli ed è stata trovata negli pneumatici delle auto, nei pavimenti e negli asciugacapelli. Sebbene l’amianto sia stato ampiamente vietato nell’UE dal 2005, questo documentario rivela come il materiale pericoloso venga comunque prodotto e commercializzato.
Regia Thomas Dandois Alexandre Spalaïkovich

Paese Francia
Anno 2022

Per vedere questo straordinario documentario  clicca

ARTE.  Amianto – Una storia senza fine

Uno straordinario documentario di ARTE.tv sui rischi e sull’uso dell’amianto in Europa e in altre parti del mondo come nella Federazione Russa. Un documentario accurato che disvela quali interessi siano ancora dietro l’industria dell’amianto e come vi sia un fronte teso riabilitare l’amianto crisotilo descrivendolo come poco nocivo. Un falso smentito dalle evidenze delle migliaia di lavoratori che si sono ammalati estraendo e lavorando l’amianto bianco. Questo documentario offre una rappresentazione su scala globale dei paesi nei quali ancora si estrae e si utilizza in grande quantità l’amianto. Un documentario da diffondere e fare conoscere .

 

https://www.arte.tv/it/videos/096315-000-A/amianto-una-storia-senza-fine/

Celebrazioni in favore dell’amianto sospese nella Federazione Russa .Svista curiosa o deliberata: decidi tu!

 

Fonte: Blog LCA

Autrice: Laurie Kazan Allen

18 aprile 2023

La Giornata internazionale per la protezione del crisotilo – una festa inventata dalla lobby dell’amianto per celebrare la generosità fornita da massicci depositi di amianto crisotilo – doveva aver luogo il 16 aprile. In passato il 16 aprile c’erano manifestazioni di fervore pro-crisotilo da parte della popolazione locale così come i lavoratori dell’industria nelle città minerarie di amianto russe e kazake nelle regioni di Sverdlovsk, Orenburg e Kostanay. 1C’erano incontri, concerti e persino gare sportive per condividere la propaganda del crisotilo con le giovani generazioni. Anche quando non c’erano eventi di persona, c’erano articoli online, blog e post su Facebook, tutti usati per esaltare le virtù del “lino di montagna” (un soprannome russo per crisotilo) e denunciare i suoi critici. Quest’anno il 16 aprile è andato e venuto e non ci sono stati comizi, articoli, celebrazioni o post su Facebook. Di questo appuntamento fisso del calendario, c’era solo un silenzio riverberante.

Continua a leggere “Celebrazioni in favore dell’amianto sospese nella Federazione Russa .Svista curiosa o deliberata: decidi tu!”

La Russia legalizza una massiccia raccolta di DNA senza supervisione

 

FONTE: HUMAN RIGHTS WATCH 

La nuova legge è un attacco al diritto alla privacy

di Aleks Lochmutov

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato ieri una legge che estende la raccolta obbligatoria di dati sul DNA a milioni di persone. A chiunque sia sospettato di qualsiasi crimine verrà raccolto il proprio DNA e coloro che sono stati condannati o condannati alla detenzione amministrativa per un reato minore avranno il proprio profilo del DNA archiviato in un database statale a vita.

Questa nuova legislazione rafforza il massiccio sistema di sorveglianza della Russia e sferra un altro colpo al diritto alla privacy. Il governo prevede di raccogliere il DNA di almeno 1,8 milioni di persone ogni anno. Nel 2019, i tribunali russi hanno imposto quasi un milione di condanne alla detenzione amministrativa e 620.000 condanne penali, il che indica la portata prevista delle misure dopo che la legge entrerà pienamente in vigore nel 2025. I reati amministrativi includono la partecipazione a riunioni “non autorizzate”, reati stradali, ubriachezza pubblica e mancato pagamento di una multa minore. Continua a leggere “La Russia legalizza una massiccia raccolta di DNA senza supervisione”

Nel comparto produttivo dell’estrazione dell’amianto nella Federazione Russa vi è crisi ?

Fonte il blog del Segretariato internazionale per la messa al bando dell’amianto ibasecretariat  IBAS 

Problemi di Capodanno per il settore russo dell’amianto?

 

copertura in. cemento amianto – da wikimedia

Un blog IBAS dell’anno scorso ha evidenziato la dicotomia tra la percezione pubblica dell’amianto in Russia e quella altrove. 1 Laddove altri paesi hanno evitato l’amianto per aver causato un numero incalcolabile di morti e problemi di salute tra le loro popolazioni, la Russia l’ha abbracciato. Il fatto che la fibra di amianto prodotta nelle miniere russe rappresentasse quasi il 60% del consumo globale annuo non veniva regolarmente menzionato nella propaganda diffusa dalla lobby dell’amianto per generare domanda per questo cancerogeno riconosciuto. 2

Per molti anni, i dati sul commercio russo di amianto si sono rivelati inaffidabili. Le sanzioni imposte nel 2022 dai paesi occidentali alle esportazioni russe, ci si poteva aspettare, avrebbero avuto un impatto negativo sulle prospettive finanziarie delle parti interessate dell’amianto. Mentre l’ammissione pubblica in tal senso rimane improbabile, ci sono prove che suggeriscono che il settore dell’amianto in Russia non è fiorente.

Continua a leggere “Nel comparto produttivo dell’estrazione dell’amianto nella Federazione Russa vi è crisi ?”

La Russia usa il riconoscimento facciale per dare la caccia agli evasori alla leva

Autrice

Moscow authorities are using the city’s video surveillance system with facial recognition technology to track down and detain draftees seeking to evade mobilization for Russia’s war on Ukraine.

BBC Russian and some Telegram channels reported that at least seven men have been detained over the past month by law enforcement officers after the city’s facial recognition system flagged them to the police as “draft dodgers.” Following their detention, the men were brought to a police station and then a military enlistment office. While some were released as they were not eligible for the draft, at least two were told to go to the front line.

Russian law does not meaningfully restrict the use of facial recognition technology, so there’s little to prevent misuse and few, if any, protections for those under surveillance. Continua a leggere “La Russia usa il riconoscimento facciale per dare la caccia agli evasori alla leva”

La guerra di Putin all’Ucraina sminuisce la posizione della Russia negli affari mondiali

Fonte : Segreteria Internazionale per la messa al bando dell’amianto

Autrice:

Laurie Kazan Allen che ringraziamo

N.B. L’articolo è stato tradotto in italiano con google translator. Per ogni riferimento vale l’articolo alla fonte in lingua inglese 

 

19 aprile 2022

Ieri (18 aprile 2022), ci siamo svegliati con la notizia dell’ennesimo bombardamento russo delle città ucraine la scorsa notte; più morti tra i civili, più distruzione sfrenata. Un cambiamento di paradigma nella nostra percezione e nel rapporto con la Russia è ormai diventato saldamente radicato. 1 Non si tratta, come ha detto al Parlamento il Cancelliere tedesco Olaf Scholtz il 27 febbraio 2022, non più una questione di distensione e impegno, ma di deterrenza e ripudio. 2 Il business as usual, o come è stato dalla fine della seconda guerra mondiale, non è più possibile.

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite lo ha riconosciuto il 3 marzo 2022 quando ha approvato una risoluzione che chiedeva alla Russia: “ritirare immediatamente, completamente e incondizionatamente tutte le sue forze militari dal territorio dell’Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti”. 3 Il 24 marzo, una risoluzione che chiedeva la fine immediata dell’invasione russa è stata appoggiata dalla maggioranza dell’Assemblea Generale. 4

Solo quindici giorni dopo, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che chiedeva la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani (UNHCR) “in risposta all’invasione di Mosca e alle presunte violazioni dei diritti in Ucraina”. 5

Il compito dell’UNHCR è promuovere e garantire i diritti umani nella sua qualità di organismo intergovernativo che opera all’interno del sistema delle Nazioni Unite. Per proteggere gli esseri umani e l’ambiente dalle esposizioni tossiche alle sostanze chimiche, altri due organismi – l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UENP) – hanno sviluppato negli anni ’80 un programma che in seguito è diventato il programma multilaterale trattato che è la Convenzione di Rotterdam sulla procedura di previo consenso informato per determinati prodotti chimici pericolosi e pesticidi nel commercio internazionale (RC).

Continua a leggere “La guerra di Putin all’Ucraina sminuisce la posizione della Russia negli affari mondiali”

Russia: sostegno del governo all’industria dell’amianto

Fonte IBAS

A seguito delle sanzioni economiche alla Russia per l’invasione dell’Ucraina, le esportazioni russe di amianto sono state bloccate. Poiché la Russia è il più grande produttore ed esportatore di fibra di amianto, le difficoltà che questo settore sta attraversando sono di interesse nazionale. Secondo un notiziario del 31 marzo, Orenburg Minerals – il più grande conglomerato russo di amianto – ha segnalato “problemi anche con la consegna di prodotti in Cina [che possono essere inviati per ferrovia]. I problemi di pagamento sono stati risolti solo con India e Cina; si stanno risolvendo con la Turchia e l’Iran”. Vedi: Субсидиии в 200 млн рублей на процентную ставку выделили оренбургским предпринимателям [Sussidi di 200 milioni di rubli di interesse per gli imprenditori di Amburgo].

Russia – Amianto. Uralasbest sul piede di guerra

Notizie dal Segretariato Internazionale per la messa al bando dell’amianto.

Fonte ibasesecretariat.org

 

23 marzo 2022

Nonostante un sostanziale aumento dei profitti per l’anno finanziario 2021, Uralasbest, il secondo conglomerato di amianto più grande della Russia, ha annunciato questa settimana che non avrebbe pagato dividendi. Il 22 aprile 2022, in occasione dell’Assemblea Generale Annuale della società, verrà comunicato agli azionisti: “Si è deciso di non distribuire utili a causa dell’aggravarsi della situazione economica esterna. È meglio non spendere questi fondi ora, in modo che in seguito ci sarà l’opportunità di sostenere la produzione se non c’è abbastanza capitale circolante”. Vedi: Свердловский производитель асбеста отказался платить дивиденды [Il produttore di amianto di Sverdlovsk ha rifiutato di pagare i dividendi].

Federazione Russa: le condizioni di lavoro per i lavoratori esposti ad amianto

FONTE  IBASE

Un articolo caricato sul sito web di Mosca Post il 14 gennaio 2020, ha messo in evidenza le deplorevoli condizioni di vita e di lavoro per la popolazione della città mineraria russa dell’amianto “Amianto”, dicendo: “non ci sono bambini sani in città … [e ], ci sono molti malati di cancro. ”Nel 2012, l’incidenza del cancro in città con 493 casi per 100.000 persone è stata la più alta nella regione di Sverdlovsk; nel 2015, questa cifra era salita a 572 e c’era un tasso di mortalità di 292 casi per 100.000 – il tasso medio regionale era 218. Vedi: “Дорожная карта” Шмотьева в “обход” закона? [“Shmotiev’s Roadmap” per “aggirare” la legge?].

I Diktat dell’amianto della politica estera russa

fonte International Ban Asbestos Secretariat che ringraziamo

Nel tentativo disperato di sostenere l’industria dell’amianto in una fase di indebolimento del paese, il governo russo ha fatto ricorso a tattiche energiche contro i piani dei governi asiatici di proteggere le popolazioni vietando le importazioni di questo noto cancerogeno. La mossa più recente è stata oggetto di un articolo in lingua russa pubblicato l’8 agosto 2018, che dettagliava le minacce di embargo verso le importazioni dalla Russia di biancheria intima vietnamita come rappresaglia per l’attuazione di una norma con scadenza al 2023 che aveva l’obiettivo di vietare l’uso di prodotti da costruzione contenenti amianto in Vietnam . In risposta alle consultazioni sul divieto, le importazioni vietnamite di amianto dalla Russia sono diminuite da 49.000 tonnellate nel 2016 a 22.000 tonnellate nel 2017; dal 2014 al 2016, le importazioni di amianto russo verso il Vietnam sono state in media di 50.000 tonnellate / anno il cui valore è stato valutato a 30 milioni di dollari. (1)

Non si sa ancora quale azione, se del caso, il Vietnam prenderà in considerazione questo chiaro esempio di imperialismo commerciale.

Alla fine dello scorso anno (2017), la Russia ha bruscamente interrotto le importazioni di tè dallo Sri Lanka, causando una grave minaccia per l’economia dello Sri Lanka. Appena 2 giorni dopo il governo dello Sri Lanka ha annunciato la sua decisione di rinviare il divieto delle importazioni di amianto dalla Russia. Lo Sri Lanka aveva in precedenza annunciato la graduale eliminazione dell’amianto a partire dal 1 ° gennaio 2018 con un divieto totale previsto per il 2024. Commentando le azioni della Russia, Sharan Burrow, Segretario generale della Confederazione internazionale dei sindacati (CIS), ha dichiarato:

“L’imposizione dell’amianto crisotilo non voluta su una nazione non è un commercio equo, è un omicidio colposo. I sindacati di tutto il mondo detestano questo cinico ricatto economico. La Russia non deve e non può permettersi di fare un buco nelle regole del commercio equo. “( 2)

Continua a leggere “I Diktat dell’amianto della politica estera russa”