Vai al contenuto

 

Fonte Ospedalebambinogesu

"Estate, tempo di vacanza. Dopo il lockdown si torna gradualmente a vivere la socialità, ma senza abbassare la guardia: il virus SARS COV 2 è ancora in circolazione, in Italia continuano a verificarsi focolai di infezione. In attesa di un vaccino efficace e sicuro in grado di prevenire la malattia COVID-19 (oltre 100 gli studi in corso secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità), per proteggersi è necessario mantenere un comportamento responsabile e rispettare le regole di base: distanziamento fisico, uso corretto delle mascherine, igiene delle mani e controllo dei sintomi respiratori. I consigli degli esperti per un'estate sicura senza rinunciare a stare "insieme" sono raccolti nell'ultimo numero di ‘A Scuola di salute', il magazine digitale a cura dell'Istituto Bambino Gesù per la Salute, diretto dal prof. Alberto Ugazio."

" A Scuola di salute "

FONTE PSINTERNATIONAL

Quanto è significativa la trasmissione aerea del virus che causa Covid-19? Questa domanda ha infastidito scienziati, operatori sanitari e pubblico dall'inizio dell'epidemia globale nel gennaio 2020.

Il dibattito sulla trasmissione aerea di Covid-19 si è intensificato all'inizio di luglio quando 239 scienziati di 32 paesi hanno lanciato un "appello aperto alla comunità medica e agli organi nazionali e internazionali competenti a riconoscere il potenziale di diffusione nell'aria di Covid-19".

Pochi giorni dopo, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha aggiornato il suo brief scientifico del 29 marzo intitolato "Modalità di trasmissione del virus che causa Covid-19: implicazioni per le raccomandazioni di precauzione per la prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC)". Questo dibattito non è solo una tempesta in una tazza da tè scientifica. Ha implicazioni politiche molto importanti per le misure di infezione e protezione, comprese quelle per salvaguardare la sicurezza e la salute degli operatori sanitari.

In termini pratici per gli operatori sanitari, ciò implicherebbe l'uso di dispositivi di protezione individuale, compresi i respiratori, preferibilmente alle maschere mediche.
La prima guida dell'OMS sulla malattia fu la "Prevenzione e controllo delle infezioni durante l'assistenza sanitaria quando un nuovo coronavirus (nCoV) Si sospetta infezione ”documento rilasciato il 25 gennaio. È stato adattato dalla precedente guida per la prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC) sviluppata per affrontare l'infezione da coronavirus (MERS-CoV) della sindrome respiratoria del Medio Oriente. Ha posto l'accento sulle precauzioni di contatto e delle goccioline.

Una lettera aperta è stata immediatamente emessa da Global Nurses United, firmata dai sindacati delle infermiere, comprese le affiliate PSI. La lettera sottolineava che la guida non era all'altezza di ciò che era necessario per proteggere la vita di infermieri e altri operatori sanitari. Considerando il fatto che molte cose sono rimaste sconosciute sul virus e sulle sue modalità di trasmissione, hanno chiesto "l'implementazione di precauzioni per via aerea quando gli operatori sanitari si prendono cura di pazienti con possibili infezioni del 2019-nCoV".

...continua a leggere "E se Covid-19 fosse trasmesso per via aerea?"

 

Autore: Francesco Domenico Capizzi * - 08.07.2020

“L’Uomo crea l’Universo attorno a sé con il lavoro. Ricordati dello sguardo che tu gettavi sui campi dopo una giornata di raccolto. Come era diverso dallo sguardo del passante per il quale i campi non sono che un fondale!” (S. Weil, Quaderni, G. Gaeta, vol. I, pag.127, Adelphi 1982). Infinità di strumenti mediatici, ritenuti o percepiti e divenuti indispensabili, invadono tutti gli spazi possibili e immaginabili, tradotti in film, fotografie, interviste, osservazioni, numeri, grafici, impressioni e previsioni, pareri e proclami in nome di una scientificità a volte, e spesso, deformata e violata, aggiornamenti in tempo reale, non senza contraddizioni, sulla pandemia, le sue conseguenze socio-sanitarie e i possibili rimedi strutturali e organizzativi presenti e futuri…Ora, almeno momentaneamente, trascorso il periodo emergenziale virale, da più parti emersa la necessità di  potenziare il Servizio sanitario pubblico, sarebbe opportuna una riflessione diversa dallo sguardo del passante per rivisitare le fondamenta su cui poggia il nostro Sistema sanitario, riesaminarne funzioni e disfunzioni, insufficienze e inadeguatezze e nel medesimo tempo combattere le origini delle grandi classi di malattie (neoplasie, processi degenerativi, cirrosi, obesità, virosi, demenze) per riorganizzarsi, evitarle fin dal nascere, prevenirle e poterle curare nelle fasi iniziali. Ecco, sono questi i campi di lavoro ben differenti dai fondali della pubblicistica d’occasione. 

Dal 1994 il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) assume il carattere aziendale con l’intento di imprimervi efficienza e risparmio mediante un sistema dualistico:

a-     Aziende Sanitarie Locali (ASL) con prestazioni territoriali di igiene-sicurezza e diagnostico-terapeutiche di base e con prestazioni complesse da acquistare dalle Aziende Ospedaliere (AO) avvalendosi di finanziamenti statali-regionali proporzionati al numero di cittadini residenti secondo la quota capitaria di lire 1.550 annue, oggi di euro 2.000;

b-     Aziende Ospedaliere (AO) che offrono prestazioni complesse alle ASL secondo la remunerazione dei DRG (Diagnosis Related Groups) utilizzati dalle assicurazioni USA per gli emolumenti di ogni singolo trattamento.

...continua a leggere "Era solo vento; non abbiamo portato salvezza al Paese”"

FONTE VER.DI

( traduzione  dal tedesco assistita  da google translator _)

La pandemia di coronavirus  mostra l'importanza di una pulizia di alta qualità negli ospedali e nelle strutture di cura. Qui sono richiesti anche requisiti vincolanti per il personale.

Il sindacato Ver.di ha da tempo sottolineato la situazione problematica nella pulizia di ospedali e strutture di cura. È da tempo noto quanto siano importanti per prevenire la diffusione di virus e germi ospedalieri. Tuttavia, i datori di lavoro hanno risparmiato qui negli ultimi anni: un numero particolarmente elevato di personale è stato tagliato nelle aree di servizio, la pulizia e altri servizi sono stati esternalizzati quasi ovunque a filiali o esternalizzati a società esterne. Ad esempio, uno studio condotto negli Stati Uniti mostra che l'outsourcing moltiplica il rischio di infezioni.

Un sondaggio condotto dalla Società tedesca per l'igiene ospedaliera (DGKH) nel 2013 indica anche la connessione tra tagli nella pulizia e rischio di infezioni. A quel tempo, il 60 percento dei medici e degli specialisti dell'igiene affermava che la pulizia era peggiorata negli anni precedenti. In più della metà delle cliniche, la pulizia non viene più effettuata la domenica. E anche negli altri giorni, in particolare sabato e mercoledì, viene spesso rimossa solo la sporcizia più grossolana.

Chiara connessione: se più è esternalizzato, ci sono più infezioni

...continua a leggere "La posizione del Sindacato tedesco Ver.di per la riqualificazione del sistema di pulizie negli ospedali."

 

Questo episodio, come altri simili, rappresenta il sintomo grave di una patologia organizzativa emergente in certe aree del SSN. Invece di "governare" i processi e le contraddizioni organizzative si fa strada una pratica manageriale che preferisce "comandare" senza confronto, senza una comunicazione positiva con il personale. Il modello autoritario che si avvale di strumenti come il licenziamento, peraltro diretto contro un delegato sindacale che si dichiara estraneo ai fatti contestati, mostra in trasparenza  l'inadeguatezza  culturale di certo management  dirigenziale a gestire la sanità pubblica in una fase di emergenza e crisi. Condividiamo in pieno il post del Dott.Mauro Valiani. Editor 

Torregalli, licenziato infermiere e delegato Cisl per un’intervista in tv
22 GIUGNO 2020
Un anonimo aveva criticato l’ospedale per aver gestito male l’emergenza Covid “Dichiarazioni lesive”. Lui nega: “Non ero io”. Furlan: Inaccettabile”. Salvini protesta

FONTE REPUBBLICA.IT

Un commento di Mauro Valiani

Apprendiamo dalla stampa del licenziamento di un lavoratore facente parte anche della Rappresentanza Sindacale dell’ASL Centro Toscana. Secondo la Cisl, il dipendente che aveva sempre evidenziato le criticità ha perso il lavoro perché identificato nell’operatore anonimo che aveva rilasciato le dichiarazioni al telegiornale. Lui, però, ha sempre smentito. Addirittura la segretaria nazionale dello stesso sindacato interviene con un: "Si ritiri il provvedimento, immotivato".
Di fronte a questo fatto mi aspetto spiegazioni da parte dell’ASL Centro e da parte della Regione.
Questa è una situazione che non può essere ‘sistemata’ appellandosi alle ‘buone regole’ della qualità aziendale. Un operatore del servizio sanitario non possa essere assimilato a un magistrato o un militare. Tuttavia è anche necessaria una riflessione più generale sul lavoro in sanità pubblica. Qualche tempo fa ho visto che nei report del sistema di monitoraggio aziendale (MES Sant’Anna, Pisa) emergevano dati di peggioramento del clima organizzativo nella sanità toscana. Ho presente il caso di una operatrice di servizi sociali in Val d’Elsa che riceve un provvedimento disciplinare per aver espresso delle critiche sulle condizioni di lavoro. Abbiamo visto note della stessa ASL Centro – che seguono altre degli anni scorsi - sul divieto di rilasciare interviste sull'argomento Coronavirus. Altri casi riguardano provvedimenti per interventi critici sui social da parte di lavoratori.
La questione è quella delle modalità di espressione della critica da parte di dipendenti pubblici. Dietro c’è un’idea di ‘azienda’ (termine che andrebbe superato nelle strutture pubbliche) troppo assimilabile ad azienda privata, dominante nell’epoca attuale. E poi ce n’è un’altra che si chiama ‘democrazia nei luoghi di lavoro’, che deve partire dall’assunto che abbiamo due saperi, alcune volte in conflitto: il sapere del lavoratore, il sapere del capo. Non è sano che uno sia annichilito dall’altro.
Le grandi riforme degli anni 70 a partire dall’istituzione del sistema sanitario nazionale sono nate dal confronto dialettico tra il sapere dei lavoratori e le idee del cosiddetto establishment. La costruzione di una nuova e più forte sanità pubblica - abbiamo visto quanto necessaria! - ha bisogno, oltre che di più risorse, di un altro ‘clima lavorativo’.
Di fronte a questi tipi di fatti e provvedimenti, se non spiegati e ritirati, altri ragionamenti ‘programmatici’ e discorsi politici generali non valgono nulla.
Fonte :  Facebook

da Collettiva che ringraziamo 

Un lavoro speciale, specializzato, altamente professionale. Un lavoro svalutato e svalorizzato, poco considerato e poco pagato. Al tempo del Coronavirus, ma non solo, un lavoro indispensabile. Un lavoro in appalto

Guanti, mascherine, camici monouso e calzari da indossare prima di entrare nelle corsie Covid degli ospedali per pulire e sanificare gli spazi e così contribuire a non diffondere il contagio, a contenere e ridurre la pandemia.

 

Una responsabilità enorme sulle spalle soprattutto di donne che garantiscono salubrità e sicurezza a malati e operatori sanitari in orari in cui gli altri dormono ancora o fanno colazione. Un lavoro poco considerato, ritenuto umile e proprio per questo, in un mondo che dà valore solo a ciò che “costa”, assai poco pagato – solo 7,26 euro all’ora – ma che per esser svolto prevede una formazione professionale specifica, in “aula” ad insegnare anche virologi ed infettivologi perché distinguere come “funzione un batterio o un virus è indispensabile per eliminarlo da pavimenti e suppellettili”. Ce lo racconta Anna Santo Stefano che questi corsi li ha seguiti 14 anni fa prima di entrare a lavorare allo Spallazzani di Roma, Ospedale per la lotta e la cura delle malattie infettive, e che nuovi corsi li ha frequentati qualche settimana fa quando la pandemia si annunciava anche nel nostro Paese e a chi doveva e deve garantire pulizia e salubrità è stato chiesto di “imparare” un nuovo modo di procedere. Professionalità è la parola che Anna Santo Stefano ripete con più frequenza, insieme a impegno e responsabilità.

...continua a leggere "Lavoratrici delle pulizie: indispensabili ma umiliate"

LAMPADE GERMICIDA

Tra gli effetti collaterali della così detta “guerra” contro il corona virus gira da qualche giorno sui social la pubblicità di lampade germicida da utilizzare ovunque in casa ed al lavoro.

Vengono pubblicizzate come alternativa “ecologica” ai normali disinfettanti, in quanto i raggi UV sarebbero “naturali “ e sicuri. Vengono poi mostrati tutorial su come acquistare ed installare in maniera facile una lampada germicida in qualsiasi ambiente.

Quello che non viene colpevolmente detto in queste pubblicità ingannevoli è che le lampade germicida sono dispositivi estremamente pericolosi, in grado di produrre gravi danni alle persone inconsapevolmente esposte alla radiazione UVC da queste emessa. La radiazione UVC di per sé non può essere percepita dall’essere umano in quanto non dà alcuna sensazione termica e non è visibile Quindi se siamo esposti non abbiamo alcun modo di rendercene conto. Bastano pochi secondi di esposizione per provocare danni eritemali ad occhi e cute. Tanto maggiore è la durata dell’esposizione tanto maggiore è il danno arrecato.

Purtroppo gli effetti acuti non sono immediati ma emergono soltanto alcune ore dopo l’esposizione. Noi addetti alla prevenzione abbiamo visto lavoratrici ricoverate in ospedale con ustioni di terzo grado e che hanno abortito a seguito di ore di esposizione inconsapevole in laboratorio. Esposizioni accidentali provocate da lampade accese per sbaglio, per distrazione…abbiamo visto sportivi ustionati da lampade germicida installate negli spogliatoi di palestre, abbiamo visto infermiere ricoverate con danni eritemali gravi per lampade germicida incautamente accese in sale operatorie.

Inoltre va ricordato che la radiazione UV è un CANCEROGENO CERTO PER L’UOMO – per tumori oculari e cutanei, così come classificata dalla IARC (agenzia internazionale di ricerca sul cancro). Il cancro può insorgere decine di anni dopo l’aver subito un danno acuto o a seguito di esposizioni croniche protratte negli anni.

Negli ospedali e nei laboratori di analisi dove vengono sistematicamente utilizzate questo tipo di sorgenti, per prevenire danni da esposizioni inconsapevoli delle persone, il personale dovrebbe essere stato addestrato al corretto utilizzo delle lampade e gli ambienti dove sono attive lampade germicida dovrebbero essere segnalati con cartelli di pericolo; inoltre tutte le entrate dovrebbero essere collegate a sistemi automatici che in caso di apertura involontaria, spengono le sorgenti; tutto questo per evitare qualsiasi esposizione accidentale, anche momentanea, alla radiazione UVC.

Per piacere evitiamo che questa pubblicità ingannevole nella guerra al virus mieta vittime incrementando per giunta ulteriormente il carico di lavoro dei nostri ospedali.

Un documento per l’uso sicuro delle lampade germicide è scaricabile dal sito del Portale Agenti Fisici www.portaleagentifisici.it alla sezione Radiazione Ottiche Artificiali – documentazione

Procedure operative per la prevenzione del rischio da esposizione a Radiazioni Ottiche Artificiali: Cappe sterili e Lampade Germicide

www.portaleagentifisici.it/fo_ro_artificiali_documentazione

Iole Pinto
Fisico
USL Toscana Sud Est
Responsabile Scientifico
Portale Agenti Fisici
info@portaleagentifisici.it

 

Pubblichiamo il Documento "Coronavirus. L’emergenza Bergamo e Lodi e l’inefficienza del sistema sociosanitario lombardo" nel quale vengono descritte con approfondimenti le incongruenze organizzative e le disfunzioni del modello ospedale-centrico che ha reso difficile e ostacolato una risposta adeguata all'emergenza sanitaria originata dall'infezione virale  Covid-19. Il documento vuole essere un contributo di conoscenza e di riflessione destinato ai decisori politici della Regione Lombardia e a tutti gli operatori del Servizio Sanitario. Hanno partecipato alla elaborazione del Documento:
per la Segreteria del Movimento per la Difesa e il miglioramento del SSN: Bruno Pesenti.

Hanno collaborato alla stesura del documento:
Eugenio Ariano
Lalla Bodini
Susanna Cantoni
Vittorio Carreri

IL DOCUMENTO (PDF)

 

 

FONTE SALUTEINTERNAZIONALE

Lettera di un gruppo di medici ospedalieri al NEJM. L’epidemia è fuori controllo

Bgreport –“ portale d’informazione indipendente che raccoglie testimonianze e dà voce a chi subisce gli effetti dei poteri che governano Bergamo e provincia” – ha pubblicato la traduzione della lettera dei medici dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII apparsa sulla rivista del gruppo New England Journal of Medicine, tradotta da Fabio Sabatini, professore di Politica economica dell’Università Sapienza di Roma.

“Lavoriamo all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, una struttura all’avanguardia con 48 posti di terapia intensiva. Nonostante Bergamo sia una città relativamente piccola, è l’epicentro dell’epidemia con 4305 casi, più di Milano e di qualsiasi altro comune nel paese.

...continua a leggere "Noi medici di Bergamo"

Riteniamo utile e importante la diffusione delle Linee Guida per il contenimento della trasmissione di COVID-19 nei Laboratori Biomedici elaborata dall'Associazione Tecnico Scientifica S.I.T.Lab che ringraziamo. editor

 

Raccomandazioni dell'Associazione Tecnico Scientifica S.I.T.La.B.

N. 2/20 IT VER

DPI nelle linee guida ISPESL e raccomandazioni ISS e WHO per il contenimento della trasmissione di COVID-19 per il Tecnico di Laboratorio Biomedico
S.Stanziale (Padova ), A.G. Bianculli (Roma), A. Magaldi (Potenza), S.A. Distefano (Palermo). Rev. 1.0   SITLaB news

IL DOCUMENTO 

 

 

FONTE  : UNISON

 

Rispondendo agli ultimi dati del NHS Inghilterra pubblicati oggi (giovedì) che mostrano che i tempi di attesa nel dipartimento Emergenza (Pronto Soccorso) sono i peggiori di sempre, il segretario generale dell'UNISON Dave Prentis ha dichiarato:

“I pazienti lasciati in agonia sulle barelle per ore e i visitatori in attesa di ore in Pronto Soccorso costretti a sedersi sui pavimenti a causa della mancanza di sedie, è diventato la nuova normalità.

“Anni di insufficienza di fondi e una crisi infinita di personale dimostrano che i conservatori non sono semplicemente in grado di gestire il nostro SSN.

“Questi sono i peggiori dati dei Pronto Soccorso inglesi di sempre, ma l'inverno è appena iniziato. È una situazione scioccante e dovrebbe essere di grande preoccupazione per ognuno di noi.

“La pressione sugli ospedali sta attraversando il tetto a causa dell'incapacità di affrontare il pasticcio dell'assistenza sociale. Il prossimo governo deve mettere la salute della nazione e del SSN tra le sue massime priorità. "

INFO
- UNISON è il più grande sindacato del Regno Unito, con oltre 1,3 milioni di membri che forniscono servizi pubblici: istruzione, governo locale, SSN, servizio di polizia ed energia. Sono impiegati sia nel settore pubblico che in quello privato.

 

FONTE C.I.I.P 

Aula Magna Mangiagalli – Via Commenda 10, Milano
giovedì 28 novembre 2019 – ore 8.30-13.30

Seminario organizzato da CIIP e CCP Milano

Programma

8.30–9.00 Registrazione partecipanti e apertura lavori

9.00-12.00 Stato dell’arte sulle conoscenze e dei compiti delle figure della prevenzione
Interventi coordinati da Carlo Sala e Susanna Cantoni (Presidente CIIP)

9.00-9.30 Il rischio professionale e ambientale nei laboratori: introduzione ai lavori
Carlo SalaCoordinatore Gruppo di Lavoro CIIP Rischio chimico e cancerogeno

9.30-10.00 Esposizione professionale: uno sguardo d’insieme
Francesco ContegnoConsulente e formatore - Claudio FerriASST Garda e Coordinatore Gruppo Regionale

10.00-10.30 L’esperienza gestionale nelle aziende sanitarie
Daniele TovoliFIASO Federazione Italiana Aziende Sanitarie Ospedaliere

10.30-11.00 Una esperienza gestionale
Marco ScuriDirettore Tecnico Sacra Famiglia già RSPP IEO

11.00-11.30 Esposizioni multiple nei laboratori
Elisabetta BarbassaINAIL CONTARP

11.30-12.00 Il ruolo del Medico Competente
Paolo CarrerUOOML ASST FBF Sacco e Università Milano - Paolo MascagniUOOML ASST Monza

12.00-13.00 Dibattito, domande e conclusioni

 

scarica la locandina

Partecipazione gratuita con iscrizione obbligatoria a questo link  Dopo i seminari sul rischio formaldeide e sugli antiblastici CIIP riprende una riflessione sul rischio chimico e cancerogeno in Sanità affrontando il complesso tema nei laboratori. L’esposizione alle sostanze chimiche è una delle priorità di studio e di intervento a livello internazionale e territoriale e l’attuale tema del biennio Europeo. CIIP ha anche prodotto quest’anno un eBook tematico sul rischio chimico e cancerogeno scaricabile da questo sito

 

FONTE  REGIONI.IT

Studio del sindacato medici Anaao Assomed

(Regioni.it 3574 - 20/03/2019) Per il futuro ci sarà una carenza di medici specialisti. Lo denuncia uno studio del sindacato dei medici Anaao Assomed, che rileva le possibili future carenze per “l'errata programmazione delle borse di specialità perpetrata negli anni passati”, perché nei prossimi anni "non basteranno i neo specialisti a sostituire chi andrà in pensione". Si prevede nei prossimi anni una mancanza di 16.700 medici.

Commissione europea - Comunicato stampa

Medicinali falsificati: nuove norme per migliorare la sicurezza dei pazienti

Bruxelles, 8 febbraio 2019

Per troppo tempo la falsificazione dei medicinali ha rappresentato una grave minaccia per la salute pubblica nell'UE. Da domani si applicheranno le nuove norme sulle caratteristiche di sicurezza per i medicinali soggetti a prescrizione nell'UE.

D'ora in poi l'industria dovrà apporre alle confezioni dei medicinali soggetti a prescrizione un codice a barre bidimensionale e un dispositivo anti-manomissione. Le farmacie (comprese quelle online) e gli ospedali dovranno verificare l'autenticità dei medicinali prima di dispensarli ai pazienti. Si tratta della fase finale di attuazione della direttiva sui medicinali falsificati, adottata nel 2011, che mira a garantire la sicurezza e la qualità dei medicinali venduti nell'UE.

"Il 9 febbraio 2019 raggiungeremo un altro importante traguardo per la sicurezza dei pazienti in tutta l'UE. A quasi 7 anni dall'adozione, l'attuazione della direttiva sui medicinali falsificati sarà completata grazie all'introduzione della verifica a monte e a valle e delle caratteristiche di sicurezza sulle confezioni dei medicinali soggetti a prescrizione. In altre parole, ogni farmacia od ospedale dell'UE dovrà dotarsi di un sistema che renderà più facile ed efficiente l'individuazione dei medicinali falsificati. Anche se, dopo il lancio del nuovo sistema, sarà necessario impegnarsi ulteriormente per garantirne il funzionamento corretto in tutta l'UE, sono certo che offriamo ai cittadini un'ulteriore rete di sicurezza per proteggerli dai pericoli derivanti dai medicinali non autorizzati, inefficaci o pericolosi", ha dichiarato Vytenis Andriukaitis, Commissario responsabile per la Salute e la sicurezza alimentare.

Sin dall'inizio del mio mandato ho incoraggiato i ministri nazionali a monitorare l'attuazione di questo nuovo sistema e ad aiutare tutte le parti interessate a prepararsi alle nuove norme volte a impedire che i pazienti ricevano medicinali falsificati. Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi il nuovo sistema sarà monitorato per garantirne il corretto funzionamento. Attendo tuttavia con impazienza il lancio del nuovo sistema che, alla vigilia delle elezioni europee, rappresenta un ulteriore esempio di valore aggiunto della cooperazione dell'UE" ha aggiunto.

I medicinali privi di caratteristiche di sicurezza, prodotti prima di sabato 9 febbraio 2019, possono anche restare sul mercato fino alla data di scadenza. Ma in base al nuovo sistema di verifica a monte e a valle le persone autorizzate (in particolare farmacisti e ospedali) dovranno verificare, lungo tutta la catena di fornitura, l'autenticità dei prodotti. Il nuovo sistema consentirà agli Stati membri di tracciare meglio i singoli medicinali, in particolare qualora uno di essi susciti perplessità.

 

Per ulteriori informazioni:

Cfr. le Domande e risposte sui medicinali falsificati.

 

FONTE UNISON

( traduzione controllata con Google )
Le cifre mostrano l'importanza del controllo dei rischi, mentre inizia la Settimana europea della salute e della sicurezza

Quasi due terzi di coloro che chiedono il risarcimento per ferite da aghi sono gli addetti alle pulizie - principalmente a causa degli aghi che non sono stati correttamente smaltiti.

"Queste cifre sono un monito dei rischi per la salute e la sicurezza posto da punture di aghi usati, e come essi possono influenzare il personale in tutti i settori, e non solo il personale clinico", ha dichiarato Robert Baughan assistente nazionale ufficiale di salute e sicurezza del Sindacato della Funzione Pubblica inglese UNISON in occasione della Settimana europea della salute e della sicurezza.

Il 62% di questi casi proveniva da addetti alle pulizie di tutti i settori, compresi sanità, assistenza sociale, istruzione e governo locale.

Tre quarti delle lesioni provenivano da aghi ordinati in modo errato o da quelli che non erano stati smaltiti correttamente. Il resto proveniva da aghi scartati. Nessuno degli aghi interessati riguardava dispositivi di sicurezza.

Lesioni dovute all'uso di aghi e altre arpe possono causare infezioni da virus trasmissibili per via ematica come l'HIV e l'epatite B e C.

I trattamenti post-esposizione sono migliorati nel corso degli anni, riducendo il rischio di esposizione a queste condizioni. Ma loro non l'hanno fatto.

E i trattamenti, di solito della durata di 28 giorni, sono stressante e hanno spesso effetti collaterali spiacevoli: come stanchezza, diarrea, nausea e vomito.

Il consiglio di UNISON su qualsiasi membro ferito da un forte, compresi i puntali, è urgente chiedere consiglio medico.

Il sig. Baughan ha detto che le cifre mostrano anche l'importanza dell'adozione di pratiche di lavoro sicure, in particolare la necessità e lo smaltimento di dispositivi di sicurezza.

 Fonte:  Saluteinternazionale che ringraziamo

di Gavino Maciocco

La Toscana è diventata un laboratorio perfetto per affondare in poche mosse il servizio sanitario pubblico. 1. Promuovere lo sviluppo del “secondo pilastro” assicurativo. 2. Definanziare il servizio sanitario regionale. Renderlo inefficiente e caotico. 3. (Semi)privatizzare gli ospedali pubblici.


Lo scorso 4 marzo, il giorno delle elezioni politiche, diversi milioni di elettori di sinistra non si sono sentiti rappresentati dai tradizionali partiti di riferimento e gli hanno voltato le spalle, rivolgendosi ad altri o astenendosi dal voto.  Quei partiti di riferimento avevano cessato di rappresentare non solo i loro interessi materiali, ma anche quelli ideali, come i principi di eguaglianza e di giustizia sociale. Interessi e principi che sono stati accantonati (e in certi casi sbeffeggiati) per essere sostituiti con quelli tipici del mercato (e della Destra), come è successo nelle politiche del lavoro, dell’istruzione e della scuola, e del welfare – inclusa la sanità.

Al riguardo, in un recente post La salute sostenibile avevamo scritto:

Della sanità italiana, del destino del servizio sanitario nazionale, del diritto alla salute sempre più sotto scacco, è necessario parlare e discutere apertamente. Per un dovere d’informazione e di verità e per vincere quel senso di rassegnazione e d’impotenza che attanaglia gli abitanti della società liquida di Bauman dove “privazioni e sofferenze sono frammentate, disperse e diffuse; e così il dissenso che producono. La dispersione del dissenso, la difficoltà di concentrarlo e ancorarlo a una causa comune, per poi dirigerlo contro un colpevole comune, rende le pene ancora più aspre” (Vedì articolo La sanità liquida). Così oggi è disperso – per la mancanza di una rappresentanza politica o sindacale – il dissenso dei milioni di persone che  hanno enormi difficoltà ad accedere al Servizio sanitario nazionale e che alla fine rinunciano a curarsi per motivi economici, per gli infiniti tempi di attesa, per l’eccessiva distanza da un luogo di cura.

Privi di una rappresentanza dei loro bisogni e delle loro sofferenze, questi milioni di persone è più facile che si imbattano in qualcuno che gli spiega che la colpa è del “sistema”, un sistema ormai insostenibile: a causa dell’invecchiamento della popolazione, del costo crescente di farmaci e tecnologie, dell’aumento della spesa sanitaria non compatibile con la stabilità finanziaria. La spiegazione va oltre la definizione del problema e punta direttamente alla sua soluzione:  trovare altre fonti di finanziamento, un altro pilastro, attraverso un sistema assicurativo e i fondi sanitari integrativi. Se, chi può, in base al reddito, ricorre ad un sistema parallelo, alleggerisce il carico di prestazioni che il Ssn deve erogare, che si potrà così orientare verso chi non può permettersi un’assicurazione.

Su questa posizione tipicamente di Destra, che punta a liquidare il Servizio sanitario nazionale per sostituirlo con un sistema basato su mutue e assicurazioni private, si è accodata la Sinistra, anche quella che nell’immaginario collettivo appare la più Rossa di tutte, quella Toscana. Nell’immaginario, appunto, perché nella realtà la Toscana è diventata un laboratorio perfetto per affondare in poche mosse il servizio sanitario pubblico.

Prima mossa. Promuovere lo sviluppo del “secondo pilastro” assicurativo.

...continua a leggere "Se la Sinistra si fa Destra. Il caso Toscana"

FONTE  C.I.I.P 

Invecchiare al lavoro: proposte di gestione in sanità
Aula Magna Clinica del Lavoro Milano, Via San Barnaba 8
mercoledì 31 gennaio 2018 - ore 9:30-16:00

Convegno 1° annuncio

PROGRAMMA PROVVISORIO

9.30 Registrazione partecipanti

Saluti del Responsabile dell’UOC Medicina del Lavoro (Dr. Luciano Riboldi)

PRIMA PARTE
Moderatore: Prof. Paolo Carrer

INVECCHIARE AL LAVORO:
Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età

10.00 Aging-Ebook e campagna europea 2016-2017 (Tiziana Vai)

10.30 La gestione dei turni in un mondo che invecchia (Giovanni Costa)

11.00 Sanità: gestione dei rischi professionali per un invecchiamento attivo (Olga Menoni)

11.30 La sorveglianza sanitaria del lavoratore che invecchia e focus sulla sanità (Donatella Talini)

12.00 Impatto sull’idoneità alla mansione di patologie cronico-degenerative in una popolazione sanitaria che invecchia (Carlo Nava)

12.30 Discussione

13.00 – 14.00 Pausa Pranzo

SECONDA PARTE
Moderatore: Dr. Susanna Cantoni

PROPOSTE DI GESTIONE DEL LAVORATORE CHE INVECCHIA IN SANITA’:
la parola alle istituzioni

14.00 Lavori usuranti in Sanità (On. Maestri-Commissione Lavoro)

14.20 Criteri per l’accreditamento nel panorama delle Regioni italiane (Rappresentante Regione Lombardia)

14.40 Accreditamento: limiti o opportunità (Rappresentante Assolombarda)

15.00 Strategie Preventive Nella Gestione Aziendale -1- (Rappresentante Fiaso)

15.20 Strategie Preventive Nella Gestione Aziendale -2- (Chiappa - IRCCS-OMP)

Ore 15.40 Discussione

scarica la locandina

È stato pubblicato il report regionale a conclusione dello studio di prevalenza nazionale negli ospedali per acuti sulle infezioni ospedaliere.

Nel periodo ottobre-novembre 2016 è stato condotto lo studio nazionale di prevalenza delle infezioni correlate all’assistenza e uso di antibiotici negli ospedali per acuti, promosso a livello europeo dall’ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control).

In Emilia-Romagna hanno partecipato 11 Aziende sanitarie, che hanno eseguito lo studio in 35 stabilimenti pubblici su 54, raggiungendo una copertura pari al 78% (proporzione delle giornate di degenza degli ospedali partecipanti sul totale delle giornate di degenza erogate in Regione). ...continua a leggere "È stato pubblicato il report regionale a conclusione dello studio di prevalenza nazionale sulle infezioni negli ospedali per acuti"