I lavoratori del settore ittico a maggior rischio di contrarre il COVID-19

Fonte : Seafoodsource

di Chris Chase che ringraziamo

Un nuovo studio dell’Università del New Hampshire ha scoperto che i lavoratori dell’industria ittica avevano il doppio delle probabilità di contrarre il COVID-19.

Lo studio – ” Gli effetti diretti e indiretti di una pandemia globale sui pescatori e sui lavoratori del settore ittico statunitensi ” – ha rilevato che la quantità media di lavoratori del settore ittico risultati positivi al COVID-19 ogni 1.000 lavoratori era più del doppio di quella di altre industrie alimentari. Lo studio ha rilevato che ci sono stati circa 65 casi positivi ogni 1.000 lavoratori del settore ittico, rispetto a 31 casi ogni 1.000 lavoratori nell’industria alimentare in generale.

“I lavoratori del pesce avevano circa il doppio delle probabilità di contrarre il COVID-19 rispetto ai lavoratori in altre parti del sistema alimentare generale degli Stati Uniti”, afferma lo studio.

La pandemia ha avuto anche altri impatti diretti sui lavoratori del settore ittico. A causa delle restrizioni sulle dimensioni dell’equipaggio dovute ai requisiti di distanziamento sociale, i membri dell’equipaggio sui pescherecci spesso finivano per lavorare più a lungo, con una maggiore tassazione fisica. La perdita di reddito derivante dalle fluttuazioni del mercato ha avuto anche un impatto sulla sicurezza dei lavoratori, poiché “i capitani dei pescherecci probabilmente avevano meno soldi da investire nella sicurezza, il che può aumentare il potenziale di esposizioni pericolose sui pescherecci”, afferma lo studio.

Tuttavia, i risultati non erano identici in tutti gli Stati Uniti. Lo studio ha rilevato che i dipendenti del settore ittico in Alaska avevano un tasso più elevato di contrarre il COVID-19, in parte a causa dell’industria di trasformazione dei prodotti ittici e della natura complicata del lavoro lì, con la maggior parte degli impianti di lavorazione che impiegano lavoratori migranti. Inoltre, a livello statale, le politiche COVID-19 sono state attuate a un ritmo più lento e la logistica delle cure mediche nello stato ha reso difficile l’acquisizione di forniture.

“[In] rispetto ad altri stati, l’Alaska è rimasta indietro o non ha implementato molte restrizioni di distanziamento sociale e ha un basso tasso di vaccinazione a partire dall’autunno 2021”, afferma lo studio.

Lo studio ha confrontato l’Alaska con New Bedford, Massachusetts, che è andata meglio in termini di focolai di COVID-19. La città e lo stato “sono stati più preventivi nel rispondere al COVID-19” e hanno enfatizzato il settore dei prodotti ittici nei suoi preparativi. Ciò portò New Bedford ad essere “un leader tra le città portuali”.

Nonostante sia un leader, lo studio ha rilevato che New Bedford se la passava ancora più povera di altre città dello stato in termini di tassi di vaccinazione, in parte a causa dell’esitazione del vaccino e della “mancanza di tempo negli orari giornalieri e nell’accesso all’assistenza sanitaria per alcuni individui”.

Complessivamente, secondo lo studio, i lavoratori nel settore della trasformazione avevano maggiori probabilità di essere direttamente colpiti da COVID-19 e, a causa dei dati demografici della maggior parte dei lavoratori nelle strutture di lavorazione, ciò ha comportato la segregazione professionale basata su sesso, razza e stato di immigrazione.

“Le prove disponibili suggeriscono che i lavoratori nel settore della trasformazione avevano maggiori probabilità di essere direttamente colpiti dal COVID-19 poiché gli eventi epidemici erano concentrati negli impianti di lavorazione e nelle navi di lavorazione in mare. È fondamentale notare che nella lavorazione e distribuzione dei frutti di mare sono impiegate il doppio delle persone rispetto alla pesca commerciale e la maggior parte di questi lavoratori sono donne, minoranze e immigrati”, afferma lo studio.

I pescatori hanno anche dovuto affrontare sfide più difficili da spiegare a causa della natura del lavoro su una nave, ha aggiunto lo studio.

“Ci sono ancora indicazioni limitate su come indossare i DPI in particolare sulle navi”, ha affermato.

 613 total views,  2 views today