Sviluppi  sull’ amianto a Bruxelles 

Fonte : International Ban Asbestos Secretariat

di Laurie Kazan-Allen

 

Attraverso la persuasione e la punizione le istituzioni europee stanno cercando di migliorare le protezioni ambientali e occupazionali nei confronti dell’amianto. Negli elenchi mensili delle decisioni di infrazione della Commissione europea pubblicati il ​​23 settembre 2021, è stato notato che erano stati inviati pareri motivati ​​a Slovenia e Spagna che avevano segnato il tempo. Qualora questi due Stati membri non recepissero nel diritto nazionale la direttiva 2014/52/UE del Parlamento europeo sulla valutazione dell’impatto ambientale di progetti pubblici e privati ​​entro due mesi, potrebbe seguire un’azione legale dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione europea. 1Se gli imputati dovessero essere giudicati colpevoli, le sanzioni pecuniarie sono una possibilità concreta. Il testo sul sito web della Commissione UE su questo sviluppo conteneva pochi dettagli sulle particolarità delle infrazioni commesse, tranne per dire che:

“La Spagna non ha recepito correttamente la direttiva nella sua legislazione nazionale, poiché la legge spagnola non richiede una valutazione d’impatto per determinati progetti con effetti ambientali potenzialmente significativi. È il caso in particolare degli impianti di estrazione, lavorazione e trasformazione dell’amianto. La Spagna ha anche stabilito varie “soglie di esclusione” che possono escludere i progetti dalla procedura indipendentemente dai loro probabili effetti ambientali significativi. La Commissione invia pertanto pareri motivati ​​alla Slovenia e alla Spagna. Entrambi gli Stati membri hanno ora due mesi per porre rimedio alla situazione, altrimenti la Commissione potrebbe decidere di deferirli alla Corte di giustizia dell’Unione europea”.

Infruttuosa è stata la richiesta avanzata il 26 settembre 2021 all’ufficio stampa della Commissione di ulteriori informazioni, con una risposta di Daniela Storcheva, addetta stampa per l’ambiente, gli affari marittimi e la pesca, che ha dichiarato: “Non abbiamo altro da aggiungere”. Nonostante la mancanza di dettagli, i media spagnoli hanno riportato le denunce della Commissione europea del mancato rispetto da parte della Spagna del diritto dell’UE. 2

Nel frattempo, in una riunione virtuale tenutasi il 27 settembre 2021, i membri della commissione per l’occupazione e gli affari sociali (EMPL) del Parlamento europeo hanno esaminato una relazione legislativa sulla protezione dei lavoratori dall’amianto che collegava la rimozione sicura dell’amianto installato ai meccanismi finanziari che l’UE stava promuovere, come la Next Generation EU e il quadro finanziario pluriennale; il testo ha anche esaminato le strategie per ridurre al minimo il rischio da amianto occupazionale, sostenere i feriti e promuovere l’efficienza energetica.

Commentando l’importanza del dibattito del Comitato, il segretario generale della Federazione europea dei lavoratori edili e del legno (FETBB) Tom Deleu ha affermato che l’attuale limite di esposizione professionale (OEL) dell’UE per l’amianto di 100.000 fibre/m3 (0,1 fibre/cm3) era “ molto obsoleto” e non proteggeva “operai edili, minatori e addetti alla pulizia o allo smaltimento dei rifiuti, che sono regolarmente esposti all’amianto”. 3 Fortunatamente, i deputati hanno concordato e, a larga maggioranza, 4 hanno votato per abbassare l’OEL a 1000 fibre/m3 (0,001f/cm3). 5

Inoltre, i deputati hanno espresso l’approvazione per una strategia per la rimozione di tutto l’amianto dagli Stati membri; questo potrebbe essere meglio servito da una serie di misure tra cui l’istituzione di programmi nazionali di rimozione dell’amianto e registri pubblici dell’amianto, la fornitura di sussidi ai proprietari di case e disposizioni più severe per garantire lo smaltimento sicuro dei rifiuti di amianto. Considerando che l’80% dei tumori professionali subiti dagli europei sono stati causati da esposizioni all’amianto, sono state adottate anche misure per accelerare il riconoscimento delle malattie legate all’amianto e la dispensa del risarcimento. 6

La rimozione sicura dell’amianto dai vecchi edifici era un compito urgente che ha alimentato i piani della Commissione per rinnovare 35 milioni di edifici entro il 2030, è stato detto ai parlamentari. Tenendo presente che l’eliminazione dell’amianto dall’ambiente edificato potrebbe richiedere del tempo, lo screening obbligatorio degli edifici prima della vendita o dell’affitto e l’introduzione di certificati di amianto per gli edifici costruiti prima del 2005 dovrebbero essere attuati per via legislativa. 7

Il via libera della commissione EMPL rappresenta un piccolo ostacolo sulla strada per i tanto necessari cambiamenti politici. Si può solo sperare che queste proposte salvavita trovino favore quando vengono sottoposte al voto del Parlamento europeo. 8 Nel frattempo, la Commissione europea deve continuare a monitorare le azioni degli Stati membri in modo che coloro che non rispettano il diritto dell’UE siano esposti e puniti. Senza l’applicazione e il timore di ritorsioni, direttive e linee guida sono solo pezzi di carta o, nel 2021, byte di memoria del computer.

1 ottobre 2021

_______

1 DIRETTIVA 2014/52/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 2014 che modifica la direttiva 2011/92/UE sulla valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati .
https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/PDF/?uri=CELEX:32014L0052&from=EN

2 Bruxelles esorta la Spagna a modificare la sua legge sull’impatto ambientale o deferirà il caso alla giustizia europea [Bruxelles esorta la Spagna a modificare la sua legge sull’impatto ambientale o sottoporrà il caso alla magistratura europea]. 23 settembre 2021.
https://www.eldiarioalerta.com/articulo/agencias/brussels-urge-espana-enmendar-ley-impacto-medioambiental-elevara-caso-justicia-europea/20210923152713289174.html

3 FETBB. Sull’amianto non c’è destra o sinistra! Vota Zero Cancro! Vota 1000 fibre/m3 . 22 settembre 2021.
https://www.efbww.eu/publications-and-downloads/press-releases/on-asbestos-there-is-no-right-or-left-vote-for-zero-cancer-vote /1313-a

4 Il voto è stato di 47 favorevoli e 7 astenuti.

5 FETBB. MEPS EMPL pronti a proteggere i lavoratori dall’amianto! Ora è tempo che EP ed EC facciano lo stesso! 27 settembre 2021.
https://www.efbww.eu/publications-and-downloads/press-releases/empl-meps-ready-to-protect-workers-from-asbestos-now

6 Secondo una presentazione del dott. Jukka Takala all’incontro virtuale sul divieto dell’amianto asiatico del 2021 il 27 settembre 2021, 90.730 persone nell’UE sono morte a causa di malattie professionali legate all’amianto nel 2019.

7 L’ UE dovrebbe rafforzare la protezione dei lavoratori dall’amianto . 27 settembre 2021.
https://www.europeaninterest.eu/article/eu-should-step-up-protection-of-workers-from-asbestos/

8 FETBB. Sull’amianto non c’è destra o sinistra! Vota Zero Cancro! Vota 1000 fibre/m3 . 22 settembre 2021.
https://www.efbww.eu/publications-and-downloads/press-releases/on-asbestos-there-is-no-right-or-left-vote-for-zero-cancer-vote /1313-a

 498 total views,  2 views today