Le quattro “i” di un nuovo contratto socio-ecologico

Dal sito di Etui questo articolo importante come riferimento rispetto a politiche ambientali che siano consonanti con obiettivi sociali di maggiore equità e di superamento delle diseguaglianze: un’equazione difficile da risolvere…. 

FONTE ETUI

Un “contratto socio-ecologico” è apparso come mezzo per progettare congiuntamente le transizioni necessarie per uscire dalle crisi attuali e spostarsi verso paradisi più sicuri. Ma cosa implica questo?

Le sfide della transizione ecologica sono immense. Per affrontarlo è necessario un contratto socio-ecologico . La nozione di “contratto” implica la conclusione di un accordo forte, con una prospettiva a lungo termine, che funzioni per tutte le parti coinvolte. Non può essere un accordo vulnerabile ai capricci della politica quotidiana.

Fondamentalmente, un tale nuovo contratto dovrebbe legare insieme le dimensioni sociale e ambientale della transizione, compreso il modello di business sottostante. Questo è stato il tema di una conferenza organizzata a febbraio dall’Istituto sindacale europeo e dalla Confederazione europea dei sindacati.

Il contratto ha quattro dimensioni, o quattro “i”: idee, interessi, istituzioni e indicatori.

Idee o come definire i problemi

È essenziale disporre di un quadro appropriato per definire domande e problemi. A seconda della narrativa dominante, questi saranno molto diversi e porteranno a politiche pubbliche diverse. Tre dirigenti principali sono in competizione.

Nella prima, ci troviamo di fronte solo alla questione del clima. Da questa prospettiva, la sfida è essenzialmente quella di adattare il capitalismo attraverso l’uso (accelerato) di tecnologie esistenti o quasi mature (innovazione), mantenendo questi cambiamenti gestibili, al fine di garantire la continuità con la società in cui viviamo oggi, e forse rendendolo un po ‘più egualitario.  

Il secondo quadro è più ampio: qui siamo di fronte non solo a una crisi climatica, ma anche a un declino accelerato della biodiversità e alla scarsità di risorse. Questa narrativa mette quindi in discussione il sistema capitalista “tradizionale” e cerca di promuovere una nuova fase del capitalismo verde, finalizzata a garantire una transizione sostenibile e giusta . Vengono esaminate diverse dimensioni, non solo la produzione ma anche il consumo. Inoltre, la questione delle disuguaglianze è centrale.

Il terzo asse affronta la questione filosofica fondamentale del posto dell’essere umano nella natura e nella “gerarchia” delle specie (“ecologia profonda”). In questo contesto, è necessaria una rivoluzione culturale, che metterebbe fondamentalmente in discussione il capitalismo e la nostra visione del mondo.

Non è del tutto chiaro quale di queste opzioni vince, anche se il dibattito generalmente aleggia tra la prima e la seconda.

Interessi o attori e loro strategie

Ci sono anche tre interessi principali. Il primo è lo Stato , aggiornato perché sembra essere l’unica istituzione in grado di fissare obiettivi di lungo periodo. Questo è uno sviluppo positivo dopo decenni di domande neoliberiste. Il suo ritorno non deve, tuttavia, far dimenticare importanti analisi critiche dello Stato e della sua presunta neutralità: le vecchie questioni sugli interessi dominanti difesi dallo Stato e sui controlli statali – questioni derivanti dalla tradizione marxista e dalle sue successive critiche – meritano anche di tornare nel dibattito.

L’aspetto più importante qui è il conflitto. Come mostra Hans Bruyninckx , direttore dell’Agenzia europea dell’ambiente, i conflitti tra i diversi interessi saranno al centro della discussione delle idee.

Le istituzioni finanziarie sono sempre più al centro del discorso sulla transizione, in particolare su ciò che costituisce investimento “verde” (e tassonomia “sociale” parallela). Eppure, come sottolinea Ann Pettifor , qui c’è una contraddizione fondamentale: dare alle istituzioni finanziarie un ruolo centrale significa sottomettersi nuovamente al loro potere, che sarà poi quasi impossibile limitare.

Come attori collettivi, i sindacati si trovano sempre più al centro di questi dibattiti, in particolare perché le questioni climatiche hanno e avranno importanti conseguenze in molti settori: automobile, industria pesante, edilizia, ecc. Agricoltura, chimica, rifiuti e riciclaggio, estrazione mineraria, ecc. La domanda chiave è quale posto avranno.

Da un lato, ci sono le sfide per affrontare la ristrutturazione (compresi gli aspetti geografici) e la riconversione (spesso all’interno di un settore, come l’edilizia). Ma la questione principale, come ha sottolineato l’economista Mariana Mazzucato, è garantire un ruolo nella definizione dei problemi e quindi anche delle soluzioni, e non solo nella gestione delle conseguenze del cambiamento.

A questo proposito, il movimento sindacale gode di una ricca tradizione . È stato un attore chiave nelle lotte per salari dignitosi e protezione sociale, ma anche per la salute e la sicurezza, le condizioni di lavoro, la partecipazione dei lavoratori e la riduzione dell’orario di lavoro – e, in particolare, nel dibattito sull’alienazione e la liberazione dal lavoro. Questo patrimonio dovrebbe rendere i sindacati figure emblematiche nell’attuazione della narrazione.

Istituzioni, o come resistere alla prova del tempo

Affinché un equilibrio di potere possa essere stabilito e stabilizzato a lungo termine, abbiamo bisogno di istituzioni pubbliche, nel senso sociologico del termine. Questa è la dimensione dimenticata di questo dibattito e senza dubbio la più complessa. Potremmo considerare qui le assemblee dei cittadini e la loro variazione legislativa; tenendo conto della dimensione ambientale in organismi ufficiali come il Consiglio economico, sociale e ambientale in Francia; lo sviluppo di un ruolo ambientale per i comitati aziendali; l’emergere di rappresentanti ambientali.

Ma, nel complesso, non è molto. Ci mancano seriamente organismi a livello europeo che non solo possano fungere da piattaforme di dibattito – su cui è possibile raggiungere rapidamente un consenso e dove è necessaria una discussione più approfondita – ma che abbiano anche la capacità di influenzare le decisioni. Medio e lungo termine decisioni.

Indicatori o cosa misurare

È in corso un dibattito di lunga data su quali indicatori vadano oltre il prodotto interno lordo . Vari progetti, generalmente complessi e ambiziosi, sono stati sviluppati in questa direzione dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Joseph Stiglitz , Eloi Laurent , ecc.

È importante semplificare, concentrarsi sugli stretti legami tra questioni sociali e ambientali. Si tratta principalmente di disuguaglianze sociali, che riflettono le disuguaglianze climatiche e la giusta transizione, così come la diversità e la partecipazione, che riflettono la sfida della perdita di biodiversità.

Dovremmo quindi avere due serie di indicatori che misurino la dimensione sociale della transizione. Ad esempio, sulle disuguaglianze, potremmo considerare non solo gli indicatori classici – il coefficiente di Gini, il rapporto tra i quintili di reddito più alto e più basso e il tasso di povertà – ma anche la disuguaglianza salariale, i leader salariali medi (e massimi), il numero di lavoratori povero, ecc. Per quanto riguarda la diversità, potremmo includere l’integrazione di stranieri, minoranze visibili e rifugiati, la partecipazione delle donne nei consigli di amministrazione, la capacità dell’istruzione di promuovere l’emancipazione sociale, la partecipazione dei lavoratori, la partecipazione civica e dei cittadini, ecc.

Si tratta di un insieme limitato di domande relative alla questione molto più ampia del benessere o alla definizione di una “buona vita”. Ma ha il vantaggio di poter prendere rapidamente in considerazione le problematiche del lavoro e nella stessa misura la sua qualità.

Le diverse dimensioni delle quattro “i” qui descritte meritano un’ulteriore esplorazione, individualmente e in termini di interrelazioni. Si tratta di stabilire una narrativa dominante che inquadra le sfide, oltre a identificare gli attori appropriati e le loro alleanze. Tali alleanze dovranno essere create all’interno delle istituzioni per raggiungere un consenso a lungo termine ma anche per aprire spazi per un dialogo permanente. Per misurare i progressi, le disuguaglianze e gli indicatori di diversità potrebbero aiutare a segnare il percorso da seguire.

Questo è il vero significato di un contratto socio-ecologico, un contratto che dobbiamo creare insieme.

(Questo articolo è apparso originariamente su Social Europe )

 951 total views,  2 views today