Vai al contenuto

XXXVII Congresso Nazionale AIRP di Radioprotezione
Bergamo - Centro Congressi Giovanni XXIII, via Giovanni XXIII 106
- ore 8:30

Congresso nazionale con patrocinio CIIP

PROGRAMMA

Mercoledì 17 ottobre

8.30 Iscrizioni

9.00 Saluti autorità

Relazioni ad invito introduttive
Presiedono: Rosella Rusconi, Mauro Magnoni

9.30 Massimiliano Lega (Università degli Studi di Napoli)
Forensica Nucleare

10.05 James Mc Laughlin (University College Dublin)
Dosimetric and Epidemiological Approaches to Estimating Radon Lung Cancer Risk

PROGRAMMA DEI LAVORI 

 

Il testo "aumentato" di un mio intervento svolto a Calenzano nell'ambito di un Incontro organizzato dal Circolo Sinistra Unita il 19 giugno u.s. sul tema della salute e sicurezza nel lavoro in quest'epoca. Editor

IL TESTO DELL'INTERVENTO

[ FONTE: How to avoid a drone collision – guidance issued to pilots and air traffic control - BALPA.ORG ]

In risposta all'incremento dei drone near miss, gli enti di controllo del traffico aereo e pilota del Regno Unito hanno lavorato insieme per creare una guida per evitare la collisione.

La British Airline Pilots 'Association (BALPA) e la Gilda of Air Traffic Control Officers (GATCO) hanno creato le linee guida man mano che crescevano preoccupati per la mancanza di una guida nazionale in questo settore.

Gli avvistamenti di droni da parte di aerei commerciali sono in aumento, passando da zero report nel 2013, in costante aumento negli ultimi anni, con il 2017 che vede 92 segnalazioni nello spazio aereo del Regno Unito - qualcosa che potrebbe aumentare ulteriormente una volta completata l'analisi Airprox

...continua a leggere "Come evitare una collisione con un drone – guida rilasciata ai piloti e al controllo del traffico aereo"

Fonte Controlacrisi.org

La mattanza continua, le statistiche degli infortuni e delle morti, delle malattie professionali contratte nei luoghi di lavoro andrebbero aggiornate di giorno in giorno. 1,67 morti al giorno, è questa la percentuale stando alle statistiche ufficiali che poi in fatto di salute e sicurezza sono sottostimate. Non si tratta di applicare normative di legge perchè queste normative sono facilmente aggirabili e chi dovrebbe vigilare (gli ispettori asl) sono in numero insufficiente da anni, anzi hanno organici cosi' risibili da effettuare ormai solo controlli a campione.

...continua a leggere "“Morti e produttività, rovesciare il ragionamento”. Il domenicale di Controlacrisi, a cura di Federico Giusti"

Ignorance scientifique et inaction publique

1La manière dont la science est mobilisée dans la gestion de technologies dangereuses s’est retrouvée au centre de l’attention à l’automne 2017 en Europe. De nombreux pays membres se sont opposés à la réautorisation du glyphosate, une substance active contenue dans de nombreux herbicides, malgré l’avis favorable des agences sanitaires communautaires. C’est la capacité de ces agences à produire une expertise indépendante qui était remise en question. En décrivant les dispositifs équipant la reconnaissance des maladies professionnelles en France, Emmanuel Henry apporte un éclairage original sur ces questions. Il dépasse les réflexions sur l’indépendance de l’expertise pour interroger les effets inhérents à cette manière particulière de mobiliser la science. Deux dispositifs sont décrits : les tableaux de maladies professionnelles et les valeurs limites d’exposition (VLEP). L’ouvrage est organisé en deux parties et quatre chapitres.

2Le point de départ de la première partie est le fonctionnement problématique du système français de reconnaissance des maladies professionnelles dans le cadre de l’AT/MP, branche de la sécurité sociale chargée de repérer et réparer ces maladies. En dehors des cancers liés à l’amiante et des troubles musculo-squelettiques, il ne reconnaît que 850 maladies liées à l’activité professionnelle chaque année, ce que l’auteur dénonce comme une sous-reconnaissance criante.

Alexis Aulagnier, « Ignorance scientifique et inaction publique. Les politiques de santé au travail par Henry Emmanuel », Perspectives interdisciplinaires sur le travail et la santé [En ligne], 20-1 | 2018, mis en ligne le 01 février 2018, consulté le 08 avril 2018. URL : http://journals.openedition.org/pistes/5612

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SU PISTES 

FONTE FIOM-CGIL.IT

Il 18 aprile 2006 all’Ilva di Taranto moriva l’operaio Antonio Mingolla dipendente della ditta Cmt. Ci sono voluti cinque anni per chiudere il processo d’appello e confermare la condanna per sei preposti e responsabili aziendali tra diretti Ilva e ditta di appalto. Giuseppe Romano, segretario genrale della Fiom di Taranto, sottolineando l'importanza di “una sentenza che fa giustizia”, specifica che “alla Fiom Cgil di Taranto, costituitasi parte civile sin dall’udienza preliminare, è stato riconosciuto, a carico di tutti gli imputati, il risarcimento del danno, perché la nostra organizzazione è stata.ritenuta portatrice degli interessi collettivi dei lavoratori alla tutela della salute e sicurezza del lavoro.

...continua a leggere "llva, omicidio Mingolla: giustizia è fatta"

Il progetto Diario per la Prevenzione continua. Nei prossimi giorni implementeremo la nuova piattaforma con informazioni, documentazione e link . Rimetteremo on line come Archivio il vecchio sito dopo che avremo risolto alcuni problemi di compatibilità di software... A presto, e a tutte/i , Buon Lavoro !

editor