Nazionalismo dei vaccini e sfruttamento delle crisi: i sindacati agiscono

“Solo 10 paesi, alcuni dei più ricchi del mondo, hanno somministrato il 75% delle vaccinazioni. Nel frattempo, circa 130 paesi che rappresentano 2,5 miliardi di persone non hanno somministrato una singola dose. Non è una questione su cui possiamo permetterci di essere passivi. L’unica soluzione a una pandemia globale è la solidarietà globale “, ha affermato David Edwards, Segretario generale di Education International, aprendo il webinar di EI sull’equità del vaccino.

L’ evento ha riunito oltre un centinaio di  dirigenti sindacali  e rappresentanti  provenienti da tutto il mondo , così come gli esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’UNESCO  per discutere lo stato della globale  COVID-19  vaccino rollout  e  le sue  implicazioni  per gli insegnanti e  di e ducation  upport  ersonnel . I partecipanti hanno  segnalato  le  terribili  conseguenze del nazionalismo dei vaccini e  degli approcci orientati  al profitto alla crisi medica  e hanno  sottolineato il ruolo dei sindacati dell’istruzione nel guidare l’azione per un accesso equo ai vaccini COVID-19  per tutti .y

Cosa  non  fare in caso di pandemia:  nazionalismo vaccinale    profitti di crisi

Con  pochi  paesi ad alto reddito che assumono la maggior parte della fornitura globale di vaccini  finora disponibile  ,  aumentare la produzione di vaccini in  tutto il mondo è  fondamentale  per garantire  un accesso equo A tal fine,  Sud Africa e India  hanno presentato una proposta presso l’Organizzazione mondiale del commercio  denominato ‘ TRIPS, proposta di rinuncia ‘ )   revocare temporaneamente le barriere della proprietà intellettuale  su COVID-19 vaccini e prodotti medicali  e permettono di spinta produzione in tutto il mondo. Circa due terzi dei                          Trade   Organization  membri sostengono la proposta di rinuncia TRIPS, ma molti dei paesi più ricchi e più influenti si sono schierati con la grandi case farmaceutiche e sono  pronti a  proteggere i profitti in mezzo a una pandemia globale. 

Affrontando il nazionalismo dei vaccini e il  protezionismo della proprietà intellettuale, Annie Sparrow,  consigliere  del  direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità , ha sottolineato che “ nessun paese può ottenere l’ immunità COVID – 19. Più il virus si replica, ovunque si trovi, continuerà a metterci tutti in pericolo. Dobbiamo fare tutto il possibile per aumentare la produzione globale di vaccini. Dobbiamo mettere le persone sul profitto. 

Education International e le sue organizzazioni membri  supportano pienamente la proposta di rinuncia TRIPS  e continueranno a  spingere,  sia a livello nazionale che internazionale , per  un  accesso equo ai vaccini salvavita e ai prodotti medici. Fare clic qui  per ulteriori informazioni sulla proposta di rinuncia TRIPS.

 

 

Vaccinare gli educatori:  garantire  un ritorno sicuro e permanente all’istruzione in  loco 

I partecipanti al webinar hanno anche affrontato l’impatto della pandemia sul settore dell’istruzione. David Edwards  Emphasi ndr  che “ il vaccino nazionalismo rischia di prolungare la crisi, le chiusure delle scuole, l’interruzione educativo per mesi e persino anni a venire. In quel periodo, rischiamo di perdere ancora più educatori a causa della pandemia. Rischiamo di perdere ancora più studenti a causa del lavoro minorile, del matrimonio precoce e di un futuro cupo. “  Un  ritorno sicuro e  permanente all’istruzione in loco in tutto il mondo richiede  un accesso equo ai vaccini ovunque. 

Nel dicembre 2020, in  occasione  del  60 °  anniversario della  Convenzione che promuove il diritto universale all’istruzione, l’UNESCO e Education International hanno lanciato un appello congiunto affinché gli  educatori  siano uno dei gruppi prioritari nell’introduzione del vaccino globale. Parlando ai partecipanti webinar,  dell’UNESCO  Carlos Vargas Tamez  ha  presentato una prima mappatura di  status di docenti e personale di supporto all’istruzione in  nazionale  di vaccinazione  strategie  . Riconoscendo l’importante ruolo svolto dalle  cooperative di istruzione  nel garantire loro priorità,  e incoraggiato  affiliati EI per  continuare a lottare per la salute e la sicurezza degli educatori , una condizione essenziale  per  un rapido  e sicuro  ritorno all’istruzione in loco  ovunque 

Unità di intenti: i  sindacati  lavorano insieme  per  proteggere le comunità scolastiche  ovunque

I sindacati dell’istruzione si  stanno  mobilitando per l’equità dei vaccini e  un  ritorno sicuro  all’istruzione in loco in  tutto il mondo. Working insieme sia a livello nazionale e internazionale, i sindacati stanno sostenendo contro nazionalismo vaccinale  e sono  mettendo pressione sui loro governi per  vita assegnare priorità, non  per fini commerciali Inoltre, i sindacati  sono  anche lavori nei loro paesi e le comunità a  combattere contro notizie false  intorno vaccini  e  massimizzare l’assorbimento non appena le forniture sono garantiti. 

 

 

 377 total views,  2 views today