Vai al contenuto

Come il valore del tempo si è deprezzato per i lavoratori, specialmente per i più precari

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO 
Come il valore del tempo si è deprezzato per i lavoratori, specialmente per i più precari

Articolo 24 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. E quando dice "tempo libero", si riferisce al tempo libero.

(Roberto Martín)

Il tempo sembra una scatola di chiodi. È un prodotto semplice . È così fin dai giorni in cui gli orologi scendevano dai campanili per stabilirsi nelle fabbriche.

Vendiamo tempo ai nostri capi e paghiamo la nostra elettricità, il nostro cibo e alcuni " piccoli piaceri " con il tempo. Questo è il motivo per cui il tempo non è perso: è sprecato o venduto. A volte in cambio di un salario insufficiente . Oppure, in cambio di giorni lavorativi frammentati, imprevedibili e irregolari che sono difficili da conciliare con il resto della vita.

L'ultima indagine OIL sulle condizioni di lavoro rivela chiaramente come il mercato del lavoro post-crisi abbia confuso la " flessibilità " con la presentazione. Il numero di contratti atipici (quelli i cui giorni lavorativi sono frammentati, al giorno o all'ora, in ore discontinue) si sta già avvicinando a quello dei contratti standard - in Europa, rappresentano il 41% - e dei giorni lavorativi " asociali ", c quelli che si svolgono durante la notte e nei fine settimana sono imposti senza alcuna discussione. Il tempo si è deprezzato, ha perso il suo valore, senza sapere come, è atterrato nella scatola degli articoli in vendita. Due scatole di chiodi al prezzo di una.

"La precarietà in termini di tempo è aumentata ed è caratterizzata dalla difficoltà di prevedere ore di lavoro. Le persone che hanno pochissimo controllo sul loro tempo non possono pianificare le loro vite e questo influenza il loro sonno, la loro dieta, la loro salute e aumenta i conflitti all'interno della famiglia " , dice Tomás Cano, sociologo e ricercatore all'Università Goethe Francoforte.

Il sondaggio dell'OIL rivela che sei lavoratori europei su dieci non possono scegliere o modificare i loro programmi. Un quarto di loro continua a lavorare quando arriva a casa durante il tempo libero. La tecnologia ha definitivamente cancellato la linea tra il lavoro e la vita privata e, con essa, il tempo ha perso il suo valore.

Stiamo lavorando sempre di più con telefoni cellulari, laptop o tablet. La linea che separa l'inizio e la fine del lavoro diventa così sfocata che siamo costantemente connessi " ,avverte José Varela, capo della digitalizzazione del lavoro nel sindacato spagnolo UGT. Il culmine è raggiunto su piattaforme digitali come Uber o Deliveroo dove "la disponibilità è assoluta ", insiste Varela, " non ho una giornata di lavoro perché tutta la mia vita diventa professionale ".

I contratti a " zero ore " diffusi nel Regno Unito da società come Amazon o McDonald's sono un altro esempio di questo fenomeno. Questi contratti non specificano il numero di ore o giorni di lavoro o di turni. Il lavoratore deve sospendere la sua vita in attesa di una telefonata. Per i difensori di questo sistema, è o la disoccupazione. Una scelta ingiusta, quindi.

Come stabilito nell'articolo 24 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, " Ogni individuo ha diritto al riposo e al tempo libero, compresa una ragionevole limitazione delle ore di lavoro ". E quando parliamo di " tempo libero ", intendiamo un tempo senza obblighi; né professionale né sociale.

In altre parole, le 24 ore del giorno, è sufficiente sottrarre pagati e lavoro non retribuito (come ad esempio i lavori domestici e la cura della famiglia), la cura personale (compreso il riposo, cibo e servizi igienici) e dal tempo ha bisogno di muoversi. Il tempo rimanente è tempo libero. Ma quanto rimane?

Tempo irregolare

Il tempo è l'unica risorsa che tutti abbiamo avuto gratuitamente e in quantità uguale. Ma l'uso e il controllo che ne è fatto non è mai democratico. Cristina García, professore di sociologia presso l'Università Autonoma di Madrid, definisce quattro categorie:

  • Quelli che hanno molti soldi e molto tempo. Che è raro
  • Quelli che hanno un sacco di soldi e poco tempo. Queste persone possono permettersi di acquistare il tempo di cui hanno bisogno, ad esempio delegando compiti e cura agli altri.
  • Coloro che hanno molto tempo, ma pochi soldi, come pensionati e disoccupati. Questo è in realtà un tempo indesiderato perché mancano le condizioni per goderselo.
  • Coloro che hanno poco tempo e poche entrate. A casa, il deficit di tempo è totale, sono permanentemente in rosso.

Quest'ultima situazione è la caratteristica più comune che abbiamo visto negli ultimi anni, afferma il sociologo. " E non è solo la quantità di tempo a disposizione, ma la qualità di esso. Non è la stessa cosa avere tempo per se stessi come tempo libero inquinato perché si presta attenzione al cellulare, al lavoro o ai bambini. La persona deve essere autonoma e esercitare la sovranità sul suo tempo . "

Alcuni fattori predispongono ad integrare questa quarta categoria: essere giovani, avere un basso livello di istruzione, non essere in coppia, avere figli (ogni giorno, i genitori di bambini piccoli lavorano tra e due ore in più rispetto agli altri) e soprattutto essendo una donna.

Strutturalmente, noi donne siamo sempre state condannate alla povertà temporale, specialmente da quando abbiamo assunto ruoli pubblici senza che i nostri ruoli privati ​​fossero cambiati " , afferma la dott.ssa María Ángeles Durán, ricercatrice specializzata in analisi del lavoro. non retribuito presso il Consiglio superiore spagnolo per la ricerca scientifica (CSIC).

Le donne portano ancora il 65% del sostegno interno (secondo uno studio presso l'Università di Oxford) e, anche se la distribuzione di casa e la cura comincia ad essere più equa (nel 1960, le donne hanno preso responsabile del 85%), spendono in media 4,24 ore al giorno in questi compiti non retribuiti. Uomini: 2,15 ore. Passano 657 ore all'anno a preparare i pasti, rispetto a 127 ore per loro. Si divertono da 4 a 5 ore di tempo libero al giorno e loro, da 5 a 5,5 ore. La disuguaglianza è ancora evidente.

Nel 2011, la società di consulenza Nielsen ha intervistato donne in 21 paesi sulle loro condizioni di vita. Tutti hanno percepito una maggiore uguaglianza, ma allo stesso tempo hanno riconosciuto che stavano vivendo molto più stress a causa di questa " doppia giornata lavorativa ". E la situazione può peggiorare, avverte il dottor Durán. " La necessità di fornire assistenza aumenterà invece di diminuire; gli anziani sono numerosi e i servizi pubblici non sono sufficienti. In futuro emergeranno nuove classi sociali, come il "cuidatoriado" (neologismo spagnolo che combina "cura" [cuidado] e "proletariato" [proletariado] equivalente a "proletariato di cura"),concentrandosi sulla cura 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e se non viene intrapresa alcuna azione correttiva, saranno sempre le donne ".

Umanizza il tempo

"Le amministrazioni possono intervenire in quest'area. La prima cosa da fare è mettere questo problema nell'agenda del dibattito pubblico ", dice Álvaro Porro, commissario per l'economia sociale presso il Comune di Barcellona. Questa istituzione è stata un pioniere nel creare nel 2004 il primo " Council of Time " la cui missione era quella di umanizzare gli orari e facilitare la conciliazione attraverso un patto che è stato rinnovato nel 2017.

Ciò include l'adattamento dei servizi pubblici agli orari familiari - servizi sociali, asili nido, servizi di supporto per i caregivers - ma anche la consapevolezza delle aziende e la ricompensa delle loro buone pratiche. Questo è dove si trova la più grande difficoltà. Come sottolinea il Commissario: " Il patto del tempo è volontario. Non possiamo costringere le aziende; per questo, sarebbe necessario toccare la legislazione nazionale ed europea. "

Per José María Fernández-Crehuet, membro della Commissione per il Time Streaming in Spagna, le aziende possono fare molti passi per rendere il lavoro " davvero " più flessibile (cioè per ottenere un equilibrio migliore tra lavoro e vita privata) introducendo " giornate di lavoro più compatte, orari di lavoro liberi e lavoro a distanza. Tutto ciò che promuove questa riconciliazione aumenta la produttività ", insiste.

I movimenti sindacali, da parte loro, contano su misure più ambiziose come la riduzione dell'orario di lavoro. " La prima cosa da fare sarebbe ridurla da 40 a 32 ore settimanali con otto ore di allenamento " , afferma José Varela dell'UGT. In una seconda fase, dice, dovremmo sfruttare l'automazione in modo che tutti possiamo lavorare di meno . Per la vita professionale occupa meno del 40% della vita biologica.

L'obiettivo è attraente, ma il problema del lavoro non retribuito non è risolto, rimpiange María Ángeles Durán; oltre a un " patto di tempo ", è necessario un " patto sociale " tra uomini e donne.

Tempo? Per cosa?

Un quarto degli europei lamenta di non avere tempo, ma queste persone ammettono di passare fino a tre ore al giorno a guardare la televisione. Secondo gli ultimi sondaggi(dell'Istituto nazionale di statistica della Spagna), abbiamo ridotto la vita sociale e aumentato quello che investiamo nell'IT (social network, internet, videogiochi). Non solo stiamo seppellendo il nostro tempo, ma lo stiamo sprecando.

A volte abbiamo meno tempo a causa di fattori esterni che non controlliamo, ma a volte è perché perdiamo il controllo da soli. Non gestiamo bene il nostro tempo " , avverte la psicologa sociale Dr. Nuria Codina.

Jaime Cuenca, filosofo e ricercatore del tempo libero e dello sviluppo umano, spiega che il problema è che non capiamo ancora cosa significa "ricreazione", non siamo stati addestrati in questa direzione. Questo è il motivo per cui " lo subordiniamo al mondo del lavoro ". Il tempo libero è percepito come un'eccedenza di tempo trascorso a ripristinare la forza oa fuggire. " Non come un tempo di liberazione. "

È il contrario: il poco tempo libero che abbiamo è anche fragile, intermittente e precario. fugaci momenti che scandiscono la giornata di lavoro : quando guardiamo una serie, seduto su un autobus, o attraversare i social network sulla via del ritorno. Non possiamo neanche parlare di tempo libero come tale. È più come " bolle per il tempo libero ". " Proprio come non lavoriamo più per la vita, non siamo più nel tempo degli hobby per la vita. È impossibile sviluppare abilità in un mondo di bolle costantemente in espansione ", afferma il dott. Cuenca.

Ma gli hobby - quelli di sempre, senza bolle - rimangono una necessità. " Il tempo libero è molto utile, ma solo se si sa fare un uso critico e ragionato ", ha detto il dottor Codina, " ci sono molte persone che, quando hanno il tempo, finisce per fare quello che offre loro la società dei consumi. Non scelgono neanche . "

Questo articolo è stato tradotto dallo spagnolo.