Vai al contenuto

Lo studio sulla violenza di genere nelle fabbriche di abbigliamento brasiliane fornisce un “campanello d’allarme all’azione”

11 febbraio 2020 La violenza di genere e le molestie sul lavoro sono molto diffuse in Brasile e fino all'adozione del primo standard mondiale al mondo sulla violenza e le molestie sul lavoro, C190, si è fatto ben poco per rimediare.

La stragrande maggioranza degli operai brasiliani del settore tessile e calzaturiero che hanno preso parte a un recente studio afferma di aver subito una qualche forma di violenza sul lavoro, spesso violenza di genere e molestie, nella misura in cui “per molte donne, il lavoro è sinonimo di sofferenza ”.

Secondo il presidente della Confederazione nazionale dei lavoratori dell'abbigliamento (CNTRV) Francisca Trajano,

"La cosa più rivelatrice che questo studio ha scoperto è l'estensione della violenza sul posto di lavoro. Sono particolarmente sorpreso dall'entità delle molestie sessuali da parte delle autorità di vigilanza. "

Circa 246 lavoratrici hanno preso parte a seminari regionali o discussioni guidate tra marzo e giugno nell'ambito di uno studio sociale dell'Instituto Observatorio sui lavoratori tessili e delle scarpe in sei città: Colatina, Fortaleza, Ipirá, Pouso Alegre, Sapiranga, Sorocaba e São Paulo .

Lo studio, finanziato dalla filiale brasiliana della Fondazione C&A e condotto con il sostegno del centro di solidarietà o organizzazione dei diritti dei lavoratori negli Stati Uniti, ha rilevato che la forma più frequente di violenza è il bullismo, con i supervisori che urlano e maledicono i lavoratori, minacciandoli se non lo fanno produrre al ritmo richiesto e molestarli per l'utilizzo del bagno.

Il bullismo è spesso diretto verso i leader sindacali, secondo il rapporto, con le leader sindacali sorvegliate da vicino dalle autorità di vigilanza, che molestano e addirittura licenziano i lavoratori che parlano con loro. Il sondaggio mostra che la violenza di genere è spesso mescolata ad altri tipi di violenza e discriminazione, rendendo particolarmente vulnerabili le donne afro-brasiliane, i lavoratori LGBTQI + e altre.

Le lavoratrici che hanno preso parte allo studio hanno sottolineato l'importanza degli accordi collettivi per migliorare le condizioni di lavoro e il rapporto raccomanda ai sindacati di negoziare clausole per combattere il bullismo e le molestie sessuali sul posto di lavoro. Lo studio raccomanda inoltre ai sindacati di tenere seminari e sessioni di discussione per sensibilizzare i lavoratori sul loro diritto a un luogo di lavoro privo di violenza. Molte donne intervistate non erano a conoscenza delle leggi e di altre opzioni per combattere la violenza sul lavoro.

Inoltre, i leader sindacali a livello locale e nazionale che non sono stati direttamente coinvolti nel progetto hanno mostrato vivo interesse per le sue scoperte, afferma Trajano.

"Stanno riflettendo su come riflettere su come i sindacati possono essere un luogo in cui le donne vittime della violenza possono rivolgersi per ottenere aiuto".

Lavoratori afro-brasiliani e LGBTQI + particolarmente vulnerabili

Le molestie sessuali, che sono una forma di violenza di genere, sono diffuse e talvolta sottili, secondo il rapporto. "Ma indipendentemente dalla forma, le molestie sessuali sono una situazione costante", affermano gli autori del rapporto. Le donne spesso temono di denunciare molestie o aggressioni sessuali, e con buone ragioni: “In alcuni casi quando portano la denuncia ai superiori, le donne vengono ridicolizzate. In altri casi, non hanno nessuno a cui presentare il reclamo perché anche il supervisore è un colpevole ”, afferma il rapporto.

Come nelle fabbriche tessili brasiliane, la violenza e le molestie di genere (GBVH) sul lavoro sono pervasive - e fino a quest'anno, poco è stato fatto per rimediare. A giugno, l'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) ha adottato il primo standard mondiale al mondo in materia di violenza e molestie sul lavoro, tra cui GBVH. La Convenzione 190 entrerà in vigore 12 mesi dopo essere stata ratificata da due governi nazionali. A dicembre, l'Uruguay è diventato il primo paese a ratificare il C190.

Per gli afro-brasiliani, la discriminazione può iniziare anche prima di essere assunta, con i datori di lavoro che spesso rifiutano apertamente di intervistare i lavoratori di colore.

"Una volta sono andato a un colloquio di lavoro e [il datore di lavoro] ha detto che non poteva assumermi perché non avevo i capelli lisci",

ha detto un operaio (il rapporto non identifica i nomi dei lavoratori).

Se assunti, spesso gli afro-brasiliani ricevono i lavori più difficili e spiacevoli.

"Quando vengono ammesse, le donne di colore sono generalmente assegnate ai servizi peggiori, come lavorare con la colla per scarpe o lavorare in macchine rumorose e scomode",

secondo il rapporto.

Le donne di colore riferiscono di essere anche molestate sessualmente più spesso e accusate di lavoro sciatto, mentre il lavoro svolto bene viene definito "servizio bianco", afferma il rapporto.

I lavoratori LGBTQI + sono frequentemente bersaglio di molestie verbali e bullismo, spesso da parte dei colleghi, e in particolare riguardo all'uso dei bagni, secondo il rapporto. Le autorità di vigilanza talvolta rifiutano anche di lavorare con un dipendente LGBTQI +. Se i lavoratori sono percepiti come più "femminili", hanno maggiori probabilità di essere bersagli di violenza simili a quelli subiti dalle donne cisgender / eterosessuali, afferma il rapporto. I lavoratori trans sono particolarmente maltrattati, secondo il rapporto.

"Nell'azienda per cui lavoro, c'era una persona che trovava un lavoro e vestiva da uomo", dice un operaio. "Dopo circa tre mesi ha iniziato a vestirsi da donna" e poco dopo l'azienda ha licenziato il lavoratore.

Anche le donne madri di bambini piccoli subiscono discriminazioni: alcuni datori di lavoro si rifiutano di assumerle, e in "una società, il proprietario ha persino detto che avrebbe assunto solo donne che avevano già avuto una legatura delle tube" in modo da garantire che non avrebbero più bambini, secondo il rapporto.

In generale, il rapporto rileva che le aziende di abbigliamento sono organizzate da una rigida divisione sociale e sessuale del lavoro, in cui le donne occupano generalmente le posizioni meno qualificate e meno pagate.

Sensibilizzazione su GBVH al lavoro

Uno degli obiettivi chiave del rapporto è avviare un dialogo con i datori di lavoro per cercare rimedi contro la violenza di genere sul lavoro, afferma Jana Silverman, direttrice nazionale del Centro di solidarietà del Brasile. Inoltre, lo studio, che esamina esclusivamente i luoghi di lavoro sindacalizzati, dovrebbe “sensibilizzare l'opinione pubblica sulla prevalenza della violenza di genere nei luoghi di lavoro, sensibilizzare la leadership sindacale, in particolare la leadership maschile, su quanto sia prevalente nella loro appartenenza ordinaria ," lei dice.

Il rapporto ha già creato cambiamenti concreti. I membri dell'Unione nelle fabbriche di abbigliamento di Pouso Alegre, nello stato del Minas Gerais, nel sud del Brasile, hanno negoziato una clausola contrattuale in cui i datori di lavoro si sono impegnati a tenere corsi di formazione semestrali per i dirigenti per combattere GBVH sul posto di lavoro.

I sindacati hanno valutato i risultati dello studio a dicembre e hanno in programma di portare il rapporto ai loro comitati esecutivi e creare le condizioni per prevenire e porre fine al GBVH attraverso la contrattazione collettiva o il dialogo sociale con i datori di lavoro.

Trajano afferma che CNTRV, che rappresenta 69 sindacati e tre federazioni regionali statali, sta spingendo i sindacati a negoziare la lingua del contratto proteggendo dalla violenza e dalle molestie basate sul genere.

CNTRV è in una buona posizione per condurre la campagna sulla violenza di genere sul lavoro. Ad aprile, i delegati all'11 ° Congresso del CNTRV hanno votato per la parità di genere nella direzione e hanno adottato un'agenda per i diritti delle donne. In collaborazione con il Centro di solidarietà, CNTRV negli ultimi anni ha condotto un progetto di leadership femminile a livello nazionale, preparando le lavoratrici ad assumere posizioni di leadership.

"Ovviamente è stato molto scioccante per noi quando abbiamo ricevuto i risultati del rapporto per capire l'entità della violenza sul posto di lavoro",

afferma Trajano, che è anche membro del comitato esecutivo dell'Unione Centrale dei Lavoratori in Brasile (CUT).

"Allo stesso tempo, è una sveglia per fare qualcosa al riguardo."

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Equal Times