Vai al contenuto

 

FONTE THE CONVERSATION 

AUTRICI  CHE RINGRAZIAMO 

Dagli Stati Uniti al Brasile , Gran Bretagna , Germania e Australia, gli stabilimenti di lavorazione della carne hanno svolto un ruolo peculiare nella diffusione del COVID-19.

In Brasile, funzionari sindacali affermano che un quinto dei dipendenti del settore - circa 100.000 lavoratori delle fabbriche di carne - sono stati infettati. Negli Stati Uniti, le strutture per la lavorazione della carne sono state collegate a più di 38.500 casi e ad almeno 180 decessi . Le lavorazioni di carne hanno costituito quasi la metà dei punti caldi del COVID-19 negli Stati Uniti a maggio. Sono stati anche la principale fonte iniziale di infezioni nell'epidemia della "seconda ondata" di giugno in Australia nello stato del Victoria.

Uno dei motivi di queste trasmissioni è che la lavorazione della carne avviene in spazi refrigerati ristretti. Ma il fatto che l'industria non sia stata collegata a grandi epidemie virali in tutti i paesi e le regioni suggerisce che anche altri fattori controllabili sono stati determinanti.

La lezione fondamentale di questi focolai è che le condizioni di lavoro malsane e il lavoro precario devono essere affrontati per impedire all'industria della carne di agire come incubatore di COVID-19.

Condizioni di lavoro malsane

Studi precedenti hanno dimostrato che l'influenza e altri coronavirus (SARS e MERS) sono più stabili e quindi si diffondono più facilmente a temperature più basse . Sebbene le temperature più basse non abbiano ancora dimostrato in modo definitivo di aumentare le trasmissioni di COVID-19, i ricercatori australiani hanno identificato un'associazione con una minore umidità .

Shutterstock

Questo da solo aumenta il rischio per gli addetti alla lavorazione della carne, che svolgono un intenso lavoro manuale su una linea di produzione relativamente vicina ad altri. Ma questo rischio è aggravato da altri fattori, in particolare la scarsa qualità dell'aria che contribuisce alle malattie respiratorie, il che rende più grave qualsiasi infezione da COVID-19 .

Come notato dalla US Occupational Safety and Health Administration , tra i "molti gravi rischi per la salute e la sicurezza" a lungo associati al lavoro di lavorazione della carne vi sono "i rischi biologici associati alla manipolazione di animali vivi o all'esposizione a feci e sangue malattie".

Uno studio del 2017 ha rilevato disturbi respiratori come tosse, mancanza di respiro e respiro sibilante da tre a quattro volte più diffusi tra i lavoratori dei macelli rispetto agli impiegati. Tra i lavoratori del pollame, uno studio del 2013 ha rilevato che oltre il 40% aveva sintomi asmatici (rispetto a circa il 10% di tutti gli adulti ). Ciò è stato attribuito alla "polvere di pollame", una combinazione biologicamente attiva di residui di pollo, piume e muffe.

Shutterstock

Una ventilazione insufficiente rende la diffusione del coronavirus 20 volte più probabile, secondo un rapporto pubblicato a giugno dalla Federazione europea dei sindacati per l' alimentazione, l'agricoltura e il turismo .

La relazione elenca anche altri fattori, come le distanze sociali inadeguate e la mancanza di dispositivi di protezione individuale adeguati. Ma alla fine, la scarsa qualità dell'aria è sintomatica della mancanza di un luogo di lavoro sano e sicuro per molti lavoratori della lavorazione della carne.

È anche pertinente per il resto di noi. L'American Society for Heating, Refrigeration and Air ‐ Conditioning Engineers, ad esempio, ha raccomandato che la presa d'aria di ventilazione in tutti gli edifici dovrebbe ora essere tre cambi d'aria all'ora . È da tre a cinque volte superiore allo standard minimo per gli uffici.

Tutto ciò si riduce a una necessità fondamentale di migliorare gli standard di salute e sicurezza nei macelli e negli impianti di lavorazione della carne su tutta la linea.


Per saperne di più: La morte dell'ufficio open space? Non proprio, ma una rivoluzione è nell'aria


Aumentare la sicurezza del lavoro e il diritto al congedo per malattia

L'altro principale insegnamento da trarre dall'industria della lavorazione della carne è il rischio rappresentato dal “lavoro precario”, dove i lavoratori non hanno i diritti e le tutele di essere dipendenti.

Non è un caso, come sostiene il rapporto dell'Unione della Federazione Europea, che la stragrande maggioranza dei lavoratori della carne risultati positivi in ​​Europa sono lavoratori migranti, assunti tramite subappaltatori, con pochi diritti di lavoro e che spesso vivono in alloggi sovraffollati.

Si stima che l' 80% circa dei lavoratori della carne nei Paesi Bassi, ad esempio, provenga dall'Europa centrale e orientale, impiegato tramite agenzie interinali.

I lavoratori sono tipicamente impiegati come lavoratori occasionali, o "assunzioni giornaliere" (il che significa che il loro lavoro termina tecnicamente alla fine di ogni turno) o tramite accordi di subappalto che li considerano "lavoratori autonomi". Come osserva il rapporto:

Le condizioni di lavoro per molti operai della carne sono estremamente precarie. Inoltre, il livello delle indennità di malattia può essere molto basso. Ciò potrebbe aver determinato il fatto che in caso di sintomi da COVID-19 alcuni lavoratori non hanno segnalato lo stato delle loro condizioni di salute per paura di perdere il lavoro o per non potersi permettere una vita dignitosa con indennità di malattia.

Shutterstock

Queste cose possono essere risolte

Le prove provenienti da diversi paesi mostrano che queste cose possono essere risolte.

La Danimarca è il simbolo dell'automazione della lavorazione della carne e di una retribuzione dignitosa , consentendo l'allontanamento sociale all'interno delle fabbriche e quindi bassi focolai di COVID-19.

In Spagna, un contratto collettivo che garantisce ai lavoratori subappaltati le stesse condizioni degli altri dipendenti è stato accreditato per il controllo delle trasmissioni COVID-19.

In Germania, le trasmissioni legate alla lavorazione della carne sono rallentate dopo che a maggio è stato vietato ai macelli di assumere lavoratori temporanei .

Nel Victoria, in Australia, garantire che tutti i lavoratori abbiano accesso a un congedo pandemico retribuito (insieme ad altre misure tra cui il governo che impone rigorose distanze fisiche e protocolli di sicurezza negli stabilimenti) sembra aver avuto successo.

Ma molte di queste risposte sono solo risposte temporanee di emergenza. La pandemia globale ha portato l'attenzione globale sulla necessità a lungo termine di una riforma sistemica per eliminare i pericoli di luoghi di lavoro malsani e lavoratori privi di potere, e garantire che i lavoratori possano permettersi di restare a casa quando sono malati.

In un certo senso siamo tutti complici di un sistema che ha visto peggiorare le condizioni di lavoro nell'ultimo decennio. Abbiamo accettato l'ascesa di complesse società di subappalto e false società "fenice" progettate per privare i lavoratori dello status di dipendenti, e catene di supermercati e fast-food che spingono le pressioni sui costi verso il basso nelle catene di approvvigionamento, semplicemente perché ci piace la carne a buon mercato.


Per saperne di più: Trasmissioni sul posto di lavoro: un risultato prevedibile della divisione di classe nei diritti dei lavoratori


Ci sono iniziative in Europa per affrontare questa mancanza di responsabilità estendendo la responsabilità legale a tutta la catena del subappalto . Altri paesi farebbero bene a imparare da questi esempi.

In un modo o nell'altro, il nostro amore per i prezzi bassi non dovrebbe vedere i lavoratori trattati come carne.

 

Fonte Collettiva.it che ringraziamo 

La presentazione del volume "Lavorare in fabbrica oggi. Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Fca/Cnhi/Marelli”. Le condizioni negli stabilimenti sono peggiorate per sei lavoratori su dieci

È stato presentato oggi da Massimo Bonini, Davide Bubbico, Francesco Garibaldo, Francesca Re David, Maurizio Landini, Giuseppe Berta e Gad Lerner a Milano, presso la Società umanitaria, il volume "Lavorare in fabbrica oggi. Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Fca/Cnhi/Marelli”, edito dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, un progetto di ricerca a cura delle Fondazioni Claudio Sabattini e Giuseppe Di Vittorio. Alla redazione del volume hanno partecipato diversi docenti, esperti e ricercatori.

“La prima parte del volume – spiega una nota della Fiom - si focalizza sulle condizioni di lavoro negli stabilimenti, con una ricerca che è il risultato di circa 10 mila questionari raccolti all’inizio del 2018, ovvero circa il 20% della platea operaia di riferimento dei 54 stabilimenti coinvolti nell’inchiesta. Inoltre, sono state effettuate circa 170 interviste qualitative in 16 stabilimenti con lavoratori e delegati sindacali". L'obiettivo dell'inchiesta è fare un bilancio coinvolgendo i lavoratori, tra iscritti e non iscritti al sindacato, delll’applicazione del World ClassManufacturing (Wcm) e dell’Ergo- Uas.

Dall'inchiesta emerge che negli ultimi anni la percezione dei lavoratori è che le condizioni di lavoro negli stabilimenti di Fca, Cnhi e Marelli sono peggiorate per 6 lavoratori su 10 (il 59,7%). Solo l'11,9% le giudica migliorate. Pesano soprattutto i carichi di lavoro, dei quali il 43,1% dei dipendenti Fca esprime un giudizio negativo a fronte del 9,7% che vede un netto miglioramento. Visti gli alti carichi, i tempi di lavoro sono poco o per nulla sostenibili secondo il 46,2% del campione, ma dobbiamo anche registrare che una parte dei lavoratori ritiene migliorata la situazione ergonomica. È invece interessante constatare come l'obiettivo della partecipazione alla vita aziendale non trova conferma nell'indagine, infatti solo il 22% dichiara di aver preso parte alle riunioni di team.

La seconda parte del volume, spiega ancora il sindacato, è sulla situazione industriale ed economica del gruppo Fca, fino alle prospettive relative alla fusione con Psa. Affronta la trasformazione radicale che sta avvenendo nell'industria dell'auto in Italia e a livello globale dalla propulsione alle nuove tecnologie, mettendo in risalto il ritardo degli investimenti e l'assenza di una politica industriale che dia risposte alle incognite del futuro anche in vista della fusione tra Fca e Psa. Il settore automotive italiano occupa 1,2 milioni di occupati nell’industria e servizi di cui 258.700 nel settore industriale diretto e indiretto, pari all’1,5% di tutta l’attività manifatturiera, e di questi 162.000 in quello diretto. Il fatturato è di 330 miliardi di euro; di questi il settore industriale ne genera 100 pari al 5,9% del Pil.

"Bisogna poi considerare la componentistica con 156.550 addetti e un fatturato di 46,5 miliardi con 22 miliardi di esportazione e un saldo attivo di 6,8 miliardi. Stiamo parlando di uno dei settori chiave dell’industria italiana ed europea, che rappresenta circa il 6% dell’occupazione totale dell’Unione europea, e l’11% di quella manifatturiera. La presentazione di questo volume fa parte di un percorso della Fiom per tenere aperta l’attenzione sui lavoratori del settore automotive”, conclude la nota.