Vai al contenuto

Nella democratica Inghilterra ‘La polizia infiltrò i sindacati per ottenere informazioni per la costruzione della lista nera dei muratori’ da fornire alle imprese edili. I lavoratori della black list erano discriminati: non venivano assunti dalle imprese e/o venivano licenziati.

Fonte  :  ‘Police infiltrated unions to get information for construction worker blacklist’

 

Traduzione sintetica col supporto di Google Translator dell'articolo apparso sul Belfasttelegraph del 23 marzo 2017 .

Nella democratica Inghilterra 'La polizia infiltrò i sindacati per ottenere informazioni per la costruzione della lista nera dei muratori' da fornire alle imprese edili. I lavoratori della black list erano discriminati: non venivano assunti dalle imprese e/o venivano licenziati.

Reparti speciali della polizia si sono infiltrati nei sindacati dei lavoratori per ricavare informazioni sugli attivisti sindacali, sui lavoratori in particolare su quelli più esigenti rispetto all'adozione di misure da parte delle aziende per la sicurezza e la salute nel lavoro.
Una lista nera di lavoratori edili è stata esposta nel 2009 con la scoperta che un'organizzazione chiamata la Consulting Association teneva files segreti su migliaia di membri del sindacato, spesso per aver sollevato dubbi sulla sicurezza dei cantieri. Ai lavoratori del database illegale è stata negata l'assunzione per progetti di costruzione. Tutto ciò è avvenuto in violazione della norma Data Protection Act.Indagini sono in corso presso l'Alta Corte per verificare l'operato di agenti sotto copertura infiltrati nelle Organizzazioni sindacali.


Dave Smith, segretario del Blacklist Support Group, ha dichiarato di aver aspettato sei anni per la notizia.

"Quando abbiamo parlato per la prima volta della collusione della polizia nella implementazione della lista nera, la gente pensava che fossimo teorici della cospirazione.
"Ci hanno detto che" cose del genere non accadono qui ". Con questa ammissione dalla polizia di Met, la nostra ricerca della verità è stata confermata.
"La polizia dovrebbe rilevare il crimine; invece si infiltrarono nei sindacati e fornirono informazioni a una cospirazione corporativa illegale.
"Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno che l'inchiesta pubblica sulla polizia segreta sia aperta e trasparente, al fine di ottenere la verità su come l'intelligence della polizia è stata condivisa con terze parti del settore privato, comprese le grandi compagnie".

Imran Khan QC, che rappresenta i lavoratori in lista nera, ha dichiarato: "Il ritardo da parte della polizia metropolitana nel rispondere alla nostra denuncia in un momento in cui c'è stato così tanto interesse pubblico e parlamentare in materia è a dir poco.

"I lavoratori in lista nera che rappresento hanno chiaramente subito una grave ingiustizia; per scoprire che alcune delle informazioni sulla lista nera illegittima sono state fornite dai custodi della legge e l'ordine non fa che aggravare la lesione.

"I miei clienti meritano una completa divulgazione e ora abbiamo richiesto una copia completa della loro relazione di indagine interna. Speriamo che la risposta della polizia non duri così a lungo questa volta. "
Unga il segretario generale dell'assistente sindacale Gail Cartmail ha dichiarato: "Questo è un importante passo avanti. Alla fine la polizia è stata costretta ad ammettere quello che già sapevamo - che erano consapevolmente e attivamente coinvolti nella lista nera dei lavoratori edili.

"È vergognoso che abbiano scelto di sedersi su questa ammissione di colpa per così tanto tempo.

"Questa ammissione è un'altra ragione per cui abbiamo bisogno di un'inchiesta pubblica completa sulla lista nera. È anche il motivo per cui è assolutamente essenziale che l'inchiesta sulla polizia sotto copertura condotta dal giudice Mitting sia completamente trasparente.

"L'obiettivo principale di questa indagine deve essere quello di denunciare gli abusi di cui erano responsabili gli agenti di polizia in incognito, piuttosto che proteggere le identità degli agenti di polizia coinvolti".

Justin Bowden, funzionario nazionale del GMB, ha dichiarato: "La lista nera segreta di 3.213 lavoratori edili e ambientalisti è stato il più grande scandalo sul diritto al lavoro in 50 anni.
"Quando la GMB lanciò la prima Corte Suprema per conto di coloro che erano nella lista nera, c'erano molti nell'Istituzione che dissero che avevamo teorici della cospirazione paranoici.

"L'ammissione da parte della polizia di essere stati direttamente e profondamente coinvolti nel negare ai lavoratori ordinari - che in molti casi avevano fatto poco più che sollevare preoccupazioni per la salute e la sicurezza - dal lavoro e la possibilità di sostenere se stessi e le loro famiglie è una crisi costituzionale che può essere adeguatamente affrontato da un'inchiesta pubblica completa e indipendente.

"Questa ammissione solleva anche alcune serie domande riguardanti altri casi connessi".

La lettera recita: "Accusa: la polizia, comprese le branche speciali, ha fornito informazioni apparse sulla lista nera, finanziate dalle principali società di costruzione del paese, dall'associazione di consulenza e / o da altre agenzie, in violazione del Data Protection Act 1998.

"Il rapporto conclude che, sul bilanciamento delle probabilità, l'accusa secondo cui la polizia o le branche speciali hanno fornito informazioni è" provata "."

Una lista nera di lavoratori edili è stata esposta nel 2009 con la scoperta che un'organizzazione chiamata la Consulting Association teneva file segreti su migliaia di membri del sindacato, spesso per aver sollevato dubbi sulla sicurezza dei cantieri. Ai lavoratori del database illegale è stato negato l'impiego per progetti di costruzione.
Da allora milioni di sterline sono stati pagati in compensazione da alcune delle più grandi imprese di costruzione del paese.

Un'indagine è attualmente in corso presso l'Alta Corte in polizia sotto copertura.

Dave Smith, segretario del Blacklist Support Group, ha dichiarato di aver aspettato sei anni per la notizia.

"Quando abbiamo parlato per la prima volta della collusione della polizia nella lista nera, la gente pensava che fossimo teorici della cospirazione.

"Ci hanno detto che" cose del genere non accadono qui ". Con questa ammissione dalla polizia di Met, la nostra ricerca della verità è stata confermata.

"La polizia dovrebbe rilevare il crimine; invece si infiltrarono nei sindacati e fornirono intelligenza a una cospirazione corporativa illegale.

"Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno che l'inchiesta pubblica sulla polizia segreta sia aperta e trasparente, al fine di ottenere la verità su come l'intelligence della polizia è stata condivisa con terze parti del settore privato, comprese le grandi compagnie".

Una dichiarazione della polizia metropolitana (MPS) ha dichiarato: "Il MPS si è scusato per il ritardo nel fornire ai denuncianti l'esito delle indagini condotte sulle accuse secondo cui membri della Special Demonstration Squad (SDS) e del ramo speciale del MPS hanno fornito informazioni a la lista nera'.

"Si dice che la" lista nera "sia stata finanziata dalle maggiori aziende nel settore delle costruzioni.

"Le accuse sul coinvolgimento della polizia con la" lista nera "saranno pienamente esplorate durante l'inchiesta pubblica sulle polizze sotto copertura (UCPI), che ascolterà prove dettagliate su questo argomento.

"In questa fase l'MPS attenderà le conclusioni dell'UCPI prima di considerare quali misure dovrebbero essere adottate successivamente.

"Nel novembre 2012, il reclamo originale è stato ricevuto dal MPS. Un'indagine sulle accuse è stata condotta dall'operazione Herne, la squadra che indagava sulle accuse di reato e condotta scorretta da parte della SDS supervisionata dal capo della polizia Mick Creedon.

"Tale indagine ha concluso che l'MPS aveva fornito informazioni alla" lista nera ", ma non vi era alcuna prova che ciò fosse stato fatto dai membri della SDS e la condivisione delle informazioni non sembrava essere sistematica.

"L'inchiesta non ha considerato la condotta di altri organismi preposti all'applicazione della legge.

"L'applicazione retrospettiva del Data Protection Act ha stabilito che, se la legge fosse stata applicabile al momento, una determinata condotta avrebbe costituito la condivisione impropria delle informazioni.

"In questa fase l'MPS ha comunicato ai denuncianti che, fino a quando l'UCPI avrà valutato tutte le prove, non saranno intraprese ulteriori azioni".

Imran Khan QC, che rappresenta i lavoratori in lista nera, ha dichiarato: "Il ritardo da parte della polizia metropolitana nel rispondere alla nostra denuncia in un momento in cui c'è stato così tanto interesse pubblico e parlamentare in materia è a dir poco.

"I lavoratori in lista nera che rappresento hanno chiaramente subito una grave ingiustizia; per scoprire che alcune delle informazioni sulla lista nera illegittima sono state fornite dai custodi della legge e l'ordine non fa che aggravare la lesione.

"I miei clienti meritano una completa divulgazione e ora abbiamo richiesto una copia completa della loro relazione di indagine interna. Speriamo che la risposta della polizia non duri così a lungo questa volta. "
Unga il segretario generale dell'assistente sindacale Gail Cartmail ha dichiarato: "Questo è un importante passo avanti. Alla fine la polizia è stata costretta ad ammettere quello che già sapevamo - che erano consapevolmente e attivamente coinvolti nella lista nera dei lavoratori edili.

"È vergognoso che abbiano scelto di sedersi su questa ammissione di colpa per così tanto tempo.

"Questa ammissione è un'altra ragione per cui abbiamo bisogno di un'inchiesta pubblica completa sulla lista nera. È anche il motivo per cui è assolutamente essenziale che l'inchiesta sulla polizia sotto copertura condotta dal giudice Mitting sia completamente trasparente.

"L'obiettivo principale di questa indagine deve essere quello di denunciare gli abusi di cui erano responsabili gli agenti di polizia in incognito, piuttosto che proteggere le identità degli agenti di polizia coinvolti".

Justin Bowden, funzionario nazionale del GMB, ha dichiarato: "La lista nera segreta di 3.213 lavoratori edili e ambientalisti è stato il più grande scandalo di occupazione in 50 anni.
"Quando la GMB lanciò la prima Corte Suprema per conto di coloro che erano nella lista nera, c'erano molti nell'Istituzione che dissero che avevamo teorici della cospirazione paranoici.

"L'ammissione da parte della polizia di essere stati direttamente e profondamente coinvolti nel negare ai lavoratori ordinari - che in molti casi avevano fatto poco più che sollevare preoccupazioni per la salute e la sicurezza - dal lavoro e la possibilità di sostenere se stessi e le loro famiglie è una crisi costituzionale che può essere adeguatamente affrontato da un'inchiesta pubblica completa e indipendente.

"Questa ammissione solleva anche alcune serie domande riguardanti altri casi connessi".