Vai al contenuto

France Telecom: molestie istituzionali in corso

FONTE ETUI

È un processo storico che si è appena concluso l'11 luglio 2019 al Tribunal de Grande Instance di Parigi. Inizialmente, c'era una denuncia presentata nella procura di Parigi nel dicembre 2009 dal sindacato SUD PTT per "molestie morali" e "pericolo per gli altri" contro France Telecom e i suoi dirigenti. tempo.

Quasi dieci anni dopo, non meno di sette imputati (l'ex CEO  Didier Lombard , il suo vice Louis Pierre Wenes , il direttore delle risorse umane Olivier Barberot e quattro dirigenti dell'epoca appuntati dall'istruzione per complicità) e la società Orange (ex-France Telecom) che appare in via correttiva per riferire sul dramma umano che ha causato la brutale modernizzazione di questa società di telecomunicazioni tra il 2006 e il 2010 percepita come il fiore all'occhiello delle migliori società francesi . Di fronte a questi ex leader, ci sono 39 vittime o i loro parenti e centoventi parti civili che chiedono giustizia.

A metà degli anni 2000, France Telecom non sta andando bene. Per rilanciare questa ex società pubblica, Didier Lombard è alla guida come CEO e decide di avviare due piani per salvare la società: il piano "Next", che ha come obiettivo 22.000 partenze e 10.000 mobilità nell'arco di tre anni e il piano "Act", la sua componente sociale, dovrebbe fornire supporto agli agenti. In pratica, si tratta di una politica particolarmente ed eccessivamente brutale e destabilizzante che viene attuata per garantire l'abbandono di massa dei dipendenti pubblici. I manager sono addestrati nell '"arte della guerra" per eliminare i dipendenti soprannumerari mettendo le pratiche volte a umiliare i dipendenti e spingendosi per la mobilità geografica nella mobilità aziendale con un sistema di azioni variabili che premia i manager più zelanti . Le pratiche più ciniche sono attuate con metodi crudeli, in contrasto con i molteplici allarmi emessi dai medici del lavoro e dai membri del comitato per la salute, la sicurezza e le condizioni di lavoro (CHSCT). Con risultati drammatici e travolgenti: un'ondata di suicidi si verifica nello staff di France Telecom. Le storie delle vittime e dei loro familiari risuonavano nella sala del 31 ignorando i molteplici allarmi emessi sia dai medici del lavoro che dai membri del Comitato per la salute, la sicurezza e le condizioni di lavoro (CHSCT). Con risultati drammatici e travolgenti: un'ondata di suicidi si verifica nello staff di France Telecom. Le storie delle vittime e dei loro familiari risuonavano nella sala 31 del tribunale ignorando i molteplici allarmi emessi sia dai medici del lavoro che dai membri del Comitato per la salute, la sicurezza e le condizioni di lavoro (CHSCT). Con risultati drammatici e travolgenti: un'ondata di suicidi si verifica nello staff di France Telecom. Le storie delle vittime e dei loro familiari risuonavano nella sala del 31la camera di correzione per due mesi e mezzo, con emozione, per riferire sulla violenza subita, sulla sofferenza subita e sulla disperazione. Un processo seguito da vicino dall'ETUI e che ha avuto anche importanti echi nei media francesi. Questo caso consente di collocare rischi psicosociali nel contesto generale dei metodi di gestione e dell'organizzazione del lavoro.

Il pubblico ministero della Repubblica francese ha chiesto il massimo delle sanzioni contro i tre principali imputati (Didier Lombard, Louis-Pierre Wenes e Olivier Barberot). Dopo 46 udienze, i giudici della corte si sono ritirati per deliberare, la sentenza è prevista per il 20 dicembre 2019.

Newsletter : se desideri ricevere un riepilogo mensile delle attuali notizie su salute e sicurezza, iscriviti alla newsletter bilingue HesaMail (francese e inglese) gratuitamente.

Riferimenti :