Vai al contenuto

FONTE ALENCONTRE.ORG

Postato da Alencontre il 19 ottobre 2018

Di Uraz Aydin

Atatürk o Abdülhamit? Come si chiamerà il nuovo e gigantesco aeroporto di Istanbul, quello del fondatore della Repubblica o del Sultano ottomano? Ecco come i termini dell'unico dibattito pubblico riguardante il terzo aeroporto in cui ciascuno scelse il proprio campo in base alla propria posizione nel contesto della polarizzazione politica e culturale che regnava nella società turca. Fino al giorno in cui decine di migliaia di lavoratori hanno espresso la loro rabbia nei confronti di condizioni insopportabili nel grande cantiere, fermando il lavoro, imponendo così la propria agenda che sconvolge la confortevole situazione dell'attuale dibattito.

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE ALENCONTRE.ORG

Hits: 21

FONTE: BIANET

[ traduzione assistita da google ]

Altri sei lavoratori, che hanno chiesto la sospensione degli omicidi sul lavoro e il miglioramento delle cattive condizioni di lavoro nella costruzione del terzo aeroporto di Istanbul, sono stati arrestati.

Il numero di lavoratori aeroportuali arrestati è aumentato a 33.

L'Unione dei Lavoratori edili (İnşaat-İş) ha reso una dichiarazione ieri (4 ottobre) e ha annunciato che un gruppo di lavoratori è stato preso in custodia nei raid condotti nei loro dormitori e sei dei lavoratori sono stati arrestati:

"Altri sei nostri amici operai, che sono stati chiamati in tribunale con la richiesta di arresto, sono stati arrestati, non possiamo ancora apprendere i loro cognomi, ma i loro nomi sono Bilal, Diyar, İbrahim, Mehmet Nuri, Mustafa e Yusuf."

I lavoratori del 3 ° aeroporto hanno iniziato la loro resistenza il 14 settembre sulla scia di un incidente con un veicolo di servizio, verificatosi il 12 settembre e ferito 17 lavoratori.

Il presidente dell'Unione Karabulut è stato arrestato

Anche il presidente della Progressive Construction Workers Union (Dev-Yapı-İş) Özgür Karabulut è stato preso in custodia di fronte all'Ufficio centrale della Confederazione dei Sindacati Progressi della Turchia (DİSK).

Il sindacato ha annunciato che Karabulut comparirà oggi davanti al giudice nel tribunale di Gaziosmanpaşa.

Quello che è successo?

Il 12 settembre 2018, nella costruzione del 3 ° Aeroporto di Istanbul, dove lavorano quasi 36 mila lavoratori, un veicolo navetta ha avuto un incidente, provocando 17 feriti.

Sulla scia di questo incidente, i lavoratori hanno smesso di lavorare nella costruzione a causa di cattive condizioni di lavoro e omicidi sul lavoro.

Il 14 settembre, 401 lavoratori sono stati presi in custodia. 275 di questi lavoratori sono stati rilasciati il ​​16 settembre. Anche 83 lavoratori sono stati gradualmente rilasciati. 28 dei restanti 43 lavoratori sono stati deferiti in tribunale con una richiesta di arresto. 33 lavoratori sono stati arrestati finora.

Le richieste dei lavoratori sono:

-I lavoratori che hanno aderito alla protesta non saranno licenziati.

-Queste persone che sono state licenziate senza essere informate verranno reintegrate.

-Il problema di navetta verrà risolto.

-Il salario completo sarà messo in conto bancario, non sarà pagato di persona.

-I lavoratori e capisquadra mangeranno nella stessa sala da pranzo.

-I funzionari ufficiali di İGA responsabili dei problemi saranno dimessi.

-I messaggi verranno letti davanti alla stampa.

-I omicidi occulti saranno risolti.

-Bonus sarà pagato in bairams.

-I lavoratori avranno abiti da lavoro.

-Salary di lavoratori che non sono stati pagati per 6 mesi sarà pagato.

(BK / SD)

6 Altri lavoratori dell'aeroporto arrestati

Il numero di lavoratori aeroportuali arrestati è aumentato a 33. Anche il presidente della Progressive Construction Workers Union Özgür Karabulut è stato preso in custodia.

Hits: 141

fonti : i quotidiani turchi
AHVALNEWS
EVRENSEL
(sintesi delle notizie tratte dalla lettura ,assistita da google translator,  dei quotidiani sopra linkati)

La polizia turca e i gendarmi hanno sparato gas lacrimogeni contro la protesta dei lavoratori contro gli incidenti mortali sul lavoro e sulle cattive condizioni di lavoro durante la costruzione del terzo aeroporto di Istanbul.  Questo mega-progetto è una vetrina per il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan.
L'Unione degli operai edili ha dichiarato su Twitter che i lavoratori erano in sciopero a causa del crescente numero di persone che hanno perso la vita o sono stati ferite a causa di incidenti sul lavoro, e a causa del peggioramento delle condizioni di lavoro, mentre le autorità si affrettano ad aprire l'aeroporto il 29 ottobre .
"Negli ultimi due giorni, due dei nostri amici sono caduti dal tetto, uno di loro è in questo momento in chirurgia. Le nostre condizioni di lavoro sono orribili", ha detto a Evrensel un lavoratore.
Due bus navetta che trasportavano lavoratori delle strutture aeroportuali si sono schiantati questa settimana ferendo 17 persone.
Altri problemi, come riferiscono i quotidiani sopra citati, riguardano i maltrattamenti dei lavoratori in subappalto cui non vengono pagati gli stipendi e viene impedito l'accesso alle mense.
I morti per incidenti sul lavoro, secondo il ministero del lavoro turco sarebbero stati 27 dall'inizio dei lavori mentre altre fonti riferiscono di un numero molto più grande. Alla costruzione dell'aeroporto più grande d'Europa lavorerebbero oltre 30 mila lavoratori.

Hits: 79

 

 

RITENIAMO OPPORTUNO PUBBLICARE QUESTO RAPPORTO DELL'OSSERVATORIO HEALTH AND SAFETY LABOR WATCH SULLO STATO DELL'ARTE DELLE CONDIZIONI DI LAVORO IN TURCHIA. LA MANCANZA DI DEMOCRAZIA IN RAGIONE ANCHE DELLO STATO D'EMERGENZA VOLUTO DAL GOVERNO ERDOGAN STA NEI FATTI IMPEDENDO ANCHE LE PIU' NORMALI INIZIATIVE SINDACALI PER LA TUTELA DELL'INCOLUMITA' FISICA DEI LAVORATORI. EDITOR

FONTE : DISK - CONFEDERAZIONE DEI SINDACATI PROGRESSISTI TURCHI
http://disk.org.tr/2018/03/report-on-work-murders-2/

REPORT ON WORK MURDERS
RAPPORTO SUI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEL LAVORO IN TURCHIA
in News / on 7 Mart 2018 alle 12:17 /

( Traduzione svolta con il supporto di Google Translator .)

Health and Safety Labor Watch * ha pubblicato il suo rapporto del 2017: almeno 2.000 lavoratori sono stati uccisi nel 2017!

Fevzi aveva 46 anni e fu sepolto sotto la polpa di carbone nel livello -460 di una fossa di carbone del TTK Karadon ... Non vogliamo morire al lavoro ...

Şahin aveva 10 anni e cadde nelle acque del Goldenhorn mentre vendeva corone di fiori ai turisti nel mercato di Perşembe ...

Nadide aveva 43 anni e fu retrocessa per inadeguata esibizione dalla banca per cui lavorava. Non poteva obiettare per paura di perdere il lavoro e aveva un'emorragia cerebrale ...

Mustafa aveva 65 anni e cadde in un pozzo dell'ascensore mentre lavorava al quarto piano di un cantiere di Atakum ...

Kadir aveva 18 anni e morì di shock elettrico mentre lavorava per una linea di trasmissione di energia a Beykoz ...

Nildanur era una ragazza di 13 anni che venne a Hendek da Kızıltepe al lavoro e morì quando il trattore che trasportava i lavoratori nei giardini di nocciole rotolò su un fossato lungo la strada ...

Abdullah era un lavoratore siriano caduto in un deposito di rifiuti di plastica ...

Selahattin era un insegnante di studi sociali di 23 anni che non era stato nominato. Si è suicidato, lasciando una nota che diceva: "Ho perso la speranza e la luce" ...

Ricordiamo tutti i lavoratori che abbiamo perso per gli omicidi legati al lavoro nella persona dei nostri amici di cui sopra, e promettiamo di lottare per un paese in cui gli omicidi sul lavoro non ci sono più.

Omicidi legati al lavoro nel 2017

Durante l'amministrazione dell'AKP, in cui la precarietà divenne l'ordine corrente del lavoro e della vita proletaria, circa 20-50 mila lavoratori persero la vita per omicidi legati al lavoro. Condizioni di lavoro precarie, flessibili e irregolari sono state aggravate e rese popolari dallo stato di emergenza e dai decreti legislativi. Il risultato è ovvio! Solo nel 2017, i oltre 2000 lavoratori hanno perso la vita per omicidi legati al lavoro. I dati sull'omicidio professionale a cui potremmo accedere per lo più consistono in eventi improvvisi etichettati come "incidenti sul lavoro" nella legislazione. Secondo il database dell'ILO, il rapporto tra "morti per infortuni sul lavoro" e "decessi correlati a malattie professionali" è compreso tra 1 e 6. (A quel tasso, in base ai dati dell'OIL) in Turchia, almeno 12.000 lavoratori potrebbero essere morti dalle malattie legate al lavoro nel 2017, anche se le malattie legate al lavoro sono solo la punta dell'iceberg.

I dati relativi al 2006 lavoratori per settore, causa di morte, sesso, fascia d'età e città sono i seguenti:

116 donne e 1890 lavoratori maschi.
60 bambini lavoratori, di cui 18 hanno meno di 15 anni.
88 lavoratori immigrati / rifugiati, per lo più siriani.
230 lavoratori a Istanbul, 93 lavoratori a Smirne, 88 a Bursa, 79 lavoratori ad Antalya, 72 lavoratori a Konya, 71 lavoratori a Kocaeli, 67 lavoratori ad Ankara, 65 a Manisa, 62 lavoratori ad Adana e 52 lavoratori a Denizli hanno perso la loro vite.
453 lavoratori erano nel settore delle costruzioni, 385 nell'agricoltura, 272 nel settore dei trasporti, 154 nel commercio / uffici, 116 nei lavori in metallo, 93 nel settore minerario, 89 erano lavoratori municipali e 65 nel settore energetico.
446 morirono di incidenti stradali / di servizio, 347 furono schiacciati / sepolti nei relitti, 317 caddero dalle alte sfere, 183 avevano infarto / emorragia cerebrale, 164 furono vittime di violenze e 135 morirono di shock elettrico.
Sono aumentati i decessi nei settori dei metalli, delle miniere e dell'energia. Riteniamo che il motivo dell'aumento sia lo stato di emergenza e i decreti statutari, che hanno reso impossibile per i lavoratori, anche i lavoratori organizzati, difendere i loro diritti. Le seguenti parole del presidente Erdoğan del suo discorso ai datori di lavoro non sono state vane: "Usiamo lo stato di emergenza per l'intervento in luoghi dove c'è una minaccia di sciopero." Per le autorità, la vita dei lavoratori è un dettaglio banale rispetto al capitale accumulazione. Il differimento della legge sulla salute e sicurezza sul lavoro è un indicatore di questa prospettiva.
Una guerra contro i lavoratori nei luoghi di lavoro ...

Quale altra guerra provoca la perdita di tanti amici? Chi lavora in lavori pericolosi, in particolare i lavoratori delle miniere, non può uscire di casa senza dire addio alle proprie famiglie. E cosa sentiamo dal potere politico, in particolare dal Presidente, dalla burocrazia e dai padroni? Incidente, destino, destino, natura, comportamenti non sicuri, mancanza di istruzione e così via ... Diciamo no a questa mentalità: la causa di questi omicidi è l'economia neoliberale, le politiche occupazionali precarie e la strategia di accumulazione del capitale. Finché la classe operaia è soggetta a queste condizioni di lavoro, la morte è inevitabile!

Un'epidemia nascosta: malattie professionali

Secondo i dati dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), ogni anno 160 milioni di persone in tutto il mondo sviluppano malattie legate al lavoro. Ogni anno, 1 milione 950 mila persone perdono la vita a causa di malattie professionali. Queste cifre sono stime piuttosto che malattie diagnosticate dal lavoro o decessi dovuti a malattie professionali.

Ogni anno sono previste da 4 a 12 nuove malattie professionali per ogni mille lavoratori. Ciò significa che circa 120 mila a 360 mila nuovi lavoratori soffrono ogni anno di malattie professionali in Turchia. Sarebbe sicuro dire che il numero annuo di malattie professionali è superiore a 300 mila in Turchia a causa della lunga durata delle ore lavorative medie, dell'occupazione diffusa precaria e flessibile e della pressione aggiuntiva dello stato di emergenza. Tuttavia, i dati più recenti (2016) del Social Security Institution (SSI), un'organizzazione governativa in Turchia, mostrano solo 597 malattie professionali diagnosticate ogni anno.

Secondo i dati dell'OIL, i decessi legati alle malattie professionali sono 5-6 volte più dei decessi legati agli omicidi di lavoro. Dato che almeno  2006 lavoratori sono morti in omicidi legati al lavoro nel 2017, almeno 12 mila lavoratori devono aver perso la vita a causa di malattie professionali in Turchia. Relativamente, i dati ufficiali SSI relativi alle morti annuali dovute a malattie professionali in Turchia possono essere contati con le dita di due mani. Un confronto tra le stime dell'OIL e i dati SSI dimostra che non esiste un sistema diagnostico per le malattie professionali in Turchia. A parte il fatto che ci sono solo tre ospedali che trattano malattie professionali in Turchia, cioè a Istanbul, Ankara e Zonguldak, i lavoratori sono costretti a rimanere riluttanti a essere diagnosticati con malattie professionali a causa della minaccia di disoccupazione, problemi di disabilità e le lunghe procedure legali e burocratiche che seguono la diagnosi di una malattia professionale.

Le malattie del lavoro, proprio come gli omicidi di lavoro, possono essere completamente prevenute solo se i lavoratori hanno il controllo su tutte le fasi dell'organizzazione del lavoro e hanno voce in capitolo nel lavoro che svolgono. Il potere dei lavoratori derivante dalla produzione è l'unico modo per garantire l'adozione di regolamenti per combattere le malattie professionali a favore di lavoratori come il miglioramento dell'attuale sistema diagnostico, fornendo sicurezza legale per prevenire sofferenze ingiuste dei lavoratori fino e dopo la diagnosi, risultati giudiziari e riabilitazione professionale dopo la diagnosi. La lotta organizzata è l'unico modo per ottenere misure preventive e lavorare senza ammalarsi.
La lotta continua e duratura di 7 anni di Labor Health and Safety Watch a Istanbul ...

Ogni anno, migliaia di lavoratori si ammalano, diventano disabili o perdono la vita a causa di cause correlate all'ambiente di lavoro o alle condizioni di lavoro. Questi eventi che causano la perdita della salute e della vita dei lavoratori sono in parte registrati come "incidenti sul lavoro" e quasi mai registrati come "malattie professionali". Anche nei casi di incidenti sul lavoro registrati, il processo di follow-up spesso comporta tentativi di coprire le ragioni e le persone responsabili. Questi incidenti che infliggono gravi danni ai lavoratori dovrebbero essere imprevedibili / non prevenibili per essere qualificati come "incidenti". Tuttavia, tutti gli incidenti che si verificano nelle miniere, nei cantieri navali, nelle aree di costruzione, negli impianti, negli uffici e nelle classi sono prevedibili e possono essere prevenuti.

La vera ragione per cui i lavoratori diventano disabili, perdono la loro salute psicologica e fisiologica, o perdono la vita sul posto di lavoro è il sistema di produzione capitalista che vede i lavoratori come un mezzo di produzione di plusvalore piuttosto che di esseri umani. Nel sistema capitalista, insieme all'escalation della competizione tra i gruppi di capitale, i datori di lavoro che competono per ridurre i costi tendono a rifuggire dai regolamenti più semplici per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori al costo della vita dei lavoratori in assenza di opposizione sociale. La maggior parte delle industrie tratta i lavoratori come cavie per testare materiali e tecniche di produzione usando questi materiali e tecniche senza identificare completamente il loro impatto sulle persone. Lo stato trascura anche la sua responsabilità di controllo e controllo che è di vitale importanza per i lavoratori, ricorrendo alla scusa delle condizioni di mercato, che sono determinati in linea con gli interessi del capitale, e spesso viola le regole di salute e sicurezza dei lavoratori pubblici ambienti di lavoro. Questo stato di cose ha conseguenze nefaste per la salute pubblica e ambientale. Quindi è una questione di vita o di morte che il potere politico viene tenuto sotto controllo dall'opposizione sociale attraverso l'informazione, l'organizzazione e l'attivazione dal punto di vista dei lavoratori riguardo allo stato delle cose che porta a perdite di vite e salute a cui si può porre rimedio solo una prospettiva umanistica protettiva che lotta.

Come Osservatorio sulla sicurezza e la salute di Istanbul, consideriamo le morti crescenti dei lavoratori non come "incidenti" o "malattie", ma come deliberati "omicidi". Questi omicidi non si concluderanno invocando la misericordia del capitale o la responsabilità dello stato; quindi crediamo che i lavoratori nelle diverse fasi della produzione dovrebbero organizzare e proteggere le loro vite all'interno della lotta organizzata. Il nostro Osservatorio, quindi, mira a lottare mano nella mano con tutti i segmenti pro-lavoro, comprese le reti di famiglie di coloro che hanno perso la vita e lavoratori feriti, sindacati e associazioni professionali, verso l'obiettivo di "lavoro umano, vita umana ”.

Il nostro orologio non tollera discriminazioni e discorsi di incitamento all'odio basati sul genere, l'etnia, la razza, le convinzioni o l'orientamento sessuale. Adottando la prospettiva dei lavoratori in tutti gli ambiti della vita, il nostro Osservatorio mira a creare l'istituzione di una politica per la salute e la sicurezza dei lavoratori indipendente da tutti i tipi di gruppi di potere e pressione politici, economici e culturali.

I passi che intendiamo assumere come Istanbul Health and Safety Labor Watch e le nostre urgenti richieste ...
Le nostre richieste urgenti sono le seguenti:

1- Non vi è alcun motivo concreto per mantenere lo stato di emergenza. Al contrario, lo stato di emergenza e i decreti legislativi hanno effetti negativi sui diritti dei lavoratori. L'effetto di questo danno sulle condizioni di salute dei lavoratori può essere dimostrato dall'aumento del 10% dei decessi dovuti al lavoro negli ultimi 18 mesi. La richiesta di abolizione dello stato di emergenza in solidarietà con le organizzazioni sindacali è una parte essenziale della lotta per la salute e la sicurezza dei lavoratori.

2- La principale preoccupazione della lotta per la salute e la sicurezza dei lavoratori (HESA) è quella di organizzarsi. Il nostro obiettivo è quello di combinare il nostro lavoro nel campo della produzione di dati con la nostra lotta contro le pratiche di lavoro non sindacali e precarie. Attraverso questi decessi legati al lavoro, miriamo a creare una politica sanitaria che includa tutte le aree della vita di un lavoratore.

3- Sapendo che il 98% dei lavoratori che hanno perso la vita per omicidi legati al lavoro sono stati non sindacalizzati, lotteremo contro le pressioni sul posto di lavoro da parte dei consigli del lavoro, delle legazioni dei lavoratori e dell'unione sindacale, e ci adopereremo per la libertà di organizzazione .

4- Miriamo a richiamare l'attenzione sulle malattie professionali e ad adottare misure su base nazionale e regionale, nonché sulla base delle industrie e dei luoghi di lavoro.

5- Oltre a Istanbul e Kocaeli, puntiamo a istituire HESA Labor Watch in città come Smirne, Ankara e Bursa, dove ci impegneremo a sviluppare politiche specifiche per queste città.

Il 6 e 22-28 aprile sarà proclamato Hesa ​​Labor Week, in alternativa al 4-6 maggio Hesa ​​Labor Week, durante il quale verranno istituite piattaforme per vocalizzare le attuali richieste della classe lavoratrice, invece delle richieste del governo e del capitale.

FERMIAMO GLI OMICIDI ASSOCIATI AL LAVORO!
* Health and Safety Labour Watch (İşçi Sağlığı ve İş Güvenliği Meclisi) is an intra-professional and independent monitoring platform on HESA.

http://www.guvenlicalisma.org – guvenlicalisma@gmail.com

...continua a leggere "REPORT ON WORK MURDERS RAPPORTO SUI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEL LAVORO IN TURCHIA"

Hits: 104