Vai al contenuto

Telecamere sul posto di lavoro: attenti alla tentazione della sorveglianza

FONTE :    Equaltimes.org 

AUTORE : Benjamin Hourticq

Sono ovunque, o quasi. Guarda, lì, in un angolo del soffitto. Dietro il bancone, il farmacista, il cassiere, questo tecnico informatico. Tipi di palle di neve di vetro, alzate e riempite di nero. Telecamere CCTV, sono lì per proteggerti o monitorarti?

Nel mondo degli affari, parliamo di videoprotezione, perché ti dicono che sei protetto " ,dice Caroline Diard, dottore in risorse umane presso la Normandy School of Management, specialista in materia. Secondo la Commission Nationale Informatique et Libertés (CNIL) - l'autorità francese per il controllo dei dati personali - l'installazione di telecamere in un luogo di lavoro può essere effettuata " ai fini della sicurezza di beni e persone , come deterrente o per identificare gli autori di furti, danni o aggressioni.Deciso dal datore di lavoro, questo deve essere fatto in conformità con un regolamento denso. Pertanto, in Francia, è necessario rispettare la protezione civile, penale, lavorativa, interna e le norme europee di protezione dei dati generali (GDPR).

Ciò si riflette in diversi criteri di base, il primo dei quali è il rispetto di un principio di " proporzionalità per lo scopo desiderato ". Concretamente, questo consiste nel non continuare a filmare i dipendenti continuamente - tranne che per chi gestisce denaro, la telecamera è comunque diretta al registratore di cassa - nei bagni, negli uffici sindacali e nei luoghi di sosta. Questo in nome del principio del rispetto della privacy.

Quando si installa un sistema di telecamere, un datore di lavoro deve informare i suoi dipendenti, prima collettivamente, in base al Codice del lavoro, che richiede la consultazione con il consiglio di fabbrica. Ma non è abbastanza. Ogni dipendente deve quindi essere personalmente informato del dispositivo, " nessuna informazione riguardante il fatto che un dipendente possa essere [raccolto] personalmente da un dispositivo che non è stato precedentemente reso noto a lui ", detta il Codice del lavoro francese.

Abusi nelle piccole e medie imprese

Con un quadro legislativo così denso, le regole per l'utilizzo della videosorveglianza nelle aziende sono ben rispettate? " Nelle grandi aziende, non prendiamo troppi rischi " , afferma Caroline Diard. " In generale, hanno un servizio che si occupa di questi problemi e sono conformi alla legge. D'altra parte, vediamo cose bizzarre nelle piccole e medie imprese (PMI), dove un capo troverà normale osservare i suoi dipendenti da casa. Nel mio lavoro ho incontrato persone completamente ignoranti della legge e dei loro obblighi. "

Tuttavia, le regole di applicazione della videoprotezione sono ignorate involontariamente o consapevolmente, resta il fatto che può avere un impatto reale sui dipendenti.

Laura (nome presunto) ha avuto l'esperienza. Per quattro mesi, ha lavorato come commessa in una panetteria a Tarbes, una città nel sud-ovest della Francia. Dopo una prima settimana di lavoro, apprende dal suo manager " che l'intero panificio è sotto sorveglianza video e il capo ci guarda molto regolarmente a lavorare da casa. "

Al momento della firma del suo contratto, all'inizio della seconda settimana, Laura lo legge in dettaglio. Si riferisce, come la legge lo richiede, alla presenza di telecamere nello spazio di lavoro aperto al pubblico, " a scopo di protezione, se mai accade qualcosa di serio ". Durante una discussione con il suo datore di lavoro, ha detto al suo dipendente che le telecamere possono essere utilizzate anche in caso di rapine o controversie con i clienti. Se in questo caso, è la presenza di telecamere "giustificati" nel quotidiano però, è il peso: " Mi sento costantemente spiato e di avere sempre stare attenti nella mia presentazione. Mi ha infastidito. "

Un evento in particolare ha segnato la giovane donna. In una giornata impegnativa nella panetteria, lei e il suo collega crollano sotto il loro carico di lavoro. Da casa, grazie alle telecamere, il datore di lavoro impone istruzioni al telefono. " Mi ha disgustato ", dice Laura. " Doveva essere per proteggerci, e in definitiva era per guardarci. "

Più telecamere, più reclami per abuso

Ogni anno, la CNIL riceve reclami da parte di persone che ritengono che i dispositivi di videosorveglianza non siano conformi alla legge. Nel 2018, ha ricevuto 848, contro 635 nel 2017 e 560 nel 2016. Un aumento che va di pari passo con quello del mercato della videosorveglianza, in piena espansione. Secondo uno studio di Markets & Markets, una società specializzata nell'analisi dei mercati in crescita, CCTV dovrebbe crescere globalmente da $ 37 miliardi nel 2018 a $ 68 miliardi nel 2023, con una crescita annuale di 13,1%.

Ciò si spiega facilmente con una democratizzazione del materiale, per la ricercatrice Caroline Diard: "La videoprotezione è ora una tecnologia di accesso non molto costosa. Per una ragione pratica, si è diffuso e le aziende tendono ad attrezzarsi. Secondo il sito web Travaux.com , se i dispositivi più sofisticati possono costare più di 5.000 euro, è possibile installare un sistema di base ad un prezzo compreso tra 80 e 200 euro.

Allo stesso tempo, aumenta anche il numero di casi resi pubblici, come recentemente quello del marchio pubblico generale Fnac, Metz, nell'est della Francia, il che dimostra che anche nelle grandi aziende gli abusi persistere a volte. In questo caso, i dipendenti hanno capito che una telecamera riprendeva continuamente il corridoio di accesso ai locali dei rappresentanti del personale. La direzione non li ha informati, come richiesto dalla legge, del sistema TVCC. Di fronte a questi evidenti abusi, il comitato aziendale e il comitato per la salute, la sicurezza e le condizioni di lavoro hanno presentato una denuncia al pubblico ministero di Metz per "  ostacolare  " le prerogative delle autorità del personale e "minare la la privacy dei dipendenti ".

In Francia, penalmente, l'inosservanza delle formalità nella raccolta dei dati personali può essere punita con 5 anni di carcere e 300.000 euro di multa.

Ma le sanzioni amministrative possono anche essere pronunciate dall'Autorità di controllo dei dati personali, in questo caso, il CNIL in Francia. Dall'entrata in vigore del regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (GDPR) nel maggio 2018, le autorità di vigilanza degli Stati membri dell'UE possono imporre sanzioni fino al 4% del fatturato annuo. in tutto il mondo o 20 milioni di euro.

Supposed armonizzare le normative europee in materia di protezione dei dati, il testo dovrebbe, a Firenze Chafiol, avvocato presso lo studio di Parigi Debouzy agosto " lasciando meno spazio di manovra " ai paesi membri dell'Unione europea rispetto alla precedente direttiva UE del 24 ottobre 1995 sulla protezione dei dati personali. " I supervisori hanno interpretato questa direttiva un po 'come volevano. C'erano anche molte differenze tra loro. In Belgio, ad esempio, [l'autorità] non può imporre sanzioni alle aziende. "

Ciò dovrebbe anche consentire di chiarire la legislazione a livello europeo. Perché finora, le sentenze della Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) hanno talvolta dato luogo a una giurisprudenza sorprendente, a seconda del paese. Così, nel 2010, la CEDU ha convalidato il licenziamento di un cassiere in Germania, per i furti, le cui prove erano state ottenute tramite telecamere nascoste, installate da detective privati. I giudici hanno ritenuto che l'equilibrio tra la privacy del dipendente e i diritti economici del datore di lavoro fosse stato proporzionato. Il dispositivo è stato installato dopo sospetti di furto per un periodo limitato di due settimane e ha preso di mira solo due persone.

D'altra parte, in un caso simile, nel 2018, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha rilevato che il licenziamento di quattro cassieri spagnoli, anche per furto , era " illegale ". Sospettoso, il datore di lavoro aveva installato telecamere visibili e altre nascoste, grazie alle quali poteva ottenere prove. I giudici della Corte si sono basati su un certo numero di basi, una delle quali era che al momento del procedimento, " la legislazione spagnola in vigore", indicava chiaramente che ciascun rilevatore di dati doveva informare le persone preoccupato per l'esistenza di mezzi per la raccolta e l'elaborazione di informazioni personali che li riguardano."Un altro elemento, le telecamere miravano" a tutti i dipendenti alle casse, per settimane, senza limiti e durante tutte le ore di lavoro. "

Autocontrollo delle società in questione

Ora, con il RGPD, informazioni dovrebbe essere portato chiaramente a conoscenza dei lavoratori in un'impresa e visitatori, mostrando all'ingresso dei locali dei vari parametri del dispositivo: il nome del manager, base giuridica lo scopo, il periodo di conservazione delle immagini - non più di un mese, in linea di principio - l'accesso alle registrazioni riguardanti la propria persona e la possibilità di ricorrere all'Autorità per la protezione dei dati. Infine, altri cambiamenti, e non meno importante, non è più necessario installare telecamere dichiarazione alle autorità di controllo per non aprire a luoghi pubblici come magazzini o aree di staff dedicato.

Ora, mettiamo l'auto-responsabilizzazione delle aziende " , dice l'avvocato Florence Chafiol. " Vale a dire, il giorno in cui il Cnil - in Francia - arriva, è vantaggioso rispettare e giustificare tutto. Se la RGPD non viene rispettata, le sanzioni saranno più importanti. Secondo un giurista del sindacato francese Force Ouvrière (FO) - non volendo esprimere se stesso per nome - il rafforzamento del potere sanzionatorio delle autorità di controllo " è una buona cosa ". Deplora, tuttavia, che in Francia, nella sua giurisprudenza, la Corte di cassazione " ammetta che si può punire un dipendente per colpa grave attraverso la videosorveglianza ".

Si riferisce qui al caso di un dipendente di grandi dimensioni licenziato per aver rubato il cellulare di un cliente, in una zona remota, lontano dalla sua postazione di lavoro, e al di fuori delle sue ore di esercizio. Per queste ragioni, il dipendente non ha potuto far valere la mancanza di informazioni dal suo datore di lavoro, che cosa si rammarica l'avvocato Forza Ouvrière: " Anche se l'obiettivo non è quello di controllare l'attività dei dipendenti, FO, Si raccomanda che il datore di lavoro informi i dipendenti circa la funzionalità e lo scopo del dispositivo ", continua.

Un altro problema, secondo lui, è che quando il responsabile della protezione dei dati è interno alla struttura, la sua indipendenza può essere messa in discussione. Questo è il motivo per cui pensiamo che dovrebbe avere lo status di dipendente protetto ", proprio come lo staff eletto.

Più a contatto con il campo e problemi incontrati dai dipendenti, Alain Comba, segretario dipartimentale di Force Ouvrière nelle Bouches du Rhône, da parte sua, è in dubbio sul concetto di autocontrollo delle imprese. È particolarmente preoccupato per l'indebolimento delle contro-potenze nei luoghi di lavoro: " Molte aziende che hanno messo in atto mezzi di controllo per proteggersi da intrusioni esterne o garantire la conformità con determinati processi produttivi specifici , deriva più o meno verso il punto. Dove c'è una buona rappresentanza sindacale, migliora. Ma nelle aziende in cui la lotta anti-sindacale è molto forte, sta diventando più forte . "

Come il giurista del suo sindacato, Alain Comba ritiene che il quadro legislativo sia sufficiente per proteggere i dipendenti dagli eccessi della videosorveglianza. Ma il sindacalista ritiene che "dovrebbero esserci più controlli dell'Ispettorato del lavoro, i cui mezzi scompaiono". Per Caroline Diard, "Finora , la giurisprudenza non era vincolante come si poteva immaginare. Potrebbe cambiare con sanzioni elevate. Può far accadere le cose . "

 

Questa storia è stata tradotta dal francese.