Una inchiesta di Daniela Leonardi sui fattorini di Foodora, a Torino. I risultati sono stati illustrati durante il convegno di presentazione del numero speciale di «Primo maggio» il 1 dicembre 2018 a Torino. 

*****

Questo contributo è parte di una riflessione più ampia portata avanti con Salvatore Cominu che sarà pubblicata prossimamente.

La riflessione che presento parte da una lotta di lavoratrici e lavoratori impiegati nei servizi di consegna a domicilio di pasti. Si tratta di un punto di vista deliberatamente parziale basato su un esempio concreto di lotta che ho seguito dal 2016 e che continuo a seguire tuttora. Lo scopo dell’inchiesta è duplice: da una parte dar voce ai soggetti protagonisti, dall’altra ragionare immediatamente con loro con attitudine trasformativa e conflittualerispetto alle loro condizioni lavorative e di vita (che non possono essere considerate separatamente) e ragionarne non solo con loro, come per esempio stiamo facendo oggi. Questo lavoro di inchiesta vuole essere uno strumento di lotta nelle mani dei e delle riders e di tutte le compagne e i compagni che si pongono come obiettivo quello di rovesciare il presente. Non c’è dunque una ricercatrice che detiene un sapere separato e un oggetto della sua ricerca a cui al massimo si valuterà di dare una restituzione, confezionata ad hoc, c’è un processo circolare di scambio la cui posta in palio è la trasformazione stessa delle soggettività in gioco. A livello di metodo non c’è stata la ricerca di un campione che fosse rappresentativo della popolazione dei fattorini in bicicletta e, come diceva qualcuno, non è stata questione di lavarsi bene le mani per condurre un’intervista metodologicamente rigorosa rimuovendo la sua natura di relazione sociale. La mia posizione non è stata neutrale. ...continua a leggere "Inchiesta nella micrologistica dei riders – di Daniela Leonardi"