Il mondo sotterraneo e malato del Nord Italia

Fonte Areaonline che ringraziamo 

Tra Piemonte, Lombardia e Veneto un libro di fotogiornalismo racconta e analizza l’eredità tossica lasciata da un’industria nociva e dal traffico di rifiuti nella Megalopoli Padana di Federico Franchini


Inquinamenti industriali, contaminazioni ambientali, traffici di rifiuti, discariche abusive: è il retaggio lasciato nel Nord Italia da un’imprenditoria malata, spesso collusa con la criminalità organizzata. Tutto questo è raccontato – e fotografato – in un recente, bellissimo, libro intitolato “La terra di sotto” (Penisola Edizioni).

Continua a leggere “Il mondo sotterraneo e malato del Nord Italia”

Pandemia ed elezioni …. Podcast Diario Prevenzione n° 75 – 11 gennaio 2021

– Covid-19, se l’incidenza delle infezioni è alta le riaperture sono rischiose anche con Rt minore di 1
– Crisi pandemica e crisi politiche: sarebbe etico e legittimo convocare elezioni politiche con il rischio di moltiplicare i contagi fuori ogni controllo?
– I dati Ministero Salute sull’andamento della pandemia corona – 10/01/21
– Addio Donald! Porta con te l’amianto mentre esci dalla scena mondiale. Per favore chiudi la porta mentre esci.
– Frittura mista

 

 

In tutto il mondo, i corrieri di piattaforme alimentari (riders) si stanno mobilitando per i diritti fondamentali dei lavoratori

Fonte Equaltimes.org

Mentre Covid-19 costringe i cittadini di tutto il mondo a restare bloccati e gli addetti alle consegne di cibo si danno da fare per fornire sollievo ai clienti, un nuovo rapporto ha messo in luce le cattive condizioni di lavoro affrontate dai corrieri alimentari a livello globale, nonché alcuni dei passaggi che i lavoratori stanno prendendo per sfidare lo status quo.

Il recente studio FES Global labour unrest on platform. Il caso degli addetti alla consegna di cibo prende in considerazione sei marchi globali di consegna di cibo che operano in più di due regioni globali: Uber Eats, Just Eat, Deliveroo, Foodora, Zomato e Glovo – oltre ad altre 12 società che operano a livello regionale. Tra di loro, queste 18 aziende forniscono cibo cotto e preparato ai clienti in 95 paesi. Continua a leggere “In tutto il mondo, i corrieri di piattaforme alimentari (riders) si stanno mobilitando per i diritti fondamentali dei lavoratori”

Francia. INRS. Aggiornamento di 13 file per identificare e sostituire agenti cancerogeni

INRS segnala l’aggiornamento di 13 files che servono d’aiuto alle aziende per sostituire o usare in modo diverso agenti cancerogeni . 

Aggiornamento della raccolta delle schede FAR FAS

Sono stati aggiornati più di dieci fogli di aiuto per l’identificazione e la sostituzione degli agenti cancerogeni (FAR-FAS). Riguardano i settori della metallurgia, delle materie plastiche e della gomma, dell’edilizia, della lavorazione degli alimenti, dei servizi e dell’ambiente.

Creati per supportare le aziende nella valutazione del rischio chimico e nell’implementazione di soluzioni di prevenzione adeguate alle attività e alle postazioni di lavoro interessate, le schede di assistenza all’identificazione (FAR) e le schede di assistenza alla sostituzione ( FAS) degli agenti cancerogeni sono regolarmente aggiornati per tenere conto dei cambiamenti nelle conoscenze e nelle pratiche tossicologiche (nuovi processi, nuovi prodotti utilizzati, ecc.). 

Pertanto, 10 FAR e 3 FAS sono stati aggiornati e messi online. Le FAR aggiornate sono dedicate ai settori metallurgico, edile, plastica e gomma, ambiente, alimentare e dei servizi. I FAS, da parte loro, riguardano i settori metallurgico e dei servizi.

Consulta l’elenco completo di FAR-FAS

Addio Donald! Porta con te l’amianto mentre esci dalla scena mondiale. Per favore chiudi la porta mentre esci.

Riprendiamo dal sito del Segretariato internazionale per la messa al bando dell’amianto l’articolo della Presidente Laurie Kazan-Allenm che ricorda le scelte scellerate di Donald Trump a difesa delle Corporation dell’amianto con l’aggiramento delle norme a tutela della salute dei lavoratori e dei cittadini tramite lo stravolgimento delle funzioni delle Agenzie federali  come EPA e OSHA. 

Fonte International Ban Asbestos Secretariat 

di  Laurie Kazan-Allen

Ci sono così tanti motivi per essere grati di vedere l’uscita di Donald Trump il mese prossimo, qualcuno classificato da un familiare stretto come “L’uomo più pericoloso del mondo”. 1 Un presidente che giocava  a golf mentre gli americani stavano vivendo la peggiore catastrofe a memoria d’uomo; la sua mancanza di empatia era insondabile quanto il suo rifiuto di accettare il verdetto dell’elettorato americano. Questo nativo di New York, che è sgradito nella sua città natale, sembra anche essere persona non grata dai vicini di Mar-a-Lago, il suo ritiro a Palm Beach. 2 C’è da meravigliarsi se si considera la discordia e lo sconvolgimento che segue la sua scia?

Il sostegno di Trump all’amianto è iniziato molto prima che entrasse alla Casa Bianca. Nel suo libro “The Art of the Comeback” (1997) ha scritto che l’amianto aveva “ricevuto un brutto colpo” e che le campagne per imporne la rimozione dalle scuole e dagli edifici pubblici erano “guidate dalla folla”. 3 Nel giugno 2005, Trump ha difeso l’amianto di fronte a una riunione della sottocommissione della Commissione per la sicurezza interna e il governo del Senato, dicendo:

“Molte persone potrebbero dire che se il World Trade Center avesse l’amianto non sarebbe bruciato, non si sarebbe sciolto, okay? … Molte persone nel mio settore pensano che l’amianto sia il miglior materiale ignifugo mai realizzato. ” 4

Continua a leggere “Addio Donald! Porta con te l’amianto mentre esci dalla scena mondiale. Per favore chiudi la porta mentre esci.”

Pnrr, insorgono gli ambientalisti: “Sembra scritto sotto dettatura dell’Eni”

Riprendiamo da La nuova ecologia questo articolo che descrive lo sconcerto delle Associazioni ambientaliste rispetto ai contenuti del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, versione del 29 settembre u.s. 
Fonte : La Nuova Ecologia 
Sconcerto di Legambiente, Greenpeace e wwf: “È sconcertante che un’azienda a parziale capitale pubblico si faccia finanziare progetti con soldi dei contribuenti”

“Da mesi chiediamo un Piano Nazionale Ripresa e Resilienza “partecipato” per evitare un Pnrr ‘delle partecipate’, come alcune indiscrezioni delle ultime settimane lasciavano temere. Leggendo la seconda bozza del Piano, datata 29 dicembre, siamo stati ampiamente smentiti. Abbiamo, infatti, a che fare con un Piano che contiene diverse misure che sembrano scritte sotto dettatura solo da una azienda parzialmente statale, ossia Eni. Dal documento che è circolato nelle ultime ore emerge che l’azienda partecipata è riuscita a far inserire progetti di confinamento geologico della CO2 a Ravenna e presunte bioraffinerie. Continua a leggere “Pnrr, insorgono gli ambientalisti: “Sembra scritto sotto dettatura dell’Eni””

Le navi autonome saranno la “rovina” del settore marittimo?

Equaltimes è un sito web trilingue di notizie e opinioni incentrato su lavoro, diritti umani, cultura, sviluppo, ambiente, politica ed economia da una prospettiva di giustizia sociale. Come diario prevenzione abbiamo revisionato la traduzione automatica del testo, delle eventuali imperfezioni della traduzione è responsabile Diario Prevenzione.I lettori potranno comparare in ogni momento il testo tradotto in italiano  con l’originale inglese

Fonte : Equaltimes.org che ringraziamo

Navi da centocinquanta mila tonnellate attraverseranno gli oceani senza equipaggio. Città industriali che trascinano l’acqua come placche tettoniche. Come spettri di metallo. Questo è il futuro del settore marittimo se seguiamo le sue stesse previsioni. Le navi autonome ( automatizzate. ndr )  sono da tempo all’ordine del giorno delle compagnie di navigazione e l’Organizzazione marittima internazionale lavora dal 2017 per garantire il funzionamento sicuro e pulito delle navi marittime autonome di superficie (MASS). La loro automazione sta procedendo imperterrita, sebbene siano ancora necessari ulteriori sviluppi, sia tecnologici che normativi, per raggiungere la fase finale in cui le navi sono libere di navigare senza un solo essere umano a bordo. Per il momento, quasi 100.000 navi e il loro equipaggio stanno attualmente solcando i mari, trasportando gran parte del carico mondiale. Si tratta di molte barche e molti lavori che dipendono dalla navigazione convenzionale. Continua a leggere “Le navi autonome saranno la “rovina” del settore marittimo?”

L’eclissi green: come la pandemia ha oscurato l’ambiente sui mezzi di comunicazione

Fonte ASVIS.IT

di Elisa Capobianco

Disponibile il nuovo Rapporto Eco-Media 2020. Il ruolo dell’informazione ambientale in Italia esaminato alla luce della pandemia su telegiornali, testate web e social network. Ma tra le diverse testate ci sono sensibilità differenti.

Il 2020 si prospettava l’anno della svolta green per arrestare la crisi climatica, invece è diventato l’anno del virus. La pandemia, travolgendo il pianeta, ha concentrato su di sé l’attenzione di tutti i media riscrivendo le priorità dell’agenda globale e rallentando la promozione dello sviluppo sostenibile.

A questo proposito, l’Osservatorio Sostenibilità e Ambiente ha presentato il 17 dicembre il Rapporto Eco-Media intitolato “L’informazione ambientale in Italia”. Continua a leggere “L’eclissi green: come la pandemia ha oscurato l’ambiente sui mezzi di comunicazione”

Amianto: nel giorno di Natale l’ennesimo lutto alle OGR Bologna

Partecipiamo al cordoglio per la scomparsa di Gianni Dal Monte a causa di un mesotelioma pleurico contratto sul lavoro e porgiamo le nostre condoglianze ai suoi  famigliari, ai suoi amici e colleghi della OGR. Diario Prevenzione

Il Comunicato di AFeVA ER 

Gianni Dal Monte – operaio saldatore alle OGR dal 1970 al 1979 – ci ha lasciati a causa di un mesotelioma pleurico contratto in Officina.

Nel giorno di Natale se ne è andato Gianni Dal Monte, 83 anni. Operaio saldatore al 5° reparto delle OGR negli anni ’70, nel 2019 la diagnosi di Mesotelioma pleurico contratto per avere respirato le fibre di amianto nel suo lavoro alle Officine, malattia che ne ha causato la morte.

Gianni nella sua vita è stato tante cose: saldatore sopraffino, militante della CGIL e delegato sindacale, sempre e fino all’ultimo impegnato nel sociale, nella costruzione della comunità, impegnato ad apprendere quello che non sapeva, poi ad insegnare ciò che aveva imparato.

Da sempre iscritto ad AFeVA ER, nel novembre 2019 ha partecipato alla realizzazione di una intervista sulla sua esperienza in OGR, nell’ambito del Patto di Collaborazione realizzato col comune di Bologna. Da questa intervista, e lo sanno bene tutti quelli che lo hanno conosciuto, viene fuori la sua schiettezza, il suo rigore a partire dal suo lavoro di saldatore, il rifiuto di qualsiasi atteggiamento vittimistico, il rifiuto della delega e la fiducia e l’impegno nei processi di costruzione collettiva di comunità, dalla fabbrica al quartiere, dal condominio alle attività ricreative.

Alla domanda su quale messaggio darebbe ai giovani, Gianni risponde: “– Non delegare. Partecipando e vivere in prima persona il… poi è chiaro non puoi essere dappertutto, però tu devi essere informato, sapere cosa succede e organizzarti. Organizzarti perché senza organizzazione non vai da nessuna parte, senza organizzazione sei perdente… perché loro sono organizzati. E sanno quello che vogliono. E la loro organizzazione del lavoro, la maggior parte passa sulle tue palle – spalle! Anche adesso. Come si fa andare a spiegare ai rider che quando vanno a casa da quel lavoro lì non hanno niente, non hanno pensione, non hanno… come si fa andare a spiegare? Terrificante. È chiaro che anche io quando non avevo un lavoro prendevo quel che c’era, ma la mia idea era un’altra, io lo sapevo bene che dovevo partecipare, dovevo organizzarmi, dovevo..” …”Perché io non ho ancora mollato l’osso, io partecipo ancora.”

E’ vero Gianni, fino all’ultimo non hai mollato l’osso della vita, dell’impegno. Quello che ci hai insegnato, cercheremo di metterlo in pratica, per un lavoro dignitoso e sicuro, per una memoria che insegni a vivere il presente e a costruire il futuro.

In nome tuo e delle centinaia di lavoratori e lavoratrici vittime dell’amianto, ma soprattutto vittime dell’avidità di profitto e della sciatteria di tanti, continueremo l’impegno per la ricerca, per la cura del mesotelioma, per liberare l’ambiente dall’amianto.

AFeVA ER, si stringe ai familiari ed agli amici e colleghi a cui porge le più sentite condoglianze.

Bologna, 27 dicembre 2020

 

Umano-inumano negli Stati Uniti: lavoratori a punti

AUTORE 

Fonte : Volerelaluna che ringraziamo

Parte prima

Il sistema a punti nell’industria di lavorazione della carne negli Usa ha costretto molti lavoratori a recarsi al lavoro anche se presentavano sintomi di infezione da Covid.

Ogni giorno che stai a casa hai un punto. Con un certo numero di punti (da 6 a 14, a seconda degli stabilimenti) sei licenziato. L’attribuzione dei punti dipende anche dalla benevolenza del capo, che ti devi conquistare. Le principali industrie hanno dichiarato di aver sospeso il sistema durante la pandemia, ma in realtà, anche nei casi migliori, la cosa è vera solo dopo che sei risultato positivo a un test. Fare il test è costoso, per molti c’è la paura dei controlli da parte dell’ufficio immigrazione, si deve aspettare a lungo il risultato e intanto si deve andare a lavorare. Alcune ditte hanno allentato i criteri nel momento di massima attenzione alla epidemia in questo settore (in moti stabilimenti c’è stato un elevato numero di morti) per poi tornare a regole ancora più rigide. In alcuni casi, i punti venivano assegnati e il lavoratore doveva fare un ricorso per farseli togliere, a volte a un call center che comunicava solo in inglese, problema ostico in stabilimenti dove i lavoratori parlano decine di lingue diverse. Il settore occupa principalmente lavoratori immigrati, in genere senza formazione professionale, che, nonostante le smentite delle aziende, vengono visti come un componente facilmente sfruttabile e manipolabile del processo produttivo, come «un pezzo di macchinario» (https://jacobinmag.com/2020/11/meatpacking-tyson-covid-symptoms-work).

Parte seconda

Vale la pena scommetterci. Complessivamente a metà novembre il numero di lavoratori dell’industria della carne che avevano contratto il Covid era di circa 50.000, con 250 morti. Risultato di un’assenza di regolazione e di controlli, di indebolimento del sindacato e di calcolata negligenza dei datori di lavoro, pronti a giocare con le vite dei dipendenti pur di far girare gli impianti. Il fatto è che parlare di giocare non è purtroppo solo una metafora: come si vede, i numeri sono abbastanza grandi, e si può pensare a utilizzarli per qualche forma di intrattenimento. In uno stabilimento dello Iowa, di quelli di cui si parlava sopra, un capo ha organizzato un giro di scommesse fra dirigenti e capisquadra: si puntava su quanti lavoratori si ammalavano, chi ci azzeccava vinceva tutto. La cosa è saltata fuori, è partita una denuncia, la ditta nega tutto (ma ha sospeso i capi). La denuncia si riferisce anche all’assoluta mancanza di protezioni e di distanziamento, alle pressioni per continuare a lavorare anche se chiaramente malati. Il cinismo dei capi è una cosa, ma ancor più grave è la mancanza totale di controlli da parte degli enti federali e statali, che delegano alle imprese tutte le questioni legate alla sicurezza: nello Iowa, sede della storia che stiamo raccontando, l’agenzia statale raccoglie semplicemente le denunce dei lavoratori (che richiedono la compilazione di complicati moduli, tutti naturalmente solo in inglese), poi telefona o manda una lettera alla ditta coinvolta, dal tenore «abbiamo ricevuto questa denuncia, non sappiamo se è vera, verificate voi e fateci sapere» (https://jacobinmag.com/2020/11/meatpacking-iowa-tyson-lawsuit-work-conditions-covid-19).

I comportamenti inumani si fondano sempre su solide basi strutturali…

C’è una svolta “verde” in Cgil?

Fonte La Bottega del Barbieri

 

Produzione e consumo di energia non sono infiniti

Ambiente e sindacato. Accanto al miraggio della decrescita felice c’è il rischio della decrescita infelice

di Mario Agostinelli e Andrea Ranieri (*)

 

La risposta della Filctem Cgil all’appello di Castellina e Muroni rivela come una parte del sindacato sia ancora lontana dall’aver recepito la drammaticità del momento storico che stiamo vivendo. Il messaggio di Francesco, degli studenti di Greta e del mondo scientifico stanno rimettendo in discussione il rapporto tra uomo, elementi naturali e biosfera, chiarendo quanto la sopravvivenza e la giustizia sociale siano irreversibilmente a rischio. La portata del disastro e il tempo limitato a disposizione per affrontarlo – di cui trattano nel loro appello Castellina e Muroni – assieme al lento declino della vita vegetale e animale può convincere il mondo del lavoro ad uscire da una posizione puramente difensiva e diventare punto di riferimento essenziale di una trasformazione radicale del modello di sviluppo.

Continua a leggere “C’è una svolta “verde” in Cgil?”

E’ disponibile in rete il numero di dicembre di Lavoro e Salute

E’ disponibile in rete il numero di dicembre della Rivista Lavoro e Salute, con molti articoli importanti e interviste. Segnaliamo in particolare l’ intervista all’epidemiologo Giuseppe Costa : ” Quale sanità post-covid . Cosa occorrerebbe fare? ”  e l’ottimo articolo “C’era una volta la bella sanità Toscana”

per leggere la Rivista clicca qui 

 

Protesta contro la costruzione di un impianto di cattura e stoccaggio della CO2 da parte di Eni a Ravenna.

ENERGIAPERLITALIA

Comunicato Stampa: 10 dicembre 2020

Protesta contro la costruzione di un impianto di cattura e stoccaggio della CO2 da parte di Eni a Ravenna.

Il gruppo energiaperlitalia si associa alle proteste giuste e fondate dei ragazzi di Fridays for Future e delle associazioni ambientaliste contro la costruzione da parte di Eni di un grande impianto per la cattura e lo stoccaggio della CO2 a Ravenna.
Riteniamo, infatti, che non sia questo il modo procedere verso la decarbonizzazione del sistema energetico regionale e nazionale. L’Italia e in particolare l’Emilia-Romagna, regione che è stata sempre all’avanguardia nel guardare al futuro, devono puntare con decisione sulla transizione energetica dai combustibili fossili alle energie rinnovabili, che non producono né CO2 né sostanze inquinanti, per ottenere l’elettricità con cui alimentare, in particolare, i settori dei trasporti e della climatizzazione degli edifici.
Continuare ad usare i combustibili fossili riversando in atmosfere quantità sempre maggiori di CO2 per poi ricatturarla e sequestrarla è un processo di per sé illogico e, per di più, basato su una tecnologia complessa, non ancora collaudata e della quale non si conoscono i costi e tanto meno i rischi ambientali.
Eni, come società controllata dal governo, ha il dovere di contribuire alla transizione energetica, scelta compiuta dal governo alla conferenza di Parigi nel 2015 e confermata in ogni successiva occasione. Eni ha anche la capacità di farlo, grazie al valore dei suoi tecnici. Molte altre compagnie petrolifere in tutto il mondo si stanno o si sono già riconvertite, abbandonando progressivamente l’estrazione di idrocarburi e sviluppando le energie rinnovabili, in particolare eolico e fotovoltaico. Eni non può perdere l’opportunità di una rapida riconversione anche per non venire coinvolta nella crisi che comporterà l’inevitabile riduzione dell’uso dei combustibili fossili nei prossimi anni. La costruzione da parte di Eni di impianti per la cattura e lo stoccaggio della CO2, operazione che richiede lunghi tempi e implica poi la necessità di usare tali impianti per molti anni, sarebbe la prova che Eni non ha nessuna intenzione di riconvertirsi e che anzi utilizza la costruzione di questi impianti per ipotecare la necessità di continuare ad usare i combustibili fossili.
Nel chiudere questo comunicato, esprimiamo la nostra piena solidarietà al Fatto Quotidiano  contro il quale Eni ha intentato una causa civile chiedendo un risarcimento di 350 mila euro “per l’intera produzione  di articoli, inchieste, interventi e commenti pubblicati riguardanti la compagnia petrolifera a proposito delle inchieste internazionali su casi di presunta corruzione e su questioni ambientali”.

Vincenzo Balzani
Coordinatore di energiaperlitalia

 

Una ricerca suggerisce di non utilizzare maschere N95 per più di 2 giorni. Quasi la metà delle maschere N95 fallisce se riutilizzate per più di 2 giorni

“I respiratori N95 utilizzati dopo il secondo giorno hanno mostrato tassi di fallimento significativi”, ha detto Ronald Check, MD, St. Luke’s University Hospital, Bethlehem, Pennsylvania, in una presentazione della sua ricerca presso l’American College of Emergency Physicians (ACEP) 2020, che si è tenuta online.
Vedi articolo alla fonte: Medscape

Don’t Use N95 Masks for More Than 2 Days, Research Suggests

by Ingrid Hein November 02, 2020

Tradimento delle vittime dell’amianto in Spagna

Fonte IBAS International Ban Amianto Secretariat 

30 novembre 2020

I lavoratori ammalati a causa  dell’amianto in Spagna hanno ricevuto un altro schiaffo all’inizio di questo mese (novembre 2020) quando un tribunale commerciale di Madrid ha confermato una richiesta aziendale di mettere Coemac – il proprietario dell’ex gigante dell’amianto del paese Uralita – in bancarotta volontaria. 1 Il 30 gennaio 2020 Coemac aveva chiesto tutela giurisdizionale ai suoi creditori, riconoscendo di non disporre di liquidità sufficiente per far fronte alle proprie passività; la società ha contestato le pretese derivanti dalla produzione di materiali da costruzione in cemento-amianto da parte di Uralita. Il giorno successivo (31 gennaio 2020), la negoziazione delle azioni Coemac è stata sospesa dalla Borsa di Madrid.

Continua a leggere “Tradimento delle vittime dell’amianto in Spagna”

IWH. Canada. Uno studio su adeguatezza del controllo delle infezioni COVID e DPI legati alla salute mentale dei lavoratori.

 

Questo articolo proviene dal sito dell’Istituto canadese “Institute for Work & Health” (IWH) .
IWH é un’organizzazione indipendente e senza scopo di lucro. La mission di IWH è promuovere, proteggere e migliorare la sicurezza e la salute dei lavoratori conducendo ricerche  apprezzate da datori di lavoro, lavoratori e responsabili politici.

Fonte  :“Institute for Work & Health”

Uno studio condotto all’inizio dell’emergenza COVID-19 rileva che i lavoratori che si sentivano al sicuro nei loro luoghi di lavoro fisici avevano una salute mentale migliore rispetto ai lavoratori che ritenevano che le pratiche di sicurezza COVID-19 sul posto di lavoro fossero inadeguate

Pubblicato: 4 novembre 2020

Adeguate protezioni COVID-19 come dispositivi di protezione individuale (DPI) e protocolli di controllo delle infezioni sul posto di lavoro (ICP) sono collegate alla salute mentale dei lavoratori. Questo è  un nuovo studio dell’Istituto per il lavoro e la salute (IWH) sui lavoratori canadesi condotto nella primavera del 2020, un secondo studio per trovare tale legame tra la protezione sul posto di lavoro e la salute mentale dei lavoratori nelle prime settimane dell’emergenza.

Lo studio, condotto congiuntamente con le Cliniche per la salute occupazionale per i lavoratori dell’Ontario (OHCOW), ha rilevato che i sintomi di ansia e depressione erano più alti tra le persone che hanno continuato a lavorare durante il blocco ma sentivano che nessuna delle protezioni necessarie per DPI e ICP era a posto. Al contrario, i sintomi di ansia e depressione erano meno prevalenti tra le persone che andavano fisicamente al lavoro ma sentivano che erano disponibili tutte le misure necessarie e i DPI. Continua a leggere “IWH. Canada. Uno studio su adeguatezza del controllo delle infezioni COVID e DPI legati alla salute mentale dei lavoratori.”

Regione Piemonte. Città Metropolitana di Torino . Dal 30 novembre l’undicesima edizione delle Settimane della Sicurezza

 

Con la conferenza stampa delle ore 11.00 di lunedì 30 novembre 2020 inizia ufficialmente l’XI edizione delle Settimane della Sicurezza.

In programma dal 30 novembre al 13 dicembre 2020, le Settimane della Sicurezza sono organizzate da Sicurezza e Lavoroin collaborazione con Cgil, Cisl, Uil, Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Città di Torino – Circoscrizione 1, Cit Turin Lde, Agenzia Piemonte Lavoro APL, Ce.Se.Di. e altri enti.

Per partecipare alla conferenza stampa è necessario avere installato Zoom e collegarsi qui: https://zoom.us/j/96293826663

All’incontro interverranno rappresentanti di Sicurezza e Lavoro, delle tre sigle sindacali, delle istituzioni e degli altri enti coinvolti, oltre ai familiari delle sette vittime del rogo alla Thyssen di Torino, ancora in attesa di una piena giustizia.

Le Settimane della Sicurezza sono organizzate in occasione dell’anniversario della tragedia alle Acciaierie ThyssenKrupp del 6 dicembre 2007, in cui morirono sette operai (Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò, Bruno Santino, Antonio Schiavone e Roberto Scola), per promuovere – insieme a Istituzioni, sindacati, imprese, associazioni, familiari delle vittime, lavoratori, lavoratrici, studenti, studentesse e cittadini – la cultura della salute, della sicurezza, dei diritti e della prevenzione, in particolare tra i giovani, sul lavoro e a scuola.

La valutazione dello stress lavoro correlato dopo la pandemia, facciamo il punto…

ASSOCIAZIONE AMBIENTE LAVORO
SOCIETA’ DI ERGONOMIA E FATTORI UMANI

Workshop

La valutazione dello stress lavoro correlato dopo la pandemia, facciamo il punto

2 dicembre 2020 ore 14.30 – 18.30

Il Workshop invita a focalizzare l’attenzione sulla necessità di proposte concrete in grado di gestire, nel dopo COVID-19, il cambiamento profondo e inevitabile dei processi organizzativi e produttivi. La pandemia potrebbe rappresentare un’occasione unica ed uno stimolo per adottare una mentalità nuova che sappia andare oltre procedure consolidate divenute insufficienti o meno efficaci. Comportamenti costruttivi più adeguati sapranno rendere il “fattore umano”, la condivisione e la buona relazionalità, aspetti davvero centrali e prioritari,in grado di rendere migliore la qualità del lavoro e della vita quotidiana. La prevenzione e la valutazione dello stress lavoro- correlato dovranno considerare, come punti di riferimento irrinunciabili, la visione d’insieme e l’interazione stretta e convergente fra aree disciplinari, in rappresentanza delle competenze tecniche, biomediche, psicosociali. Pertanto, sull’analisi dei fattori di stress sono previsti interventi autorevoli, con contributi legati ad attività di ricerca e sperimentazione, monitoraggio e verifica ispettiva, problematiche previdenziali, modalità di innovazione organizzativa già individuate o sviluppate.
Il workshop si propone di fare il punto, con diversi attori scientifici ed istituzionali, su come si possa affrontare la valutazione dello stress lavoro correlato nelle organizzazioni, come previsto dal D.lgs 81/08, dopo gli eventi causati dalla pandemia da Covid-19.

LA LOCANDINA

 

AiFOS . Webinar gratuito: cosa fare se il COVID-19 arriva in azienda?

Riceviamo e pubblichiamo . editor

Il 27 novembre 2020 si terrà un seminario gratuito in modalità webinar per illustrare le procedure per gestire i positivi COVID-19 in ambito aziendale, i contatti stretti e il rientro al lavoro.

 Sono diverse le difficoltà nel mondo del lavoro per la gestione dell’emergenza sanitaria correlata alla diffusione pandemica del virus SARS-CoV-2. Non solo le aziende si trovano a dover riorganizzare le attività e tener conto dell’evoluzione continua di norme, linee guida e protocolli, ma hanno anche la necessità di occuparsi della delicata gestione degli eventuali casi positivi in azienda, dei contatti stretti e dei rientri al lavoro.

Come gestire questi casi? Quando e come effettuare i test? Cosa è un contatto stretto? Quali sono gli obblighi di datori di lavoro, operatori e medici competenti?

Il webinar gratuito sulla gestione del COVID-19 in azienda

Proprio per rispondere a queste e altre domande che si pongono le aziende in questa fase dell’emergenza COVID-19, l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) organizza per il 27 novembre 2020 il seminario gratuito in modalità webinar “Covid-19 in azienda. Gestione casi positivi, contatti stretti, quarantena, rientro al lavoro e test biologici”.

Il seminario ha la finalità di illustrare, in base alle indicazioni dettate dalle Autorità, le procedure per la gestione di positivi COVID-19 in ambito aziendale, dei contatti stretti e del rientro al lavoro.

Sono tanti gli argomenti e le domande a cui si forniranno risposte in base alla normativa e all’evoluzione attuale dell’emergenza pandemica.

Continua a leggere “AiFOS . Webinar gratuito: cosa fare se il COVID-19 arriva in azienda?”

Usa. Quando il governo è gestito da pochi, i lavoratori essenziali ne pagano il prezzo

 

Fonte:  Public Employees for Environmental Responsibility – PEER  che ringraziamo 

Con il coronavirus in “diffusione incontrollata” a fine ottobre in 34 stati e a Porto Rico, secondo CovidExitStrategy.org, e con il massimo esperto di malattie infettive Anthony Fauci che dice che siamo in una posizione “precaria”, dobbiamo ricordare chi rimane nella posizione più precaria per essere devastato se le infezioni da COVID-19 riportano i blocchi: I lavoratori essenziali.

Oltre agli anziani nelle case di cura, i lavoratori essenziali , spesso di colore,  hanno pagato uno dei prezzi più alti  fino a questo punto della pandemia. I lavoratori essenziali  hanno letteralmente messo le loro vite sulla linea come se fosse la guerra. Tra i migliori esempi ci sono: 

  • Il  Midwest Center for Investigative Reporting ha finora registrato 214 morti di confezionatori di carne in tutta la nazione e 41.000 infezioni in strutture in 40 stati . Un rapporto dei  Centers for Disease Control and Prevention ha  rilevato che mentre i confezionatori di carne sono per il 61% latini, neri e asiatici, sono responsabili di quasi 9 infezioni su 10;  
  • Il National Nurses United ha  pubblicato un rapporto che ha rilevato che più di 1.700 operatori sanitari erano morti al 16 settembre. Il gruppo ha  detto  al New York Times alla fine di ottobre che il numero è ora vicino a 2.000. 

Continua a leggere “Usa. Quando il governo è gestito da pochi, i lavoratori essenziali ne pagano il prezzo”

” Convivere con il Covid” del Prof. Donato Greco

Segnaliamo questo articolo di Donato Greco che fa chiarezza sul tema ” Convivere con il Covid”.

Convivere con il Covid. Ma cosa vuol dire? E soprattutto, è possibile? Sì, ecco come. Senza arrivare a nuovi lockdown generalizzati

di Donato Greco

Il messaggio che sento di dover dare su Covid -19 è relativo al domani: domani reale e domani prossimo, senza addentrarmi nel domani remoto. E quindi partiamo dallo scenario attuale per capire cosa presumibilmente, in base alle conoscenze e all’esperienza, ci aspetta e cosa possiamo e dobbiamo fare per imparare a convivere con questo virus. A partire dalle nuove conoscenze accumulate in questi mesi che ci permettono di usare le misure di prevenzione in modo più efficace, mirandole a specifiche situazioni ed evitando interventi privi di un razionale logico.

Leggi l’articolo su Quotidiano Sanità 

Imparare dalla Pandemia

 

Fonte: Saluteinternazionale

Autore: Gavino Maciocco

Due libri usciti a settembre – di Marco Geddes e Francesca Nava – ci aiutano a capire, a conoscere com’è nata e come si è sviluppata la pandemia, a sapere cos’è andato storto. Per non ripetere gli stessi errori.

“Sapete cosa temo? Che da questa esperienza non si sia in grado di apprendere, cioè di acquisire e mettere in atto provvedimenti, organizzazioni, comportamenti adeguati affinché il ripresentarsi di questa epidemia o di fenomeni simili sia prevenuto e affrontato adeguatamente”.

Quando – lo scorso luglio – Marco Geddes consegnò all’editore il manoscritto del libro “La sanità al tempo del coronavirus”[1] l’epidemia raggiungeva il livello più basso di diffusione (“dati del 19 luglio: 219 casi e 3 morti. Mai così pochi decessi, nessuno in Lombardia”). Ebbene, i timori che il paese, e il nostro sistema sanitario, si facessero trovare impreparati di fronte a una seconda ondata erano purtroppo molto ben fondati: i dati di ieri 20 ottobre 2020, 10.874 casi e 89 morti.

Continua a leggere “Imparare dalla Pandemia”

Le superficialità e gli errori della OMS rispetto alla valutazione dei rischi negli ambienti di lavoro

CHI LO SAPEVA? | La superficialità  dell’OMS sui rischi di contagio  da corona  nelle situazioni  lavorative rischia un disastro di livello mondiale 
FONTE HAZARDS MAGAZINE CHE RINGRAZIAMO . VEDI ANCHE LA VERSIONE ORIGINALE IN LINGUA INGLESE.
Chi avrebbe pensato che avremmo dovuto mettere un avvertimento sulla salute all’Organizzazione mondiale della sanità? L’ editore dei rischi Rory O’Neill ha scoperto che il consiglio “incredibilmente dannoso” dell’OMS sui rischi del Covid-19 sul posto di lavoro sta lasciando i lavoratori in pericolo di vita.

Domande e risposte: Suggerimenti per la salute e la sicurezza sul lavoro nel contesto del COVID-19 , pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il 26 giugno 2020, ha rivelato come l’agenzia delle Nazioni Unite dai piedi di piombo non abbia né la conoscenza né la capacità di consigliare sulle questioni di lavoro.

Ma questo non l’ha fermato per un momento. Le omissioni nella sua guida – in particolare nessuna menzione dell’ispezione e dell’applicazione del lavoro, e una mancanza di consapevolezza delle potenziali interazioni con altri rischi sul posto di lavoro e la necessità di una protezione più ampia dell’occupazione – hanno mostrato perché un’agenzia delle Nazioni Unite non lavorativa non dovrebbe essere leader sul posto di lavoro problema.

La guida dell’OMS contraddice una guida molto più protettiva pubblicata nel maggio 2020 dall’agenzia specializzata delle Nazioni Unite sul lavoro, l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

La domanda e risposta dell’OMS ripete le posizioni politiche elaborate nella sua guida provvisoria del 10 maggio 2020, Considerazioni per la salute pubblica e le misure sociali sul posto di lavoro nel contesto di COVID-19 ‘ . Questo documento ha ricevuto un’accoglienza ostile, definita “pericolosa” dalla Confederazione sindacale internazionale (ITUC) e dal Consiglio dei sindacati globali.

Rischio calcolato male

Il primo errore dell’OMS è un’affermazione ripetuta che “Covid-19 si diffonde principalmente attraverso goccioline respiratorie o contatto con superfici contaminate”. Ma all’inizio della pandemia sono state sollevate preoccupazioni sul fatto che i rischi di goccioline e contatti non fossero l’unica minaccia rappresentata da questo coronavirus.

Continua a leggere “Le superficialità e gli errori della OMS rispetto alla valutazione dei rischi negli ambienti di lavoro”

DAGLI ARCHIVI DEL NOVECENTO UNA RIFLESSIONE SU PREVENZIONE, SALUTE PUBBLICA E AMBIENTE

 

Vedi Documento completo  con gli accrediti per partecipare alla sessione stream

15 OTTOBRE 2020
DALLE 16 ALLE 18.00
DIRETTA STREAMING

DAGLI ARCHIVI DEL NOVECENTO UNA RIFLESSIONE SU PREVENZIONE, SALUTE PUBBLICA E AMBIENTE

La Rete per gli Archivi del Presente, nell’ambito della Festa della Storia, dopo la forzata sospensione delle attività di questi mesi, torna proponendo, in diretta streaming, un momento di riflessione dedicato alla cultura della difesa della salute ambientale, sui luoghi di lavoro e sui territori, dagli anni Settanta sino ad oggi.

Saranno presenti:

Flavia Franzoni, esperta di formazione nel settore sociale

Gino Rubini, già Responsabile Area Salute e Sicurezza Luoghi di Lavoro Cgil Emilia Romagna

Villiam Alberghini, già responsabile dell’area Prevenzione e Sicurezza nei luoghi di lavoro della ASL di Bologna,

Loris Campetti, giornalista e scrittore

Modera Silvia Napoli, Archivio di Stato di Bologna

Durante l’incontro l’attrice-regista Angela Malfitano leggerà alcuni brani di documenti tratti dal fondo personale del medico Guido Deffenu, militante di Medicina democratica e verranno proiettate alcune immagini dall’Archivio storico della nuova sinistra “Marco Pezzi” e dall’Archivio storico “Paolo Pedrelli” della Camera del Lavoro metropolitana di Bologna

 

 

Storia senza fine, nuova tragedia all’OGR di Bologna di Salvatore Fais

Fonte Facebook
Una strage senza fine, dopo l’amico e collega Giancarlo Mazzetti deceduto il 9 maggio, oggi lo sconforto e la rabbia in me per una strage che ci sta strappando alla vita ad uno a uno . Ieri sera s ‘è preso Luciano.
Maledetto amianto e maledetto chi pur sapendo non lo ha difeso dalle mortali fibre dell’amianto
La strage infinita, senza sosta e senza respiro, non sono bastati i più di 305 colleghi che ti hanno preceduto morti per essere stati esposti alle fibre mortali dell’amianto per profitto, il 2020 l’ennesimo lutto colpisce ancora i lavoratori delle OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI DELLE FERROVIE DELLO STATO di BOLOGNA.
La comunità OGR in questo momento di dolore, si stringe attorno ai familiari di Luciano.
Ciao Luciano resterai sempre con noi.  Questa storia che dura ormai da più di 40 anni e che ha visto i lavoratori dello stabilimento in prima linea nella lotta alla sicurezza degli ambienti di lavoro e alla salute dei lavoratori esposti inconsapevolmente alle famigerate polveri killer dell’amianto, accumulando nel tempo un vero e proprio bollettino di guerra, causando a questa comunità operaia dell’OGR oltre 305 vittime, mettendo ancora oggi in apprensione quanti anno lavorato in stabilimento, e quanti ancora vi lavorano. Ieri sera l’ultima tragedia, ancora l’amianto…… mesotelioma.. priva della voglia di vivere il nostro collega Luciano Tonioli, tutti quelli che hanno avuto l’onore di conoscerlo e apprezzarne le sue qualità umane professionali, sono affranti e sconfortati per la sua perdita, gli amici i colleghi tutti addolorati nell’assistere passivamente a questa sterminio si stringono vicini al dolore dei famigliari con tanta pena.
GRANDE TRISTEZZA E SCONFORTO
ho un gran nodo in gola è in me nell’apprendere questa brutta notizia, sei stato un amico ci saremmo dovuti trovare questa settimana, ma il male non c’è l’ha permesso.
OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI DELLE FERROVIE DELLO STATO di via Casarini BOLOGNA.

Legambiente pubblica il Rapporto Mal’aria di città 2020

 

Fonte Legambiente che ringraziamo 

Ecco le pagelle sulla qualità dell’aria di 97 città italiane: l’85% sono sotto la sufficienza. 

Mal’aria di città 2020, edizione speciale 

Che aria si respira nelle città italiane e che rischi ci sono per la salute?  Di certo non tira una buona aria e con l’autunno alle porte, unito alla difficile ripartenza dopo il lockdown in tempo di Covid, il problema dell’inquinamento atmosferico e dell’allarme smog rimangono un tema centrale da affrontare.

A dimostrarlo sono i nuovi dati raccolti da Legambiente nel report Mal’aria edizione speciale in cui sono state confrontate le concentrazioni medie annue delle polveri sottili (Pm10 e Pm2,5) e del biossido di azoto (NO2) negli ultimi cinque anni (2014-2018) con i rispettivi limiti suggeriti dall’OMS.

Solo il 15% delle città ha raggiunto nei 5 anni un voto sufficiente: Sassari (voto 9), Macerata (voto 8), Enna, Campobasso, Catanzaro, Grosseto, Nuoro, Verbania e Viterbo (voto 7), L’Aquila, Aosta, Belluno, Bolzano, Gorizia e Trapani (voto 6).  L’85% è invece sotto la sufficienza: fanalini di coda Torino, Roma, Palermo, Milano e Como (voto 0).  Un quadro preoccupante. Comunicato stampa

I dati dello scorso anno 

Il sito della settimana. Approfondimenti sui rischi lavorativi specifici. Piani Mirati di Prevenzione, FAQ e informazioni

L’Agenzia per la tutela della salute della Brianza si è dotata di un sito web interessante che tratta il tema degli  “Approfondimenti sui rischi lavorativi specifici: Piani Mirati di Prevenzione, FAQ e informazioni”

E’ strutturato in forma sintetica e intuitiva. I Piani Mirati di Prevenzione, le Faq e le informazioni offrono un materiale di consultazione ricco. Uno strumento di lavoro utile.

Il sito ATS della Brianza

Sotto Trump, la risposta al Covid-19 dell’OSHA è fallimentare

FONTE NYT

Un breve riassunto dell’articolo apparso sul NewYork Times il 14 settembre 2020.  

Le aziende hanno poco da temere dall’ufficio governativo per la sicurezza sul lavoro. Solo sanzioni che ammontano a  $ 15.615. Questo è quanto un’azienda di confezionamento della carne da 52 miliardi di dollari è stata multata dal governo federale per condizioni non sicure che hanno portato alla morte di otto lavoratori.Anche se i pericoli e la virulenza del coronavirus sono diventati più evidenti, infettando 6,5 milioni di americani e uccidendone quasi 200.000, il braccio di protezione dei lavoratori più importante della nazione si è addormentato al volante. L’ amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro ha emesso solo linee guida, piuttosto che stabilite regole applicabili, per le aziende che si sono affrettate a riaprire quando erano ritenute essenziali all’inizio della pandemia, mettendo centinaia di migliaia di dipendenti in luoghi di lavoro dove il virus potrebbe facilmente diffondersi.

E’ disponibile online il periodico Lavoro Salute n° 8 settembre 2020

FONTE LAVOROESALUTE.ORG

In questo numero

Perchè votare NO al referendum
4- editoriale. Non solo covid, c’è anche questa politica
6- Referendum: le ragioni del NO
SANITA’
8- Aziendalizzazione e privatizzazione, come invertire la rotta
19- “ Racconto il mio inferno covid di medico in Valsusa”
20- Prevennzione o morte dei sistemi sanitari pubblici
22- Pandemia in Emilia e Romagna. Raccontare marzo
22- Come aderire a Medicina Democratica Onlus
23- Sanità pubblica in ritirata? Operatori delusi e malati in attesa
24- Contratti sanità: quanto abbiamo perso in 20 anni

SICUREZZA E LAVORO
25- Eliminare le molestie e la violenza sul lavoro?
26- Vademecum sicurezza sul lavoro
25- I rischi sul lavoro garantiti da una clausola non scritta
26- In 253 giorni oltre 770 i crimini sul lavoro
27- Racconti nell’insicurezza sul lavoro
28- Vaccini e lavoratori. Intervista a Marco Caldiroli
30- Per abbattere i pregiudizi sui lavoratori con disabilità
32- Bonomi: un uomo con gli stivali
32- L’economia va male perché crollano i consumi, e i redditi!
34- Dicono che il lavoro c’è, se non lo trovi è solo colpa tua
37- Le puntate della tragedia italiana

Continua a leggere “E’ disponibile online il periodico Lavoro Salute n° 8 settembre 2020”

Canada.IWH.Tre metodi per ridurre la polvere di silice nella costruzione: confrontare costi e benefici

 

FONTE : IWH CANADA

La polvere di silice è responsabile di 570 casi di cancro ai polmoni in Canada all’anno; la maggior parte di questi viene diagnosticata nei lavoratori edili. I luoghi di lavoro dell’edilizia possono utilizzare diversi metodi per proteggere i lavoratori dall’esposizione alla polvere di silice, ma quali metodi dovrebbero optare per? Un’analisi costi-benefici condotta dall’Institute for Work & Health offre alcune indicazioni.

Deja-Vu ancora una volta! Dopo l’esplosione un altro rischio per la popolazione di Beirut, l’amianto….

 

Fonte: Il Segretariato internazionale per la massa al bando dell’amianto

3 settembre 2020

Deja-Vu ancora una volta!

Un mese dopo che un’esplosione ha devastato l’area portuale di Beirut, stanno emergendo informazioni sulla contaminazione ambientale da amianto scatenata dal disastro. Come in tanti altri disastri naturali e provocati dall’uomo, questo rischio aggiuntivo per i soccorritori e la popolazione locale era quello previsto in quanto non accolto. Ovunque sia stato utilizzato l’amianto, intere popolazioni diventano ostaggi della fortuna con l’inalazione di fibre mortali a un solo terremoto, tsunami o conflagrazione. 1

Stranamente, la prima menzione che ho trovato sulla situazione dell’amianto a Beirut è stata caricata il 5 agosto, un giorno dopo l’evento, in un articolo in lingua russa. L’autore ha citato avvertimenti autorevoli – “L’amianto negli edifici danneggiati rappresenta un rischio per la salute significativo” – sul pericolo post-disastro rappresentato dall’amianto aerotrasportato all’indomani delle esplosioni, ipotizzando che tra i 40.000 edifici danneggiati o distrutti fossero quelli costruiti negli anni ’50 e negli anni ’60, quando l’uso dell’amianto era all’ordine del giorno. 2

In assenza di qualsiasi mobilitazione immediata da parte del governo centrale o del comune di Beirut per affrontare la devastazione causata dall’esplosione, le organizzazioni non governative (ONG) e le agenzie internazionali 3è entrato nella breccia con la popolazione locale che ha offerto volontariamente il proprio lavoro. Nuove discariche di rifiuti sono state designate frettolosamente e detriti, compresi prodotti contenenti amianto e altri rifiuti contaminati, sono stati raccolti e collocati a casaccio in siti, molti dei quali si trovavano in aree residenziali. I volontari non avevano attrezzature o veicoli pesanti per trasportare i detriti a qualsiasi distanza e hanno fatto il possibile per ripulire i quartieri colpiti. In ogni caso, anche se fossero stati disponibili mezzi di trasporto adeguati, in Libano non esistevano discariche autorizzate in grado di ricevere rifiuti tossici. Inutile dire che i volontari non avevano né indumenti protettivi né attrezzature come respiratori specializzati. Nonostante le urgenti richieste di un “piano di gestione chiaro per la rimozione dei detriti, compreso l’amianto”, non è stata segnalata alcuna azione coordinata del governo.4

1 Kazan-Allen, L. Il rischio di amianto post-disastro: 1995-2020. 21 gennaio 2020.
http://ibasecretariat.org/lka-the-post-disaster-asbestos-hazard-1995-2020.php

2 Denominata la sostanza più pericolosa, che si è trasformata nell’aria dopo l’esplosione a Beirut [sostanza più pericolosa nell’ariahttps://360tv.ru/news/mir/nazvano-samoe-opasnoe-veschestvo-okazavsheesja-v-vozduhe-posle-vzryva-v-bejrute/

3 Volantini di tre pagine in arabo ( أسبستوس – المخاطر والممارسات الآمنة للتنظيف بعد انفجار بيروت ) e inglese ( AMIANTO – pericoli e pratiche sicure per la pulizia dopo l’esplosione di Beirut ) preparati dall’università americana di Beir , Organizzazione della sanità, e il Centro per la conservazione della natura erano ampiamente distribuiti tra i volontari e i residenti di Beirut.

4 Rischio di cancro in aumento dopo l’esplosione di Beirut, avvertono gli esperti. 27 agosto 2020.
https://www.thenational.ae/world/mena/cancer-risk-on-the-rise-after-beirut-blast-warn-experts-1.1068627
Porter, L. Dopo l’esplosione: come l’operazione di pulizia di Beirut sta esponendo la più ampia disfunzione statale del Libano. 19 agosto 2020.
https://www.prospectmagazine.co.uk/world/after-the-blast-how-beiruts-clean-up-operation-is-exposing-lebanons-wider-state-dysfunction

GB. Il nuovo organismo sanitario deve essere “adatto allo scopo”, afferma UNISON

Fonte Unison

 

Sara Gorton afferma che l’Istituto nazionale per la protezione della salute deve affrontare la crisi del Covid-19 e ciò che c’è oltre

Rispondendo all’annuncio di oggi (martedì) del segretario alla sanità Matt Hancock che la sanità pubblica inglese (PHE) verrà fusa nel nuovo Istituto nazionale per la protezione della salute, il  capo della sanità dell’UNISON  Sara Gorton ha  dichiarato:

“Ancora una volta i lavoratori stanno affrontando un grande sconvolgimento pur essendo tenuti all’oscuro dei dettagli. Hanno bisogno di sapere cosa significano i cambiamenti, e così anche il pubblico.

“La fusione potrebbe portare vantaggi, anche per il personale di test e tracciamento che attualmente è distribuito in una serie di datori di lavoro. Potrebbero lavorare insieme sotto lo stesso “tetto”. Potrebbe anche fornire un’opportunità per riparare i legami interrotti con le autorità locali.

“Il personale che gestisce programmi di sanità pubblica ha lavorato duramente per gestire la risposta alla pandemia del Regno Unito. Questo nonostante una serie di tagli di bilancio. È fondamentale che questo nuovo organismo ottenga i finanziamenti necessari per avere la possibilità di soddisfare le aspettative stabilite oggi.

“I ministri devono anche garantire che la sostituzione di PHE sia adatta allo scopo. Qualsiasi cambiamento deve essere fatto con attenzione e per la giusta ragione per affrontare non solo la crisi del Covid-19 ma anche quello che c’è oltre. ”

Note per i redattori:
– UNISON è il più grande sindacato del Regno Unito, con oltre 1,3 milioni di membri che forniscono servizi pubblici – nel campo dell’istruzione, del governo locale, del NHS, dei servizi di polizia e dell’energia. Sono impiegati nel settore pubblico, volontario e privato.