IWH. Canada. Uno studio su adeguatezza del controllo delle infezioni COVID e DPI legati alla salute mentale dei lavoratori.

 

Questo articolo proviene dal sito dell’Istituto canadese “Institute for Work & Health” (IWH) .
IWH é un’organizzazione indipendente e senza scopo di lucro. La mission di IWH è promuovere, proteggere e migliorare la sicurezza e la salute dei lavoratori conducendo ricerche  apprezzate da datori di lavoro, lavoratori e responsabili politici.

Fonte  :“Institute for Work & Health”

Uno studio condotto all’inizio dell’emergenza COVID-19 rileva che i lavoratori che si sentivano al sicuro nei loro luoghi di lavoro fisici avevano una salute mentale migliore rispetto ai lavoratori che ritenevano che le pratiche di sicurezza COVID-19 sul posto di lavoro fossero inadeguate

Pubblicato: 4 novembre 2020

Adeguate protezioni COVID-19 come dispositivi di protezione individuale (DPI) e protocolli di controllo delle infezioni sul posto di lavoro (ICP) sono collegate alla salute mentale dei lavoratori. Questo è  un nuovo studio dell’Istituto per il lavoro e la salute (IWH) sui lavoratori canadesi condotto nella primavera del 2020, un secondo studio per trovare tale legame tra la protezione sul posto di lavoro e la salute mentale dei lavoratori nelle prime settimane dell’emergenza.

Lo studio, condotto congiuntamente con le Cliniche per la salute occupazionale per i lavoratori dell’Ontario (OHCOW), ha rilevato che i sintomi di ansia e depressione erano più alti tra le persone che hanno continuato a lavorare durante il blocco ma sentivano che nessuna delle protezioni necessarie per DPI e ICP era a posto. Al contrario, i sintomi di ansia e depressione erano meno prevalenti tra le persone che andavano fisicamente al lavoro ma sentivano che erano disponibili tutte le misure necessarie e i DPI. Continua a leggere “IWH. Canada. Uno studio su adeguatezza del controllo delle infezioni COVID e DPI legati alla salute mentale dei lavoratori.”

Canada. Una ricerca commissionata dal sindacato CFNU ha messo in evidenza errori e sottovalutazioni che hanno messo a rischio la salute

 

foto di gierre 2020

Fonte : Nurses Union  Canada 

Canada. Una ricerca sulla qualità della gestione della pandemia promossa dal Sindacato di categoria degli infermieri canadesi (CFNU)ha messo in luce una serie di gravi errori e inadempienze che hanno esposto a gravi rischi la salute degli infermieri.

L’indagine indipendente è stata commissionata dalla Canadian Federation of Nurses Unions e condotta da Mario Possamai, ex senior advisor della Ontario SARS Commission.
“La CFNU ha commissionato questa indagine dopo che i leader del governo e della sanità pubblica hanno ripetutamente ignorato le preoccupazioni per la sicurezza degli infermieri”, ha detto Linda Silas, presidente della CFNU. “Questo rapporto ci dice cosa è andato storto, cosa è andato bene, dove si trova la responsabilità e, soprattutto, dove andremo da qui mentre ci prepariamo per le prossime ondate di questa pandemia”.
La relazione formula 50 raccomandazioni per migliorare la sicurezza pubblica e dei lavoratori e per aumentare la trasparenza e la responsabilità. Tra le raccomandazioni vi sono misure urgenti che sanciscono un approccio precauzionale nella risposta alla pandemia del Canada.

IL REPORT DELLA RICERCA

Canada. IWH. Cosa può fare la ricerca: stimare il ruolo dei luoghi di lavoro nelle trasmissioni COVID-19

IWH – Institute for Work & Health Canada Istituto per il lavoro e la salute

IWH  è  un’organizzazione indipendente, senza scopo di lucro. La sua  missione è promuovere, proteggere e migliorare la sicurezza e la salute dei lavoratori conducendo ricerche attuabili apprezzate dai datori di lavoro, dai lavoratori e dai responsabili politici.

Dal dottor Cam Mustard, presidente e scienziato senior, IWH

Man mano che il Canada esce dal blocco e un numero maggiore di lavoratori torna ai propri spazi di lavoro fisici, l’efficacia delle pratiche sul posto di lavoro per prevenire la trasmissione di COVID-19 diventerà sempre più importante. Per anticipare le sfide future, dobbiamo conoscere il ruolo che la trasmissione professionale ha svolto nei primi sei mesi della pandemia.

Sebbene la maggior parte dei datori di lavoro abbia rispettato le misure di emergenza e chiuso le proprie operazioni fisiche, secondo le nostre stime, oltre il 35% della forza lavoro dell’Ontario è rimasta sul posto di lavoro. I datori di lavoro in una vasta gamma di settori essenziali – sanità, servizi di emergenza, estrazione mineraria, trasporti, edilizia, produzione, produzione alimentare, distribuzione e vendita al dettaglio – dovevano tutti gestire il rischio di trasmissione professionale.

Quale percentuale di infezioni da COVID-19 nella provincia era associata all’esposizione sul lavoro? Sebbene ci siano lacune nelle informazioni importanti, possiamo fare un’ipotesi plausibile.

Ecco cosa sappiamo. In Ontario, due fonti di informazioni possono essere utilizzate per stimare l’incidenza delle infezioni da COVID-19 che derivano dall’esposizione e dalla trasmissione sul posto di lavoro.

La prima fonte di informazioni è il lavoro svolto dai funzionari della sanità pubblica per tracciare i contatti recenti di persone che risultano positive al COVID-19. Questo tracciamento dei contatti può identificare la trasmissione che potrebbe essersi verificata negli ambienti di lavoro.

Il secondo è il numero di richieste di risarcimento registrate presso il Workplace Safety and Insurance Board (WSIB) da parte di lavoratori risultati positivi al COVID-19 e che credono di aver contratto il virus in un ambiente lavorativo. I funzionari della WSIB giudicano le richieste individuali per valutare le prove per la trasmissione relativa al lavoro prima di consentire la richiesta di risarcimento.

Durante il primo periodo dell’emergenza COVID-19 in Ontario, da marzo a maggio, le 32 unità di sanità pubblica della provincia hanno dovuto affrontare enormi sfide nel completare tempestivamente interviste di tracciamento dei contatti con persone risultate positive al COVID-19. Con l’eccezione delle infezioni tra gli operatori sanitari negli ospedali e nelle strutture di assistenza a lungo termine, le informazioni sullo stato occupazionale, l’occupazione e il settore industriale non sono state registrate in modo coerente per i casi tra gli adulti in età lavorativa.

Nello stesso periodo, il WSIB ha istituito team dedicati di giudici e amministratori delle richieste per valutare le richieste di risarcimento presentate dai lavoratori e dai loro datori di lavoro. Dall’inizio di giugno, il WSIB ha iniziato a pubblicare il numero di richieste di risarcimento attribuite a COVID-19, tabulando il numero di richieste di risarcimento consentite, non consentite e in attesa di giudizio all’interno dei settori economici.

Combinando le informazioni del sistema sanitario pubblico dell’Ontario e del WSIB, possiamo costruire un quadro dell’incidenza del COVID-19 attribuito alla trasmissione sul posto di lavoro. All’inizio di agosto, i nuovi casi giornalieri in Ontario erano scesi a circa 100, da un picco di 600 casi giornalieri a metà aprile. Dei 40.000 casi confermati tra marzo e la prima settimana di agosto, circa il 60% (24.380) si è verificato tra gli adulti in età lavorativa (età 20-59). A partire dalla prima settimana di agosto, il WSIB riportava 4.507 richieste di risarcimento consentite, 966 non consentite e 605 in attesa di giudizio.

Utilizzando il numero di richieste di risarcimento consentite e il numero di persone infette in età lavorativa, possiamo stimare in modo prudente che un 20% non banale delle infezioni tra gli adulti in età lavorativa in Ontario può essere attribuito alla trasmissione sul posto di lavoro.

Delle richieste di risarcimento consentite, oltre il 70% è associato a lavoratori del sistema sanitario, sebbene le nuove infezioni tra questi lavoratori siano diminuite sostanzialmente. I lavoratori agricoli nel sud-ovest dell’Ontario hanno subito il più alto carico di trasmissione professionale nel periodo da giugno a luglio.

Poiché i luoghi di lavoro sanitari hanno aumentato l’accesso ai necessari dispositivi di protezione individuale e acquisito esperienza nella cura in sicurezza di pazienti e residenti infetti, dovremmo aspettarci che l’incidenza delle infezioni diminuisca in questo settore. Al contrario, poiché più posti di lavoro riprendono l’attività economica, abbiamo bisogno di una maggiore vigilanza per ridurre il rischio di trasmissione professionale in tutti i settori. Le cattive pratiche di controllo delle infezioni sul posto di lavoro potrebbero essere un fattore importante per le dimensioni e la diffusione di COVID-19 nella potenziale seconda ondata.

L’eredità dell’amianto del Quebec: una nuova realtà

 

L’articolo che riproduciamo, tradotto con google translator, proviene dal Blog della Presidente del Segretariato internazionale per l’abolizione dell’amianto  Laurie Kazan-Allen. Fonte LKA Blog

Le conseguenze negative di oltre cento anni di estrazione dell’amianto in Quebec sono state inizialmente ignorate, più recentemente negate e solo di recente riconosciute. Secondo il dottor Jim Brophy, ex direttore della clinica di salute sul lavoro per i lavoratori dell’Ontario di Sarnia e attualmente professore a contratto presso l’Università di Windsor, la pubblicazione della scorsa settimana dei risultati dell’Ufficio indipendente delle audizioni pubbliche sull’ambiente (BAPE) della provincia del Quebec L’eredità dell’amianto – compresi i rischi posti dalla contaminazione ambientale e dall’amianto all’interno delle infrastrutture del Quebec 1 – ha rappresentato “un’importante e storica vittoria per tutti coloro che hanno combattuto per così tanto tempo e così duramente per prevenire le malattie legate all’amianto qui (Canada) e all’estero. ” 2In linea con la valutazione del Dr. Brophy, Kathleen Ruff, attivista canadese per il divieto dell’amianto, ha definito la pubblicazione “un punto di riferimento”. 3

Continua a leggere “L’eredità dell’amianto del Quebec: una nuova realtà”

Canada.Livelli di ansia tra gli operatori sanitari durante COVID-19 legati a DPI inadeguati

 

Fonte  Institute for Work & Health

Lo studio di OHCOW, con il supporto di IWH, si basa sull’indagine di 4.000 lavoratori nell’aprile 2020

Pubblicato: 23 maggio 2020

Quasi sei su 10 operatori sanitari intervistati in Canada hanno riferito ansia a livelli che superano una soglia accettata per lo screening clinico per la condizione, secondo un sondaggio condotto su 4.000 lavoratori condotto ad aprile.

L’analisi delle risposte al sondaggio ha rilevato che i livelli di ansia erano associati alla disponibilità di dispositivi di protezione individuale (DPI): i lavoratori che hanno segnalato esigenze di DPI più insoddisfatte hanno anche riferito livelli di ansia più elevati.

Il sondaggio sull’esperienza pandemica dei lavoratori sanitari è stato condotto dalla Clinica per la salute occupazionale per i lavoratori dell’Ontario (OHCOW) con il supporto analitico del Dr. Peter Smith, co-direttore scientifico dell’Institute for Work & Health (IWH). I risultati preliminari sono stati condivisi dal ricercatore capo John Oudyk durante la prima serie di webinar del Primo Maggio, del Primo Maggio dell’OHCOW.

Condotto tra il 6 e il 30 aprile, l’indagine ha chiesto agli operatori sanitari la necessità e l’accesso a una vasta gamma di DPI come guanti, abiti, protezioni per gli occhi, visiere, maschere chirurgiche, maschere e respiratori N95. Ha riscontrato che il 18% dei lavoratori ha dichiarato di aver soddisfatto tutti i propri bisogni di DPI, mentre il 35% ha dichiarato di aver soddisfatto più della metà dei propri bisogni e che il 38% ha dichiarato di soddisfare meno della metà dei propri bisogni. Il restante 8% ha dichiarato che nessuno dei loro bisogni di DPI era soddisfatto. Continua a leggere “Canada.Livelli di ansia tra gli operatori sanitari durante COVID-19 legati a DPI inadeguati”

Canada: un appello sindacale per proteggere i lavoratori degli impianti di lavorazioni carni. 1400 casi di lavoratori infetti nel settore industria alimentare

FONTE TUAC (Sindacato alimentaristi Canada) 

I lavoratori negli impianti di lavorazione della carne in Canada lavorano duramente in prima linea per produrre carne per le famiglie in tutto il paese.

Ad oggi, oltre 1.400 casi di COVID – 19 sono stati confermati nei lavoratori dell’industria alimentare. Alcuni di questi ultimi che stanno combattendo COVID-19 sono in condizioni critiche e alcuni sono morti.

In risposta alla pandemia, il governo federale ha recentemente annunciato $ 77 milioni per i trasformatori di alimenti, ma i dettagli sulla distribuzione di questi fondi non sono ancora chiari.

Gli operatori del settore alimentare devono svolgere un ruolo centrale nel determinare le condizioni e i criteri per il “Fondo per il trattamento di emergenza”.

Informare il governo canadese che i soldi dei contribuenti pagati alle imprese devono innanzitutto garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori e che i lavoratori del settore alimentare devono avere voce in capitolo determinare le condizioni della propria salute e sicurezza!

MOSTRA IL TUO SOSTEGNO AI LAVORATORI DEL SETTORE ALIMENTARE INVIANDO UNA LETTERA ADESSO!

Per diverse settimane, i lavoratori dell’industria alimentare canadese hanno chiesto le seguenti misure, raccomandate dai sostenitori per i lavoratori alimentari di tutto il mondo, ma non hanno ricevuto impegni da governo federale su queste disposizioni di base:

  • Garantire che i lavoratori possano lavorare a una distanza di due metri (6,5 piedi) l’uno dall’altro per tutta la giornata lavorativa. Per fare ciò, è possibile modificare l’organizzazione del lavoro, l’orario di lavoro e le pause. Potrebbe essere necessario modificare la progettazione delle stazioni di lavoro, ad esempio installando Perspex, Plexiglas o materiale simile per proteggere i lavoratori dal rischio di infezione reciproca.
  • Ridurre la velocità e la quantità di prodotti sulla linea di produzione per garantire un divario di due metri tra i lavoratori. Ciò deve essere fatto senza rimuovere alcuna posizione e le decisioni relative a turni, accordi di condivisione del lavoro e straordinari devono coinvolgere il sindacato.
  • Fornire adeguate stazioni di lavaggio e disinfezione delle mani e aumentare il numero di pause affinché il lavaggio delle mani diventi parte integrante del lavoro.
  • Garantire la pulizia e l’igiene regolari e complete del posto di lavoro, compresi i servizi igienici e le sale da pranzo. Tutte le superfici comuni, ad esempio banchi da lavoro, maniglie delle porte, corrimani e tastiere, devono essere pulite regolarmente.
  • Fornire adeguati dispositivi di protezione individuale (DPI), sebbene ciò non possa sostituire un adeguato spazio tra i lavoratori.
  • Adottare le misure necessarie per raggiungere il luogo di lavoro in sicurezza per ridurre al minimo il rischio di esposizione a COVID – 19.
  • Pubblica i protocolli sul posto di lavoro sui cartelloni pubblicitari in lingue che tutti i lavoratori possano comprendere e mantenere comunicazioni regolari.

Proteggere i lavoratori del settore alimentare e fermare la diffusione di COVID-19 negli impianti di produzione alimentare in Canada richiede un approccio coerente guidato da parti interessate, sindacati e datori di lavoro, e attuato dal governo.

I lavoratori del settore alimentare hanno bisogno di aiuto ADESSO!

INRS Canada .Decontaminare l’acqua inquinata dai pesticidi

Segnaliamo dal sito dell’Istituto di Ricerche INRS CANADA questo articolo che illustra un importante risultato.

 

Decontaminare l’acqua inquinata dai pesticidi

Riportiamo dal sito : ” L’atrazina è uno dei pesticidi più utilizzati nel Nord America. I professori My Ali El Khakani e Patrick Drogui, ricercatori dell’INRS hanno sviluppato un nuovo metodo per degradarlo utilizzando un processo che combina un nuovo materiale e luce solare.
L’atrazina si trova ovunque nell’ambiente, anche nell’acqua potabile di migliaia di persone in tutto il paese. I trattamenti tradizionali di acqua potabile e di scarico non riescono a degradare efficacemente questo pesticida. I metodi più recenti mostrano una migliore efficienza, ma usano sostanze chimiche che possono lasciare sottoprodotti tossici nell’ambiente.
Il professor My Ali El Khakani , esperto di materiali nanostrutturati, dell’Energy Materials Telecommunications Center dell’INRS e il professor Patrick Drogui , specialista in elettrotecnologie e trattamenti delle acque, del Water Earth Environment Center dell’INRS, hanno unito le forze sviluppare un nuovo processo ecologico per il degrado dell’atrazina che sia privo di sostanze chimiche il più possibile.”

L’ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE INRS CANADA

Sindacato Canada. Affaticamento: un problema con effetti negativi sulla vita di molti lavoratori

FONTE: TEAMSTERCANADA.ORG

In diversi settori dell’industria dei trasporti, la fatica riduce la produttività, crea rischi per la sicurezza pubblica e mina la salute dei lavoratori. Il prossimo governo federale dovrà stabilire regole affidabili, basate sull’evidenza, che non sono dettate dalle imprese.

La scienza medica è chiara: lunghi orari di lavoro portano a problemi medici per i lavoratori, tra cui obesità, diabete, malattie cardiache, disturbi cognitivi e morte precoce. Inoltre, lavorare per lunghe ore lontano dalla famiglia è dannoso per una vita sociale sana e comporta costi elevati per le comunità.

Ottawa deve riconoscere e affrontare il caos che lunghe ore lavorative possono provocare sulla salute fisica, mentale e sociale dei lavoratori.

Health Canada dovrebbe condurre uno studio per quantificare i rischi per la salute e la società e i conseguenti costi sanitari della fatica nel settore dei trasporti.

I rappresentanti dell’Unione devono svolgere un ruolo attivo in questa vasta impresa per frenare l’affaticamento dei lavoratori. Il loro contributo ci fornirà una visione a 360 gradi di un problema che influisce negativamente sulla vita quotidiana dei lavoratori dei trasporti e ci aiuterà a mettere insieme il loro benessere.

Teamsters Canada incoraggia i suoi membri a consultare le piattaforme elettorali dei partiti politici per scoprire le loro posizioni sui vari temi della campagna.

Canada : artrite sul posto di lavoro, risorse per pazienti dai pazienti

L’Istituto canadese per il Lavoro e la Salute ( IWH ) ha promosso una ricerca sugli impatti che il lavoratore subisce dopo una diagnosi di artrite. Riteniamo opportuno socializzare questa esperienza  che nonostante sia stata sviluppata in un contesto giuridico e istituzionale  diverso dal nostro rappresenta comunque una ricerca di soluzioni organizzative e pratiche interessanti.

Anche al CAPA siamo pazienti. Sappiamo che una diagnosi di artrite significa cambiamenti sul lavoro. Affrontare i cambiamenti può essere una sfida al meglio. Potresti chiederti cosa puoi fare per renderti le cose più facili mentre lavori. O su ciò che il tuo datore di lavoro può fare per aiutarti. O se dovessi anche dire a qualcuno al lavoro della tua artrite. Per aiutarti a rispondere a queste domande, abbiamo sviluppato le risorse di seguito.

Queste risorse sono state anche esaminate da un esperto nel campo della ricerca per comprendere la partecipazione all’occupazione di persone che vivono in condizioni croniche invalidanti, il dottor Arif Jetha , uno scienziato associato presso l’Institute for Work & Health. Visualizza il profilo del Dr. Jetha qui .

VEDI I REPORT E LE BROCHURE A QUESTO SITO >>  CAPA 

Le Congrès Mondial sur la Sécurité et la Santé au Travail ouvre ses portes au monde tous les trois ans. Cette fois-ci, c’est au tour du Canada d’accueillir la communauté mondiale, du 4 au 7 octobre 2020.

Le XXII Congrès Mondial sur la Sécurité et la Santé au Travail aura lieu à Toronto, au Canada, du 4 au 7 octobre 2020. Nous vous invitons à vous joindre à ce rassemblement international unique d’experts en prévention d’envergure mondiale, dans une ville canadienne moderne et accueillante.

Consultez notre premier annoncement du programme pour voir ce que nous prévoyons. Notre programme innovateur et interactif mettra en scène des conférenciers réputés et des sujets de pointe. Vous profiterez de possibilités de réseautage afin de développer vos connaissances et connections globales, ainsi que d’activités sociales telle qu’une Nuit à thème « Canada » pour célébrer la beauté, la culture, et la diversité du Canada.

L’inscription au congrès est ouverte! Inscrivez-vous pour le XXII Congrès Mondial sur la Sécurité et la Santé au Travail aujourd’hui pour économiser $100.

Ne manquez pas les dernières nouvelles sur le congrès. Inscrivez-vous pour rester informé par le biais de notre site internet.

www.safety2020canada.com
Le XXII Congrès Mondial sur la Sécurité et la Santé au Travail est organisé par:

Il governo dell’Ontario per fare risparmiare le aziende ha deciso di legittimare la formazione online per la salute e la sicurezza. Questa scelta viene denunciata come inadeguata e insufficiente dal Sindacato della Funzione Pubblica dell’Ontario (Canada)

Pubblichiamo questa notizia che offre uno sguardo sulla situazione del Canada per quanto attiene la formazione per  la valutazione e gestione dei rischi nei luoghi di lavoro. E’ interessante su  come le nuove tecnologie della formazione online vengano introdotte non come supporto ad una formazione più completa e qualificata ma come sottoprodotto scadente meno costoso per le imprese. Editor

°°°°°°°°°

 

Il Presidente OPSEU dice che i lavoratori sono a rischio a causa di modifiche di Ford alla formazione sulla sicurezza

Data di pubblicazione
Venerdì 1 febbraio 2019 – 16:45
Toronto – Presidente OPSEU Warren (Smokey) Thomas sta sollevando bandiere rosse sulla decisione del governo Ford di consentire la formazione online sulla certificazione di salute e sicurezza, dicendo che la sicurezza dei lavoratori sarà a rischio.

“Il Premier Ford sta facendo tagli e sta giocando con le vite dei lavoratori dell’Ontario”, ha detto Thomas. “Sta mettendo un cartellino del prezzo sul benessere dei lavoratori”.

Il governo Ford ha annunciato che i datori di lavoro avranno un guadagno di $ 5 milioni di dollari perché i datori di lavoro non dovranno pagare per inviare i lavoratori alla formazione di certificazione in materia di salute e sicurezza. La legge richiede che tale formazione sia fornita ad almeno un lavoratore e ad un membro del datore di lavoro di un comitato misto di salute e sicurezza (JHSC).

Gli adulti seduti di fronte a uno schermo non li aiuteranno a individuare i pericoli o imparare come essere un membro JHSC efficace, ha affermato Thomas.

L’Ontario perde già troppi lavoratori per infortunio, malattie professionali e morte ogni giorno.I datori di lavoro che sono i responsabili per la sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro impoverendo le competenze dei membri del JHSC condannano i lavoratori a maggiori infortuni sul lavoro ..

In Ontario, ci sono meno di 400 ispettori per la salute e la sicurezza per migliaia di posti di lavoro.

“Ci vuole un solido sistema di responsabilità esterna e interna per rendere i lavoratori sicuri”, ha affermato Neil Martin, presidente del comitato sindacale che rappresenta gli ispettori di salute e sicurezza in Ontario. “Il degrado della formazione sulla certificazione ridurrà la capacità e l’empowerment a livello di posto di lavoro”.

La formazione in certificazione per andare online decimerà la buona qualità della salute e della sicurezza offerta dal Centro per la salute e la sicurezza dei lavoratori, il principale fornitore di formazione per la certificazione in Ontario, ha detto Martin. “I lavoratori finiranno per fare allenamento a casa o per niente”, ha aggiunto.

Thomas sta chiedendo un incontro immediato con il Ministro del Lavoro per discutere i cambiamenti di Ford.

“Questa decisione spericolata e irresponsabile è un’altra ragione per cui il governo Ford deve rallentare e ascoltare OPSEU, la voce dei lavoratori del settore pubblico in prima linea”, ha affermato Thomas.

“Ho intenzione di ritenere questo governo responsabile per il suo disinvolto trattamento della sicurezza dei lavoratori”.

Canada: la rete per i diritti dei migranti mira a unire migranti e lavoratori

FONTE RANKANDFILE.CA

Di Zaid Noorsumar

Trentacinque organizzazioni in tutto il Canada si sono coalizzate per formare la rete per i diritti dei migranti il 18 dicembre, la Giornata internazionale dei migranti. L’alleanza mira a lottare per i diritti dei migranti e combattere l’ondata crescente di razzismo nel paese.

Unifor, Migrant Centre Resource Center Canada e No One is Illegal sono tra i membri della coalizione, che è composta prevalentemente da gruppi per i diritti dei migranti e organizzazioni sindacali.

Una piattaforma antirazzista e “educazione popolare”

Syed Hussan, coordinatore della Migrant Network Alliance for Change, ha detto che la rete lancerà una piattaforma in vista delle elezioni federali del 2019 sui principi dell’anticapitalismo, dell’antirazzismo e della giustizia dei migranti.

“Daremo un messaggio chiaro, coerente, forte ai partiti politici che non permetteremo loro di manipolare ulteriormente e dividerli come un modo per ottenere voti”, ha detto Hussan, citando il tono sempre più nativista del partito conservatore e l’estrema destra

Ha detto che la retorica della destra politica contro i rifugiati ha avuto qualche risonanza all’interno della comunità dei migranti, che sarà affrontata attraverso l’educazione popolare.

Il bisogno di solidarietà tra la classe operaia e i migranti sarà un messaggio cruciale per affrontare la retorica frammentaria sull’immigrazione, che ha messo a confronto diversi tipi di migranti l’uno contro l’altro, ha detto Hussan. Continua a leggere “Canada: la rete per i diritti dei migranti mira a unire migranti e lavoratori”

Le regole sulla prevenzione della stanchezza dei piloti dell’aviazione del Canada sono meno sicure di quelle in uso negli Stati Uniti

 

Il sindacato dei piloti di aerei dell’aviazione civile canadese, composto da 4000 piloti, ha esposto una serie di riserve sulla validità delle modifiche apportate dal governo ai Regolamenti dell’aviazione canadese in materia di ore di lavoro e di riposo in particolare nelle ore notturne.

“Dire che siamo profondamente delusi è un eufemismo: queste regole scadenti lasciano un intervallo di due ore tra il tempo di volo massimo per i piloti canadesi che volano di notte, rispetto a quanto raccomandato dal Centro Ricerche Ames della NASA, e due ore e mezza più lunghe di quello che i piloti statunitensi sono autorizzati a pilotare “, ha dichiarato il Capitano Matt Hogan , Presidente del Master Elected Council ACPA. “È incredibile che di fronte alle prove scientifiche e alle best practice internazionali il nostro governo si aspetti che i piloti volino per due ore in più rispetto a quanto la NASA afferma di essere al sicuro”.

LE FONTI

DOCUMENTO DI APCA 

Le regole sulla prevenzione della stanchezza dell’aviazione del Canada sono meno sicure di quelle in uso negli Stati Uniti

Air Canada Pilots AssociationAssociation des pilotes d’Air Canada