Vai al contenuto

Un articolo apparso su ETUI il 28 ottobre 2019

FONTE  ETUI 

 

L'ANSES, l'Agenzia francese per l'alimentazione e la salute e la sicurezza sul lavoro, ambientale e professionale, ha appena pubblicato un rapporto che sintetizza le attuali conoscenze sulla salute professionale dei vigili del fuoco.

Il recente incendio nello stabilimento chimico di Lubrizol a Rouen (23 settembre 2019) ha rivelato in che misura i rischi relativi al lavoro di un vigile del fuoco vengono spesso trascurati. Sebbene elencati come uno stabilimento di livello superiore ai sensi della direttiva Seveso, circa 900 vigili del fuoco hanno affrontato l'incendio con dispositivi di protezione insufficienti. Secondo le informazioni pubblicate da 'Le Monde' il 16 ottobre 2019 , alcuni pompieri sono stati sottoposti a controlli biologici a seguito dell'incidente. Per almeno dieci di essi, gli esami del sangue hanno mostrato risultati anormali per il fegato, con livelli di transaminasi tre volte più alti del normale e interruzioni della funzionalità renale.

Il rapporto ANSES rivela che i vigili del fuoco sono esposti a una serie di fattori di rischio ogni giorno: esposizione a sostanze chimiche generalmente rilasciate dai prodotti in fiamme, nonché ad agenti biologici o persino fisici. Si trovano anche di fronte a vincoli organizzativi come il lavoro a turni e con vincoli psicosociali come l'esposizione alla violenza. ANSES sta redigendo un rapporto sui rischi per la salute associati all'estinzione degli incendi, facendo il punto sulle misure di prevenzione.

Al fine di compilare questo rapporto, ANSES ha organizzato una consultazione internazionale che consente di condividere il know-how delle agenzie di SSL in diversi paesi. Nove agenzie di Stati Uniti, Paesi Bassi, Finlandia, Norvegia, Canada e Regno Unito hanno contribuito a questo sondaggio.

Il rapporto non si limita a rivedere la nostra conoscenza dei rischi. Continua a presentare raccomandazioni volte a migliorare la prevenzione, nonché a identificare campi in cui abbiamo urgentemente bisogno di dati più sistematici. La relazione contiene un riassunto delle misure di prevenzione raccomandate in Francia e negli altri paesi partecipanti.

ANSES sottolinea il fatto che le attuali misure di prevenzione relative ai rischi chimici si concentrano principalmente sulla fase attiva della lotta contro l'incendio. Tuttavia, il rischio di esposizione a fumi tossici rimane presente anche quando l'incendio è stato spento, durante le fasi di monitoraggio, indagine e bonifica, nonché dopo che gli equipaggi sono tornati alla caserma dei pompieri, sotto forma di attrezzature e veicoli contaminati , fuliggine e l'acqua usata per combattere il fuoco. È necessario tenere maggiormente conto dei rischi cronici.

Per quanto riguarda i rischi psicosociali, ANSES ha scoperto che alcuni vigili del fuoco entrano nel servizio guidati principalmente dal desiderio di combattere gli incendi, senza essere consapevoli della dura realtà di un lavoro in cui la maggior parte delle chiamate coinvolge fornire assistenza di emergenza alle persone. Questa lacuna nella percezione dell'opera può generare sofferenza.

ANSES raccomanda l'introduzione di un database che centralizza i dati di controllo medico dei vigili del fuoco professionisti, militari e volontari, nonché un monitoraggio delle loro attività, al fine di migliorare le nostre conoscenze sulla salute dei vigili del fuoco francesi e la tracciabilità delle esposizioni e identificare le attività con i maggiori rischi. È importante che un simile database sia in grado di includere tutte le diverse attività dei vigili del fuoco professionisti, anche quando lavorano su base volontaria.

Infine, ANSES raccomanda l'effettiva introduzione di controlli medici per i vigili del fuoco che hanno lasciato i vigili del fuoco, al fine di prevenire meglio i rischi a lungo termine.

(Fonte: comunicato stampa ANSES e relazione)

Leggi il rapporto ANSES

 

Convegno gratuito

PESCARA
venerdì 11 ottobre 2019
ore 14.30 - 17.30

Palazzo di Città, Sala Consiliare
piazza Italia,1

SALUTI ISTITUZIONALI

Carlo Masci, Sindaco della città di Pescara
Marcello Antonelli, Presidente del Consiglio Comunale

APERTURA DEI LAVORI

Rocco Vitale, Presidente AiFOS
Silvana Bresciani, Presidente AiFOS Protezione Civile

1^ SESSIONE: LA COMUNICAZIONE EFFICACE

Carlo Zamponi, Consigliere Nazionale AiFOS, Docente a contratto Università degli Studi di LAquila
Stefano Maria Cianciotta, Docente di comunicazione di crisi, Università degli Studi di Teramo
Massimiliano Longhi, Disaster Manager e Formatore qualificato

2^ SESSIONE: LA COMUNICAZIONE NELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA: CASI STUDIO

Donato De Carolis, Comandante CV (CP) Direzione Marittima di Pescara
Luca Verna, Comandante dei Vigili del Fuoco di Ascoli
Franco Pettinelli, Direttore della casa circondariale di Chieti
Anna Suriani, Dirigente Medico, Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione ASL Lanciano - Vasto - Chieti
Silvio Liberatore, Dirigente Servizio Emergenza di Protezione Civile Regione Abruzzo

3^ SESSIONE: LA “CULTURA” DELLA COMUNICAZIONE

Leila Fabiani, Professoressa ordinaria di Igiene generale e applicata, Direttore del Corso di Laurea in “Tecniche della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro” Università degli Studi di L’Aquila
Stefano Necozione, Professore ordinario di Igiene generale e applicata, Direttore del Corso di laurea in “Scienze delle professioni sanitarie della Prevenzione” Università degli studi di L’Aquila

CONCLUSIONE DEI LAVORI

Lorenzo Fantini, Direttore dei Quaderni della Sicurezza AiFOS

A tutti i partecipanti al convegno verrà consegnato un attestato di presenza valido per il rilascio di 2 crediti per Formatori area tematica n.3 (comunicazione), RSPP/ASPP.

 

FONTE FBU.ORG.UK

Numerosi studi dimostrano che autorità pubbliche e datori di lavoro non sono in grado di tutelare sufficientemente i vigili del fuoco dal rischio di esposizione ad agenti cancerogeni, mutageni e tossici per la riproduzione (CMR). Ciò significa che i vigili del fuoco sono doppiamente a rischio - non solo dalla natura della loro stessa professione ma anche dalle conseguenze di essa.
Vi è un grande divario tra i tumori riconosciuti come malattie professionali nei vari paesi e il numero di tumori attribuibili all'esposizione professionale. Dati nazionali e dati UE sui tumori contengono pochissime informazioni sulle professioni dei malati di cancro. L'European Trade Union Institute (ETUI) stima che l'8% di tutti i casi di cancro siano correlati al lavoro, costituendo il 12% dei casi di cancro tra gli uomini e il 7% dei casi di cancro tra le donne. Inoltre, studi specifici hanno dimostrato che i vigili del fuoco nella fascia di età compresa tra 30 e 49 anni presentano un significativo rischio di eccesso di cancro alla prostata e melanoma cutaneo.

...continua a leggere "I vigili del fuoco inglesi chiedono una maggiore protezione dall’esposizione a sostanze cancerogene, mutagene e reprotossiche"

 

Nota prot. n. 16419 del 28/11/2018

OGGETTO: Richiesta chiarimenti su art. 1, comma 1122, lettera i della Legge 27/12/2017 n. 205 - Proroga alberghi - Termine per la presentazione della SCIA parziale entro il 01.12.2018.

Con riferimento all'oggetto, essendo pervenute varie richieste relativamente alla corretta interpretazione delle modalità di mantenimento del regime di proroga per le attività ricettive turistico-alberghiere con oltre 25 posti letto, oltre la prima scadenza fissata al 1° dicembre 2018, si forniscono i seguenti chiarimenti.

...continua a leggere "Vigili del Fuoco: Nota relativa alla proroga della SCIA parziale per le strutture alberghiere superiori a 25 posti"