Le navi autonome saranno la “rovina” del settore marittimo?

Equaltimes è un sito web trilingue di notizie e opinioni incentrato su lavoro, diritti umani, cultura, sviluppo, ambiente, politica ed economia da una prospettiva di giustizia sociale. Come diario prevenzione abbiamo revisionato la traduzione automatica del testo, delle eventuali imperfezioni della traduzione è responsabile Diario Prevenzione.I lettori potranno comparare in ogni momento il testo tradotto in italiano  con l’originale inglese

Fonte : Equaltimes.org che ringraziamo

Navi da centocinquanta mila tonnellate attraverseranno gli oceani senza equipaggio. Città industriali che trascinano l’acqua come placche tettoniche. Come spettri di metallo. Questo è il futuro del settore marittimo se seguiamo le sue stesse previsioni. Le navi autonome ( automatizzate. ndr )  sono da tempo all’ordine del giorno delle compagnie di navigazione e l’Organizzazione marittima internazionale lavora dal 2017 per garantire il funzionamento sicuro e pulito delle navi marittime autonome di superficie (MASS). La loro automazione sta procedendo imperterrita, sebbene siano ancora necessari ulteriori sviluppi, sia tecnologici che normativi, per raggiungere la fase finale in cui le navi sono libere di navigare senza un solo essere umano a bordo. Per il momento, quasi 100.000 navi e il loro equipaggio stanno attualmente solcando i mari, trasportando gran parte del carico mondiale. Si tratta di molte barche e molti lavori che dipendono dalla navigazione convenzionale. Continua a leggere “Le navi autonome saranno la “rovina” del settore marittimo?”

Misurare l’impatto di COVID-19 sui diritti del lavoro globale

 

Fonte Unison 

[ Unison è il sindacato dei lavoratori della funzione pubblica inglese ]

Un nuovo rapporto di UNISON rivela che la pandemia ha avuto un effetto negativo sugli acquisti etici.

Quando scoppiò la pandemia COVID-19, ci fu una corsa alla ricerca di dispositivi di protezione individuale (DPI) per i lavoratori chiave e laptop per coloro che lavoravano da casa. Ma con l’urgente necessità di stare al sicuro, pochi si sono fermati a chiedersi chi stesse fabbricando l’attrezzatura e se anche loro fossero al sicuro.

Che impatto ha avuto sugli standard di lavoro? E l’impegno del Regno Unito di porre fine alla schiavitù moderna è stato effettivamente messo da parte?

Continua a leggere “Misurare l’impatto di COVID-19 sui diritti del lavoro globale”

Rapporto ILO: salari in calo durante una pandemia, 266 milioni non hanno salario minimo

L’ultimo Global Wage Report dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) rivela la pressione al ribasso sui salari in due terzi dei paesi del mondo durante la pandemia COVID-19, con la crisi che ha colpito più duramente i  meno  pagati.

A 266 milioni di persone viene negato un salario minimo a causa di leggi restrittive e inadempienze, in particolare i lavoratori agricoli e domestici.

Sharan Burrow, Segretario generale dell’ITUC, ha dichiarato: “Questo rapporto denuncia uno scandalo salariale globale, con alcuni paesi che hanno persino un salario minimo inferiore alla soglia di povertà. Il settantasei percento delle persone nel sondaggio globale ITUC 2020 non crede che il salario minimo sia sufficiente per una vita dignitosa. Centinaia di milioni di lavoratori vivono ai margini e la loro situazione è solo peggiorata durante la crisi del Covid-19, anche se i miliardari tecnologici e gli approfittatori della pandemia estraggono miliardi di dollari. È fondamentale garantire un salario minimo di sussistenza a tutti i lavoratori per consentire a loro e alle loro famiglie di vivere dignitosamente “.

Il rapporto sottolinea anche l’impatto sproporzionato sulle donne, che rappresentano circa il 60% di tutti i lavoratori il cui orario di lavoro si è ridotto durante la pandemia.

I risultati dell’ILO aiutano anche a sfatare il mito secondo cui i salari minimi vitali danneggiano la crescita economica: un aumento dei salari minimi riduce effettivamente la disuguaglianza salariale e di reddito.

“I salari minimi  non sono solo vitali per i lavoratori e le loro famiglie, ma sono anche di fatto un investimento, che contribuiscono all’attività economica e riducono la necessità di sostegno al reddito. L’idea che un salario minimo dignitoso costi posti di lavoro è un errore inventato dagli economisti di destra, che dovrebbe essere consegnato nella pattumiera della storia. Il salario minimo deve essere basato sull’evidenza, tenendo conto del costo della vita dei lavoratori e delle loro famiglie, e sviluppato insieme alle parti sociali. Devono avere la forza della legge e il mancato rispetto deve essere affrontato con sanzioni forti e dissuasive “, ha detto Sharan Burrow.

I sindacati stanno conducendo una campagna insieme in Africa, Asia, Europa e America centrale per chiedere salari equi e dignitosi attraverso le seguenti campagne regionali:

Succede in Sri Lanka. I lavoratori dell’abbigliamento hanno sopportato dure misure di contenimento del Covid-19

20 ottobre 2020

 

 

Fonte Industrial-union 

 In Sri Lanka, i lavoratori dell’abbigliamento sono stati messi in quarantena dai militari nel cuore della notte, a seguito di un rapido aumento delle infezioni. I sindacati dicono che questo avrebbe potuto essere evitato istituendo i comitati sanitari raccomandati.

A partire dal 19 ottobre, il numero totale di casi di Covid-19 a Minuwangoda Brandix è salito a 2.122, inclusi più di mille lavoratori tessili Brandix Limited, i loro parenti e familiari.

Questo gruppo rappresenta quasi la metà del numero totale di casi di Covid nello Sri Lanka e ha fatto notizia a livello nazionale.

I sindacati sostengono che l’esercito, che gestisce i centri di quarantena Covid, sia entrato di notte nelle residenze dei lavoratori tessili, senza previa informazione, per chiedere loro di recarsi immediatamente nei centri di quarantena. Continua a leggere “Succede in Sri Lanka. I lavoratori dell’abbigliamento hanno sopportato dure misure di contenimento del Covid-19”

Trattare i lavoratori come la carne: cosa abbiamo imparato dai focolai di COVID-19 nei macelli

 

FONTE THE CONVERSATION 

AUTRICI  CHE RINGRAZIAMO 

Dagli Stati Uniti al Brasile , Gran Bretagna , Germania e Australia, gli stabilimenti di lavorazione della carne hanno svolto un ruolo peculiare nella diffusione del COVID-19.

In Brasile, funzionari sindacali affermano che un quinto dei dipendenti del settore – circa 100.000 lavoratori delle fabbriche di carne – sono stati infettati. Negli Stati Uniti, le strutture per la lavorazione della carne sono state collegate a più di 38.500 casi e ad almeno 180 decessi . Le lavorazioni di carne hanno costituito quasi la metà dei punti caldi del COVID-19 negli Stati Uniti a maggio. Sono stati anche la principale fonte iniziale di infezioni nell’epidemia della “seconda ondata” di giugno in Australia nello stato del Victoria.

Uno dei motivi di queste trasmissioni è che la lavorazione della carne avviene in spazi refrigerati ristretti. Ma il fatto che l’industria non sia stata collegata a grandi epidemie virali in tutti i paesi e le regioni suggerisce che anche altri fattori controllabili sono stati determinanti.

La lezione fondamentale di questi focolai è che le condizioni di lavoro malsane e il lavoro precario devono essere affrontati per impedire all’industria della carne di agire come incubatore di COVID-19.

Condizioni di lavoro malsane

Studi precedenti hanno dimostrato che l’influenza e altri coronavirus (SARS e MERS) sono più stabili e quindi si diffondono più facilmente a temperature più basse . Sebbene le temperature più basse non abbiano ancora dimostrato in modo definitivo di aumentare le trasmissioni di COVID-19, i ricercatori australiani hanno identificato un’associazione con una minore umidità .

Shutterstock

Questo da solo aumenta il rischio per gli addetti alla lavorazione della carne, che svolgono un intenso lavoro manuale su una linea di produzione relativamente vicina ad altri. Ma questo rischio è aggravato da altri fattori, in particolare la scarsa qualità dell’aria che contribuisce alle malattie respiratorie, il che rende più grave qualsiasi infezione da COVID-19 .

Come notato dalla US Occupational Safety and Health Administration , tra i “molti gravi rischi per la salute e la sicurezza” a lungo associati al lavoro di lavorazione della carne vi sono “i rischi biologici associati alla manipolazione di animali vivi o all’esposizione a feci e sangue malattie”.

Uno studio del 2017 ha rilevato disturbi respiratori come tosse, mancanza di respiro e respiro sibilante da tre a quattro volte più diffusi tra i lavoratori dei macelli rispetto agli impiegati. Tra i lavoratori del pollame, uno studio del 2013 ha rilevato che oltre il 40% aveva sintomi asmatici (rispetto a circa il 10% di tutti gli adulti ). Ciò è stato attribuito alla “polvere di pollame”, una combinazione biologicamente attiva di residui di pollo, piume e muffe.

Shutterstock

Una ventilazione insufficiente rende la diffusione del coronavirus 20 volte più probabile, secondo un rapporto pubblicato a giugno dalla Federazione europea dei sindacati per l’ alimentazione, l’agricoltura e il turismo .

La relazione elenca anche altri fattori, come le distanze sociali inadeguate e la mancanza di dispositivi di protezione individuale adeguati. Ma alla fine, la scarsa qualità dell’aria è sintomatica della mancanza di un luogo di lavoro sano e sicuro per molti lavoratori della lavorazione della carne.

È anche pertinente per il resto di noi. L’American Society for Heating, Refrigeration and Air ‐ Conditioning Engineers, ad esempio, ha raccomandato che la presa d’aria di ventilazione in tutti gli edifici dovrebbe ora essere tre cambi d’aria all’ora . È da tre a cinque volte superiore allo standard minimo per gli uffici.

Tutto ciò si riduce a una necessità fondamentale di migliorare gli standard di salute e sicurezza nei macelli e negli impianti di lavorazione della carne su tutta la linea.


Per saperne di più: La morte dell’ufficio open space? Non proprio, ma una rivoluzione è nell’aria


Aumentare la sicurezza del lavoro e il diritto al congedo per malattia

L’altro principale insegnamento da trarre dall’industria della lavorazione della carne è il rischio rappresentato dal “lavoro precario”, dove i lavoratori non hanno i diritti e le tutele di essere dipendenti.

Non è un caso, come sostiene il rapporto dell’Unione della Federazione Europea, che la stragrande maggioranza dei lavoratori della carne risultati positivi in ​​Europa sono lavoratori migranti, assunti tramite subappaltatori, con pochi diritti di lavoro e che spesso vivono in alloggi sovraffollati.

Si stima che l’ 80% circa dei lavoratori della carne nei Paesi Bassi, ad esempio, provenga dall’Europa centrale e orientale, impiegato tramite agenzie interinali.

I lavoratori sono tipicamente impiegati come lavoratori occasionali, o “assunzioni giornaliere” (il che significa che il loro lavoro termina tecnicamente alla fine di ogni turno) o tramite accordi di subappalto che li considerano “lavoratori autonomi”. Come osserva il rapporto:

Le condizioni di lavoro per molti operai della carne sono estremamente precarie. Inoltre, il livello delle indennità di malattia può essere molto basso. Ciò potrebbe aver determinato il fatto che in caso di sintomi da COVID-19 alcuni lavoratori non hanno segnalato lo stato delle loro condizioni di salute per paura di perdere il lavoro o per non potersi permettere una vita dignitosa con indennità di malattia.

Shutterstock

Queste cose possono essere risolte

Le prove provenienti da diversi paesi mostrano che queste cose possono essere risolte.

La Danimarca è il simbolo dell’automazione della lavorazione della carne e di una retribuzione dignitosa , consentendo l’allontanamento sociale all’interno delle fabbriche e quindi bassi focolai di COVID-19.

In Spagna, un contratto collettivo che garantisce ai lavoratori subappaltati le stesse condizioni degli altri dipendenti è stato accreditato per il controllo delle trasmissioni COVID-19.

In Germania, le trasmissioni legate alla lavorazione della carne sono rallentate dopo che a maggio è stato vietato ai macelli di assumere lavoratori temporanei .

Nel Victoria, in Australia, garantire che tutti i lavoratori abbiano accesso a un congedo pandemico retribuito (insieme ad altre misure tra cui il governo che impone rigorose distanze fisiche e protocolli di sicurezza negli stabilimenti) sembra aver avuto successo.

Ma molte di queste risposte sono solo risposte temporanee di emergenza. La pandemia globale ha portato l’attenzione globale sulla necessità a lungo termine di una riforma sistemica per eliminare i pericoli di luoghi di lavoro malsani e lavoratori privi di potere, e garantire che i lavoratori possano permettersi di restare a casa quando sono malati.

In un certo senso siamo tutti complici di un sistema che ha visto peggiorare le condizioni di lavoro nell’ultimo decennio. Abbiamo accettato l’ascesa di complesse società di subappalto e false società “fenice” progettate per privare i lavoratori dello status di dipendenti, e catene di supermercati e fast-food che spingono le pressioni sui costi verso il basso nelle catene di approvvigionamento, semplicemente perché ci piace la carne a buon mercato.


Per saperne di più: Trasmissioni sul posto di lavoro: un risultato prevedibile della divisione di classe nei diritti dei lavoratori


Ci sono iniziative in Europa per affrontare questa mancanza di responsabilità estendendo la responsabilità legale a tutta la catena del subappalto . Altri paesi farebbero bene a imparare da questi esempi.

In un modo o nell’altro, il nostro amore per i prezzi bassi non dovrebbe vedere i lavoratori trattati come carne.

Lavorare in fabbrica oggi

 

Fonte Collettiva.it che ringraziamo 

La presentazione del volume “Lavorare in fabbrica oggi. Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Fca/Cnhi/Marelli”. Le condizioni negli stabilimenti sono peggiorate per sei lavoratori su dieci

È stato presentato oggi da Massimo Bonini, Davide Bubbico, Francesco Garibaldo, Francesca Re David, Maurizio Landini, Giuseppe Berta e Gad Lerner a Milano, presso la Società umanitaria, il volume “Lavorare in fabbrica oggi. Inchiesta sulle condizioni di lavoro in Fca/Cnhi/Marelli”, edito dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, un progetto di ricerca a cura delle Fondazioni Claudio Sabattini e Giuseppe Di Vittorio. Alla redazione del volume hanno partecipato diversi docenti, esperti e ricercatori.

“La prima parte del volume – spiega una nota della Fiom – si focalizza sulle condizioni di lavoro negli stabilimenti, con una ricerca che è il risultato di circa 10 mila questionari raccolti all’inizio del 2018, ovvero circa il 20% della platea operaia di riferimento dei 54 stabilimenti coinvolti nell’inchiesta. Inoltre, sono state effettuate circa 170 interviste qualitative in 16 stabilimenti con lavoratori e delegati sindacali”. L’obiettivo dell’inchiesta è fare un bilancio coinvolgendo i lavoratori, tra iscritti e non iscritti al sindacato, delll’applicazione del World ClassManufacturing (Wcm) e dell’Ergo- Uas.

Dall’inchiesta emerge che negli ultimi anni la percezione dei lavoratori è che le condizioni di lavoro negli stabilimenti di Fca, Cnhi e Marelli sono peggiorate per 6 lavoratori su 10 (il 59,7%). Solo l’11,9% le giudica migliorate. Pesano soprattutto i carichi di lavoro, dei quali il 43,1% dei dipendenti Fca esprime un giudizio negativo a fronte del 9,7% che vede un netto miglioramento. Visti gli alti carichi, i tempi di lavoro sono poco o per nulla sostenibili secondo il 46,2% del campione, ma dobbiamo anche registrare che una parte dei lavoratori ritiene migliorata la situazione ergonomica. È invece interessante constatare come l’obiettivo della partecipazione alla vita aziendale non trova conferma nell’indagine, infatti solo il 22% dichiara di aver preso parte alle riunioni di team.

La seconda parte del volume, spiega ancora il sindacato, è sulla situazione industriale ed economica del gruppo Fca, fino alle prospettive relative alla fusione con Psa. Affronta la trasformazione radicale che sta avvenendo nell’industria dell’auto in Italia e a livello globale dalla propulsione alle nuove tecnologie, mettendo in risalto il ritardo degli investimenti e l’assenza di una politica industriale che dia risposte alle incognite del futuro anche in vista della fusione tra Fca e Psa. Il settore automotive italiano occupa 1,2 milioni di occupati nell’industria e servizi di cui 258.700 nel settore industriale diretto e indiretto, pari all’1,5% di tutta l’attività manifatturiera, e di questi 162.000 in quello diretto. Il fatturato è di 330 miliardi di euro; di questi il settore industriale ne genera 100 pari al 5,9% del Pil.

“Bisogna poi considerare la componentistica con 156.550 addetti e un fatturato di 46,5 miliardi con 22 miliardi di esportazione e un saldo attivo di 6,8 miliardi. Stiamo parlando di uno dei settori chiave dell’industria italiana ed europea, che rappresenta circa il 6% dell’occupazione totale dell’Unione europea, e l’11% di quella manifatturiera. La presentazione di questo volume fa parte di un percorso della Fiom per tenere aperta l’attenzione sui lavoratori del settore automotive”, conclude la nota.

 

Brasile, Covid-19: la nuova normalità del nuovo fascismo

 

foto Pressenza.com

Fonte : Pressenza.com

Autore Paolo D’Aprile

Lo sterminio deliberato di una comunità, un gruppo etnico, un popolo intero, per azione diretta od omissione di determinate azioni che potrebbero impedirlo, non fa più parte di una nefasta ipotesi, di un timore precoce determinato dalle parole proferite in comizi di piazza: lo sterminio genocida è la realtà che respiriamo ogni giorno. E adesso non più solamente attraverso le frasi mille volte usate durante la campagna elettorale come una promessa per risolvere i mali della nazione; ora quelle frasi sono divenute politica di governo, azione di Stato. L’autoritarismo fascistoide della nuova economia imposto da un mercato onnipresente, ci obbliga a leggere le statistiche e i numeri con la tipica indifferenza di chi ormai ha tutto si è abituato.

I mille morti al giorno… (in realtà 1200, 1300, 1400… ogni giorno, dai primi di maggio fino ad oggi) ormai sono una innocua nota a piè di pagina. E quando si fa menzione al termine “genocidio” non è certamente per banalizzare una parola che fa rabbrividire, ma per dire le cose come stanno veramente.

I documenti parlano chiaro: gli organi dello stesso ministero della salute, tre mesi fa avvisavano il nuovo ministro (il terzo dall’inizio della pandemia, un generale dell’esercito), sulla carenza delle sostanze necessarie alla fabbricazione dei medicinali fondamentali per il trattamento del Covid. E non solo: i documenti avvisavano la mancanza cronica di apparecchi e l’assenza di una logistica distributiva nel territorio nazionale di medicinali e materiali. I documenti arrivano alla stampa che incalza il ministro: “i responsabili della organizzazione sanitaria sono i singoli municipi e i singoli stati, non è il governo federale, né tanto meno il ministero della salute”.

Continua a leggere “Brasile, Covid-19: la nuova normalità del nuovo fascismo”

Una ricerca del sindacato turco DISK sugli effetti di Covid-19 sulle condizioni di lavoro e di vita in Turchia

 

Fonte il sindacato dei lavoratori DISK 

Durante la pandemia di Covid-19, 13 milioni di lavoratori hanno perso il lavoro, secondo uno studio del Research Center of DISK. Inoltre, secondo l’ampia definizione di disoccupazione, il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 39 percento, ha affermato Arzu ererkezoğlu, presidente della DİSK. “Essere sindacalizzati ha limitato il danno creato da Covid-19. È possibile affermare che Covid-19 ha creato danni molto maggiori ai lavoratori che lavorano in luoghi di lavoro non sindacali e non registrati “, ha affermato.

Il modo di lavorare è cambiato

Il lavoro di breve durata, il lavoro da casa e il lavoro alternativo sono diventati molto diffusi poiché il 63 percento dei membri del DISK ha affermato che il loro modo di lavorare è cambiato.  Alcuni lavoratori hanno usufruito di ferie annuali mentre altri sono stati messi in congedo amministrativo a causa di una malattia cronica.
Tra coloro che lavorano nel settore privato, il 76% ha affermato che il loro modo di lavorare è cambiato mentre l’81% delle donne ha dato la stessa risposta.

I lavoratori hanno avuto perdite di reddito

A causa della pandemia, l’orario di lavoro dei lavoratori è diminuito, con conseguenti perdite di reddito.
Tra i partecipanti, il 36 percento ha dichiarato che il proprio reddito è diminuito. Il 47,7 delle donne e il 34,2 per cento degli uomini ha dichiarato di non aver ricevuto lo stipendio completo, gli straordinari o le indennità sociali.

Il 75 percento ha incontrato difficoltà economiche

La pandemia ha causato difficoltà economiche al 75 percento dei lavoratori. Più del 25 percento ha dichiarato che i propri debiti sono aumentati e il 19,4 percento ha dichiarato di non poter effettuare il pagamento minimo per le proprie carte di credito. Inoltre, il 13,7 per cento dei lavoratori ha dichiarato di avere difficoltà a pagare le bollette.

I tempi di lavoro sono diminuiti

I tempi di lavoro dei lavoratori sono diminuiti perché una parte significativa dei posti di lavoro ha sospeso l’acquisto di beni e servizi, causando una riduzione dei tempi di lavoro. Tra tutti i lavoratori, il 41% ha dichiarato che il tempo di lavoro è diminuito. Nel settore privato, era del 51 percento.

Le lavoratrici sono state maggiormente colpite

Lo studio ha scoperto che le donne ricevono salari più bassi rispetto agli uomini, il loro modo di lavorare è cambiato di più e i tempi di lavoro sono diminuiti di più. Mentre il loro tempo di retribuzione è aumentato, il loro carico interno è aumentato.

Il 27 percento dei lavoratori DİSK ha ricevuto indennità

Le pratiche di indennità di lavoro di breve durata e indennità di congedo non retribuite si sono diffuse durante la pandemia. La metà dei lavoratori del settore privato e il 27% dei lavoratori membri del DİSK hanno ricevuto indennità dall’agenzia turca per l’impiego (İŞKUR).

D’altra parte, il 92% dei lavoratori ha dichiarato di non aver ricevuto un’indennità da nessun’altra entità diversa da İURKUR. “La perdita di salari durante l’epidemia di Covid-19 è stata coperta in misura molto limitata dalle indennità di İKUR e dai programmi di assistenza sociale”, afferma il rapporto.

I lavoratori non possono sbarcare il lunario se il loro flusso di reddito viene interrotto

Se il loro flusso di reddito viene interrotto, il 63 percento dei lavoratori può sbarcare il lunario per meno di un mese. Il 29 percento ha dichiarato 1-3 mesi e il 3,8 percento ha dichiarato 3-6 mesi.

Il 40 percento dei lavoratori preferisce alimenti più economici

La pandemia ha anche cambiato le preferenze di spesa dei lavoratori per il cibo. Mentre alcuni hanno preferito prodotti più costosi per motivi di salute, il 40% ha dichiarato di preferire cibi più economici.
Il 29 percento ha dichiarato che loro o i loro amici hanno contratto il virus

Tra tutti i lavoratori, l’1,6 per cento ha dichiarato di aver contratto il coronavirus mentre l’1,9 per cento dei lavoratori del settore privato era infetto. 29,4 dei partecipanti hanno dichiarato che loro o i loro amici hanno contratto il virus.

La produzione è stata interrotta nel 15 percento dei luoghi di lavoro

Il 15,4% dei lavoratori ha dichiarato che la produzione è stata interrotta nei luoghi di lavoro a causa di un caso di coronavirus. Il 7,7 per cento ha dichiarato che il dipartimento del caso è stato chiuso, il 5,8 per cento ha dichiarato che i propri datori di lavoro hanno interrotto il lavoro e 1,9 hanno dichiarato di aver esercitato il loro diritto di evitare di lavorare.

Il 53 percento afferma che le misure non sono adeguate

Il 53 percento dei lavoratori ha dichiarato di aver preso precauzioni contro il virus sul posto di lavoro e durante il tragitto mentre il 47 percento ha dichiarato di aver trovato le misure adeguate.

L’82% ritiene che il proprio lavoro sia in pericolo

L’81,8 percento dei lavoratori ha dichiarato di sentirsi e / o il proprio lavoro in pericolo e quasi l’84 percento ha dichiarato di percepire Covid-19 come una minaccia alla propria situazione economica.

——————————————————————————-

I risultati della ricerca sul campo sono stati condivisi con la conferenza stampa presso la Camera di medicina di Istanbul, mercoledì 8 luglio 2020.

L’intervento del Segretario generale del Sindacato DISK Arzu Çerkezoğlu, 

Continua a leggere “Una ricerca del sindacato turco DISK sugli effetti di Covid-19 sulle condizioni di lavoro e di vita in Turchia”

Un nuovo rapporto scopre la rete di subappalti, sotto la copertura della pandemia si intensificano le forme di sfruttamento nel trasporto stradale europeo

 

Le condizioni di lavoro di numerosi camionisti che circolano sulle nostre strade sono quelle descritte nel Rapporto FNV-VNB . ”  Sotto la copertura della pandemia, le aziende si stanno muovendo verso prezzi di trasporto aggressivamente più bassi, portando a ulteriori attacchi alla retribuzione, alle condizioni e alla sicurezza dei lavoratori. ”  Queste condizioni di sfruttamento del lavoro mettono a rischio la incolumità degli utenti della strada…..

FONTE IUF.ORG

Un nuovo rapporto [1] preparato dalla fondazione sindacale olandese FNV-VNB, dall’International Transport Workers ‘Federation (ITF) e dalla IUF scopre le molteplici catene di lavoro in subappalto che hanno consentito l’espansione di uno squallido sfruttamento nel trasporto stradale europeo. Le compagnie di trasporto che forniscono servizi ad alcune delle più grandi multinazionali europee subappaltano il lavoro a società con sede nell’Europa orientale a basso salario che a loro volta reclutano e, in alcuni casi, trafficano, conducenti per il trasporto. Sotto la copertura della pandemia, le aziende si stanno muovendo verso prezzi di trasporto aggressivamente più bassi, portando a ulteriori attacchi alla retribuzione, alle condizioni e alla sicurezza dei lavoratori.

Il rapporto rivela come conducenti provenienti da Ucraina, Bielorussia, Uzbekistan, Turchia, Filippine e altri paesi extra-UE siano assunti con contratti dall’Europa dell’Est mentre lavorano quasi esclusivamente in Europa occidentale, spesso dopo aver pagato elevate tasse di assunzione. Presenta prove di lavoratori costretti a firmare contratti in lingue che non possono leggere; i conducenti pagavano solo 110 euro al mese, dovevano vivere nei loro veicoli per mesi senza accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari e minacciati di violenza se avvertivano le autorità delle enormi violazioni di sicurezza, orario di lavoro o retribuzione. La frode è comune; ai lavoratori vengono forniti documenti falsi sul loro stato di occupazione e documenti che documentano l’orario di lavoro sono falsificati.

Negli ultimi 18 mesi, l’IUF ha collaborato con ITF e FNV-VNB per identificare le principali società transnazionali di prodotti alimentari e bevande i cui sistemi logistici di trasporto su strada rischiano di contribuire a questi abusi. Le discussioni con le singole società, basate su relazioni IUF di lunga data con esse, hanno portato a un accordo su un modello in tre parti che inizialmente stabilisce standard e meccanismi concordati per valutare la conformità. La terza parte del modello che identifica le misure appropriate per le azioni correttive per far fronte agli abusi sarà sviluppata durante i progetti pilota che sono stati concordati inizialmente con due grandi aziende. Questi progetti pilota dovrebbero iniziare quando la situazione COVID-19 in Europa lo permetterà.

 

La posizione del Sindacato tedesco Ver.di per la riqualificazione del sistema di pulizie negli ospedali.

FONTE VER.DI

( traduzione  dal tedesco assistita  da google translator _)

La pandemia di coronavirus  mostra l’importanza di una pulizia di alta qualità negli ospedali e nelle strutture di cura. Qui sono richiesti anche requisiti vincolanti per il personale.

Il sindacato Ver.di ha da tempo sottolineato la situazione problematica nella pulizia di ospedali e strutture di cura. È da tempo noto quanto siano importanti per prevenire la diffusione di virus e germi ospedalieri. Tuttavia, i datori di lavoro hanno risparmiato qui negli ultimi anni: un numero particolarmente elevato di personale è stato tagliato nelle aree di servizio, la pulizia e altri servizi sono stati esternalizzati quasi ovunque a filiali o esternalizzati a società esterne. Ad esempio, uno studio condotto negli Stati Uniti mostra che l’outsourcing moltiplica il rischio di infezioni.

Un sondaggio condotto dalla Società tedesca per l’igiene ospedaliera (DGKH) nel 2013 indica anche la connessione tra tagli nella pulizia e rischio di infezioni. A quel tempo, il 60 percento dei medici e degli specialisti dell’igiene affermava che la pulizia era peggiorata negli anni precedenti. In più della metà delle cliniche, la pulizia non viene più effettuata la domenica. E anche negli altri giorni, in particolare sabato e mercoledì, viene spesso rimossa solo la sporcizia più grossolana.

Chiara connessione: se più è esternalizzato, ci sono più infezioni

Continua a leggere “La posizione del Sindacato tedesco Ver.di per la riqualificazione del sistema di pulizie negli ospedali.”

“Non sono un eroe”

FONTE SERVIZI PUBBLICI INTERNAZIONALE   La federazione sindacale globale dei lavoratori nei servizi pubblici

Antonio Capodieci, un infermiere di pronto soccorso italiano che lavora all’ospedale Maggiore di Bologna, ha appena pubblicato un video in cui mostra la cruda realtà dei suoi colleghi infermieri che hanno combattuto il coronavirus nelle navate dell’ospedale negli ultimi mesi
Il video “Non sono un eroe”, ideato e diretto da Capodieci, un infermiere con la passione per il video e la fotografia, non risparmia critiche al buon senso controproducente promosso dai media che insiste nel chiamare eroi infermieri – mentre la lotta per migliori salari e dignità sul lavoro è appena menzionata.

“Non sono un eroe, sono lo stesso che hai urlato qualche mese fa, quello che hai insultato per 30 anni a causa delle tue lunghe attese, quello che lavora a Natale e a metà agosto, quello che ha aiutato quando guidavi ubriaco o quello che volevi picchiare “, dice il video di 3 minuti.

Violenza sui medici in aumento. Una indagine Anaao Assomed a cura di Marina Penasso

 

Fonte Dors.it che ringraziamo 

L’Anaao ha condotto una survey destinata ai medici al fine di comprendere quante aggressioni interessino la categoria. Il trend è in aumento ma l’80% delle aggressioni non viene denunciato. I medici più colpiti sono gli psichiatri, seguono gli gli operatori del pronto soccorso.
L’analisi è stata condotta da gennaio a febbraio 2020, ha interessato 2059 soggetti. Il 56,10% di coloro che hanno risposto è di sesso femminile, a dimostrazione di come il problema aggressioni sia più sentito tra i medici donna (nel 2018 era il 53%).

Continua a leggere “Violenza sui medici in aumento. Una indagine Anaao Assomed a cura di Marina Penasso”

Lavoro. Mininni, parta Commissione d’inchiesta su sicurezza sul lavoro e sfruttamento

 

FONTE : FLAI.CGIL.IT

“Condividiamo la preoccupazione del Senatore Nannicini, riportata anche oggi sulle pagine di Repubblica,in merito ai ritardi sulla istituzione di una Commissione d’inchiesta su sicurezza sul lavoro e sfruttamento”. Lo dichiara il Segretario Generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni.

“Considerati i numeri di morti sul lavoro e infortuni gravi che si registrano ogni anno nel nostro Paese, l’iniziativa di attivare una Commissione d’inchiesta sarebbe una cosa utile e necessaria, consentendo di indagare in modo attento il fenomeno e proponendo soluzioni che guardino realmente a prevenzione, formazione e controlli. Non sono tollerabili in un Paese civile moderno circa 1000 morti sul lavoro nel 2019. Il T.U. 81/2008 è fondamentale, ma va applicato in tutte le sue parti e reso esigibile per tutti i lavoratori, a cominciare, per rimanere alla nostra categoria, ai lavoratori della pesca”.

“Stessa attenzione – prosegue Mininni – merita il tema dello sfruttamento, in molti casi unito a quello degli infortuni, poiché un lavoro in nero, sottopagato, senza diritti e tutele, con il ricatto di rimanere a casa il giorno dopo, rende il lavoratore sempre più vulnerabile anche per quanto riguarda i temi della salute e sicurezza. Anche sul lavoro sfruttato sottolineiamo lo straordinario risultato della Legge 199/2016, ma anche per questa legge chiediamo che essa si applichi in tutte le sue parti per prevenire il consumarsi del reato”.

“Per questi motivi – conclude il Segretario Generale della Flai – sosteniamo l’urgenza di una Commissione d’inchiesta che possa affrontare con tutti gli strumenti della politica due temi che sono fondamentali per rimettere al centro un lavoro dignitoso, sicuro, legale”.

“Il collega di lavoro del futuro”: una ricerca commissionata dall’Azienda britannica Fellowes.

Lo studioso del comportamento il futurologo William Higham, con un gruppo di esperti in ergonomia salute e benessere sul lavoro, ha condotto la ricerca e redatto il Rapporto dal titolo “Il collega di lavoro del futuro – Una relazione sulla salute a lungo termine degli impiegati d’ufficio”. Il team ha poi progettato e realizzato Emma, un manichino con caratteristiche fisiche che presentano le criticità che emergono dall’indagine. Un Rapporto la cui lettura è di grande utilità.

Per leggere il Rapporto vai al sito REPERTORIO SALUTE

La Cgil porta Deliveroo in tribunale. Il rider Antonio Prisco: “Non può decidere un algoritmo se posso ammalarmi o no”

 

Fonte Fortebraccionews

I Riders fanno sul serio e a Bologna promuovono un’azione legale per condotta discriminatoria contro un gigante mondiale del cibo a domicilio. Alla base della causa l’utilizzo dell’algoritmo ‘Frank’: per il sindacato emargina i lavoratori che, per motivi personali legati a diritti come la malattia e lo sciopero, non si rendono continuativamente disponibili al lavoro. Antonio Prisco è uno dei protagonisti di questa lotta: 36 anni, rider per Deliveroo impegnato da tempo con la Cgil per cercare di mettere ordine in un mondo che sembra strutturato proprio per disaggregare i lavoratori e comprimerne i diritti.

Come nasce la causa di Bologna e quanti sono i lavoratori coinvolti?

La causa vede coinvolti tutti i lavoratori italiani sfruttati da Deliveroo. Alcuni tra noi compariranno anche come testimoni, lo faranno anche per altri colleghi, che specialmente al Sud sono ancora più ricattati dalla scarsità di lavoro e preferiscono non esporsi. Quello che combattiamo è un sistema simile al caporalato delle campagne E’ la prima volta che in Europa si intenta una causa del genere.

Che aspettative avete? Davide riuscirà a battere Golia?

In alcuni lander tedeschi sono state intentate cause simili ma non sono arrivate in giudizio perchè sono state regolate prima dalle nuove leggi sul lavoro. Non sappiamo se riusciremo a vincere ma ce la stiamo mettendo tutta

Possiamo quindi sfatare il luogo comune che vede il sindacato lontano dalle nuove forme del lavoro?

Oggi si, oggi i lavoratori della gig economy si avvicinano e il sindacato deve continuare a parlare con nuove parole. Abbiamo riscontri importanti in tante città, non solo Bologna e Firenze ma anche Napoli, Palermo o Catania.

prisco.jpg
Antonio e altri rider incontrano Landini

Come si sta evolvendo questo mondo, cosa dobbiamo aspettarci?

Il sistema di sfruttamento del lavoro della Gig Economy si sta, se possibile, estremizzando. Pensa alle Virtual Kitchen , ristoranti che non esistono nella realtà ma fanno solo consegne, alle agenzie di Cleaning che ti vengono a ripulire casa o ancora peggi oalla commistione di piattaforme tipo Air B&B con piattaforme di Concierge. Tutte persone che vengono pagate poco sfruttate da un padrone digitale che non si fa vedere come ‘Frank’, un algoritmo che decide se domani lavoro oppure no.

Che ne pensi della nuova legge?

E’ confusa e frammentata e viene da vent’anni di leggi sul lavoro che almeno a mio parere non si possono accettare è l’ennesima accezione al ribasso dei diritti. La legge farà esplodere tutte le contraddizioni di un sistema che riguarda 850mila persone, noi i Riders siamo solo il 3% di questa grande platea, ma almeno noi sappiamo chi ci sfrutta, ce lo abbiamo scritto sulle spalle mentre pedaliamo in giro per le città

Ti sei esposto di persona in questa lotta, pentito? 

Io sono figlio di una generazione che vive un malessere generalizzato per mancanza di sicurezza sociale, pochi riescono a percepirlo e ancor meno sanno come aiutarci. Io sono figlio di un epoca in cui ti devi accontentare, specialmente se vieni dal Sud, di vivere per pochi spicci. Non riesco a contestare i miei fratelli, i miei compagni che lavorano 7 ore per 60euro ancora senza diritti, che rischiano la pelle sulle strade e non hanno nessun diritto; ma quanto è bello sentirli a un certo punto capire cosa significa avere diritti e sentirli lottare per quei diritti.

Lorenzo Serio

Eurofound: Solo un lavoratore  su tre  con limitazioni da malattie croniche lavora  in luoghi di lavoro adattati

Fonte : Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro

 

Solo un lavoratore su tre nell’UE le cui attività quotidiane sono gravemente o in qualche modo limitate da una malattia cronica riferisce che il  posto di lavoro è stato adattato per soddisfare il loro problema di salute. Ciò significa che la maggior parte dei lavoratori in Europa con una condizione sanitaria limitante non viene supportata in termini di adattamento sul posto di lavoro.

La nuova sintesi politica di Eurofound su come rispondere ai problemi di salute cronica sul luogo di lavoro combina l’indagine europea sulle condizioni di lavoro e altri dati a livello nazionale e dell’UE per esaminare la prevalenza e l’impatto delle malattie croniche sul lavoro. Sottolinea che i problemi sanitari di lunga data tra i lavoratori diventeranno un problema sempre più significativo per l’Europa nei prossimi decenni.

L’Europa ha una forza lavoro che invecchia e un quarto della popolazione attiva dell’UE riferisce già di avere una malattia cronica. Questa percentuale è aumentata di 8 punti percentuali tra il 2010 e il 2017. I lavoratori di età superiore ai 50 anni hanno una probabilità doppia di avere una malattia cronica rispetto ai lavoratori di età inferiore ai 35 anni; ma anche tra i lavoratori più giovani la percentuale di malattie croniche è in aumento – dall’11% nel 2010 al 18% nel 2017 per i minori di 30 anni. Alcune delle condizioni croniche più comuni riportate comprendono disturbi muscoloscheletrici, condizioni di salute mentale e malattie cardiovascolari. Continua a leggere “Eurofound: Solo un lavoratore  su tre  con limitazioni da malattie croniche lavora  in luoghi di lavoro adattati”

Le proteste del Black Friday in tutta Europa richiedono che Amazon ‘inizi a trattare i lavoratori come esseri umani, non robot’

Visualizza l'immagine su Twitter

Le proteste del Black Friday in tutta Europa richiedono che Amazon ‘inizi a trattare i lavoratori come esseri umani, non robot’
“I lavoratori si rompono le ossa, vengono fatti cadere incoscienti e portati via in ambulanza.”
di Jake Johnson, scrittore dello staff

Attivisti per i diritti dei lavoratori e attivisti per il clima in tutta Europa hanno approfittato dell’occasione del Black Friday, la giornata di shopping più trafficata dell’anno, per attirare l’attenzione e protestare contro le ” spaventose ” condizioni di lavoro, i vantaggi irrisori e le pratiche ambientali distruttive di Amazon .

“I lavoratori si rompono le ossa, svengono e vengono portati via in ambulanza”, ha dichiarato Mick Rix, funzionario nazionale dell’Unione GMB, che venerdì ha organizzato dimostrazioni nei magazzini di Amazon in tutto il Regno Unito.

“Amazon ha speso una fortuna in soffici annunci pubblicitari dicendo che è un posto fantastico dove lavorare”, ha aggiunto Rix. “Perché non spendere soldi per rendere i loro magazzini luoghi meno pericolosi in cui lavorare? I lavoratori di Amazon vogliono che Jeff Bezos sappia che sono persone, non robot.”

GMB ha affermato che i dipendenti Amazon in sedi in tutto il Regno Unito hanno riferito di aver negato le pause del bagno, sono stati penalizzati per aver preso giorni di malattia e sono stati costretti a lavorare a un ritmo pericoloso per raggiungere gli obiettivi di produttività del colosso al dettaglio.

“I membri del GMB dichiarano che gli obiettivi sono così orribili da dover usare bottiglie di plastica per urinare invece di andare in bagno, e le donne incinte sono state costrette a rimanere in piedi per ore e ore”, ha affermato il sindacato in una nota.
L’ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE COMMONDREAMS

 

Giornata mondiale della toilette: ai lavoratori dei trasporti del Regno Unito è negata la dignità della toilette… E in Italia ?

Nota di Editor. Sarebbe opportuno e necessario che i Sindacati di categoria anche in Italia facessero una seria indagine sulla carenza di WC disponibili per lavoratori e lavoratrici del settore trasporti ma non solo. In una ricerca svolta una decina di anni in Piemonte gli autisti di autobus dichiaravano che in piena estate si limitavano nel bere  acqua perché non c’erano gabinetti accessibili lungo le linee. Non sappiamo se le situazioni siano migliorate, temiamo di no.

 

FONTE UNITHEUNION.ORG

La ricerca di Unite, il più grande sindacato del Regno Unito e dell’Irlanda, ha scoperto che ai lavoratori del settore dei trasporti viene regolarmente negato l’accesso ai servizi igienici, il che sta creando problemi di salute e in alcuni casi costringendo i lavoratori a lasciare il lavoro.

Unite ha pubblicato le sue ricerche in coincidenza con la Giornata mondiale della toilette oggi (martedì 19 novembre), il tema di quest’anno è “nessuno lasciato indietro”.

I conducenti di autobus hanno negato i servizi igienici

Un recente sondaggio condotto su quasi 5.000 autisti di autobus, membri di Unite, ha rilevato che l’83% di loro “non è fornito di un elenco di servizi igienici o di una mappa in caso di necessità sulle rotte”.

La mancanza di servizi igienici accessibili su una linea di autobus è un problema particolarmente importante per i conducenti di autobus poiché i turni durano regolarmente 5 ore e mezza prima che abbiano una pausa dalla guida e costringano i conducenti ad aspettare così tanto tempo prima che l’uso di una toilette possa causare seri problemi di salute e può anche comportare la distrazione e la perdita di concentrazione durante la guida.

No servizi igienici in piazzole

Un sondaggio separato condotto su oltre 4.000 camionisti ha anche identificato un problema grave con la mancanza di accesso ai servizi igienici. Il sondaggio ha rilevato che quando è stata posta la domanda; “Quando dormi in un luogo di riposo sei in grado di accedere facilmente alle strutture del bagno e dei bagni”, l’89% degli intervistati ha affermato di avere accesso raramente o mai a tali strutture.

I camionisti sono regolarmente costretti a dormire in sosta per rispettare le norme di guida a causa della mancanza cronica di fermate dei camion.

Negazione della dignità del bagno

Diana Holland, assistente del segretario generale di Unite, ha dichiarato: “Ai lavoratori dei trasporti in lungo e in largo nel Regno Unito viene negata la dignità della toilette su base giornaliera.

“Unite sta approfittando dell’occasione della Giornata mondiale della toilette per evidenziare questo problema di salute pubblica e lo slogan di quest’anno di nessuno lasciato alle spalle è particolarmente adatto in quanto, i lavoratori dei trasporti vengono sicuramente lasciati indietro quando si tratta della dignità della toilette.

“La mancanza di accesso ai servizi igienici è semplicemente intollerabile e può e fa sì che i nostri membri sviluppino gravi problemi di salute e, in alcuni casi, siano costretti a lasciare il lavoro a causa di condizioni mediche.

“Questo è un problema per tutti i lavoratori dei trasporti, ma la mancanza di accesso ai servizi igienici per le donne quando hanno le mestruazioni o sono in menopausa, o strutture in cui rischiano abusi o molestie sessuali, sono più barriere affrontate dalle donne che lavorano in questo settore in cui sono già sottorappresentati.

“I datori di lavoro hanno un chiaro obbligo legale di fornire servizi igienici adeguati per i loro lavoratori e Unite assicurerà che tali compiti siano rispettati.

“A nessun lavoratore dovrebbe essere negata la dignità della toilette non avendo strutture decenti o non potendo accedervi liberamente. Questo è il motivo per cui Unite supporta la carta igienica globale dei lavoratori dei trasporti lanciata per questa Giornata mondiale della toilette e chiediamo a tutti i datori di lavoro di iscriversi e fare la differenza “

Casi studio

Casi di studio recenti ottenuti da Unite includono: “I servizi igienici sono orribili. La maggior parte sono bloccati o fuori uso. I conducenti devono alleggerirsi nelle aree di campagna a causa di pause mal posizionate. Un autista che ha 63 anni si rivive in una sosta a causa di ciò. Ridicolo.”

” La società non crede che un essere umano richieda la necessità di usare un bagno. Siamo robot.”

“Sono stati chiusi diversi locali in cui avevamo accesso ai servizi igienici. L’accesso ai servizi igienici è molto limitato, soprattutto al di fuori degli orari di ufficio. Questo è uno dei motivi principali per cui sto cercando un lavoro alternativo in questo momento. “

ENDS

Note per i redattori:

Nuove Forme Di Lavoro Tra I Giovani.Nuovo Rapporto Di Danimarca, Norvegia, Svezia E Islanda

FONTE ENETOSH 
( Traduzione dall’inglese assistita da Google Translator )

Questo nuovo rapporto “Nuove forme di lavoro tra i giovani – Implicazioni per l’ambiente di lavoro”, pubblicato dal Consiglio nordico dei ministri, evidenzia nuove forme di lavoro. Basato su interviste con giovani dipendenti, il rapporto mostra esempi di nuovi ambienti di lavoro, come lavorare nel settore dei giochi, su piattaforme digitali, con i social media e in accordi di lavoro flessibili o temporanei.
I cambiamenti nel lavoro segnati a livello globale e nei paesi nordici comportano nuove forme di lavoro e occupazione atipica tra i giovani lavoratori. Una percentuale significativa di giovani lavoratori è in posizione temporanea, lavora irregolarmente e lavora a tempo parziale. I quattordici ritratti di giovani che lavorano in forme nuove e atipiche di lavoro nei paesi nordici in questo rapporto mostrano che la maggior parte di questi giovani ha diversi lavori o redditi contemporaneamente o un numero di lavori / redditi diversi per brevi periodi.
Stanno lavorando su piattaforme online come giocatori di e-sport, YouTuber o Influencer, per spostarsi così nella zona di confine dei significati che di solito attribuiamo alle categorie “lavoro” e “ambiente di lavoro”. Questi sviluppi si applicano anche alle professioni tradizionali, come i lavori di falegnameria o di servizio, ma il nuovo aspetto è che il lavoro è mediato attraverso piattaforme online, il che sembra influenzare l’ambiente di lavoro di quei giovani lavoratori. È importante conoscere meglio le nuove forme di lavoro se vogliamo migliorare l’ambiente di lavoro tra questi giovani lavoratori.
Il gruppo del progetto era composto da partecipanti provenienti da quattro paesi nordici: Danimarca, Svezia, Norvegia e Islanda. Il capo del progetto era Johnny Dyreborg, Ph.D. del Centro nazionale di ricerca per l’ambiente di lavoro, Danimarca.
Il rapporto può essere scaricato come file PDF o ePUB o letto online qui .

Salute fisica e mentale dei camionisti australiani

FONTE DIESEL.AU.COM CHE RINGRAZIAMO 

La Monash University sta conducendo un sondaggio nazionale per cercare di saperne di più sulla salute fisica e mentale dei camionisti australiani, ritenuti il ​​datore di lavoro numero uno degli uomini in Australia.

Questo è in collaborazione con il Center for Work Health and Safety, Linfox Logistics e il Transport Workers ‘Union. Questa ricerca Monash è una delle prime del suo genere in Australia. Lo studio è anche supportato dal National Health and Medical Research Council.

Le persone che guidano tutti i tipi di camion, dai rigidi leggeri ai treni stradali, sono incoraggiate a prendere parte a un sondaggio per fornire maggiori informazioni sulla salute dei conducenti australiani.

I lavoratori dei trasporti affrontano specifici rischi per la salute nei loro ambienti di lavoro, tra cui isolamento, lunghe ore e affaticamento cronico. Tempi di consegna ridotti possono aggiungere ulteriore stress a un ambiente di lavoro già impegnativo.

Il sondaggio si apre a settembre e può essere completato su qualsiasi dispositivo in grado di accedere a Internet, come telefoni cellulari, laptop o desktop. I partner dello studio affermano di essere impegnati a lavorare con l’industria per sviluppare nuovi approcci per prevenire e ridurre al minimo il rischio per la salute fisica e mentale.

“Questo sondaggio fornirà nuove intuizioni sui fattori sul posto di lavoro, a casa e nella comunità che incidono sulla salute in modo positivo e negativo”, afferma il dott. Ross Iles della School of Public Health and Preventive Medicine della Monash University. “Guidare per vivere pone molte sfide per la salute, sia mentali che fisiche, eppure c’è poca ricerca o documentazione che può guidare il cambiamento per aiutare i conducenti a essere sani e a rimanere sani sul lavoro. Sappiamo che i datori di lavoro possono svolgere un ruolo importante nella salute dei lavoratori e alcuni datori di lavoro del settore avranno bisogno di assistenza per sostenere la salute dei loro autisti. ”

Lo studio di riferimento della Monash University ha esaminato 12 anni di dati e ha scoperto che in questo periodo sono state avanzate oltre 120.000 richieste di lesioni e decesso. La Monash University sta lanciando il Driving Health Survey per migliorare la salute dei conducenti professionisti australiani impiegati per rendere il settore più sicuro.

L’anno scorso, il Driving Health Study ha scoperto che, in particolare, i camionisti hanno una probabilità 13 volte maggiore di morire sul posto di lavoro rispetto a tutti gli altri lavoratori.

“Questo studio è un campanello d’allarme”, ha dichiarato Michael Kaine, segretario nazionale dell’Unione dei lavoratori dei trasporti. “Guidare è un lavoro duro. Dobbiamo fare di più per garantire che i nostri conducenti siano sani e al lavoro. Questo sondaggio ci fornirà una base di informazioni che ci consentirà di mettere a punto strategie migliori per il futuro “.

Per ulteriori informazioni o per registrare l’interesse per il sondaggio, visitare il sito Web.

Nota di Editor : Speriamo che anche in Italia e in Europa si svolgano studi in profondità sulle condizioni di lavoro e di salute dei camionisti italiani ed europei e sulle tipologie contrattuali che regolano il loro lavoro. 

Svizzera «Agie, licenziamento disumano e illegale»

Fonte Areaonline.ch

di  Francesco Bonsaver

Una normale mattina dei vostri ultimi 30 anni di lavoro in fabbrica, vi convocano in ufficio e vi liquidano in una decina di minuti. Poi, vi accompagnano al vostro armadietto a raccogliere gli effetti personali, prima d’invitarvi a varcare per l’ultima volta l’uscita dello stabilimento. Fuori, a 58 anni, vi aspettano tre mesi di disdetta e un futuro molto incerto, poiché siete ben consci di quanto sia difficile trovare un nuovo impiego alla vostra età nel contesto attuale. Poco importa se il gruppo per cui avete lavorato per trentatre anni, abbia visto crescere nell’ultimo decennio l’utile del 30%, registrando solo nell’ultimo anno un profitto netto di 281 milioni di franchi e distribuito 103 milioni in dividendi ai suoi azionisti. Il vostro numero nell’organico è stato cancellato.

È quanto denuncia il sindacato Unia, riferendosi ai licenziamenti di fine maggio alla Agie di Losone, azienda del gruppo Georg Fischer (Gf) di Sciaffusa. In totale 15 licenziamenti, di cui una decina di interinali («lavoratori a pari dignità» ha specificato Vincenzo Cicero, responsabile industria di Unia Ticino), e cinque operai a tempo indeterminato. Tra questi, un cinquantenne e come detto, un cinquantottenne. Quest’ultimo avrebbe voluto presentarsi alla conferenza stampa indetta dal sindacato, per raccontare la sua storia e il suo stato d’animo. Alla fine però, non se l’è sentita di aggiungere anche il peso dell’esposizione mediatica.

Unia ha voluto denunciare il caso per due motivi. Quanto accaduto all’operaio di Agie è una realtà sempre più diffusa nel mondo del lavoro. Sempre più persone giudicate anziane a soli cinquant’anni, sono espulse dal mondo del lavoro. «Le conseguenze psicologiche e materiali non sono drammaticamente vissute solo dalle persone direttamente toccate, ma spesso si ripercuotono sull’intera collettività, vedi assistenza pubblica. La questione va tematizzata, discussa pubblicamente e risolta coi fatti, non con le parole di circostanza. Unia ora cercherà di mappare queste situazioni e denunciarne pubblicamente la piaga» ha spiegato Cicero.

«In secondo luogo, Agie non è una ditta qualunque. È un’impresa fortemente radicata nel territorio, beneficiaria solo negli ultimi due anni di aiuti cantonali per 300mila franchi. Stiamo parlando di un gruppo che ha i mezzi economici, e il dovere, di far fronte agli impegni di responsabilità sociale nel tessuto in cui opera» ha precisato Cicero.

Il gruppo Gf non ha solo delle responsabilità sociali, ma anche contrattuali, ha puntualizzato Matteo Pronzini, membro della direzione nazionale del ramo industria. Nel rinnovo contrattuale dello scorso anno dell’industria metalmeccanica, è stato inserito un articolo (25.5) che prevede nel caso di possibili licenziamenti di dipendenti dai 55 anni in su, una procedura ben definita a loro tutela. «Il lavoratore deve essere dapprima informato, ascoltato e insieme si cercheranno possibili soluzioni per salvaguardare il rapporto di lavoro». Nel caso specifico, Agie non avrebbe seguito la procedura. È stata dunque avviata una vertenza legale contro l’azienda affinché il licenziamento sia considerato nullo. Sarebbe la prima sentenza su questa specifica violazione contrattuale a livello nazionale. Una prima udienza conciliatoria si terrà il 24 luglio davanti al Pretore di Locarno.

«Il comportamento di Agie è ancor più grave, poiché al tavolo delle trattative nazionali in cui si è decisa una tutela maggiorata dei lavoratori ultracinquantenni nella metalmeccanica, sedeva anche un alto dirigente di Gf» ha spiegato Pronzini.

«Tanto più – ha spiegato Fabrizio Sirica, responsabile Unia industria locarnese – che il posto del cinquantottenne non è stato soppresso, ma assegnato a un giovane assunto con una retribuzione presumibilmente inferiore». In 33 anni di servizio, l’operaio licenziato ha ricevuto un solo richiamo, ha aggiunto il sindacalista. «In pochi minuti, sono stati cancellati oltre trent’anni d’impegno professionale. A quell’età, perdere il lavoro viene vissuto, giustamente, come un dramma. Farlo in quel modo, è disumano» ha chiosato il sindacalista.

Ma come abbiamo fatto ?

Un altro giovane lavoratore precario ha perso la vita cadendo durante la riparazione di un tetto di un’azienda di Castelfiorentino.

Dolore infinito della famiglia e amici. Fa nuovamente pena leggere queste notizie. E fa riflettere. Un aspetto che molto colpisce e che dovrebbe veramente collocare appieno questo ‘evento’ nella ‘storia’ della zona empolese-valdelsa e della Toscana – pur terra di grandi e gloriose conquiste del lavoro nei decenni passati – è apprendere che è avvenuta una ripetizione dello stesso infortunio, nello stesso luogo, con la morte di un altro lavoratore, alcuni anni fa.

Non valgono nulla i protocolli d’intesa, non valgono nulla le discussioni politiche su chi fa il capo di che cosa, non valgono nulla le discussioni sullo sviluppo locale, non valgono nulla i dibattiti esoterici sull’industria 4.0, non valgono nulla le ‘magnificenze’ sull’alternanza scuola-lavoro.
Non valgono nulla se non denunciamo tutti i giorni il declino, il degrado complessivo delle condizioni di lavoro. Ma come abbiamo fatto a permettere che tanto lavoro diventasse in questi anni sempre più penoso, come, ad es., quando in molti luoghi di lavoro, a parità di mansione, ci sono differenti trattamenti di paga e diritti?

Troppi sono i lavoratori, soprattutto del mondo della microimpresa, che pur di avere un lavoro devono adattarsi ad ogni condizione.
Pezzi di ‘nuda vita’, individui che si arrangiano a tirare avanti, ai margini e spesso all’esterno di ogni contrattazione collettiva, lontanissimi da ogni rappresentanza e istituzione.

Continua a leggere “Ma come abbiamo fatto ?”

Negli Stati Uniti, la difficile sopravvivenza dei “click workers”

 

FONTE EQUALTIMES.ORG

 

Evan Hutchinson vive connesso al suo computer, giorno e notte. A 27 anni, questo laureato cinematografico con sede a Houston è quello che è noto come ” lavoratore che fa clic “: una delle centinaia di migliaia di lavoratori digitali precari in tutto il mondo che eseguono decine di micro-attività sul web, per conto di aziende.

Trascrizione di brevi video, sondaggi, identificazione di oggetti su foto, moderazione dei contenuti, pulizia di database o generazione di ” Mi piace ” sui contenuti dei social network … Ogni giorno Evan Hutchinson va a pescare andando a una delle piattaforme di crowdwork più popolari sul mercato: Mechanical Turk, un sito creato nel 2005 dal colosso dell’e-commerce di Amazon, che collega i datori di lavoro con centinaia di migliaia di piccole mani invisibili.

Seduto a casa dietro il suo computer, fissando lo schermo, il giovane texano fa scorrere centinaia di offerte online e poi seleziona quelle che lo interessano tra la miriade di piccoli lavori disponibili. Uno studio ha pagato 4 dollari all’ora (3,50 euro), offre ad esempio ai ” turker ” l’esecuzione di un’intervista in webcam con un ” computer bot “, rispondendo alle domande sulla loro salute. Un altro mira a raccogliere una serie di dati sulla pagina web di un sito commerciale per poco meno di $ 3 all’ora (2,50 euro).

 

Continua a leggere “Negli Stati Uniti, la difficile sopravvivenza dei “click workers””

La relazione della Royal Society for Public Health sui servizi igienici : un problema di dignità sul posto di lavoro

NdE

Le costrittività della organizzazione del lavoro e, spesso, la mancanza di servizi adeguati portano lavoratori di diversi settori a “procrastinare” evacuazioni e minzioni con danno per la salute e malessere fisico. Da diverse ricerche anche in anni recenti i guidatori di autobus di grandi città, ad esempio,  denunciavano questi disagi che “risolvevano” con l’espediente di trattenersi dal bere e questo anche nei mesi estivi…  In alcuni casi la soluzione era quella della dotazione di cabine water come quelle dei cantieri mobili… La denuncia del sindacato inglese Unite che pubblichiamo descrive una problematica che abbiamo anche in Italia… (editor)

FONTE UNITE

Unite, il più grande sindacato del Regno Unito e dell’Irlanda, ha fatto eco ai risultati di un rapporto della Royal Society for Public Health (RSPH), alle preoccupazioni dell’opinione pubblica circa la mancanza di servizi igienici pubblici e ha evidenziato come questo influenzi anche i lavoratori.

Il rapporto RSPH ha rilevato che il 74% degli adulti ritiene che nella propria zona non ci siano abbastanza bagni pubblici. Tuttavia, Unite riconosce che questo è anche un importante problema sul posto di lavoro in quanto molti lavoratori tra cui conducenti di autobus, spazzini, autisti di camion, conducenti di spedizioni, tassisti e spazzini si affidano spesso all’utilizzo di servizi igienici pubblici quando devono liberarsi durante la giornata lavorativa.

La mancanza di accesso ai servizi igienici costringe spesso i lavoratori a ridurre ciò che bevono o “tengono duro”, entrambi i quali possono avere gravi conseguenze per la salute. Anche le condizioni di salute specifiche, la gravidanza e la dignità del periodo devono essere riconosciute.

L’assistente del segretario generale Diana Holland ha detto: “Il rapporto RSPH evidenzia ancora una volta l’effetto che la mancanza di servizi igienici pubblici ha sul pubblico in generale, ma dobbiamo riconoscere che questo è anche un importante problema sul posto di lavoro.

“I consigli stanno chiudendo i bagni pubblici senza prendere in considerazione il modo in cui influisce sui lavoratori che fanno affidamento su di essi – chiediamo anche ai datori di lavoro di garantire che le strutture siano protette. Questa è una questione vitale di salute, dignità e uguaglianza. I requisiti di base di nessun lavoratore come essere umano dovrebbero essere ignorati o trascurati in questo modo.

“In alcuni casi questo ha portato i lavoratori con condizioni mediche a essere costretti a lasciare il lavoro.

“Sperare che i lavoratori possano invece utilizzare un negozio o un supermercato locale è del tutto inadeguato.

“È essenziale che i datori di lavoro si assicurino che vengano forniti provvedimenti adeguati per i loro lavoratori, quelli che non devono essere tenuti in considerazione”.

Unite ha lanciato una campagna per la dignità del gabinetto per garantire che i lavoratori abbiano accesso a servizi igienici decenti e non abbiano piccole restrizioni a sfruttarli.

Fondazione Dublino : Rapporto sulle condizioni di lavoro e salute dei lavoratori

 

 

 

Questo rapporto utilizza i dati dell’indagine europea sulle condizioni di lavoro per esaminare le condizioni di lavoro e le loro implicazioni per la salute dei lavoratori. Garantire la sostenibilità del lavoro nel contesto dell’invecchiamento della popolazione implica un maggior numero di persone occupate che possono rimanere a lungo nel mondo del lavoro. Il rapporto esamina l’interazione tra le richieste di lavoro – che comportano un maggiore rischio di esaurimento – e le risorse lavorative – che supportano i lavoratori in un maggiore impegno e benessere. I risultati indicano che i rischi fisici non sono aumentati ma rimangono importanti, mentre le richieste emotive sono aumentate, sottolineando la crescente importanza dei rischi psicosociali sul lavoro. I cambiamenti nel tempo suggeriscono che sebbene il rischio di cattive condizioni di salute sia concentrato in alcune occupazioni.

FONDAZIONE DUBLINO RAPPORTO SULLE CONDIZIONI DI LAVORO E SALUTE DEI LAVORATORI

Lo sciopero nel XX secolo non scompare, si trasforma ….

 

 

[ Fonte Equaltime .   traduzione assistita dal francese  con google  translator ]

L’AFL-CIO sta lavorando all’organizzazione della Giornata internazionale del lavoro. Questo sindacato, il più grande negli Stati Uniti e in Canada, non dimenticò il 1 ° maggio 1886. Due anni di intensi lavori organizzativi avevano portato a uno sciopero di 350.000 lavoratori (più di 5.000 piante) a Chicago, New York, Detroit e Cincinnati. Titoli di giornali locali pubblicati ” Per otto ore ” o ” Il grande giorno del lavoro “, in riferimento al giorno storico.

Da allora, molto è cambiato in questo paese, che ha 126 milioni di impiegati a tempo pieno. Solo l’11,9% è sindacalizzato e il numero di scioperi è diminuito costantemente dal 1981. Oggi non ce ne sono quasi nessuno. Perché questo declino? Il governo di Ronald Reagan ” con le sue politiche pubbliche anti-operaio “, ” attacchi e modifiche alle leggi e ai regolamenti sul lavoro ” e ” ostacoli alla sindacalizzazione sul posto di lavoro e alla contrattazione collettiva“, afferma Gonzalo Salvador, portavoce dell’AFL-CIO, a Equal Times . L’industria del fast food, in cui ogni marchio è considerato ” indipendente “ E non come settore, è solo un esempio tra tanti.

La classificazione dei posti di lavoro è un’altra trappola. Pertanto, i lavoratori domestici o tutti i lavoratori della piccola economia (” gig economy “) sono considerati ” appaltatori indipendenti “. Questi rappresentano già il 32% della forza lavoro degli Stati Uniti , e lo stesso Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti riconosce che mancano di sociale calendario .

Un altro elemento chiave per Salvador è il fatto che gli amministratori – supervisori e dirigenti inclusi – non possono votare per un sindacato in un’elezione: ” Se in un’azienda di 100 dipendenti, durante la campagna, il datore di lavoro stima che 53 i lavoratori voteranno per il sindacato, promuoverà cinque dipendenti per la posizione di supervisore e si assicurerà che non vi sia una maggioranza a favore dell’unione .

In Europa, anche le controversie sul lavoro stanno diminuendo. Un’infografica del Sindacato Istituto europeo (ETUI) mostra. Nell’Europa orientale, gli scioperi sono quasi inesistenti o non esistono dati per gli ultimi anni. Nei paesi in cui sono state applicate politiche di austerità, lo sviluppo è stato irregolare: in Irlanda e Spagna il numero di scioperi è diminuito considerevolmente, mentre in Grecia – ancor prima della crisi – ea Cipro – dopo – c’è stato un forte aumento. Nel Regno Unito, culla della rivoluzione industriale, il declino ha un’origine politica, afferma Neville Kirk, ricercatore e professore emerito di storia sociale e lavoro presso la Metropolitan University di Manchester. Continua a leggere “Lo sciopero nel XX secolo non scompare, si trasforma ….”

Francia: un legame tra condizioni di lavoro e suicidi

23 aprile 2019

FONTE  ETUC.ORG

 

carte des suicides au travail

Si stima che il 3,8% della popolazione francese occupata abbia preso in considerazione il suicidio nel corso degli ultimi dodici mesi.

Uno studio pubblicato nel Bulletin épidémiologique hebdomadaire (BEH) – un bollettino epidemiologico settimanale – dell’agenzia francese per la salute pubblica ci aiuta a valutare meglio l’impatto delle condizioni di lavoro sui pensieri di suicidio. Nel 2017, il 3,8% della popolazione francese occupata ha dichiarato di aver preso in considerazione il suicidio nel corso degli ultimi dodici mesi (il 4,5% della popolazione femminile e il 3,1% della popolazione maschile).

In più di un terzo dei casi, le condizioni di lavoro e di lavoro sono state dichiarate come causa. Il fattore più importante era la paura di perdere il lavoro, seguito da minacce verbali, umiliazioni e intimidazioni sul lavoro.

L’indagine ha riguardato oltre 14.000 persone di età compresa tra i 18 ei 75 anni. I lavoratori autonomi erano più propensi (4,32%) a considerare il suicidio rispetto ai dipendenti (2,85%). Tra le donne, i colletti blu erano più probabili (5,13%) ad avere tali pensieri rispetto ai colletti bianchi (4,84%). La percentuale è scesa al 3,91% tra le donne manager. Passando alla coorte maschile, la percentuale più alta è stata trovata tra abili artigiani, commercianti e imprenditori (3,56%), seguita da agricoltori (3,49%) e operai (3,01%). La percentuale più bassa applicata ai gestori (2,62%).

Per quanto riguarda i settori, il settore Horeca (Hotel , Ristorazione, Catering ndr)  è in cima alla lista al 6,8% sia per le donne che per gli uomini, seguito dalle arti (performing), dall’insegnamento, dall’assistenza sanitaria e dal lavoro sociale.

C’era anche una forte correlazione con il proprio posto nella scala sociale: i dipendenti che guadagnavano meno di € 1500 al mese avevano più del doppio delle probabilità di considerare il suicidio rispetto a quelli con un reddito più elevato.

Altri eventi ci ricordano che a volte i pensieri suicidi possono portare all’azione. Il 22 aprile, un titolo di Le Monde ha evidenziato il tasso di suicidi nelle forze di polizia, riferendosi a uno “stato di emergenza”. L’articolo riportava 28 suicidi nelle forze di polizia dall’inizio dell’anno. Dati recenti indicano un marcato deterioramento della situazione. Secondo il ricercatore Sébastien Roché  (CNRS), le autorità non hanno condotto alcuna indagine sistematica sulle cause di questa impennata: “Sembra che ci sia poca volontà di capire”, è stato il modo in cui lo ha definito. Un’ipotesi potrebbe essere l’aumento delle tensioni nei confronti della popolazione in generale rispetto al ruolo svolto dalla polizia nella gestione del movimento Yellow Vests (Gilets Jaunes).

Da parte sua, il sindacato Solidaires ha lanciato una campagna in aprile, una delle cui caratteristiche sarà la compilazione di una mappa geografica dei suicidi legati al lavoro in Francia. Sarà stabilito da attivisti sindacali che denunciano casi di suicidio.

  • P. Delèzire, V. Gigonzac et al., Pensées suicides in the population active occupée en France en 2017 , BEH, n ° 3-4, 5 février 2019
  • Le Monde, Suicides in the police: l’état d’urgence , 22-23 aprile 2019 
  • SUD-Solidaires

Suicides au travail, l’action syndicale di Union Syndicale SOLIDAIRES su Vimeo .

SEMINARIO DI STUDI .IL BENESSERE IN AZIENDA: LAVORO PIU’ SICURO E PIU’ SANO AD OGNI ETA’

Università Studi di Ferrara
SSN Regione Emilia Romagna – ASL Ferrara
INL – Ferrara Rovigo
INAIL
Comune di Ferrara

IL BENESSERE IN AZIENDA: LAVORO PIU’ SICURO E PIU’ SANO AD OGNI ETA’

INVECCHIAMENTO E DISABILITA’ SUL LAVORO: QUALI PROSPETTIVE ?

SEMINARIO DI STUDI
10 maggio 2019
9,00 – 13,00
SALA CONFERENZE CNA FERRARA VIA CALDIROLO 84
FERRARA

LOCANDINA PROGRAMMA LAVORI 

Cina: un’altra esplosione mortale in Jiangsu ha ucciso almeno sette persone

FONTE CHINA LABOUR BULLETTIN

[ TRADUZIONE GOOGLE TRANSLATOR ]

Appena dieci giorni dopo la massiccia esplosione in una fabbrica chimica a Jiangsu che ha ucciso almeno 78 persone , un’altra esplosione in una fabbrica nella stessa provincia ha ucciso sette persone e ferito altre cinque, una in modo critico.

Screenshot del filmato riportato sul sito dell’esplosione di domenica che circola sui social media cinesi

L’esplosione alla Han Ding Precision Metal Co., una fabbrica di ricambi auto di proprietà di Taiwan a Kunshan, è avvenuta domenica mattina. L’ account ufficiale Weibo del governo di Kunshan ha affermato che la fonte dell’esplosione era un container di spedizione che era stato riempito di rottami metallici. Il fuoco risultante è stato portato sotto controllo entro le 10:00 del mattino, ha aggiunto.

Han Ding Precision Metal è stata fondata nel 2004 e impiega circa 2.500 dipendenti nella produzione di accessori e leghe per la conduzione elettrica. Lo stabilimento è una filiale della Waffer Technology Corp di Taiwan.

Quattro anni fa, un’altra fabbrica di ricambi auto di proprietà taiwanese a Kunshan, Zhongrong Metal Products, è stata teatro di uno dei peggiori incidenti industriali della Cina negli ultimi anni . Un’esplosione nello stabilimento la mattina del 2 agosto 2014 ha ucciso almeno 146 persone, molte delle quali sono state ricoverate in ospedale per lunghi periodi prima di soccombere alle loro ferite.

Le autorità locali hanno affermato che la causa dell’incidente di domenica era sotto inchiesta e ha sottolineato che “la dirigenza comunale di Partito e Governo di Suzhou e Kunshan si sono subito affrettate verso il sito per supervisionare le operazioni di salvataggio e gestione degli incidenti”.

Il ministero della gestione delle emergenze (MEM) aveva promesso di condurre “un’ispezione speciale di un mese nei settori delle sostanze chimiche pericolose, delle miniere e della sicurezza antincendio” in seguito all’esplosione di Yancheng il 21 marzo.

Continua a leggere “Cina: un’altra esplosione mortale in Jiangsu ha ucciso almeno sette persone”

The future of the (e)retail sector from an occupational safety and health point of view

Fonte Osha.eu

Some of the possible occupational health implications for the e-retail workforce of the future are discussed in a recently published OSHwiki article.

In order to meet the challenging demands of customers, e-retailers are increasingly automating, using a ‘gig economy’ workforce and minimising costs throughout their businesses. The drive for efficiency can arguably compromise the working conditions of the workforce. Numerous mainstream media articles have exposed challenging working conditions associated with e-retail, including high picking rates and long walking distances in distribution centres; extended working hours; and compromises to worker health and wellbeing.

Read the full OSHwiki article: The future of the (e)retail sector from an occupational safety and health point of view 

Inchiesta nella micrologistica dei riders – di Daniela Leonardi

Riportiamo dal sito Effimera che ringraziamo

Una inchiesta di Daniela Leonardi sui fattorini di Foodora, a Torino. I risultati sono stati illustrati durante il convegno di presentazione del numero speciale di «Primo maggio» il 1 dicembre 2018 a Torino. 

*****

Questo contributo è parte di una riflessione più ampia portata avanti con Salvatore Cominu che sarà pubblicata prossimamente.

La riflessione che presento parte da una lotta di lavoratrici e lavoratori impiegati nei servizi di consegna a domicilio di pasti. Si tratta di un punto di vista deliberatamente parziale basato su un esempio concreto di lotta che ho seguito dal 2016 e che continuo a seguire tuttora. Lo scopo dell’inchiesta è duplice: da una parte dar voce ai soggetti protagonisti, dall’altra ragionare immediatamente con loro con attitudine trasformativa e conflittualerispetto alle loro condizioni lavorative e di vita (che non possono essere considerate separatamente) e ragionarne non solo con loro, come per esempio stiamo facendo oggi. Questo lavoro di inchiesta vuole essere uno strumento di lotta nelle mani dei e delle riders e di tutte le compagne e i compagni che si pongono come obiettivo quello di rovesciare il presente. Non c’è dunque una ricercatrice che detiene un sapere separato e un oggetto della sua ricerca a cui al massimo si valuterà di dare una restituzione, confezionata ad hoc, c’è un processo circolare di scambio la cui posta in palio è la trasformazione stessa delle soggettività in gioco. A livello di metodo non c’è stata la ricerca di un campione che fosse rappresentativo della popolazione dei fattorini in bicicletta e, come diceva qualcuno, non è stata questione di lavarsi bene le mani per condurre un’intervista metodologicamente rigorosa rimuovendo la sua natura di relazione sociale. La mia posizione non è stata neutrale. Continua a leggere “Inchiesta nella micrologistica dei riders – di Daniela Leonardi”

Ridurre l’orario di lavoro: una prospettiva di cambiamento nelle fabbriche e nella società

 il 

La riduzione dell’orario di lavoro è una rivendicazione storica del movimento operaio che ha intrinsecamente a che fare con il conflitto distributivo tra capitale e lavoro e con la sua evoluzione all’interno delle trasformazioni delle modalità di produzione, delle innovazioni tecnologiche e del contesto economico e sociale.

Parlare della necessità di ridurre orario di lavoro ha sempre  sottinteso la necessità di mettere in discussione il potere unilaterale delle Aziende di decidere sull’organizzazione del lavoro e di combattere la visione politica di una società tutta costruita intorno alle esigenze produttive delle imprese.

Abbiamo deciso, partendo dal libro Tempo Rubato, scritto da Simone Fana, di sperimentare una modalità di confronto che speriamo possa costituire un utile contributo ad un dibattito che interroga tanto le organizzazioni sindacali, quanto chi a livello sociale e politico si pone l’obiettivo di unificare un mondo del lavoro sempre più frammentato e diviso.

L’ARTICOLO E I FILMATI PROSEGUONO ALLA FONTE FIOMNOTIZIE BOLOGNA