Usa. Quando il governo è gestito da pochi, i lavoratori essenziali ne pagano il prezzo

 

Fonte:  Public Employees for Environmental Responsibility – PEER  che ringraziamo 

Con il coronavirus in “diffusione incontrollata” a fine ottobre in 34 stati e a Porto Rico, secondo CovidExitStrategy.org, e con il massimo esperto di malattie infettive Anthony Fauci che dice che siamo in una posizione “precaria”, dobbiamo ricordare chi rimane nella posizione più precaria per essere devastato se le infezioni da COVID-19 riportano i blocchi: I lavoratori essenziali.

Oltre agli anziani nelle case di cura, i lavoratori essenziali , spesso di colore,  hanno pagato uno dei prezzi più alti  fino a questo punto della pandemia. I lavoratori essenziali  hanno letteralmente messo le loro vite sulla linea come se fosse la guerra. Tra i migliori esempi ci sono: 

  • Il  Midwest Center for Investigative Reporting ha finora registrato 214 morti di confezionatori di carne in tutta la nazione e 41.000 infezioni in strutture in 40 stati . Un rapporto dei  Centers for Disease Control and Prevention ha  rilevato che mentre i confezionatori di carne sono per il 61% latini, neri e asiatici, sono responsabili di quasi 9 infezioni su 10;  
  • Il National Nurses United ha  pubblicato un rapporto che ha rilevato che più di 1.700 operatori sanitari erano morti al 16 settembre. Il gruppo ha  detto  al New York Times alla fine di ottobre che il numero è ora vicino a 2.000. 

Leggi tutto

La gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro rispetto al rischio da contagio Covid-19 negli USA. Un articolo del NYT

 

L’articolo del NYT descrive le gravi carenze della OSHA , l’Agenzia Federale degli USA che avrebbe dovuto emettere uno standard temporaneo di emergenza che avrebbe  dovuto obbligare i datori di lavoro di diversi settori ad attuare protocolli di sicurezza e aumentare la possibilità di multare le aziende che non avessero adempiuto agli obblighi previsti dallo standard.

Leggi tutto

USA. Migliaia di denunce all’Agenzia OSHA presentate dai lavoratori contro aziende per problemi di sicurezza sul posto di lavoro sui virus.

 

Segnaliamo un articolo del Washington Post che denuncia le situazioni drammatiche di lavoro in molti luoghi di lavoro negli USA. Migliaia sono le denunce di lavoratori all’Agenzia Federale OSHA che rimangono senza risposta.L’agenzia OSHA sotto la nuova direzione voluta dal Presidente Trump non si è attivata per fare fronte alla pandemia Covid-19. L’articolo del Washington Post riporta molti casi di lavoratori mandati allo sbaraglio in attività ad elevato rischio di infezione.

I dipendenti hanno riferito alle autorità di regolamentazione dei fallimenti nel seguire il distanziamento sociale, la mancanza di dispositivi di protezione….

L’ARTICOLO DEL WASHINGTON POST

Thousands of OSHA complaints filed against companies for virus workplace safety concerns, records show