La leader del Sindacato  iraniano afferma che le proteste mirano a eliminare “disuguaglianza e discriminazione”

Parvin Mohammadi vicepresidente del Free Union Workers of Iran arrestata più volte per il suo attivismo sindacale

di MARYAM DEHKORDI

Fonte IranWire

Parvin Mohammadi è stata vicepresidente del Free Union Workers of Iran per più di 20 anni ed è stata una delle principali organizzatrici della campagna di 40.000 firme contro il salario minimo in Iran nel 2011. È stata detenuta e interrogata dalle autorità iraniane molte volte per il suo lavoro.

In un’intervista con IranWire, a questa implacabile difensora dei diritti dei lavoratori è stato chiesto di definire l’ondata di proteste guidate da donne che ha travolto l’Iran per più di tre mesi, ponendo una delle sfide più serie alla teocrazia instaurata dalla Rivoluzione islamica del 1979 .

“Questo movimento si sta sforzando di rimuovere la disuguaglianza tra tutti gli esseri umani e di porre fine alla discriminazione”, ha affermato.

“Dopo che in Iran è salito al potere un governo religioso, molte persone hanno perso i loro diritti sociali, economici e culturali. I gay rischiavano la pena di morte e le donne, in quanto “secondo sesso”, persero i loro diritti fondamentali. Immagino che questa rivoluzione stia cercando di raggiungere un punto in cui il genere non sarebbe più una pietra di paragone per la discriminazione e l’umiliazione. Questo è il motivo per cui le richieste delle donne sono le richieste della società nel suo insieme e gli uomini le sostengono perché sanno che una volta che questi diritti fondamentali saranno istituzionalizzati nella società, i membri di quella società raggiungeranno anche i loro altri diritti”.

Le proteste in corso sono state innescate dalla morte, il 16 settembre, di una donna di 22 anni, Mahsa Amini, sotto la custodia della polizia morale di Teheran. Era stata arrestata per una presunta violazione del rigido codice di abbigliamento del paese.

I manifestanti inizialmente chiedevano più libertà e diritti delle donne, prima che i disordini si trasformassero in appelli per la caduta dei governanti clericali iraniani.

“Nelle proteste passate, la gente non ha protestato in modo così schiacciante contro il regime e per la sua estromissione. La maggior parte dei loro slogan parlavano di prezzi elevati, disoccupazione e lamentele simili”, secondo Mohammadi.

“Questa volta, gli slogan non sono rimasti limitati alle richieste delle donne, e la gente ha chiarito di avere obiettivi più grandi che includono le richieste delle donne…i manifestanti hanno subito preso di mira il governo. Ripeto, questi giovani che ora sono nelle strade ci saranno fino alla vittoria o fino alla loro eliminazione”.

Alla domanda sulla posizione del movimento sindacale iraniano nel movimento di protesta, Mohammadi dice: “Molti di coloro che sono stati uccisi nelle recenti proteste sono lavoratori e figli di lavoratori. Ma se intendi gli scioperi dei lavoratori e il loro sostegno a questo movimento, devo dire che i lavoratori devono ancora entrare in campo in modo organizzato, e c’è una ragione per questo».

La leader sindacale ha spiegato che, dopo la rivoluzione del 1979, la Repubblica islamica ha privato i lavoratori della possibilità di formare sindacati e corporazioni indipendenti.

“Inoltre, la Repubblica islamica ha istituito istituzioni parallele come la Casa dei lavoratori e i Consigli islamici dei lavoratori al di sopra delle teste dei lavoratori e ha limitato ogni tipo di associazione tra i lavoratori. E non ci permettono di reclutare membri e di essere attivi come dovremmo essere”.

“Ma stanno arrivando scioperi sindacali a livello nazionale”, ha predetto Mohammadi, aggiungendo: “Verranno quando i lavoratori potranno sentirsi sicuri che se alzano un cartello con il logo del loro posto di lavoro e si uniscono al movimento, il datore di lavoro non aggiungerà la propria punizione alla punizione del governo”.Le forze di sicurezza iraniane hanno represso duramente le proteste, uccidendo più di 500 persone e arrestandone oltre 18.000, dicono gli attivisti per i diritti umani.

Almeno 100 manifestanti sono attualmente a rischio di “esecuzione, accuse di pena di morte o condanne”, secondo un gruppo per i diritti.

 236 total views,  3 views today

La fonte du permafrost de l’Arctique libère d’anciens virus : faut-il s’inquiéter ?

Paul Hunter, University of East Anglia

Une équipe de scientifiques français, allemands et russes a récemment réussi à faire revivre des virus géants jusque-là enfouis dans le sol gelé de la Sibérie, et ce depuis des dizaines de milliers d’années.

Treize de ces virus (des genres Pandoravirus, Megavirus, Pacmanvirus, etc.) prélevés dans des échantillons de permafrost sibérien (pergélisol en français), ont pu être « réanimés ». Le plus « jeune » de ces Lazare avait 27 000 ans. Et le plus ancien – un Pandoravirus – s’approchait des 48 500 ans. Il s’agit, pour l’heure, du plus ancien virus à avoir été ressuscité.

Continua a leggere “La fonte du permafrost de l’Arctique libère d’anciens virus : faut-il s’inquiéter ?”

 208 total views,  3 views today

INFORTUNI MORTALI SUL LAVORO: ANCORA DATI ALLARMANTI

Segnaliamo i dati allarmanti  segnalati dallOsservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering che ha analizzato i dati sugli infortuni sul lavoro ed elaborato le statistiche che restituiscono numeri sempre preoccupanti sul fenomeno delle morti sul lavoro in Italia.

Nell’ultima elaborazione di dicembre, con i dati relativi al periodo 1 gennaio – 30 novembre 2022, non si registrano miglioramenti sul grave ed allarmante fenomeno degli infortuni mortali sul lavoro in Italia.

Infatti, sebbene ad una prima lettura delle statistiche ufficiali si registri un decremento del numero di infortuni mortali complessivo rispetto allo stesso periodo del 2021, come rilevato dalle analisi dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering, il dato del 2021 è falsato dalle numerose morti per Covid che avevano amplificato il numero dei decessi sul lavoro lo scorso anno.

Questo mese, inoltre, l’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering evidenzia anche un vero e proprio boom degli infortuni in itinere aumentati del +21,4% rispetto allo stesso periodo del 2021. L’articolo prosegue alla fonte sul sito Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering dal quale si possono scaricare i report

 736 total views,  16 views today

INRS. Ventilation et sobriété énergétique : maintenir une protection collective de qualité

Pour diminuer leurs dépenses énergétiques, certaines entreprises envisagent de réduire l’introduction dans leurs locaux d’air en provenance de l’extérieur (appelé également air neuf). Il est cependant essentiel de rappeler que les économies d’énergie ne doivent pas se faire au détriment de la protection collective des salariés. Des solutions conciliant apport d’air neuf et limitation des coûts associés existent, afin de maintenir le renouvellement d’air nécessaire à l’assainissement des atmosphères de travail.

La ventilation des locaux de travail, qu’ils soient à pollution spécifique ou à destination tertiaire, est indispensable.

Pour les locaux du tertiaire, à pollution non spécifique, les débits d’air neuf minimaux à apporter sont imposés par le Code du travail (voir l’aide-mémoire juridique « Aération et assainissement »).
Ils dépendent de l’activité physique des occupants et ne peuvent être réduits. Le débit d’air neuf minimal pour une activité de bureau est ainsi de 25 m3/h/occupant. Les solutions permettant d’améliorer la qualité de l’air dans les locaux du tertiaire sont résumées dans la brochure ED 6497 et la façon de prendre en compte les problèmes liés à la pandémie de Covid-19 précisée dans la note technique NT 92.

Pour les locaux à pollution spécifique, il est toujours préférable de capter les polluants à la source avant qu’ils ne se répandent dans l’atmosphère de travail, puis de les rejeter à l’extérieur. Lorsque cela n’est pas faisable, l’apport d’air neuf doit être suffisant pour que la ventilation générale les dilue le plus possible avant, là encore, de les rejeter à l’extérieur. Les solutions techniques permettant de mettre en place une ventilation efficace sont décrites dans le guide pratique de ventilation L’assainissement de l’air des locaux de travail.
Plusieurs solutions permettent de limiter les dépenses énergétiques sans pour autant affecter la qualité de la ventilation, donc la protection collective dont doivent bénéficier les salariés. Continua a leggere “INRS. Ventilation et sobriété énergétique : maintenir une protection collective de qualité”

 243 total views,  2 views today

L’Iran e il velo sulla libertà

Fonte Saluteinternazionale che ringraziamo 

di Letizia Fattorini

Da tre mesi stiamo assistendo ad uno tsunami di proteste del popolo iraniano, una combinazione di diverse lotte contro l’oppressione delle donne, contro la corruzione e la povertà, contro la discriminazione etnica e il fondamentalismo religioso, contro il conformismo intellettuale, contro il terrore di Stato. In pratica, contro la Repubblica Islamica.

Gli iraniani, e in particolare i giovani (la maggior parte dei manifestanti sono ragazzi e ragazze tra i 15 e i 25 anni), chiedono a gran voce un Paese libero dal dogmatismo religioso e politico, in cui prevalgano dignità umana e giustizia, e dove tutti possano godere di una società equa e non discriminatoria (1). La miccia che ha scatenato l’esplosione dell’ondata di proteste antigovernative è stata la morte di Masha Amini, una ragazza curda iraniana di 22 anni che si trovava a Teheran con la famiglia, arrestata e bastonata dalla polizia morale il 16 settembre 2022, per non aver indossato correttamente lo hijab (2).

Continua a leggere “L’Iran e il velo sulla libertà”

 298 total views,  2 views today

Anses. Accidents domestiques : comment les éviter ?

Ingestion accidentelle de pile bouton ou de médicaments destinés aux animaux de compagnie, projection de colle pour faux ongles sur un vêtement, … À la maison les accidents sont vites arrivés. Parce que ça n’arrive pas qu’aux autres, voici quelques conseils pour les éviter.

Piles bouton, billes d’eau et billes aimantées : prévenir leur ingestion

billes aimantées

Les jeunes enfants peuvent confondre ces objets avec des bonbons et les avaler. Leur ingestion peut être à l’origine d’accidents graves, voire mortels dans le cas des piles bouton. Pour prévenir ces accidents, tenez ces objets hors de leur portée.

> Consulter notre actualité sur les piles bouton, les billes d’eau et sur les billes aimantées.

Raticides : utiliser uniquement les produits autorisés en France

Des décès de jeunes enfants sont déjà survenus suite à l’ingestion accidentelle de produits raticides interdits en France.

Consulter nos recommandations.

Dosette de lessive : à tenir hors de portée des enfants

dosette lessive liquide

La manipulation de dosette de lessive liquide par de jeunes enfants est responsable de centaines d’accidents chaque année. Une projection de la lessive dans les yeux peut entraîner une atteinte de la cornée. Pour prévenir tout incident, veillez à tenir ces produits hors de leur portée.

Consulter notre article (PDF). Continua a leggere “Anses. Accidents domestiques : comment les éviter ?”

 178 total views,  2 views today

I sistemi di monitoraggio digitale possono ridefinire la sicurezza e la salute dei lavoratori?

 

Fonte Osha Europa 

L’implementazione di sistemi di monitoraggio digitale per la sicurezza e la salute sul lavoro (SSL) come app, fotocamere e dispositivi indossabili può rendere i luoghi di lavoro più sicuri. Che l’obiettivo sia proattivo (prevenzione) o reattivo (mitigazione), il loro successo dipende spesso dall’accuratezza delle informazioni che raccolgono e analizzano. È altrettanto importante fornire ai datori di lavoro e ai lavoratori le informazioni di cui hanno bisogno per soppesare i vantaggi e gli svantaggi e per facilitare una buona attuazione.

Due nuove relazioni esplorano le sfide e le opportunità dei sistemi di monitoraggio digitale intelligenti per la SSL. Un rapporto approfondisce i tipi, gli scopi e gli usi dei sistemi di monitoraggio digitale. Il secondo presenta esempi di buone pratiche per integrare con successo nuovi sistemi di monitoraggio sul posto di lavoro.

Consulta i rapporti e i riepiloghi:

Sistemi di monitoraggio digitale intelligenti per la sicurezza e la salute sul lavoro: usi e sfide

Sistemi intelligenti di monitoraggio digitale per la sicurezza e la salute sul lavoro: risorse sul posto di lavoro per la progettazione, l’implementazione e l’uso

Scopri di più nella sezione Digitalizzazione del lavoro

 139 total views,  2 views today

Legambiente ER. CCS, stretta di mano ENI-SNAM: facciamo il punto

Fonte Legambiente EmiliaRomagna che ringraziamo

Pubblichiamo questo comunicato  di Legambiente Emilia Romagna che fa chiarezza sulla tecnologia CCS promossa  come ” miracolosa risolutrice” della questione energetica in grado di rendere compatibile il perdurare dell’utilizzo delle fonti fossili  con la transizione ecologica , una proposta che non convince scienziati e tecnici. Un progetto deviante  per non affrontare il cambiamento necessario per la decarbonizzazione della produzione di energia. editor

IL COMUNICATO LEGAMBIENTE EMILIA-ROMAGNA 

 Stretta di mano Descalzi-Vernier in nome del fossile: gli investimenti sul CCS allontanano gli obiettivi di decarbonizzazione, legandoci a doppio filo ai combustibili fossili

 CCS tecnologia attualmente fallimentare, serve solo a favorire il business del fossile, Legambiente: ennesimo atto di greenwashing delle due partecipate di stato per ancorare il paese, già in grave crisi climatica, alle fonti fossili.”

 Ravenna si conferma ancora una volta Capitale del fossile, dopo la stretta di mano fra Descalzi e Vernier di ieri che ha sancito la collaborazione tra Eni e SNAM per la prima fase di avvio del progetto di CCS (Carbon Capture and Storage) sulla Costa Ravennate. In particolare, il progetto prevede il sequestro delle emissioni prodotte dall’impianto di lavorazione di gas a Casal Borsetti, convogliate poi verso la piattaforma di Porto Corsini.

Ma non è tutto oro ciò che luccica: sebbene nelle note stampa dei due A.D. si legga di una tecnologia matura, pronta all’utilizzo e che sta avendo notevoli sviluppi in Europa, basta una veloce rassegna stampa a smentire le loro posizioni. Oltre a rivelarsi una tecnologia acerba e fallimentare, il CCS si dimostra essere il meccanismo perfetto per continuare il business-as-usual del fossile. Ma veniamo al dunque.

In Australia, il colosso del fossile Chevron ha investito 3 miliardi, con sussidi statali per 60 milioni, per un impianto di cattura e stoccaggio che doveva raggiungere un target dell’80% di efficienza nella cattura: dopo cinque anni la stessa compagnia ha dovuto rendere conto del fallimento del più grande impianto di CCS al mondo, che dopo un avvio tortuoso, dal 2019 al 2021 ha catturato nemmeno la metà del target proposto.

Uno studio recente dell’Institute for Energy Economics and Finance ha preso in esame 13 progetti di punta in campo CCS a livello mondiale, responsabili per il 55% delle operazioni nel settore. Dei 13 impianti, 7 non hanno raggiunto i target, 2 sono falliti e 1 è in stato di fermo. Inoltre, lo studio mostra che, lungi dall’essere una tecnologia nuova e innovativa, il CCS è impiegato da oltre 50 anni per il recupero di gas, riutilizzato poi per facilitare il pompaggio da altri pozzi. Lo studio mostra infatti come il 73% della Co2 catturata venga utilizzata in processi di Enhanced Oil Recovery (EOR).

Continua a leggere “Legambiente ER. CCS, stretta di mano ENI-SNAM: facciamo il punto”

 211 total views,  1 views today

AFL-CIO . Sostenere i diritti dei lavoratori è fondamentale per il futuro dell’Ucraina

Fonte AFL.CIO che ringraziamo 

 

Mentre la guerra della Russia contro l’Ucraina continua, i lavoratori ucraini ei loro sindacati sono diventati una forza innegabile per la solidarietà e il sostegno della comunità in tutto il paese. Dall’inizio del conflitto, i membri dei sindacati della Confederazione dei sindacati liberi dell’Ucraina (KVPU) e della Federazione dei sindacati dell’Ucraina (FPU) si sono mobilitati in gran numero, rimangono uniti dietro gli sforzi del loro governo eletto per gestire la guerra e continuare a compiere valorosi sacrifici per difendere la nazione. Tuttavia, in cambio, il governo ucraino si sta ora muovendo per  spezzare il potere dei sindacati e privare i lavoratori di diritti cruciali che sono fondamentali per sostenere la sua democrazia. Continua a leggere “AFL-CIO . Sostenere i diritti dei lavoratori è fondamentale per il futuro dell’Ucraina”

 276 total views,  1 views today

FUSIONE NUCLEARE…MA SOLO QUELLA DEL SOLE È SOSTENIBILE E RINNOVABILE

 

Autore : Mario Agostinelli

Fonte : Inchiestaonline 

 

Abbiamo una comprensione teorica della fusione nucleare da oltre un secolo, ma siamo ben lontani dal poterla impiegare come fonte elettrica continua e controllabile. Eppure, Repubblica, lo scorso 14 Dicembre, titolava: “Viaggio nel futuro, un bicchiere d’acqua ci scalderà per un anno. Nessun governo potrà più ricattare gli altri usando il petrolio o il gas come pistole”. Banalizzando e dando corpo a scenari irrealizzabili al presente e perfino scientificamente azzardati, una voce importante si è unita al coro fastidioso e incosciente di prostrazione del giornalismo nostrano all’annuncio che “l’Occidente” per definizione (gli Stati Uniti) è vicino, in solitaria, a realizzare il miracolo dell’energia del sole, così abbondante da tracimare da enormi impianti e da procrastinare il mito della crescita per un futuro senza limiti di contenimento.

Continua a leggere “FUSIONE NUCLEARE…MA SOLO QUELLA DEL SOLE È SOSTENIBILE E RINNOVABILE”

 172 total views,  2 views today

SNOP. Fermare la lunga epidemia da amianto. Migliorare la normativa

Segnaliamo questo articolo elaborato dalla Società Nazionale degli Operatori della Prevenzione  (Snop) ,  una lettura critica che affronta la “ Proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2009/148/CE sulla protezione dei lavoratori connessi con un’esposizione all’amianto durante il lavoro” .L’articolo esamina i contenuti della Proposta, con riferimento al contesto normativo europeo in materia di amianto, alle criticità e alle controversie tuttora esistenti in materia di esposizione alle sue fibre, e traccia possibili prospettive di lavoro, in una storia che non è certo finita. Riteniamo importante mantenere aperta la questione amianto ed esercitare il massimo di attenzione e sorveglianza  sul processo di “riordino” della normativa avviato dalla “Proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2009/148/CE sulla protezione dei lavoratori connessi con un’esposizione all’amianto durante il lavoro” .

Per leggere l’articolo della SNOP e i documenti allegati  clicca 

Fermare la lunga epidemia da amianto. Migliorare la normativa

 185 total views

IWH:  Avvio di un programma di ricerca su intelligenza artificiale, lavoro e salute

Fonte IWH  – Institute for Work & Health che ringraziamo

Postiamo questo articolo che proviene dal sito dell‘Istituto per il Lavoro e la Salute (IWH) che ha sede a Toronto Canada, un’organizzazione indipendente e senza fini di lucro. La missione di IWH  è promuovere, proteggere e migliorare la sicurezza e la salute dei lavoratori conducendo ricerche attuabili apprezzate da datori di lavoro, lavoratori e responsabili politici. Nell’articolo si descrive il programma di ricerca promosso da IWH sugli impatti che la IA avrà sul lavoro e sulla vita delle persone. La traduzione che postiamo, per facilitare la lettura, è stata effettuata con google translator. Per un uno studio approfondito e professionale di questo articolo raccomandiamo di fare riferimento al testo originale in lingua inglese. editor

In occasione di un evento di lancio nell’ottobre 2022, le parti interessate del sistema di prevenzione esaminano le implicazioni dell’IA su SSL e le disuguaglianze dei lavoratori

Pubblicato: 5 dicembre 2022

Tuttavia, soprattutto, ciò che l’ IA significa per i lavoratori e i luoghi di lavoro non è ancora del tutto chiaro. Questo è stato uno dei messaggi principali ascoltati in un recente incontro di collaborazione tenuto da un gruppo di ricerca dell’Istituto per il lavoro e la salute ( IWH ). Nessuna ricerca che conosciamo ha preso una prospettiva di salute e sicurezza sul lavoro o applicato una lente di equità per esaminare l’ impatto delle applicazioni di intelligenza artificiale sul posto di lavoro sui lavoratori,  in particolare sui gruppi che già sperimentano altre forme di disuguaglianza, ha affermato il dott. Arif Jetha, scienziato IWH e ospite dell’evento. Continua a leggere “IWH:  Avvio di un programma di ricerca su intelligenza artificiale, lavoro e salute”

 213 total views

L’anno in cui i sistemi automatizzati avrebbero potuto essere regolamentati: 2022 in rassegna

Fonte Algorithm Watch 

Riportiamo da Algorithm Watch   [che ringraziamo] questo articolo sulle difficoltà a  regolamentare  i sistemi automatizzati  che hanno già rilevanti influenze e tendenze ad invadere nella quotidianità la nostra vita di cittadini in moltissimi ambiti. Molte decisioni sono prese  dalle agenzie statuali e dalle corporation facendo riferimento a data base estratti dai nostri comportamenti quotidiani nel campo della salute, dei nostri consumi materiali e immateriali. L’articolo fa una rassegna degli eventi di questo annus orribilis  che sta finendo vedendoli dal punto di vista dell’impatto che hanno avuto le piattaforme e i sistemi digitali …. La traduzione che postiamo, per facilitare la lettura, è stata effettuata con google translator. Per un uno studio approfondito e professionale di questo articolo raccomandiamo di fare riferimento al testo originale in lingua inglese. editor

I

I sistemi automatizzati erano sorprendentemente assenti dalle storie principali di quest’anno. Sul fronte normativo, le istituzioni europee hanno intensificato i loro sforzi. Quanti cambiamenti possono aspettarsi gli europei dipende dalla risolutezza delle istituzioni, e la prima prova del 2023 è già iniziata.

Nel 2022, proprio come nel decennio precedente e nei decenni a venire, la storia di sviluppo più importante è stata il crollo del nostro clima. La prolungata assenza di precipitazioni sta sconvolgendo i mezzi di sussistenza nell’Africa orientale, mentre i raccolti nell’Africa occidentale sono stati distrutti da acquazzoni torrenziali. Centinaia di milioni hanno sofferto la fame quest’anno e la situazione sta peggiorando.

Che questo sviluppo non abbia nulla a che fare con i sistemi automatizzati potrebbe sorprendere. All’inizio del 2019, ad esempio, Microsoft ha annunciato che “l’uso dell’IA [potrebbe] risolvere la fame e la malnutrizione nel mondo [entro il 2030]”. L’affermazione potrebbe essere stata esagerata.

Nel complesso, come ho valutato nel 2020 , il contributo dell’Intelligenza Artificiale alla crisi climatica è stato l’accelerazione, non la mitigazione. Nei documenti normativi delle società petrolifere e del gas, che sono le principali fonti di emissioni di gas serra, le menzioni dell’IA non sono aumentate in modo significativo rispetto al 2021, ma rimangono ai massimi storici .

Continua a leggere “L’anno in cui i sistemi automatizzati avrebbero potuto essere regolamentati: 2022 in rassegna”

 152 total views

L’ex portaerei brasiliana São Paulo continua il suo viaggio verso il nulla.

la portaerei Sao Paulo  foto da wikimedia ccm 

Notizia aggiornata al 9 dicembre  2022 . Fonte Ibasesecretariat.org

L’ex portaerei brasiliana São Paulo continua il suo viaggio verso il nulla. Dopo che le autorità turche hanno revocato il permesso di demolizione della nave in Turchia, la nave è tornata nelle acque brasiliane. Le autorità di diverse città brasiliane hanno rifiutato il permesso alla nave di attraccare a causa delle preoccupazioni per la presenza di amianto e altri materiali pericolosi a bordo; ora è ormeggiato a circa 30 km al largo della costa di Pernambuco, vicino al porto di Suape. Secondo il governo di Pernambuco, la nave “rimane senza permesso di attracco e continua in alto mare”. Vedi: NAVIO-FANTASMA: Porto de Suape rebate MSK e nega falta de combustível que ocasionou troca do rebocador do porta-aviões [NAVE FANTASMA: Suape Port confuta MSK e nega la mancanza di carburante che ha portato alla sostituzione del rimorchiatore della portaerei].

 168 total views

Voici ce que vous devez savoir sur les PFAS, que l’on surnomme « polluants éternels »

L’utilisation la plus connue des PFAS est celle d’antiadhésif pour nos instruments de cuisson – les fameuses poêles en Teflon.
(Shutterstock)

Sébastien Sauvé, Université de Montréal et Marc-André Verner, Université de Montréal

Les PFAS, produits chimiques toxiques, sont à l’origine du scandale en Virginie-Occidentale, décrit dans le film « Dark Waters ». Ils ont également fait l’objet du documentaire primé « The Devil We Know ».

Que s’est-il passé ? Une usine de production de PFAS a causé une vaste pollution de la région, et affecté ses employés et les gens qui buvaient l’eau contaminée. Depuis ce scandale, les connaissances sur la toxicologie des PFAS, soit l’étude de leurs effets nocifs sur la santé, évoluent constamment.

Ces contaminants sont associés à une augmentation des concentrations sanguines de cholestérol, une réduction de la croissance foetale, une diminution de la réponse immunitaire aux vaccins, et une augmentation des risques de cancer du rein. La liste des problèmes de santé causés par les PFAS continue de s’allonger au fur et à mesure que les études épidémiologiques s’accumulent.

Continua a leggere “Voici ce que vous devez savoir sur les PFAS, que l’on surnomme « polluants éternels »”

 206 total views,  1 views today

I numeri del telelavoro raddoppiano nell’UE a 41,7 milioni nel 2021 portando un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata, maggiore autonomia ma orari di lavoro più lunghi e isolamento

 

Fonte Eurofound che ringraziamo

Condizioni di lavoro

Osservatorio: 

41,7 milioni di persone hanno telelavorato in tutta l’UE nel 2021, il doppio rispetto al 2019, poiché le restrizioni dovute al COVID-19 e i cambiamenti nella cultura del lavoro hanno avuto un impatto significativo sull’organizzazione del lavoro. Anche se nel 2022 c’è stato un piccolo calo, questa tendenza al rialzo del telelavoro è destinata a riprendere poiché gli sviluppi tecnologici stanno aumentando il numero di posti di lavoro adatti al telelavoro e le preferenze dei dipendenti e dei datori di lavoro sono maggiormente orientate verso il lavoro a distanza. Continua a leggere “I numeri del telelavoro raddoppiano nell’UE a 41,7 milioni nel 2021 portando un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata, maggiore autonomia ma orari di lavoro più lunghi e isolamento”

 352 total views

Le società scientifiche contestano l’emendamento che libera la caccia in città e aree protette

Riprendiamo da GreenReport e condividiamo questo Appello delle società scientifiche. 

Ddl Bilancio: anche sull’attività venatoria si azzera il contributo della scienza

[23 Dicembre 2022]

L’emendamento alla Legge di Bilancio 2023 che consentirà un’attività di controllo affidata ai cacciatori selezionati attraverso corsi di non chiari “organi competenti di livello regionale” anche in aree protette e aree urbane, senza limiti temporali e senza distinzione di specie, rappresenta un errore gestionale che non produrrà alcun reale vantaggio rispetto all’obiettivo prefissato.

Purtroppo per l’ennesima volta la politica legifera sulla gestione faunistica senza essersi confrontata con esperti, ricercatori e tecnici. La genericità del testo dell’emendamento nel suo insieme, il fatto che enti amministrativi (regioni e province autonome) possano provvedere al “controllo delle specie di fauna selvatica” senza una valutazione di zoologi specialisti, il non considerare che vi possono essere necessità di tutelare la diversità animale anche in ambienti urbani, insieme all’assenza totale di argomentazione sul controllo delle specie aliene alla nostra fauna, sono elementi che rendono il provvedimento in questione inaccettabile.

Far effettuare abbattimenti all’interno di aree urbane non limiterà certo il numero complessivo di una specie come il cinghiale, mentre al contempo esporrà i cittadini a rischi gravissimi. Peraltro, tutti gli esperti naturalisti, ecologici e agronomi sanno che la presenza dei cinghiali in città è in gran parte legata alla cattiva gestione dei rifiuti e del sistema del verde urbano, troppo spesso trascurato da “servizi giardini” comunali in corso di progressiva dismissione.

Disarmante che si proponga un intervento di questo tipo riducendo nello stesso provvedimento il ruolo dell’ISPRA e ignorando del tutto CNR, sistema universitario, società scientifiche e accademie che invece dovrebbero veder aumentare le proprie competenze considerato che si sta trattando di una materia che richiede conoscenze molto approfondite.

La fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato e allo Stato va affidato il suo controllo che può anche prevedere l’esercizio di un’attività ludica come la caccia, ma che certamente non può limitarsi a questa, considerato che spesso l’interesse dei cacciatori contrasta con l’interesse alla corretta gestione di specie e habitat.

In questo senso è poi assurdo prevedere generalizzate attività di abbattimenti faunistici nelle aree protette che hanno un ruolo, oltre che di conservazione e ricerca, anche di promozione territoriale e valorizzazione turistica.

Le scriventi Associazioni scientifiche rivolgono quindi un appello alla ragionevolezza di Parlamento e Governo affinché stralcino dalla Legge di Bilancio questa norma sbagliata e di difficile, se non impossibile, applicazione e avviino un confronto serio con il mondo della ricerca per individuare le modalità scientificamente valide per affrontare una problematica complessa che non può essere risolta con l’approssimazione fin qui manifestata.

Carlo Blasi, presidente Fondazione per la Flora Italiana e Direttore scientifico CIRBISES

Giuseppe Bogliani, presidente Centro Italiano Studi Ornitologici

Marco Bologna, presidente Comitato Scientifico per la Fauna d’Italia e della Società Entomologica Italiana

Elisa Anna Fano, presidente della Federazione Italiana di Scienze della Natura e dell’Ambiente e della Società Italiana di Ecologia

Francesco Ficetola, presidente Societas Herpetologica Italica

Cristina Giacoma, presidente Unione Zoologica Italiana

Massimo Lorenzoni, presidente Associazione Italiana Ittiologi Acque Dolci

Barbara Manachini, presidente Società Italiana Nematologia

Michela Pacifici, presidente Society for Conservation Biology Italy Chapter

Antonella Penna, presidente Società Italiana di Biologia Marina

Lorenzo Peruzzi, presidente Società Italiana di Biogeografia

Marco Valle, presidente Società Italiana di Scienze Naturali

Christian Agrillo, presidente Società Italiana di Etologia

 208 total views

I sindacati dei trasporti accolgono con favore i progressi del Parlamento europeo sulla direttiva sui lavori su piattaforma

I lavoratori delle piattaforme si sono incontrati alla scuola estiva ITF Youth di quest’anno per discutere e pianificare la via da seguire per il settore

Il Parlamento europeo ha respinto i tentativi dell’industria delle piattaforme di indebolire una proposta di legge che conferisce ai propri lavoratori diritti dignitosi.

Il voto della scorsa settimana a favore del mantenimento di una forte presunzione di occupazione nella direttiva sui lavori su piattaforma da parte della commissione per l’occupazione e gli affari sociali del Parlamento europeo è stato accolto con grande favore dalla Federazione internazionale dei lavoratori dei trasporti (ITF).

“C’è stata una rissa tra i legislatori progressisti e la lobby delle piattaforme sulla formulazione di questa direttiva”, ha affermato Stephen Cotton, segretario generale dell’ITF. “Non dovrebbe esserci alcun margine di manovra per consentire alle piattaforme di eludere le proprie responsabilità di datori di lavoro: questo è ciò per cui hanno fatto pressioni e sono lieto di dire che la commissione per l’occupazione del Parlamento europeo ha impedito che ciò accadesse.

“Abbiamo avvertito che questa è la tattica delle piattaforme e dobbiamo ringraziare gli eurodeputati per aver resistito a questa pressione”. Continua a leggere “I sindacati dei trasporti accolgono con favore i progressi del Parlamento europeo sulla direttiva sui lavori su piattaforma”

 362 total views

Le miniere pakistane hanno ucciso quest’anno almeno 150 lavoratori – IndustriAll

14 dicembre 2022 – L’incidente mortale in una miniera di carbone nella provincia pakistana di Khyber-Pakhtunkhwa il 30 novembre non è stato un incidente a sé stante. Nove lavoratori sono stati uccisi e altri quattro hanno riportato ferite gravi in ​​un’esplosione di gas, che si è aggiunta al già allarmante bilancio delle vittime nell’industria mineraria del paese.

Secondo i dati raccolti da IndustriALL Global Union, l’attività mineraria non sicura in Pakistan ha causato la morte di oltre 150 lavoratori e il ferimento di oltre 20 solo quest’anno.

La maggior parte degli incidenti è causata da crolli di miniere, fughe di gas e inondazioni. L’estrazione mineraria è continuata durante le disastrose piogge che hanno colpito il paese all’inizio di quest’anno, uccidendo numerosi lavoratori. Le miniere non registrate e il lavoro non regolamentato si aggiungono ulteriormente all’ambiente di lavoro pericoloso. Continua a leggere “Le miniere pakistane hanno ucciso quest’anno almeno 150 lavoratori – IndustriAll”

 159 total views,  2 views today

Newsletter Risks Tuc 1071 – 9 dicembre 2022

 

Riportiamo dalla Newsletter Risks del  sindacato TUC alcune notizie significative sulle condizioni di vita nel lavoro in diverse realtà lavorative.

Il Consiglio di Glasgow impone un viaggio sicuro verso casa per i lavoratori notturni

La campagna Get Me Home Safely guidata dai lavoratori dell’ospitalità Unite ha visto una nuova vittoria, poiché il consiglio comunale di Glasgow ha approvato una mozione che richiede alle imprese di ospitalità di fornire un trasporto gratuito e sicuro a casa per i lavoratori notturni dopo le 23:00.
Si applicherà a tutte le nuove licenze di alcolici o alle attività esistenti che richiedono orari di apertura prolungati. La chiamata è stata guidata dalla lavoratrice dell’hotel e membro di Unite Caitlin Lee, che è stata aggredita sessualmente mentre tornava a casa dopo aver terminato il suo turno, dopo che il suo datore di lavoro si era rifiutato di pagare il taxi per tornare a casa.
BBC News https://www.bbc.co.uk/news/uk-scotland-glasgow-west-63911298
Campagna Portami a casa in sicurezza

Gli insegnanti scozzesi vivono nella paura di essere attaccati

Gli insegnanti scozzesi sono stati attaccati migliaia di volte nell’ultimo anno, hanno rivelato i dati UNISON. Il personale del comune ha segnalato più di 22.000 incidenti, con la maggior parte degli attacchi contro insegnanti e assistenti di classe. I leader sindacali chiedono ora una nuova legislazione e protezione per il personale.
Registro giornaliero .


 

Felixstowe protesta per la gestione del bullismo

Centinaia di lavoratori del porto di Felixstowe hanno protestato il 5 dicembre in difesa di sette membri di Unite che sono stati vittime di capi “cattivi”. Il sindacato ha affermato che i lavoratori dell’azienda, di proprietà della multinazionale CK Hutchison, sono stati vittime di accuse inventate, tra cui un rappresentante sindacale che l’azienda sta tentando di sospendere per non aver detto “buongiorno” a un manager. Il segretario generale di Unite Sharon Graham ha dichiarato: “È chiaro che i capi di Felixstowe pensano di poter intimidire il sindacato e i suoi rappresentanti”. Ha aggiunto: “Unite non può e non accetterà la vittimizzazione dei membri del nostro sindacato. Le accuse inventate contro coloro che sono stati in primo piano nella lotta per un nuovo accordo devono essere ritirate”.
Unire il comunicato stampa .


I lavoratori a bassa retribuzione non possono permettersi un congedo per malattia

Il sindacato al dettaglio Usdaw ha ribadito il suo appello per la riforma del salario di malattia statutario (SSP) dopo aver scoperto che la maggior parte dei lavoratori a bassa retribuzione non può permettersi di prendere un congedo per malattia. L’indagine del sindacato ha rilevato che il 76% degli intervistati non può permettersi di ammalarsi con una SSP di sole £ 99,35 a settimana, che sale a 9 su 10 per coloro che beneficiano di un’indennità di lavoro. Usdaw ha intervistato oltre 7.500 membri, che sono principalmente lavoratori chiave a bassa retribuzione nel commercio al dettaglio. Il sindacato vuole che il governo riformi la SSP in modo che rifletta la retribuzione media di un individuo. Vuole anche la rimozione del limite inferiore di guadagno di £ 123 a settimana, il che significa che i lavoratori peggiori attualmente non si qualificano per SSP, e vuole anche che il pagamento inizi dal primo giorno di tutte le assenze.
Usdaw comunicato stampa .

Molte altre news sulle condizioni di lavoro nella Gran Bretagna post Brexit sulla newsletter Risks 

 260 total views

Health Action Zones (HAZ) per l’equità: un nuovo strumento per il PRP piemontese

 

Fonte : Disuguaglianze di salute   che ringraziamo

Nell’ambito delle attività preparatorie all’individuazione dei territori regionali sui quali implementare a livello locale gli interventi e le azioni previste dalle linee progettuali del Piano regionale di prevenzione (PRP), la regione Piemonte si è dotata di un nuovo strumento che aiuta gli operatori coinvolti nelle attività di piano ad individuare le aree oggetto degli interventi in ottica di equità.

A partire dalle esperienze maturate dal National Health Service (NHS) anglosassone degli anni 2000, lo strumento si pone due obiettivi fondamentali:

  1. individuare e costruire degli aggregati territoriali sufficientemente piccoli per catturare la variabilità e l’eterogeneità dei fenomeni che l’indice si propone di rappresentare, restituendo un’informazioni contestuale a livello di piccola area;
  2. individuare e mettere insieme disagio sociale e bisogno di salute espressi dalle popolazioni residenti in questi territori attraverso alcuni indici compositi.

Rispetto al primo punto, il lavoro ha utilizzato alcuni sistemi di classificazione geografica disponibili nel patrimonio informativo territoriale regionale che, opportunamente combinati tra loro, hanno consentito di costruire 323 Health Action Zones (HAZ) con una popolazione media di circa 13.000 abitanti a copertura regionale e a livello di granularità territoriale sub distrettuale. I sistemi di classificazione in questione fanno riferimento alle unioni montane e collinari, alle zone omogenee dell’area metropolitana torinese, ai grandi comuni dell’area metropolitana con popolazione superiore ai 20.000 abitanti, ad alcune ex unioni socio-sanitarie locali (USSL) e per i capoluoghi di provincia, per tenere conto della variabilità intra cittadina dei grandi centri, a zone statistiche, quartieri e circoscrizioni. L’idea di fondo è che questi aggregati territoriali così ragionati consentano di catturare e discriminare meglio che dimensioni strettamente amministrative (comuni, distretti sanitari, ASL…), disagio sociale e bisogno di salute espressi dai territori piemontesi. Continua a leggere “Health Action Zones (HAZ) per l’equità: un nuovo strumento per il PRP piemontese”

 180 total views,  1 views today

Lo stress traffico-correlato

Fonte PuntoSicuro che ringraziamo

Autore: Massimo Servadio

Categoria: Rischio psicosociale e stress

22/12/2022

Mettersi alla guida può avere una influenza nefasta sul nostro umore sino a portare a danni fisici e psicologici. C’è la necessità di un intervento di prevenzione? Vediamo alcune strategie di sopravvivenza allo stress da traffico.

Code ai semafori, automobili ferme in colonna e automobilisti con i nervi a fior di pelle; stress e ansia da traffico sono oramai stati d’animo molto comuni soprattutto per chi vive nei grandi centri cittadini, così da indurre anche la psicologia ad interessarsi al fenomeno e stabilire se vi è necessità per un intervento di prevenzione e/o cura. Le strade sono oggigiorno intasate e le fila interminabili di macchine, code continue ed esaustive. Sono molto evidenti gli effetti di questi stili di vita quotidiani e che si accentuano in determinati periodi dell’anno; la ripresa post vacanziera, le riaperture delle scuole, festività.

Tutto ciò risulta essere fonte di stress e fastidio, se non addirittura rabbia, e l’immagine che si crea potrebbe essere quella delirante e frenetica proposta dal film “Un giorno di ordinaria follia”.

Continua a leggere “Lo stress traffico-correlato”

 138 total views

OSHA Europa . Guida in sicurezza al lavoro con VeSafe

Segnaliamo questo strumento predisposto dall’Agenzia Europea per la salute e sicurezza nel lavoro per la sicurezza nella guida di mezzi .

Se stai cercando informazioni sulla sicurezza dei veicoli sul lavoro, VeSafe  ha molti suggerimenti importanti da offrire. Si tratta di una guida elettronica interattiva, gratuita e di facile utilizzo che copre la guida sicura, il trasporto sul posto di lavoro e il lavoro su o vicino a una strada.

Uno sforzo congiunto dell’EU-OSHA e della Commissione europea, la guida include molti esempi di buone pratiche, etichettati per veicolo e per rischio, e una panoramica delle normative pertinenti.

Nell’Unione Europea, gli incidenti stradali legati al lavoro contribuiscono da circa un quarto a oltre un terzo di tutti i decessi legati al lavoro. Che tu sia un lavoratore, un datore di lavoro o un esperto di sicurezza e salute, consulta subito la guida elettronica VeSafe! È stato appena rinnovato per fornire una migliore esperienza utente.

Accedi alla  guida VeSafe  per esempi di buone pratiche.

Leggi gli  incidenti e gli infortuni ai conducenti  e come  gestire questi rischi .

Scopri Road to fair transport – campagna di sensibilizzazione dell’Autorità europea del lavoro (ELA)

 181 total views,  1 views today

Dati Inail: il trasporto e magazzinaggio tra le attività più a rischio di infortunio e malattia professionale

Fonte INAIL 

Nel nuovo numero del periodico curato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto una panoramica su uno dei settori più influenzati dal lockdown, ai primi posti anche per l’esposizione al contagio da Sars-CoV-2, all’origine del forte incremento dei casi mortali registrato nel 2021 rispetto al 2017

Dati Inail: il trasporto e magazzinaggio tra le attività più a rischio di infortunio e malattia professionale

ROMA – Nel quinquennio 2017-2021 gli infortuni sul lavoro denunciati all’Inail nel trasporto e magazzinaggio mostrano un andamento in leggero aumento nel primo triennio e una netta diminuzione, pari al 21,5%, tra il 2019 e il 2020, per effetto della pandemia, per tornare nell’ultimo anno analizzato ai livelli del 2017 (47.939 infortuni contro i 47.566 di cinque anni prima, con un incremento dello 0,8%). I casi mortali, invece, fanno registrare un +20,1%, dai 149 casi del 2017 ai 179 del 2021, aumento tutto imputabile alla letalità del Covid-19. A questo settore di attività, che dà lavoro a circa 1,1 milioni di addetti e nel 2020 è stato notevolmente influenzato dal lockdown, con una riduzione del valore aggiunto rispetto all’anno precedente pari al 15,6%, a fronte di un calo del 6,8% nel complesso, è dedicato il nuovo numero di Dati Inail. Il periodico curato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto segnala anche la parziale ripresa rilevata dall’Istat nel 2021, con una crescita superiore rispetto alla media delle attività economiche (+8,4% contro +6,4%), che però non ha permesso di recuperare i livelli pre-pandemia.

 465 total views

FIFA’s ‘Best World Cup Ever’ Came at Migrant Workers’ Loss

In fondo potete leggere una traduzione in italiano di questo articolo

Fonte HWR che ringraziamo

World Football’s Chief Claims to Defend Rights, But Still Offers No Remedy

In his last news conference before the 2022 World Cup finale, FIFA president Gianni Infantino declared that the football governing body is set to earn US$7.5 billion in revenue. FIFA then failed to commit to compensate migrant workers who built $220 billion in stadiums and tournament infrastructure in harsh and at times deadly conditions – even when Infantino was asked if FIFA would “share their wealth.”

Nor was there any indication that FIFA’s Legacy Fund – traditionally set up by FIFA post-tournament – would be used to compensate migrant workers who have been injured or the families of those who had died.

Instead, Infantino defended Qatar’s tournament as “the best World Cup ever,” claiming without basis that “We [FIFA] are defending human rights.”

FIFA has a human rights policy with clear rules protecting human rights. But far too often, FIFA sided with its wealthy partner Qatar against the most vulnerable.

Instead of creating an inclusive space and defending LGBT rights for Qataris, players, and fans, FIFA told teams they would be sanctioned for wearing “One Love” armbands. Security agents also harassed fans and journalists for sporting rainbow flags and abused Iranian fans wearing #WomanLifeFreedom shirts.

Even the labor reforms Qatar did make came too late, were too narrow in scope, or were too weakly implemented to benefit many workers. At the World Cup opening, Infantino’s comment that he “feels [like] a migrant worker” ignored his immense power over such workers. He earns more than $3 million in annual salary, nearly one thousand times the minimum wage that the majority of migrant workers earn, which comes to $3,300 year – assuming they actually get paid.

Speaking ahead of the tournament close, Infantino said “every loss of life is a tragedy” and that FIFA did “whatever we could” to protect the workers’ health. Yet, Qatari authorities failed to investigate the causes behind thousands of migrant workers deaths since 2010, which were regularly attributed to “natural causes” or “cardiac arrest.”

This left many families of migrant workers ineligible for compensation under Qatari labor law. Migrant workers even died from falls while working during the tournament – unprecedented in World Cup history.

This World Cup in Qatar will indeed be remembered, for all the wrong reasons: as the most expensive sporting event ever – and the most deadly. Continua a leggere “FIFA’s ‘Best World Cup Ever’ Came at Migrant Workers’ Loss”

 194 total views

Legambiente valuta la qualità dell’aria in Emilia-Romagna in base ai nuovi indicatori proposti dall’UE

Fonte Legambiente Emilia-Romagna  che ringraziamo

 

La proposta di nuova direttiva sulla qualità dell’aria aggiorna le soglie per gli inquinanti atmosferici: se applicate, la concentrazione delle PM 2.5 in Emilia-Romagna dovrà ridursi del 60% in 7 anni

 Con i nuovi parametri, Bologna, Modena e Reggio Emilia supererebbero i limiti PM 2.5 già da febbraio

 Il 2023 è alle porte e si avvicina così il percorso che porterà al nuovo Piano Aria Integrato Regionale (PAIR 2030) che guiderà le politiche per la riduzione dell’inquinamento atmosferico fino alla fine del decennio in corso e che dovrà tenere conto delle misure oggetto di discussione in questi mesi a livello europeo.

 

I nuovi obiettivi europei

 Il 26 ottobre 2022 è stata presentata una proposta di modifica delle direttive sulla qualità dell’aria da parte della Commissione Europea, che prevede obiettivi più stringenti rispetto a quella attuale sulla base delle linee guida proposte nel 2021 dall’OMS. La Direttiva si inserisce all’interno di un pacchetto che prevede l’obiettivo di arrivare a emissioni di inquinanti zero al 2050, le nuove soglie per gli inquinanti si pongono già obiettivi intermedi al 2030.

Per quanto riguarda le polveri sottili PM10, la soglia al 2030 è stata modificata ad un limite di concentrazione giornaliera di 45 μg/m3, con un massimo di sforamento di 18 giornate all’anno e una concentrazione media annuale di 20 μg/m3.

Obiettivi ancora più drastici per le polveri fini PM2.5, di cui si abbassa la soglia di concentrazione media giornaliera a 25 μg/m3, per un massimo di 18 giornate di sforamento consentite e una media annuale di 10 μg/m3.

Per entrambi gli inquinanti poi viene inserita una soglia di allerta, corrispondente a tre giornate consecutive sopra la soglia di 50 μg/m3 per le PM2.5 e di 90 μg/m3 per le PM10.

Altra novità proposta dalla Commissione è l’introduzione dell’obbligo di applicare un indice di esposizione media (AEI – Average Exposure Index) calcolato su base nazionale per il PM2.5 e il NO2.

Continua a leggere “Legambiente valuta la qualità dell’aria in Emilia-Romagna in base ai nuovi indicatori proposti dall’UE”

 505 total views,  2 views today

Finalmente Inverno? Cronache da Berlino di Franco Di Giangirolamo

foto gierre 2017
Con – 7° di notte e un po’ sotto zero di giorno Berlino si prepara all’inverno, purtroppo ancora piuttosto secco mentre ci sarebbe bisogno di neve e pioggia in abbondanza. Certamente il ghiaccio si accanirebbe su qualche anziano femore, ma almeno si ridurrebbe la gravità della progressiva e sicura siccità che ci attende in estate.
Gli ospedali pediatrici stracolmi (posti esauriti anche in corridoio), tutti gli interventi non urgenti rinviati a data da destinasi non solo alla Charitè (la più grande clinica europea) ma in molti dei più grandi ospedali pubblici, (causa carenza di operatori sanitari), scuole semivuote, gli organici dei servizi pubblici ridotti, segnalano che le prossime Feste di Natale, tra recrudescenze di influenze australiane e altre varianti Covid, non sarà per tutti una gioia. Continua a leggere “Finalmente Inverno? Cronache da Berlino di Franco Di Giangirolamo”

 219 total views

Safety Gate: the EU rapid alert system for dangerous non-food products

 

 

 

Anche questa settimana segnaliamo il Report Safety Gate. Nella lista dei prodotti pericolosi vengono segnalati dispositivi elettrici come seghe per tagliare alberi, phon asciugacapelli, prolunghe elettriche, lucette di natale, acque di Colonia contenenti butylphenyl methylpropional (BMHCA), giocattoli per bambini, ecc. A volte costano poco, ma…..
Può essere utile dare uno sguardo alla lista

La lista della settimana n° 50 del 2022

 232 total views

Psychologie : le « coping », ou comment nous faisons face aux stress intenses

Cyril Tarquinio, Université de Lorraine

La guerre trace, dans la vie des individus qui y sont confrontés, une frontière nette entre l’« avant » et l’« après ». Cette épreuve singulière ne signe pas, comme on le croit souvent, une impossibilité de vivre, mais oblige généralement à vivre de façon très différente. L’ébranlement du processus vital qui résulte de cette situation engendre des bouleversements auxquels chaque individu fait face en mobilisant ses capacités d’adaptation. Mais tout le monde ne réagit pas de la même façon.

Pour décrire les mécanismes à l’œuvre, les psychologues de la santé ont forgé le concept de « coping », souvent traduit dans la littérature spécialisée par le terme français « ajustement ». Intimement lié à la notion d’adaptation, le coping désigne notre façon de « faire face » à ce qui nous arrive. Or, selon que notre réaction s’oriente vers les actions à entreprendre pour agir sur la situation, ou qu’elle se centre sur la gestion des états émotionnels qui en résultent, les conséquences ne sont pas les mêmes.

Continua a leggere “Psychologie : le « coping », ou comment nous faisons face aux stress intenses”

 206 total views

Attacco al SSN. Svegliamoci! Podcast di Diario Prevenzione – 14 dicembre 2022 – Puntata n° 103

 

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di :

– Il nostro sistema sanitario è arrivato stremato all’appuntamento con la pandemia. Debilitato da anni di continui tagli, di blocco degli organici e di attacchi al servizio pubblico ….
– Tetto pagamento in contanti: un provvedimento che aumenta i rischi di aggressioni, rapine ad esercenti, taxisti, benzinai…
– INAIL . Analisi dei rischi lavorativi nelle lavanderie industriali
– Come gli stati stanno usando la guerra in Ucraina per guidare una nuova corsa agli armamenti? Rapporto TNI
– Il Consiglio Nazionale Geologi analizza la tragedia di Ischia e propone azioni per il futuro
– Scandalo Qatargate, dal 2018 si sapeva della strage di lavoratori impegnati nella costruzione degli impianti per il Mondiale….

 

 193 total views