Vai al contenuto

Incidenti sul lavoro di cui non parliamo

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO 

Autrice Maria José Carmona

Lo scorso maggio, il 23enne cittadino nepalese Pujan Koirala, un corriere della società spagnola Glovo, è stato ucciso mentre effettuava una consegna. Pujan non aveva un visto di lavoro e lavorava sotto il profilo di un altro pilota. Nella foto sopra, le persone a Barcellona mostrano proteste per la morte di Koirala. (Isaac Santana)

Un'infermiera che lavora in un ospedale, un corriere che consegna cibo a casa, una donna delle pulizie che pulisce le camere d'albergo, un impiegato che accumula straordinari, il barista che deve accumulare due o tre lavori per sbarcare il lunario. Nessuno chiamerebbe questi lavori pericolosi in se stessi, eppure è esattamente quello che sono diventati oggi.

Entro il 2019, non è necessario aggrapparsi alle impalcature per rischiare la vita. Precarietà, stress e superlavoro ti fanno star male. Possono persino uccidere. E anche più degli incidenti stessi.

Di tutti i decessi registrati ogni giorno per cause legate al lavoro ( 7.500 secondo l'OIL ), meno del 14% di questi si verifica "sul posto". La stragrande maggioranza di questi decessi, circa 6.500, si verificano lentamente a causa di una lunga malattia fisica ( cardiocircolatorio, respiratorio, legato al lavoro , ecc.) O di malattia mentale.

Gli ambienti in cui lavoriamo oggi sono molto più sicuri di quelli di 30 anni fa, ma la salute fisica ed emotiva dei dipendenti rimane fragile. E per una buona ragione. Da un lato, si può notare che i rischi esistenti in precedenza sono persistiti: nell'Unione europea , il numero di incidenti mortali associati al settore delle costruzioni è aumentato in modo significativo negli ultimi anni. D'altro canto, i rischi emergenti, in particolare quelli associati all'economia digitale e ai rischi psicosociali , stanno aumentando. Questi sono rischi come stress, affaticamento o molestie legati all'organizzazione del lavoro, programmi, requisiti o incertezza.

 

"I rischi psicosociali sono il grande male di questo secolo e derivano dalle condizioni precarie del mercato del lavoro ", ha affermato Ana García de la Torre, segretaria della sezione di salute occupazionale del sindacato spagnolo UGT.

L' ultima campagna di prevenzione del sindacato si concentra su queste minacce "invisibili" come il sovraccarico di lavoro o l'iperconnessione. " Non sono nuovi; ne abbiamo già sofferto prima, ma sembra ovvio che siano peggiorati ".

Sul posto di lavoro, cadute e agenti infettivi non rappresentano più il pericolo principale (questi rischi sono più o meno controllati). Ora è l'aumento della pressione, la precarietà dei contratti, gli orari incompatibili con la vita privata che, a poco a poco, continuano ad aumentare il bilancio degli infortuni sul lavoro silenzioso e che i media non parlano e che costituiscono il pericolo .

Pazienti stressati

Nel frenetico e competitivo mercato del lavoro di oggi, lo stress da ufficio è diventato quasi comune come la macchina da caffè. Occupa la seconda posizione dei problemi di salute più frequenti sul posto di lavoro ed è nascosto dietro metà dei casi di assenteismo .

Si verifica più frequentemente nel settore dei servizi e delle cure, lavori con una rappresentanza femminile molto elevata , in cui il rapporto con le persone può essere estenuante. " L'idea che il cliente abbia sempre ragione è stata un affronto al benessere di molti lavoratori " , afferma José Antonio Llosa, dottore in psicologia all'Università di Gijón. Secondo questo esperto, l'altro estremo più colpito è nei profili di bassa qualificazione professionale, " dove incontriamo livelli molto esigenti di requisiti ed eccellenza ".

Lo stress da lavoro è principalmente dovuto al superlavoro e al maggiore uso della tecnologia . Attualmente, secondo l' ultimo rapporto dell'OIL sulla salute e la sicurezza, il 36% dei dipendenti di tutto il mondo lavora troppo (più di 48 ore alla settimana) e tutte quelle ore extra sono un pericolo.

Il rapporto avverte della stretta relazione tra ore di lavoro eccessive e incidenti sul lavoro: " Le ore di lavoro eccessive causano affaticamento cronico che può portare a problemi di salute come malattie cardiovascolari e disturbi gastrointestinali, problemi problemi di salute mentale come livelli più elevati di ansia, depressione e disturbi del sonno. "

Ana Isabel Mariño, ispettore del lavoro e della previdenza sociale, riconosce che questi rischi psicosociali sono " i più gravi adesso ", oltre ai rischi ergonomici, vale a dire quelli legati ai movimenti e alle posture dannose per la salute . Tuttavia, le misure preventive per combatterle nelle aziende sono ancora incomplete. " In situazioni normali, non esiste un protocollo d'azione, così come non esiste un protocollo per molestie o addirittura molestie sessuali ", afferma Mariño.

È necessario sensibilizzare e adeguare la legislazione. Come denuncia l'UGT, "i rischi psicosociali non sono ancora inclusi nel catalogo delle malattie professionali ". Per questo motivo, molte aziende non li includono nelle loro analisi del rischio o esami medici; li ignorano.

L'anno scorso si sono avuti alcuni accorti progressi " come il riconoscimento della sindrome del lavoratore in burn-out " , afferma il dott. Llosa, " tuttavia dobbiamo rimanere cauti nella scelta delle qualificazioni. Non è responsabilità del lavoratore che non può far fronte allo stress " , afferma lo psicologo, quindi non è fatto per mezzo di ansiolitici, esercizio fisico o meditazione, ma per un'azione al fonte del problema modificando l'organizzazione del lavoro.

Lavoratori poveri, lavoratori a rischio

L'insicurezza del lavoro, i contratti precari e i bassi salari hanno creato la nuova categoria di " lavoratori poveri ". Ora, oltre ad essere poveri, hanno anche maggiori probabilità di farsi male o ammalarsi.

Questa flessibilità, questa mobilità, questo estremo e costante obbligo di uscire dalla tua zona di comfort senza alcuna forma di sicurezza genera una forte usura emotiva e fisica. Questa incertezza sul lavoro è legata a indicatori più poveri di salute mentale, depressione, ansia e scoraggiamento. Ha anche un impatto sul modo in cui sono organizzate le vite delle persone e il corso della vita è frustrato " , afferma il dott. Llosa.

Lo psicologo, che è coinvolto in un progetto di ricerca sulla precarietà e la salute mentale, mette anche in guardia dall'esistenza di una relazione diretta tra insicurezza lavorativa e uso di droghe, tra incertezza perpetua e l'idea del suicidio . " Certo, l'ideazione suicidaria non può essere equiparata a un tentativo, ma è il segno di un disagio molto profondo. "

Allo stesso tempo, la precarietà porta a sequele fisiche . " Non è stato fino al 2013 che il numero di incidenti è aumentato in termini assoluti e in gravità, il che coincide con le misure per rendere il lavoro più flessibile ", afferma l'ispettore del lavoro Mariño. riferendosi ai dati sugli infortuni sul lavoro in Spagna.

I lavoratori più vulnerabili sono quelli assunti su base temporanea, quelli subappaltati tramite un'agenzia e i lavoratori autonomi fasulli. I dati dell'ILO mostrano che la frequenza degli infortuni di questi lavoratori è molto più alta di quella degli altri lavoratori.

Inoltre, questi lavoratori sono assunti per svolgere i compiti più pericolosi, hanno meno accesso alla formazione, hanno maggiori probabilità di essere molestati e, in generale, hanno più difficoltà a far valere i propri diritti. Devono scegliere costantemente tra salute o lavoro, tra sopportare il dolore o correre il rischio di non essere chiamati.

Il caso più significativo è quello dei lavoratori della piattaforma digitale e in particolare dei fattorini e dei messaggeri costretti dalle società multinazionali a lavorare da soli per ottenere uno stipendio. È per questo motivo che perdono la maggior parte dei loro diritti, compresa la prevenzione della loro salute, in un'area che li espone a molti pericoli.

Ogni giorno riceviamo immagini di incidenti. Abbiamo turni di tre, quattro e cinque ore, quindi la probabilità di un incidente è alta, ma l'azienda ci mette costantemente sotto pressione affinché arriviamo in tempo. Inoltre, non riceviamo alcuna formazione sulla prevenzione dei rischi ", afferma Nuria Soto, portavoce del sindacato Riders por derechos ( Rights for Riders ) che riunisce il gruppo di consegnatori di Barcellona.

Lo scorso maggio, uno di questi corrieri, Pujan Koirala, un cittadino nepalese di 23 anni, ha perso la vita mentre effettuava una consegna. Il signor Koirala si trovava in una situazione irregolare e utilizzava il conto di un altro corriere per lavorare. È abbastanza comune, dice Soto. " Un gran numero di migranti privi di documenti utilizza account noleggiati o ceduti. La compagnia lo sa, ma gli va bene. E sicuramente non saranno questi lavoratori a rivendicare i loro diritti. "

Secondo il sindacato, dalla morte del sig. Koirala, altri sei uomini di consegna sono morti in Europa e in America Latina. " E le aziende non si sono assunte la responsabilità ", denunciano. Questo è il motivo per cui chiedono di essere riconosciuti come dipendenti - una serie di decisioni giudiziarie in Spagna li hanno già dimostrati giusti - in modo da non dover continuare a rischiare la vita in un modello più tipico del XIX secolo rispetto al ventunesimo secolo. .

Un difetto nel sistema

Gli infortuni sul lavoro non riguardano solo i lavoratori, ma anche le aziende stesse e la società nel suo insieme. Ogni anno, le cattive pratiche di salute e sicurezza rappresentano circa il 3,94% del prodotto interno lordo del mondo. " Dobbiamo porre la prevenzione al centro delle attività commerciali ", afferma Alejandro Pérez, professore di rischi professionali presso la ICADE School of Business.

Insegno ai miei studenti a valutare i rischi, educare i loro lavoratori, formarli e monitorare la loro salute. È necessario combattere contro gli affetti e lo stress, e questo, in modo che chi soffre sia protetto allo stesso modo di chi si stropiccia la caviglia. Il problema è che siamo ancora più reattivi che preventivi ", aggiunge.

L'Organizzazione internazionale del lavoro riconosce che è necessario compiere ulteriori sforzi per anticipare i rischi e rafforzare gli standard internazionali.

Nei prossimi decenni, il mondo dovrà affrontare grandi sfide in termini di sicurezza sul lavoro. Questi includono l'invecchiamento della popolazione, i rischi tecnologici, l'uso di nanomateriali e la loro potenziale tossicità, i cambiamenti climatici, ma anche l'organizzazione del lavoro stesso.

È quindi inutile per noi progettare algoritmi per prevedere gli incidenti quando il mercato del lavoro stesso è diventato il principale fattore di rischio. ( il grassetto è di diario prevenzione)

Come sottolinea la signora Mariño, ispettore del lavoro, " per migliorare la prevenzione, è essenziale rallentare i processi, regolare meglio i tempi, fermare la follia della competitività. Per definizione, è impossibile proteggere il lavoratore nel mezzo di un mercato sfrenato e incerto.

Questo articolo è stato tradotto dallo spagnolo.