Vai al contenuto

Sindacato internazionale : lavoratori ancora in pericolo nei siti olimpici del Giappone

 

La morte di un altro operaio edile in una sede delle Olimpiadi di Tokyo ha spinto un sindacato internazionale a cercare un'indagine di terzi, affermando che il suo precedente avvertimento sulle condizioni pericolose è stato ampiamente ignorato.

I lavoratori stessi hanno affermato di sperare che l'edificio e il Wood Workers 'International (BWI) siano maggiormente coinvolti nell'ispezione dei cantieri "pericolosi" per i Giochi

La BWI ha pubblicato a maggio un rapporto intitolato "Il lato oscuro delle Olimpiadi estive di Tokyo 2020" che descriveva una "cultura della paura" tra gli operai edili che lavoravano duramente nei vari siti.

Un funzionario della BWI ha dichiarato che la protezione della sicurezza dei lavoratori è indispensabile per il successo delle Olimpiadi del prossimo anno.

Il rapporto di maggio è stato presentato al comitato organizzatore olimpico di Tokyo, al governo metropolitano di Tokyo e al Japan Sport Council (JSC). Descriveva in dettaglio le dure condizioni affrontate dai lavoratori, inclusi alcuni che lavoravano per 28 giorni consecutivi in ​​un mese. Altri furono costretti a lavorare sotto enormi lastre di cemento oscillante dalle gru.

Il comitato organizzatore e il governo metropolitano di Tokyo hanno intervistato i funzionari dei principali appaltatori dei principali cantieri.

L'ARTICOLO SEGUE ALLA FONTE SU ASAHI SIMBUN