Vai al contenuto

Riqualificazione professionale, una soluzione per il lavoro (umano) di domani?

FONTE EQUALTIME 

Tra tre anni, il 42% delle ore lavorative sarà svolto da macchine o algoritmi, gli umani si prenderanno cura del restante 58%. Nuovi settori professionali, in particolare quelli specializzati nei Big Data , impiegheranno 133 milioni di persone in tutto il mondo, mentre altri, come i servizi postali, scompariranno, lasciando dietro di sé 75 milioni di disoccupati. Questi sono solo alcuni degli effetti della globalizzazione e della quarta rivoluzione industriale evidenziate dal Forum economico mondiale del 2018 sul futuro dei posti di lavoro . Questo documento specifica inoltre che ogni lavoratore dovrà dedicare in media 101 giorni alla sua conversione ( riqualificazione) e per migliorare le sue capacità professionali ( miglioramento delle competenze ) entro il 2022.

 

Questo

In questa prospettiva, a livello europeo, Marianne Thyssen, ex commissario per l'Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori nell'Unione europea, ha presentato la proposta , a metà dello scorso anno, rafforzare il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG), con l'obiettivo di garantire che "le persone abbiano le giuste competenze e abbiano una protezione sociale moderna ed efficace per le nuove forme di lavoro". Creato 12 anni fa, il FEG cofinanzia fino al 60% delle iniziative degli Stati membri, in particolare nel settore della formazione e della riqualificazione, volte a reintegrare i lavoratori licenziati dal declino dei settori industriali o economici nel contesto di della globalizzazione, come i 4.500 dipendenti svedesi che hanno perso il lavoro in Ericsson nel 2016, a causa della "maggiore concorrenza dei produttori asiatici ogni giorno ".

Proteggi le persone, non i lavori

Il GEF è un " tentativo di compensare le persone che hanno perso il lavoro a causa dell'automazione e che sono praticamente non coperte dai fondi sociali della comunità, fissato al 37% nel bilancio 2017-2022 ", ha dichiarato Equal Times Andrés Ortega Klein, ricercatore del think tank spagnolo Real Instituto Elcano e autore di The Unstoppable March of Robots. E mentre le aziende stanno investendo importi sconvolgenti nella loro transizione digitale, come confermano rapporti come quello di International Data Corporation , "i governi sono in ritardo rispetto alle aziende ", con le loro politiche di transizione pubbliche che" mirano a proteggere gli individui e non i posti di lavoro, perché non sanno se sarà possibile mantenerli " , afferma il ricercatore.

Egli avverte: " Coloro che si trovano senza lavoro a causa dell'automazione non sono preparati per altri lavori. Gli investimenti sono insufficienti per migliorare le competenze o migliorare le qualifiche professionali. "

La sottofinanziamento - un importo annuo di circa 170 milioni di euro fino al 2020 per l'intera Unione europea - è in effetti un ostacolo. " Il GEF è un processo, i fondi erano insufficienti, si pensava che il mercato potesse assorbire queste persone, e lo ha fatto ma offrendo loro salari e condizioni ancora peggiori, che hanno contribuito all'erosione e la caduta delle classi medie, che rappresentano una grave minaccia alla stabilità democratica ". La mancanza di una strategia o visione della comunità è un altro svantaggio. " L'UE dovrebbe seguire l'esempio del Giappone, un paese che garantisce la conversione dei suoi lavoratori, anche se sono qualificati e il loro lavoro è di buona qualità.Dice Ortega Klein. La terra del sol levante ha già definito una strategia nazionale per l'intelligenza artificiale. Perfino la Cina ha già preparato i suoi progetti di sviluppo dell'intelligenza artificiale, per i quali ha incaricato Baidu, il gigante cinese dei motori di ricerca, di creare un " laboratorio di apprendimento " in collaborazione con importanti università.

Tuttavia, mentre nella sua Dichiarazione del Centenario sul futuro del lavoro del mese scorso, l'ILO chiede il diritto a un " sistema efficace di apprendimento permanente ", l'organizzazione chiede allo stesso tempo che entrambi datori di lavoro e lavoratori, nonché scuole, a partecipare a questo sforzo.

Irmgard Nübler, economista dell'OIL ed esperto di cambiamenti tecnologici e il suo impatto sull'occupazione, ritiene che la formazione e la riqualificazione delle competenze , come il pensiero critico o la creatività, saranno fondamentali per il futuro del lavoro in una " prospettiva a lungo termine ", che coinvolga governi, imprese e società civile: " A livello di base, le competenze hanno due scopi: da un lato, modellare il pensiero, la mentalità e il l'atteggiamento di una società e, d'altra parte, grazie alle competenze tecniche, le aziende hanno la capacità di sviluppare nuove tecnologie ", spiega.

Istituzioni e tecnologia saranno fondamentali per il futuro del lavoro

Non è certo, tuttavia, che la conversione tecnologica possa offrire solo posti di lavoro di qualità. Come ricorda Irmgard Nübler, " Negli ultimi 30 o 40 anni è emerso un nuovo modello di business , in cui la crescita e lo sviluppo economico sono gli elementi più importanti. Di conseguenza, molte istituzioni si sono trasformate per contribuire alla crescita, alle prestazioni e alla globalizzazione. In diversi paesi, le istituzioni responsabili del lavoro dignitoso sono state ridotte o trasformate in quanto rischiano di distruggere posti di lavoro. ""La tecnologia è un elemento che determinerà il tipo di lavoro [futuro], ma sarà anche necessario istituire istituzioni per regolare la giornata lavorativa, le condizioni decenti, la protezione sociale ... Oltre a questo, la tecnologia e le istituzioni determineranno il futuro del lavoro ", afferma, dal punto di vista dell'economia dei concerti (economia dei lavori dispari, lavoro temporaneo) e dell'economia delle piattaforme.

Ortega Klein condivide questa visione realistica della tecnologia: " La base internazionale per un nuovo contratto sociale sarà la capacità della tecnologia di sostenere le regioni indebolite economicamente ed economicamente, nonché i mezzi per usarla a beneficio delle persone. Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, sebbene la chiave risieda nella divisione del lavoro. Ciò è già evidente nell'OCSE, dove il numero di ore di lavoro continua a diminuire . Il rischio è quello di costruire una società più disuguale, in cui alcuni lavorano molto per guadagnare poco e altri lavorano poco per vincere in grande. Considera le offerte di pagamento di base universali come alternativa. "

Oltre alla minaccia all'uguaglianza, la crisi specifica della disoccupazione giovanile , nel contesto della disoccupazione globale, è, insieme ai cambiamenti climatici, la grande sfida del nostro tempo " , afferma Equal Times Joaquín Nieto, capo dell'ufficio OIL in Spagna. Secondo le statistiche portale Statista, che è rimasto tra il 10,7 e il 11,8% negli ultimi dieci anni. Entro il 2020, questa percentuale non sarà diminuita.

Alla domanda se la formazione sia la soluzione a questo problema, Irmgard Nübler è irremovibile: " La giustizia sociale è il riferimento che dovrebbe guidare le nostre scelte sociali, quindi dobbiamo costantemente porci le domande" È questa la risposta? solo? "," Chi beneficia, chi perde? "," C'è un equilibrio? "

Se la società ritiene ingiusto che i giovani non abbiano l'opportunità di accedere all'occupazione, i governi devono investire e adottare tutte le misure necessarie per garantire che possano accedervi ". Inoltre, l'economista sostiene che "dobbiamo ascoltare le aspirazioni dei giovani e creare posti di lavoro in questa direzione, nonché motivarli a trasferirsi in settori che richiedono forza lavoro , in particolare nel campo dell'assistenza e degli anziani .

Come riconosce l'economista, la vera sfida è rendersi conto che non possiamo sostenere questo modello di crescita: " Dobbiamo cambiare idea e trovare il modo di bilanciare tutti gli obiettivi attuali, al fine di essere in grado di proteggere l'ambiente. Ciò comporterà una riduzione dei consumi e della produzione in un gran numero di paesi industrializzati. " articolo è stato tradotto dallo spagnolo.