Vai al contenuto

Negli Stati Uniti, la difficile sopravvivenza dei “click workers”

 

FONTE EQUALTIMES.ORG

 

Evan Hutchinson vive connesso al suo computer, giorno e notte. A 27 anni, questo laureato cinematografico con sede a Houston è quello che è noto come " lavoratore che fa clic ": una delle centinaia di migliaia di lavoratori digitali precari in tutto il mondo che eseguono decine di micro-attività sul web, per conto di aziende.

Trascrizione di brevi video, sondaggi, identificazione di oggetti su foto, moderazione dei contenuti, pulizia di database o generazione di " Mi piace " sui contenuti dei social network ... Ogni giorno Evan Hutchinson va a pescare andando a una delle piattaforme di crowdwork più popolari sul mercato: Mechanical Turk, un sito creato nel 2005 dal colosso dell'e-commerce di Amazon, che collega i datori di lavoro con centinaia di migliaia di piccole mani invisibili.

Seduto a casa dietro il suo computer, fissando lo schermo, il giovane texano fa scorrere centinaia di offerte online e poi seleziona quelle che lo interessano tra la miriade di piccoli lavori disponibili. Uno studio ha pagato 4 dollari all'ora (3,50 euro), offre ad esempio ai " turker " l'esecuzione di un'intervista in webcam con un " computer bot ", rispondendo alle domande sulla loro salute. Un altro mira a raccogliere una serie di dati sulla pagina web di un sito commerciale per poco meno di $ 3 all'ora (2,50 euro).

 

Evan lavora in media tra le 6 e le 8 ore al giorno e generalmente guadagna tra 50 e 100 dollari (tra 45 e 90 euro). Lui non ha orari fissi. Il suo programma varia in base alle offerte pubblicate online. "Il mio computer è molto spesso acceso. Posso lavorare di notte se un'attività è particolarmente lucrativa e sono sveglio. Prima che potessi eseguire micro-task non-stop per ore per raggiungere una certa quantità. Oggi ho imparato a fare delle pause ", spiega.

Lavoratori giovani e istruiti

Per la prima volta l'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) ha esaminato il destino di questi lavoratori ombra. In autunno 2018, l'istituzione ha pubblicato un lungo studio , condotto tra 3.500 " click dei lavoratori ", lavorando su varie piattaforme (Amazon, CrowdFlower, Clickworker, Prolific ...), in 75 paesi. Contrariamente ai malintesi popolari che il crowdworking è in gran parte nella maggior parte dei paesi emergenti, l'ILO mostra che questo tipo di lavoro si è sviluppato fortemente negli Stati Uniti. Secondo lo studio, il 75% dei lavoratori reclutati dalla piattaforma Mechanical Turk nel 2015 e nel 2017 aveva sede negli Stati Uniti, rispetto al 18% in India.

La popolarità di crowdworking (chiamato anche " la produzione partecipativa " o talvolta crowdsourcing ) negli Stati Uniti sono parte di un fenomeno più ampio: il boom della " economia concerto ", " economia lavoretti " tramite piattaforme come Uber o Lyft. Secondo un rapporto del US Bureau of Labor Statistics pubblicato nel 2018, 16,5 milioni di americani lavorerebbero in questo settore oggi, con la stragrande maggioranza dei quali " lavoratori autonomi " (il che significa che il lavoratore deve per pagarsi i suoi contributi sociali).

Evan Hutchinson ha lavorato per Mechanical Turk per quasi 10 anni. Si è iscritto alla piattaforma subito dopo il liceo, per curiosità, andando solo occasionalmente. Quando lasciò l'università, il giovane ebbe difficoltà a trovare un lavoro. Questo lavoro di " micro-compiti ", che non richiede abilità speciali - a parte una piccola logica o comando di base della lingua - si è naturalmente imposto come una fonte di reddito temporaneo, in attesa di trovare di meglio. " Dopo gli studi, ho sognato di lavorare nell'audiovisivo, ma a Houston non ci sono molte opportunità professionali in questo campo, anche quando sei laureato ", dice.

Come molti americani della mia generazione, mi è stato anche incoraggiato a contrarre un prestito significativo studente per finanziare i miei studi che ora devo ripagare. Per ora, vivo con mia madre, perché i soldi che guadagno su di Amazon Mechanical Turk non mi permette di prendere un appartamento . "

Sebbene svolgano compiti ripetitivi, scarsamente qualificati e poco retribuiti ogni giorno, la maggior parte dei lavoratori di crowdfunding , come Evan, hanno un alto livello di istruzione. Secondo l'OIL, nel 2017, il 44% degli " impiegati dei clic " statunitensi chelavoravano sulla piattaforma Amazon aveva almeno un diploma di laurea. Anche il pilota americano è giovane: nel 2017 aveva in media 35 anni. La maggior parte dei micro-lavoratori nel mondo aveva tra i 25 ei 40 anni.

Il loro lavoro quotidiano è estremamente utile per le aziende su queste piattaforme, che le usano per perfezionare i loro strumenti di intelligenza artificiale. " Vogliono sapere come interagiscono gli umani, come affrontano determinate situazioni, a seconda di dove si trovano nel mondo " , dice Hutchinson. " La maggior parte dei compiti che svolgiamo [come la trascrizione del parlato o l'identificazione dell'immagine] non può ancora essere completamente eseguita dai robot ." Amazon ha anche definito " compiti di intelligence umana " ( " Compiti intelligenza umana"), Comunemente chiamati" HIT "dai turkers. Più banalmente, alcuni addirittura parlare di " materiale umano ", riferendosi al termini software e hardware, per evidenziare la loro condizione con sarcasmo robot-umano, in questo caso, a base di carne ( carne ).

Nel suo studio, l'OIL sta cercando di capire le ragioni per cui oggi sempre più lavoratori qualificati si rivolgono al crowdsourcing. L'organizzazione spiega che se alcuni lo fanno per necessità (32%), durante un periodo di disoccupazione o per integrare il proprio reddito, o perché "il loro stato di salute non gli ha permesso di svolgere alcun lavoro retribuito. (10%), altri scelgono questa opzione per avere la flessibilità di lavorare da casa (22%), soprattutto le donne.

È il caso di Kayla Franklin, madre single di tre figli della Pennsylvania, che si è trasferita a Los Angeles un anno fa. La giovane donna lavora occasionalmente per Appen, una società che impiega micro-lavoratori per migliorare le prestazioni dei motori di ricerca di alcuni giganti della Rete come Facebook. " Ho fatto la prima scelta per poter rimanere a casa e prendermi cura dei miei figli ", dice. "Il costo delle cure giornata è così in alto negli Stati Uniti, a volte è più conveniente scegliere il telelavoro al fine di prendersi cura di sua famiglia a casa. Prima di scegliere di lavorare per Appen, io ei miei figli sono stati tenuti cumulais due posti di lavoro regolari, tra cui una notte in un garage, ma nonostante questo non vado fuori io stesso . "

Come molti millennials negli Stati Uniti che hanno scelto il micro-lavoro, Kayla crede che ci siano pochi vantaggi nell'essere impiegati da un'azienda oggi. " Molti datori di lavoro negli Stati Uniti non offrono comunque copertura sanitaria ai propri dipendenti. Preferisco essere autonomi e in grado di gestire il mio tempo, la mia famiglia e le mie passioni, se ho capito bene, piuttosto che essere parte di un sistema che mi costringe, ma non mi aiuti , "dice.

Strumenti attivisti per difendere i diritti dei micro-lavoratori

Tre anni fa a Memphis, CJ McNelley, un ex falegname californiano, ha scelto il micro-lavoro a causa di problemi di salute. Lavora a casa, con sua moglie, anche " turkeuse ", che ha incontrato in uno dei tanti forum di autoaiuto creati dalla comunità di micro-lavoratori. " Con mia moglie, siamo parte di un gruppo segreto dove condividiamo buoni consigli e dove fornisce una sorta di sistema di monitoraggio: non appena le offerte interessanti arrivano sulla piattaforma, impedisce altri ."

CJ McNelley ha aperto il suo account MTurk sette anni fa. " All'inizio, come molte persone, ero perso. Ho avuto l'impressione che la maggior parte delle attività pagasse solo $ 2 l'ora. Poi, a poco a poco, ho iniziato a domare il sistema. Oggi guadagno tra $ 9 e $ 15 all'ora. Questo è più del salario minimo federale che è di 7,25 dollari (6,50 euro). Ma se dovessi vivere con questo stipendio in California o in altri stati degli Stati Uniti in cui il costo della vita è esploso negli ultimi anni, non sarei in grado di farlo ", dice.

Mi piacerebbe un futuro più stabile, con meno incertezze. Oggi, mi capita di passare fino a 14 ore davanti al mio schermo e di lavorare di notte per essere sicuro di sbarcare il lunario ".

Secondo lo studio dell'ILO, i lavoratori digitali del Nord America hanno guadagnato, nel 2017, una media di 4,70 dollari (4,10 euro) all'ora, più che in Europa o in Asia ma molto meno del salario minimo americano. Le medie orarie sono spesso abbattute, da periodi di lavoro non retribuito (test di qualificazione, ricerca del cliente o lavoro completato ma non approvato dal cliente ...).

Quando sorge una difficoltà, come il rifiuto di un pagamento (un'esperienza vissuta da 9 lavoratori su 10, secondo lo studio dell'ILO), le persone spesso si trovano con poco ricorso, perché non esiste ancora forte unione nel settore del micro-lavoro. CJ McNelley, tuttavia, accoglie con favore l'emergere di una serie di strumenti come Turkopticon o TurkerReview, creati da Turkers o accademici per cercare di regolare meglio le relazioni tra datori di lavoro e lavoratori del clic. " Questi sono siti o strumenti che esaminano i diversi datori di lavoro sulla piattaforma MTurk, ad esempio indicando il salario orario pagato o la reputazione, specialmente se sono cattivi pagatori.". Perché attualmente, se non è soddisfatto del lavoro svolto da un " turker ", un datore di lavoro ha il diritto di decidere di non pagare un lavoratore, senza che quest'ultimo possa contestare questa decisione.

Regolare il lavoro su queste piattaforme, che si tratti di Turk meccanico o Uber, è una delle maggiori sfide che il movimento sindacale deve affrontare oggi. " Attualmente, piattaforme digitali lavoratori sono considerati indipendenti e la rappresentazione di inadempienza è lavoratori di partecipazione in tutti i settori a causa della mancanza di opportunità di collaborare con i loro coetanei sulle piattaforme, a causa della dispersione su Internet e l'enorme competizione tra loro o la riluttanza ad esercitare diritti collettivi che potrebbero portare all'esclusione dalla piattaforma (paura di rappresaglie) " , si legge in una risoluzionedella Confederazione europea dei sindacati. Sono quindi all'esame molteplici percorsi, in tutto il mondo, come la creazione di un'etichetta " fair work ", il miglioramento del quadro giuridico e legislativo, l'azione legale per condannare gli abusi, o addirittura la creazione di cooperative e accordi collettivamente negoziati .

Questa storia è stata tradotta dal francese.