Vai al contenuto

Una giusta transizione verso un’economia più verde, più equa

Pubblichiamo questo articolo di Tim Sharp apparso sul sito del sindacato inglese TUC. Sarebbe importante  se le riflessioni espresse in questo articolo divenissero materia di confronto anche nel movimento sindacale italiano... Editor

 

 

FONTE TUC 

Autore
Data di rilascio
08 lug 2019
traduzione : Google Translator
Questa dichiarazione

Il passaggio alla decarbonizzazione della nostra economia ha il potenziale per offrire interessanti opportunità per il Regno Unito. Ma al momento, la mancanza di una politica di transizione globale o di una strategia industriale coerente per fornire il sostegno e l'impulso necessari per il cambiamento, significa che molti posti di lavoro ben retribuiti e altamente qualificati sono minacciati.

Il movimento sindacale sosterrà la lotta contro il cambiamento climatico per aiutare a proteggere il pianeta per i nostri figli e nipoti. E difenderemo quei lavoratori il cui lavoro è a rischio se non intraprendiamo azioni per rendere la transizione verso un'economia più verde solo una. Questa semplice dichiarazione di transizione stabilisce una serie di politiche ambiziose e impegnative che sosterranno questi lavoratori. Chiediamo al governo di attuare queste raccomandazioni in entrambi gli interessi dei lavoratori di questo paese e del pianeta in cui tutti viviamo.

La necessità di una transizione giusta

Il movimento sindacale riconosce che esistono prove scientifiche schiaccianti della necessità di decarbonizzare la nostra economia. Le industrie ad alta intensità energetica, compresi i settori dell'energia, dei trasporti, manifatturiero e delle costruzioni, saranno fondamentali per raggiungere questa transizione, ma questo è un progetto che richiederà cambiamenti in tutta la nostra economia, ei membri del sindacato hanno le competenze per realizzarlo. Le voci dei lavoratori che sono in prima linea nell'affrontare la sfida dei cambiamenti climatici devono essere al centro di una transizione positiva verso l'economia di cui avremo bisogno.

Le voci dei lavoratori che sono in prima linea nell'affrontare la sfida dei cambiamenti climatici devono essere al centro di una transizione positiva verso l'economia di cui avremo bisogno

Un tale cambiamento, se lasciato al solo mercato, potrebbe avere enormi conseguenze economiche e sociali, in termini di posti di lavoro, competenze e conoscenze perse e comunità distrutte. Abbiamo bisogno di un approccio diverso al fallito approccio neoliberale degli anni '80, che ha lasciato i lavoratori alle spalle e le comunità devastate.

Il movimento sindacale internazionale ha chiesto una "transizione giusta" verso un'economia più verde, in cui nuovi posti di lavoro altrettanto validi in termini di retribuzione, competenze, pensioni e riconoscimento sindacale sostituiscono quelli persi. A seguito della pressione sindacale, il concetto di transizione giusta è stato incluso nel preambolo dell'accordo di Parigi del 2015 e nella dichiarazione della Slesia ai colloqui sul clima del 2018.

Il passaggio a un'economia a basse emissioni di carbonio ha implicazioni e opportunità potenziali per la politica industriale e la qualità dell'occupazione. Tuttavia, le opportunità non saranno realizzate a meno che i lavoratori più interessati non abbiano un posto al tavolo dove vengono prese le decisioni chiave. Dovrebbero essere in grado di contribuire alle soluzioni, non essere dette dopo che le decisioni sono state prese.

E, naturalmente, i cambiamenti climatici colpiscono i nostri fratelli e sorelle - in particolare le nostre sorelle - in tutto il mondo. Le cifre delle Nazioni Unite mostrano che l'80 per cento di coloro che sono sfollati a causa del cambiamento climatico sono donne. L'accordo di Parigi identifica soluzioni globali a un problema globale; ha fornito disposizioni specifiche per l'emancipazione delle donne, riconoscendo che esse sono colpite in modo sproporzionato dai cambiamenti climatici e una transizione giusta deve garantire equità e superare le ingiustizie vissute da tutti i lavoratori, uomini e donne, giovani e anziani, bianchi e neri, nel globale nord e sud.

Il cambiamento climatico colpisce i nostri fratelli e sorelle - in particolare le nostre sorelle - in tutto il mondo. Le cifre delle Nazioni Unite mostrano che l'80 per cento di coloro che sono sfollati a causa del cambiamento climatico sono donne

Fare una giusta transizione

1. Un percorso chiaro e finanziato per un'economia a basse emissioni di carbonio

I sindacati britannici hanno da tempo sostenuto una politica energetica equilibrata, misure per ridurre le emissioni di carbonio e di altre emissioni nocive da industrie ad alta intensità energetica come la produzione di acciaio e cemento, una giusta transizione ai veicoli elettrici e un sistema integrato di trasporto pubblico a basse emissioni, che aiutaci a rispettare i nostri impegni in materia di cambiamenti climatici, fornendo al tempo stesso un approvvigionamento energetico affidabile, resiliente e conveniente per l'intero paese.

Al momento, i nostri sforzi per pianificare questo obiettivo sono frenati dalla mancanza di un chiaro impegno da parte del governo o da un piano su come raggiungerlo. Rivolgendosi al settore energetico, la commissione per i cambiamenti climatici, una commissione di esperti, ha esaminato le prove scientifiche su come meglio offrire il cambiamento di cui abbiamo bisogno. Ma ha bisogno di costruire un consenso su come questo cambiamento dovrebbe essere consegnato in modo che funzioni sia per i lavoratori che per i consumatori. Il governo dovrebbe istituire una commissione trasversale sulla strategia energetica e energetica a lungo termine, coinvolgendo lavoratori, sindacati, industrie e consumatori interessati, per pianificare un percorso che garantisca una transizione giusta verso un approvvigionamento energetico pulito, economico e affidabile per il futuro insieme alla riduzione delle emissioni. Come parte del suo mandato, questa commissione dovrebbe effettuare uno studio degli impatti sociali di tale transizione,

Questa commissione dovrebbe garantire che il processo decisionale politico non sia separato dalle conseguenze economiche della transizione. Il governo deve essere preparato nell'investimento necessario per realizzare questo cambiamento, attraverso la tassazione progressiva, nonché per garantire che il quadro normativo sostenga una transizione giusta. Come i settori ad alto consumo di energia, come l'acciaio e l'edilizia, l'industria energetica ha bisogno di certezza a lungo termine per poter pianificare e ci deve essere un'efficace supervisione strategica e responsabilità.

Ma gli investimenti sono necessari ben oltre questo. Il governo deve inoltre finanziare gli investimenti infrastrutturali necessari e sostenere la transizione nei settori interessati, tra cui l'industria automobilistica, aerospaziale, siderurgica e edilizia, i programmi di efficienza energetica delle famiglie, una risposta del servizio pubblico per affrontare le condizioni meteorologiche estreme e le risposte del servizio pubblico in materia di alloggi, pianificazione, regolamentazione e pubblico trasporto, contribuendo a portare gli investimenti pubblici e privati ​​del Regno Unito almeno fino ai livelli di altri paesi sviluppati.

Le aziende e le organizzazioni che si muovono verso un modello di carbonio più basso dovrebbero mettere in atto accordi di transizione - concordati con i sindacati

2. I lavoratori devono essere al centro della consegna di questi piani

I lavoratori e le comunità in tutto il Regno Unito più colpite dal passaggio verso le industrie lowcarbon devono avere una voce centrale nel modo in cui viene attuata. Il modo migliore e più ovvio per raggiungere questo obiettivo è lavorare con i sindacati. I sindacati sono stati fondati nel calore dell'ultima rivoluzione industriale per rappresentare i lavoratori, e rimangono il modo migliore per garantire che gli interessi dei lavoratori siano protetti durante ogni periodo di cambiamento industriale.

I lavoratori hanno anche conoscenze relative alla transizione. Una società o un'organizzazione che passa da un sistema energetico basato su fossili a un sistema energetico più pulito, o un intero settore che passa a tecnologie più pulite, dovrà adattare processi specifici e i lavoratori sono più propensi a capire come farlo in modo efficace. È logico dal punto di vista aziendale dare ai lavoratori una voce più forte e una maggiore visibilità in tali circostanze. La voce dei lavoratori inizia sul posto di lavoro. Le aziende e le organizzazioni che si stanno muovendo verso un modello di carbonio più basso dovrebbero mettere in atto accordi di transizione - concordati con i sindacati - che coprano una serie di questioni, tra cui il numero complessivo di posti di lavoro o lavoratori impiegati, retribuzioni e condizioni, sicurezza del posto di lavoro, orario di lavoro, descrizione del lavoro, funzioni assegnate a ruoli di lavoro, formazione e competenze, apprendistato, politica pensionistica, monitoraggio e sorveglianza, gestione delle prestazioni, implicazioni sulla salute e sicurezza e pari opportunità. Le aziende dovrebbero anche collaborare con i sindacati per identificare e fornire le migliori pratiche ambientali a livello di luogo di lavoro.

La voce dei lavoratori deve essere ascoltata a ogni livello delle decisioni prese. Ciò significa includere solo gli accordi di transizione nella contrattazione a livello settoriale e assicurare che i lavoratori e i sindacati interessati siano rappresentati in tutti gli enti locali, regionali e nazionali che prendono decisioni in materia di politica industriale.

E per garantire che tutti possano beneficiare appieno del ruolo rappresentativo dei sindacati, i sindacati devono avere accesso a tutti i luoghi di lavoro, per discutere dell'importanza della transizione e dei vantaggi derivanti dall'adesione a un sindacato.

3. Ogni lavoratore dovrebbe avere accesso ai finanziamenti per migliorare le proprie competenze

I lavoratori nei settori ad alta intensità energetica, così come quelli che sviluppano tecnologie di transizione, hanno le competenze e le competenze necessarie per aiutare questi settori a passare a modelli di carbonio più bassi, ed è vitale che tali competenze vengano mantenute. Investire in posti di lavoro buoni, nuovi e sostenibili mentre aiuta i lavoratori nelle industrie ad alta intensità di carbonio a passare a quei posti di lavoro nell'economia più ampia farà sì che le competenze e l'esperienza non vadano perse.

Avremo anche bisogno di sviluppare nuove competenze trasversali alla forza lavoro per nuovi tipi di ruolo, quindi il governo deve aumentare drasticamente i propri investimenti in competenze.

I sindacati devono avere accesso a tutti i luoghi di lavoro, discutere l'importanza della transizione e i vantaggi di aderire a un sindacato.

L'apprendistato è da lungo tempo il miglior garante dell'eccellenza delle competenze nell'industria. Il ruolo sindacale nel concordare la sostanza e la qualità dell'apprendistato ha garantito standard elevati e coerenti.

E avremo bisogno di nuovi meccanismi per identificare abilità e conoscenze trasferibili. Alcuni lavoratori avranno competenze simili, ma non identiche, a quelle necessarie in un altro settore, quindi abbiamo bisogno di istituire istituzioni, anche a livello locale, che riuniscano sindacati e datori di lavoro per identificare quale formazione e supporto hanno bisogno di aggiornare e utilizzare le loro abilità esistenti.

Il governo dovrebbe dare ai lavoratori la fiducia necessaria per formare, iniziando con la creazione di conti di apprendimento permanente per tutti gli adulti in modo che ognuno abbia un budget personalizzato per la formazione e introducendo il diritto a revisioni di carriera e una guida faccia a faccia sulla formazione per aiutarli ad accedervi.

Oltre all'apprendimento in classe, anche l'esperienza è importante. Ciò è particolarmente vero in quanto i processi in alcuni ambienti di lavoro nel settore dell'energia possono accadere raramente. Il valore dell'esperienza dei lavoratori trasferiti a nuovi posti di lavoro dovrebbe essere riconosciuto.

Il finanziamento adeguato del settore dell'istruzione degli adulti è essenziale se si vuole soddisfare la domanda di nuove competenze a seguito del passaggio a un'economia più verde. Un programma di "passaggio per la transizione" ben finanziato e libero da lavoratori deve essere consegnato dentro e fuori dal luogo di lavoro.

E coloro che hanno lasciato il lavoro hanno bisogno del sostegno di un sistema di sicurezza sociale decente per garantire che i loro costi di vita siano soddisfatti mentre si allenano.

4. I nuovi posti di lavoro devono essere buoni posti di lavoro

Il cambiamento climatico è una grande minaccia, ma la decarbonizzazione dell'economia creerà anche enormi opportunità di lavoro. La nostra ambizione è che ogni nuovo lavoro creato in tutta l'economia sia di uno standard equivalente a quello che i lavoratori in molti settori industriali hanno ora, con riconoscimento sindacale, retribuzione decente, termini e condizioni, elevati standard di salute e sicurezza e una fiera pensione. Al momento, sappiamo che troppe persone in tutta l'economia in generale non godono di questi diritti. E ci sono crescenti preoccupazioni, alimentate da una mancanza di trasparenza, sulla qualità dei nuovi lavori che stiamo creando. Questi lavori sono anche meno probabili nelle società che riconoscono i sindacati. Questo non soddisfa il test di una transizione giusta.

L '"economia verde" (e non solo) deve riconoscere i sindacati e contrattare con essi per garantire posti di lavoro di qualità con termini e condizioni almeno equivalenti a quelli dei settori dell'energia, della transizione e ad alta intensità di carbonio. Devono anche cercare di assicurarsi che il loro personale sia rappresentativo del Regno Unito nel suo complesso.

Il governo ha un ruolo chiave nel far sì che ciò accada, come finanziatore e procuratore di nuove energie e infrastrutture più ampie. Quando il governo investe in nuove infrastrutture, dovrebbe utilizzare i suoi poteri di approvvigionamento per garantire che i posti di lavoro abbiano generato benefici per i lavoratori nella comunità locale e lungo tutta la catena di approvvigionamento. Deve anche insistere sul fatto che i posti di lavoro creati forniscono ai lavoratori il riconoscimento sindacale e che i datori di lavoro hanno equo assunzioni, relazioni industriali e politiche salariali per tutti i lavoratori. Le aziende che vincono contratti governativi devono aderire agli standard concordati di comportamento aziendale; ad esempio, i contratti non dovrebbero andare a società con sede in paradisi fiscali e le società devono essere registrate e pagate le tasse nel Regno Unito.

L '"economia verde" (e non solo) deve riconoscere i sindacati e contrattare con essi per garantire posti di lavoro di qualità con termini e condizioni almeno equivalenti a quelli dei settori dell'energia, della transizione e ad alta intensità di carbonio

La politica industriale per realizzare una transizione giusta dovrebbe essere focalizzata sulla creazione di posti di lavoro dove sono più necessari: nelle regioni e nelle nazioni del Regno Unito. Il Regno Unito deve conservare una solida base manifatturiera e non deve semplicemente esportare posti di lavoro ad alta intensità di carbonio all'estero. Abbiamo bisogno di una serie di fiorenti settori industriali, sostenuti da investimenti in innovazione e ricerca. E il settore pubblico ha un ruolo essenziale da svolgere nel consentire all'infrastruttura di offrire una transizione giusta a un'economia più verde e più equa.

All'interno di aziende e organizzazioni, i risparmi sui costi derivanti dalla ristrutturazione industriale dovrebbero essere reinvestiti in aree che promuovono e forniscono posti di lavoro migliori e migliori. Nuove competenze o responsabilità dovrebbero essere riconosciute attraverso aumenti salariali negoziati.

I sindacati hanno sempre combattuto per i loro membri posti di lavoro, diritti e salari, e un'economia che offre lavoro dignitoso a tutti coloro che ne hanno bisogno. Ci sono prove convincenti che i sindacati sono buoni per i lavoratori, buoni per le aziende e buoni per la nostra economia. Se rispettiamo i principi esposti in questa dichiarazione, possiamo affrontare la sfida dei cambiamenti climatici, garantendo un futuro migliore per tutti.