Vai al contenuto

Stati Uniti: regolamentazione del rischio chimico indebolita da Trump

FONTE  ETUI

la protezione dell'ambiente a Washington

Dall'arrivo di Donald Tump come presidente degli Stati Uniti, l'Agenzia per la protezione dell'ambiente ha fortemente spostato la sua politica per ridurre il "carico normativo" sull'industria chimica.

L'Environmental Protection Agency (EPA) svolge un ruolo centrale negli Stati Uniti come agenzia federale per la regolamentazione e il controllo dei rischi chimici. È stato creato nel 1970 e impiega circa 15.000 persone. Dispone di centri di ricerca, regole e funzioni di controllo degli esercizi (in particolare attraverso un sistema di ispezione e sanzione). In termini di rischi chimici, l'EPA svolge un ruolo cruciale nell'attuazione della legislazione federale sulle sostanze chimiche riformate nel 2016 a seguito di un compromesso parlamentare .

 

Dall'arrivo di Donald Tump come presidente degli Stati Uniti, l'Agenzia per la protezione dell'ambiente ha fortemente spostato la sua politica per ridurre il "carico normativo" sull'industria chimica. La salute pubblica e la salute sul lavoro sono state sacrificate a vantaggio degli interessi economici dell'industria.

Secondo Richard Denison, uno specialista del rischio chimico che lavora per l'organizzazione non governativa EDF (Environmental Defense Fund), questa deriva si manifesta in diversi modi.

L'attuale politica dell'EPA affronta la gerarchia delle misure di prevenzione. Invece di eliminare i rischi alla fonte vietando le sostanze più pericolose quando ci sono alternative più sicure, l'agenzia ora ritiene che il divieto sia solo una misura tra le altre e che in alcuni casi caso, una semplice mitigazione dei rischi potrebbe essere sufficiente. Ciò si riflette in particolare nel ritiro di una misura di divieto prevista per un solvente usato come decappante: diclorometano (DCM o cloruro di metilene). Decine di migliaia di lavoratori sono esposti ad esso nonostante la tossicità acuta che causa morti ogni anno. DCM è stato bandito dall'Unione Europea nella maggior parte dei suoi usi come addetto alle pulizie dal 2010.

Alexandra Dunn, nuova direttrice dell'EPA per i rischi chimici, ha cercato di banalizzare i rischi affermando che il divieto era solo una delle possibili opzioni e per alcune sostanze era meglio prendere in considerazione la gestione dei rischi. . Ha detto: "Ci possono essere molti modi diversi per mitigare o gestire i rischi. Questo può includere notifiche, controlli di processo, gestione del volume di produzione o etichettatura. A volte le persone credono che l'EPA noti tutte queste sostanze con l'intenzione di metterle al bando. Non penso che accadrà in questo modo. "

Mentre nel 2015 l'EPA stava considerando la possibilità di porre la prevenzione primaria in prima linea nelle misure da adottare, l'agenzia sotto l'influenza trumpiana ora dà una fiducia cieca ai dispositivi di protezione individuale. Le autorizzazioni sono state concesse a sostanze pericolose sulla base del fatto che le schede di dati di sicurezza contenevano una raccomandazione non vincolante per l'uso di dispositivi di protezione individuale.

L'EPA rifiuta di considerare l'esposizione professionale dei lavoratori nell'analisi dei problemi. Si è autoaccusa menzionando l'esistenza di un'altra agenzia federale che si occupa di questo problema. Questa posizione ignora il fatto che i livelli di esposizione tollerati dall'OSHA sono significativamente più alti di quelli della popolazione generale. Questo rifiuto di prendere in considerazione le esposizioni professionali nel sistema generale di regolamentazione del rischio chimico aumenta le disuguaglianze sociali nella salute.

La deriva dell'EPA è anche accompagnata da un rifiuto di trasparenza. L'agenzia è sempre riluttante a comunicare tutti i dati su cui basa le sue posizioni e organizza il suo lavoro.

scopri di più  :

  • Newsletter : se desideri ricevere un riepilogo mensile delle notizie sulla salute e sulla sicurezza, iscriviti gratuitamente alla newsletter bilingue HesaMail (francese e inglese).

Credito fotografico: Chris di Adobe Stock, facciata della Environmental Protection Agency a Washington