Vai al contenuto

Silice cristallina: un grave rischio per i giovani lavoratori

FONTE ETUI

26 giugno 2019

Silice cristallina: un grave rischio per i giovani lavoratori

In Francia, l'Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, l'ambiente e il lavoro (ANSES) ha pubblicato alla fine di maggio 2019 i risultati delle sue competenze in merito ai rischi della silice cristallina per i lavoratori.

Questa esperienza è stata lanciata in particolare a causa delle preoccupazioni sollevate da casi di grave silicosi correlati all'uso di pietre ricostituite (quarzo + resina) utilizzate nella fabbricazione di piani di lavoro per cucine e rivestimenti per il bagno (" pietra artificiale "). I lavoratori interessati sono quelli che tagliano il materiale e / o lo producono e / o lo installano a casa, specialmente quando il taglio è asciutto. Queste silicosi possono coinvolgere i giovani lavoratori e i tempi di latenza possono essere più brevi di quelli comunemente osservati per la silicosi convenzionale. Quindi, la silicosi è lontana da una malattia che sarebbe una cosa del passato quando colpì centinaia di migliaia di minatori in Europa.

La competenza indica che in Francia, quasi 365.000 lavoratori sono esposti per inalazione alla silice cristallina, in particolare al quarzo. Tra 23.000 e 30.000 lavoratori sarebbero esposti a livelli superiori al valore limite di esposizione professionale (OEL) di 0,1 mg.m- 3attualmente in vigore in Francia, e oltre 60.000 a livelli superiori all'OEL. il più basso tasso proposto a livello internazionale di 0,025 mg.m -3 . Più di due terzi di questi livelli di esposizione sono nel settore delle costruzioni; seguire i settori manifatturieri dei prodotti minerali non metallici, della metallurgia e delle industrie estrattive.

L'impatto sulla salute di queste esposizioni è particolarmente pesante: il cancro del polmone e altre malattie polmonari non cancerose come la silicosi, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), l'enfisema, la tubercolosi. Esiste anche un collegamento tra queste esposizioni professionali e varie malattie autoimmuni. L'ANSES raccomanda di sviluppare studi sull'impatto sulle malattie renali.

La silice cristallina è stata al centro dei dibattiti sulla prima fase della revisione della direttiva europea sugli agenti cancerogeni. Il valore limite di esposizione professionale (OEL) adottato nel 2017 è 0,1 mg / m3. Secondo l'esperienza di ANSES, questo valore non è sufficientemente protettivo. Rischia un alto rischio per la salute. Negli Stati Uniti, la Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH) raccomanda un valore quattro volte inferiore (0,025 mg / m3) per determinate varianti di silice (quarzo e cristobalite). L'OEL vincolante negli Stati Uniti è 0,05 mg / m3. Sei Stati americani negli Stati Uniti hanno definito valori ambientali significativamente più bassi per proteggere le loro popolazioni dal rischio di malattie polmonari. Questi sono California, Vermont, New York, Texas,

La direttiva europea deve essere recepita nei diversi Stati membri dell'UE entro il 17 gennaio 2020. "Al fine di proteggere la vita dei lavoratori esposti alla silice, sarebbe importante adottare gli OEL a livello nazionale. più protettivo della direttiva ", afferma Laurent Vogel , ricercatore senior presso l'European Trade Union Institute (ETUI). Va ricordato che le direttive europee in materia di salute sul lavoro stabiliscono solo requisiti minimi e che ogni Stato membro può adottare una legislazione che garantisca un migliore livello di protezione della salute.

Ulteriori informazioni  : Expertise ANSES

  • Newsletter : se desideri ricevere un riepilogo mensile delle notizie sulla salute e sulla sicurezza, iscriviti gratuitamente alla newsletter bilingue HesaMail (francese e inglese).