Vai al contenuto

L’emergenza climatica è una questione fondamentale del sindacato: ecco perché è il momento di “Il nostro lavoro a prova di clima “”

 

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO 

Ogni stagione, i mezzi di sussistenza di milioni di famiglie sono stati devastati dall'emergenza climatica. I raccolti vengono distrutti da siccità, inondazioni e incendi. Case e luoghi di lavoro devono essere ricostruiti. Un numero sempre crescente di persone viene sfollato. Purtroppo, sono le persone più povere e vulnerabili ad essere in prima linea nei più gravi impatti climatici. Quest'anno, ad esempio, il Mozambico è stato colpito da non una, ma due tempeste tropicali letali. Il ciclone Idai , che ha colpito anche parti del Malawi e dello Zambia causando la morte di oltre 1.000 persone, è uno dei peggiori cicloni dell'Africa finora.

È chiaro che tutti i posti di lavoro sono già o saranno presto minacciati dalla crisi climatica in un modo o nell'altro. I lavoratori hanno il diritto di sapere se i loro mezzi di sussistenza sono garantiti. Ecco perché la Confederazione internazionale dei sindacati (ITUC) ha contattato tutti i suoi affiliati con la campagna " Climate-Proof Our Work". Il 26 giugno, i lavoratori prenderanno parte a una giornata di azione globale, dove si iscriveranno al movimento e inizieranno una conversazione cruciale per scoprire cosa sta facendo il loro posto di lavoro per i posti di lavoro a prova di clima. Incoraggiamo ogni impiegato in tutto il mondo a porre domande al suo capo come: "La mia organizzazione / azienda sta adottando le misure ambiziose sul clima che sono urgenti e necessarie? Facciamo parte della transizione energetica alla neutralità climatica? Il mio lavoro è a prova di clima? "

I lavoratori di tutto il mondo sono sempre più ansiosi che i responsabili politici non rispondano con la necessaria urgenza alla crisi climatica che tutti stiamo affrontando. Quasi quattro anni dopo il famoso accordo di Parigi, le emissioni continuano a salire anziché scendere. L'energia rinnovabile potrebbe crescere con cifre a due cifre in molte parti del mondo, ma facciamo ancora molto affidamento su carbone, benzina e gas per la nostra energia - la nostra dipendenza dai combustibili fossili continua senza sosta.

Cosa ci vorrà per piegare la curva? Per attuare politiche ambiziose sul clima, manca un elemento cruciale: la fiducia in una soluzione equa. I politici hanno bisogno del sostegno dei loro elettori in modo che possano essere rieletti. Molte aziende e aziende stanno contribuendo alle soluzioni climatiche e si aspettano di essere supportate in questo dai loro governi. I lavoratori e le loro famiglie si aspettano un trattamento equo da parte dei loro governi e datori di lavoro quando vengono adottate politiche climatiche ambiziose. Ma al momento ci sono troppi piloti liberi (governi, aziende e cittadini) che si allontanano senza azioni sul clima, o addirittura bloccando l'azione per il clima. Ecco perché i lavoratori devono parlare e organizzare. Dobbiamo assicurarci che i nostri posti di lavoro, le nostre imprese e i nostri colleghi siano pronti per politiche climatiche ambiziose. Questa è una responsabilità sindacale di base e inizia sul piano di lavoro. Un esempio perfetto è l'azione intrapresa daI dipendenti di Amazon , che hanno invitato i membri del consiglio di amministrazione a fare di più per affrontare l'emergenza climatica globale.

Un recente rapporto della Task Force sulle informazioni finanziarie relative al clima haindicato che sempre più aziende segnalano la loro esposizione ai rischi climatici. Gli investitori chiedono queste informazioni perché vogliono proteggere i loro soldi. Ma i lavoratori, che dipendono da queste conoscenze per il loro lavoro, hanno ancora più diritto di saperlo.

Un posto al tavolo per i lavoratori

La nostra campagna sul lavoro a prova di clima si concentra sullo strumento cruciale del dialogo sociale. I lavoratori devono avere un posto al tavolo per discutere le politiche e le misure che influenzano il loro futuro. Questo è uno degli standard fondamentali del lavoro , protetto e promosso dall'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), e in troppi luoghi si abusa di questi diritti fondamentali del lavoro. Tanto che i leader sindacali e i difensori dell'ambiente vengono uccisi mentre parlano per la loro gente. Questo è inaccettabile.

Sia che si tratti di discussioni su salari e condizioni lavorative, o di problemi climatici e ambientali, i lavoratori non vogliono essere a tavola per scopi decorativi. Vogliamo modellare il futuro. Ecco perché abbiamo unito le forze con la società civile in molti paesi del mondo per mobilitarsi per l'azione per il clima. I sindacati hanno marciato con gli scioperanti della scuola in tutto il mondo e continuiamo a collaborare con organizzazioni ambientaliste come Friends of the Earth per tracciare un percorso chiaro verso una transizione giustadove i lavoratori, le comunità e i mezzi di sussistenza sono tutelati nel passaggio dal nostro attuale massiccio ricorso al carbone a fonti energetiche più pulite. I sindacati si mobiliteranno anche per una settimana di azione sul clima in vista del vertice sul clima delle Nazioni Unite del 2019, che si terrà a settembre, sotto la guida dei governi di Spagna e Perù, ai leader globali verrà chiesto di assumere impegni per le politiche di transizione.

Siamo felici che paesi come la Nigeria abbiano firmato la Dichiarazione di Solidarietà e Giusta Transizione presentata durante la conferenza sul clima del 2018 a Katowice. Il governo nigeriano sta collaborando attivamente con il Congresso del lavoro in Nigeria; questa è la via da seguire di cui abbiamo bisogno. Vediamo anche altri sindacati in Africa, come la COTU-K in Kenya , che creano forti documenti di politica climatica. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno ora è che altri paesi seguano l'esempio.

Una questione cruciale nella transizione verso una società a prova di clima è la questione delle competenze, che riguarda tutti i lavoratori in modi molto diversi ma diretti. Se qualcuno lavora come minatore di carbone e il loro governo sta adottando seri provvedimenti per eliminare gradualmente il carbone, le loro possibilità di un futuro di lavoro sostenibile dipendono molto dal tipo di competenze professionali che hanno.

L'ILO ha svolto un lavoro prezioso nel tracciare la necessità di competenze nella transizione. Sette milioni di lavoratori rischiano di perdere il lavoro nella transizione ecologica. Cinque milioni di questi potrebbero avere la possibilità di trovare un nuovo lavoro attraverso il trasferimento. Tuttavia, due milioni dovranno essere riqualificati in nuove occupazioni.

I lavoratori nei settori minerario, edilizio, manifatturiero e dei trasporti e gli operatori di macchine sono più vulnerabili a perdere il posto di lavoro senza alcuna possibilità di delocalizzazione, rendendo assolutamente vitali le iniziative di riqualificazione. Un buon esempio di un'iniziativa che funge da cuscinetto per potenziali perdite di posti di lavoro in conseguenza della transizione è il programma di licenziamento per la formazione in Sudafrica . Questa iniziativa fornisce un'alternativa al ridimensionamento attraverso la formazione e lo sviluppo delle competenze, fornendo una vittoria sia per i datori di lavoro che per i dipendenti. Diversi altri esempi di come mitigare gli impatti climatici sui lavoratori esistono in tutto il mondo. Le soluzioni più efficaci sono quelle nate in luoghi con forti meccanismi di dialogo sociale.

Speriamo che la campagna "Climate-Proof Our Work" attiverà discussioni importanti da un livello nazionale e settoriale fino al livello aziendale e sul posto di lavoro. Senza dubbio, la necessità di un approccio a più livelli all'azione per il clima è più importante oggi che mai. Ma anche la necessità di sincronizzare queste azioni attraverso la mobilitazione diffusa.