Vai al contenuto

I lavoratori non dovrebbero aspettare un minuto in più per porre fine alla violenza e alle molestie sul lavoro

 

FONTE: EQUALTIMES.ORG

Autore : Sharan Burrow

Oltre 800 milioni di donne hanno subito forme di violenza e molestie, che vanno dall'assalto fisico all'abuso verbale, al bullismo e alle intimidazioni. # MeToo e movimenti simili hanno aiutato a esporre la portata del problema nel mondo del lavoro, incoraggiando le donne a parlare e chiedere giustizia. Mentre le donne sono colpite in modo schiacciante e sproporzionato, gli uomini non sono immuni. E la discriminazione contro determinati gruppi aggrava la violenza e le molestie.

Nessun settore, formale o informale , pubblico, privato o volontario è intatto. Tuttavia, i tassi più elevati sono costantemente registrati in settori quali i trasporti , l'assistenza sanitaria e sociale, l' hotel e il ristorante , i media e l'intrattenimento, l' agricoltura e il lavoro domestico . Violenza e molestie al lavoro possono provenire da manager, supervisori, colleghi di lavoro, clienti e clienti. Può accadere sul luogo di lavoro fisico, in occasione di eventi sociali o di formazione legati al lavoro, mentre si reca al lavoro, o in qualsiasi luogo sia richiesto al lavoratore a causa sua o del suo lavoro. Le pratiche abusive sul posto di lavoro possono anche contribuire al bilancio della violenza e delle molestie, con lo stress legato al lavoro e le malattie mentali ai massimi storici.

C'è una finestra di opportunità per intraprendere un'azione decisiva. Questo mese, l'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), l'agenzia delle Nazioni Unite incaricata di definire gli standard legali globali per le condizioni di lavoro, completerà i negoziati su una nuova legge internazionale per vietare, prevenire e porre rimedio a violenze e molestie.

Se i negoziati avranno successo, la nuova Convenzione imporrà chiare responsabilità a datori di lavoro e governi per affrontare il flagello della violenza e delle molestie nel mondo del lavoro. Anche i lavoratori avranno la responsabilità di astenersi da atti di violenza e molestie e di conformarsi a qualsiasi politica, procedura o altre misure adottate dai loro datori di lavoro per prevenirlo.

Mentre ci sono delle differenze da risolvere sul contenuto finale della nuova Convenzione e Raccomandazione, vi è un ampio sostegno per la sua adozione tra sindacati, governi e alcuni datori di lavoro. In vista dei negoziati, alcune aziende hanno reso pubblico il loro sostegno, dimostrando come si possano prendere misure non solo per prevenire e rispondere alle violenze e alle molestie sul posto di lavoro, ma anche per affrontare gli effetti della violenza domesticasul mondo del lavoro. Tali misure comprendono ferie retribuite per le vittime di violenza domestica, facile accesso alle informazioni, servizi di consulenza o consulenza o orari di lavoro variabili per ridurre al minimo il rischio di stalking da parte di ex partner violenti. E le aziende sono sempre più impegnate in negoziati collettivi con i sindacati a livello aziendale, settoriale e globale per garantire che le persone che lavorano o che cercano di lavorare per loro siano protette e libere dalla paura.

La violenza e le molestie nel mondo del lavoro sono un problema globale che richiede soluzioni globali. I negoziati presso l'OIL sono puntuali, non da ultimo in quanto l'agenzia delle Nazioni Unite celebra quest'anno i 100 anni della sua esistenza . I sindacati stavano conducendo una campagna per questa nuova legge molto prima delle dolorose rivelazioni di #MeToo. Il nostro governo e i datori di lavoro devono ora fare la loro parte per trasformare questo in realtà. Nessuno dovrebbe andare a lavorare per paura di subire violenza e molestie.