Vai al contenuto

Pesticidi: la Commissione europea accusata di mantenere prodotti pericolosi sul mercato europeo

FONTE ETUI 

agricoltura

Gli alti funzionari della Commissione europea hanno manovrato per indebolire i criteri per la definizione degli interferenti endocrini e per promuovere il mantenimento di pesticidi pericolosi sul mercato europeo. Ciò è rivelato da oltre 600 documenti riservati ottenuti dalla ONG Pesticide Action Network (PAN) dopo due anni di procedimenti dinanzi alla Corte di giustizia europea.

Il pesticida bylaw europea vieta l'uso di ingredienti attivi estremamente pericolosi come, sostanze tossiche, mutagene cancerogene per la riproduzione o endocrine interferenti. Così avrebbero dovuto essere costituita nel dicembre 2013, la definizione dei criteri endocrini Disgregatori sono stati infine adottata nel testo di legge nel mese di aprile 2018. I documenti riservati ottenuti dal Pesticide Action Network nelle corti europee dimostrano che alti funzionari della Commissione europea hanno consapevolmente messo gli interessi commerciali dei produttori di pesticidi al di sopra della salute pubblica. Oltre a cinque anni di ritardo,

Nel 2015, un primo rapporto della Pesticide Action Network ha già denunciato il ruolo della lobby dei pesticidi nella Commissione europea nell'influenzare la regolamentazione degli interferenti endocrini.

Alla domanda sui documenti aggiornati dalla rete di azione dei pesticidi, Tony Musu, ricercatore senior presso l'ETUI e coautore di una pubblicazione sui rischi professionali connessi all'esposizione agli interferenti endocrini ha dichiarato: "Queste nuove rivelazioni confermano che i criteri di identificazione adottati nel 2018 erano di parte e urgentemente necessario essere rivisti per proteggere meglio la salute degli agricoltori, dei cittadini e dell'ambiente "

Reagendo alle accuse, la Commissione europea nega qualsiasi desiderio di manipolazione e difende la sua decisione di condurre una valutazione d'impatto prima di sviluppare criteri per la definizione degli interferenti endocrini, contribuendo così al ritardo nella regolamentazione denunciata dal PAN.

Gli interferenti endocrini sono sempre più individuati dalla comunità scientifica come responsabili dell'esplosione di alcune malattie tra cui obesità, diabete, disturbo da deficit di attenzione, iperattività, autismo e alcuni cancri ormonali.

Foto di credito:  meriç tuna su Unsplash

Riferimenti :