Vai al contenuto

L’associazione brasiliana degli esposti all’amianto

Pubblichiamo questo Report della Presidente della Segreteria Internazionale per la messa al bando dell'amianto Laurie Kazan-Allen che rappresenta la situazione brasiliana .

FONTE: LKA Blog

7 maggio 2019

L'associazione brasiliana degli esposti all'amianto

Mentre il Memorial Day dei lavoratori internazionali (28 aprile 2019) era caratterizzato da servizi commemorativi, manifestazioni pubbliche e vari eventi in tutto il mondo, ho avuto l'opportunità di partecipare al servizio ecumenico annuale dell'Associazione Brasiliana dell'Amianto-Esposto (ABREA ). L'evento, che si è tenuto a Osasco, l'unico centro dell'industria brasiliana di cemento-amianto, si è svolto in una piazza intitolata alla memoria della prima vittima di asbesto dell'ABREA: Aquilino Alves dos Santos. 1 La presenza di così tanti membri ABREA e di visitatori internazionali provenienti da Giappone, India, Indonesia e Regno Unito ha spinto un partecipante a battere "L'anno prossimo, abbiamo bisogno di un quadrato più grande".

Il presidente dell'ABREA, Eliezer João de Souza, ha sottolineato che il servizio è rivolto a tutte le religioni e, in effetti, un ministro spiritista e missionari cristiani hanno parlato al raduno. Con parole gentili hanno dato conforto a coloro che avevano perso i propri cari e hanno elogiato la comunione della famiglia ABREA. Lo slogan sul retro della maglietta indossata da uno dei relatori era apposito: "Gente semplice, fazendo coisas pequenas, em lugares não importantes, consegue mudanças extraordinárias." La traduzione inglese è la seguente: "Gente semplice che fa piccole cose in luoghi poco importanti possono portare cambiamenti straordinari. "

In effetti, i membri ABREA provengono da ambienti modesti. Molti di loro lavoravano nella fabbrica di eternit dell'eternita a Osasco o erano parenti di quelli che lo facevano; alcuni avevano lavorato in altre fabbriche che utilizzavano l'amianto o nel settore informale dove l'uso dell'amianto era di routine. La maggior parte dei membri ABREA aveva lavori non qualificati o semi-specializzati. Eppure, il loro background non ha impedito loro di sfidare le aziende che erano istituzioni nazionali o di contestare le "prove" di esperti del settore altamente considerati. Attraverso progetti di base, iniziative di sensibilizzazione dei media, decine di cause legali e argomenti legali hanno portato una contromossa al dialogo nazionale sull'amianto. Infatti, un libro di 132 pagine intitolato "Eternidade", pubblicato a San Paolo due giorni prima del Memorial Day dei lavoratori internazionali 2019, era sottotitolato: "La costruzione sociale della messa al bando dell'amianto in Brasile". Il libro, di Marina Moura, includeva i contributi dei premiati giornalisti brasiliani Eliane Brum e Conceição Lemes.


Foto: Wendell Cristiano.

Riconoscendo l'assistenza costante fornita dai sostenitori nella lotta per ottenere giustizia per le vittime e vietare l'amianto, il 26 aprile 2019 i premi sono stati consegnati da ABREA in onore di Aldo Vincentin e José Roncadim, membri molto amati che morirono di mesotelioma nel 2008 e nel 2009 rispettivamente, a:

Laurie Kazan-Allen, coordinatrice del Segretariato internazionale per l'asbesto del divieto, "in riconoscimento della sua dedizione nella lotta per il divieto globale sull'amianto".

Maria Geruza Correia Elvas, fondatrice dell'Associazione Pernambuco di Asbestos Exposed, "in riconoscimento della sua dedizione nella lotta per la giustizia per le vittime dell'amianto [in riconoscimento della sua dedizione nella lotta per la giustizia per le vittime dell'amianto]. "

Dr. Eduardo Algranti "in riconoscimento della sua enorme dedizione alle vittime dell'amianto".

Dr. Jefferson Benedito Pires de Freitas "in riconoscimento della sua enorme dedizione alle vittime dell'amianto".

Dr. Elizabete Medina Coeli Mendonça "in riconoscimento della sua enorme dedizione alle vittime dell'amianto".

Solange Cristina Soares Pereira "in riconoscimento della sua enorme dedizione alle vittime dell'amianto".


Da sinistra: il presidente ABREA Eliezer João de Souza, Gisela Vincentin e Fernanda Giannasi che presentano il premio Aldo Vincentin a Laurie Kazan-Allen. Foto: Wendell Cristiano.

Nonostante la sentenza della Corte Suprema del 2017 che ha vietato lo sfruttamento commerciale dell'amianto, le parti interessate brasiliane continuano a chiedere un'esenzione per estrarre la fibra di amianto da esportare. Commentando questa notizia, la scorsa settimana una portavoce di ABREA ha dichiarato ai giornalisti: "ABREA è strettamente contraria all'esportazione di amianto, perché ciò che non vogliamo per noi stessi, non può essere concesso agli altri". La lotta continua.

1 Kazan-Allen, L. Report from Asian Ban Asbestos Mission to Brazil 2019 . 29 aprile 2019.
http://ibasecretariat.org/lka-status-report-from-asian-ban-asbestos-mission-to-brazil-apr-24-2019.php