Vai al contenuto

Il lavoro è guadagnarsi da vivere, non essere causa di morte

 

FONTE ETUC.ORG

 

Quasi duecentomila persone muoiono ogni anno nell'Unione europea a causa di malattie, malattie e incidenti sul posto di lavoro.

La realtà è molto peggiore: i datori di lavoro hanno un enorme numero di segnalazioni e quando un lavoratore viene ucciso dal proprio lavoro nuoce a intere famiglie.

La CES chiede che l'Unione europea - in particolare il nuovo Parlamento europeo da eleggere a maggio e la nuova Commissione europea da nominare in seguito alle elezioni - a

• Stabilire un obiettivo di zero sul posto di lavoro e come passo verso tale obiettivo fissato "limiti di esposizione professionale vincolante" per almeno 50 sostanze cancerogene (24 sono state concordate dall'attuale Parlamento e Commissione);

• Introdurre una direttiva sullo stress sul lavoro per consentire a tutti i datori di lavoro di adottare iniziative per identificare e prevenire lo stress e le procedure per affrontare lo stress;

• Introdurre una direttiva per affrontare il dolore alla schiena, al ginocchio e alle articolazioni delle dita (e altri disturbi  muscoloscheletrici) durante il lavoro;

• Avviare un dibattito sulla prevenzione dei decessi stradali e dei suicidi legati all'attività lavorativa al fine di adottare nuove misure nel corso della vita del nuovo Parlamento e della Commissione.

"Il lavoro è quello di guadagnarsi da vivere", ha affermato Esther Lynch, segretario confederale della CES, "non essere causa di morte.

"L'UE dovrebbe lavorare senza morti sul lavoro e adottare un obiettivo ufficiale di zero sul posto di lavoro. Il diritto dell'UE è necessario per obbligare i datori di lavoro a mettere in atto azioni per prevenire e affrontare lo stress legato al lavoro e per fermare la miseria e il suicidio causati dallo stress correlato al lavoro.

"L'UE deve anche agire per ridurre l'angoscia di milioni di lavoratori che soffrono di dolori muscoloscheletrici - come la schiena, il ginocchio e altri dolori nei tendini, nelle articolazioni, nei muscoli e nelle ossa delle persone".

Su morti e suicidi legati al lavoro, Lynch ha aggiunto: "Sappiamo che gran parte delle morti per incidenti stradali sono legate al lavoro, e con l'economia digitale c'è un aumento di persone che trasportano merci su strada. Abbiamo bisogno di quelle piattaforme che creino le condizioni per essere responsabili e intraprendano azioni per proteggere i lavoratori e prevenire i decessi dovuti al lavoro. Sappiamo anche che questi addetti alle consegne sono sempre più soggetti alla violenza. Sul suicidio correlato al lavoro abbiamo bisogno di studi e statistiche e di azioni per prevenire tali suicidi ".

Il 28 aprile è il giorno in cui i sindacalisti di tutto il mondo "ricordano i morti e combattono per vivere" e fanno pressione sui responsabili decisionali e sui datori di lavoro sulla necessità di collaborare con i sindacati per fermare incidenti mortali, infortuni e malattie sul posto di lavoro.

Sono stati stimati circa 500.000 decessi per cancro correlati al lavoro 2014-19 (il periodo in carica dell'attuale Commissione europea e Parlamento), parte di un totale di 900.000-1 milioni di decessi correlati al lavoro nello stesso periodo negli Stati membri dell'UE .

 

2019/04/23

COMUNICATO STAMPA