Vai al contenuto

GB: Il Sindacato dei Camionisti denuncia il fatto che l’esclusione dei conducenti di camion dalla pianificazione Brexit mette a rischio la sicurezza e aumenta le interruzioni.

 

FONTE UNITETHEUNION

Giovedì 21 marzo 2019

Unite, la più grande unione britannica e irlandese, che rappresenta oltre 50.000 conducenti di camion, ha contestato con fermezza il governo e altre organizzazioni chiave come il consiglio della contea di Kent, per non aver consultato il sindacato sulla pianificazione della Brexit.

L'incapacità di consultare il sindacato e informare i conducenti di ciò che ci si aspetta da loro sta mettendo a repentaglio la sicurezza e il benessere non solo dei camionisti ma di tutti gli utenti della strada, oltre a peggiorare le disfunzioni previste causate da una Brexit disordinata.

Solo più di una settimana per andarsene

Manca poco più di una settimana prima che il Regno Unito lascerà l'Unione Europea e con il consiglio della contea di Kent già attivando i piani di emergenza Operazione Yellowhammer per i camionisti .

Unite ha tre domande chiave senza risposta:

Cosa succede se vengono forniti servizi di assistenza per i conducenti?
Ci sarà modo per loro di fare pause di riposo lontano dai loro camion?
Saranno introdotte misure di emergenza per modificare le regole sull'orario dei conducenti?

Tutta la rete di distribuzione è a rischio

Unite ha anche avvertito che mentre la maggior parte del focus sulla interruzione della Brexit è diretta su Dover, i ritardi interesseranno l'intera rete di distribuzione, causando ulteriori stress e problemi per i camionisti in tutto il Regno Unito, non solo quelli sui trasporti internazionali.

I problemi relativi alla pianificazione della Brexit sono stati notevolmente esacerbati dalla decisione del governo di imbavagliare gli autotrasportatori con Accordi di non divulgazione (NDA) dopo aver discusso con loro le proposte sulla Brexit. Le NDA hanno portato gli autotrasportatori a non essere in grado di discutere i problemi con i loro autisti o con Unite.

Fallimento del governo

Adrian Jones dirigente e portavoce di Unite ha dichiarato: "L'incapacità del governo di discutere i suoi piani con gli stessi lavoratori che sono essenziali per mantenere le merci in movimento dopo la Brexit sarebbe divertente se non fosse così grave.

"I conducenti sono stati lasciati all'oscuro di ciò che è pianificato e di ciò che ci si aspetta da loro. Il consiglio del Kent ha già attivato i suoi piani Brexit, ma non ha parlato con i conducenti.

"Ogni anno oltre 250 persone vengono uccise in incidenti stradali. I conducenti che sono costretti a lavorare per ore aggiuntive a cui sono negate le pause e il sonno sono un pericolo per loro stessi e per gli altri utenti della strada.

"Tutti i lavoratori, compresi i camionisti, hanno il diritto legale assoluto di arrestare il proprio lavoro se ritengono che la loro sicurezza sia messa a rischio. Allo stato attuale delle cose, Unite non ha ricevuto informazioni sulla salute, la sicurezza e il benessere dei conducenti.

"Tutto il focus è stato sul flusso di merci che entrano nel Regno Unito attraverso Dover e il governo ha dimenticato o non è riuscito a capire che l'intero sistema di distribuzione sarà distorto da un Brexit caotico, sembra che non ci sia stata alcuna pianificazione o considerazione da risolvere queste cose.

"A meno che queste questioni non siano affrontate immediatamente, l'interruzione della Brexit sarà molto peggiore e la carenza di beni e forniture sarà ancora maggiore".