Vai al contenuto

E-Waste: un grosso problema che richiede soluzioni più grandi

Foto: Flickr Yuri Samoilov_CC BY 3.0.

 

Nel 1982, una famiglia negli Stati Uniti comprò un forno a microonde. Nel 2012, trent'anni dopo, il microonde funzionava ancora. Nel 2017, una giovane donna ha acquistato un aggiornamento per iPhone e una custodia protettiva. Quattro mesi dopo, con uno schermo scheggiato da alcuni rimbalzi sul pavimento, la stessa giovane donna deve acquistare un nuovo telefono.

Autore: Anna Kučírková

Questo aneddoto fa un punto cruciale sull'elettronica in questa epoca tecnologica in rapida evoluzione: semplicemente non li fanno come prima. Solleva anche una domanda importante: cosa dovremmo fare con i dispositivi elettronici che non usiamo più? Andiamo più in profondità nel problema problematico degli e-waste.

Che cos'è E-Waste?

L'elettronica morta è la fonte di rifiuti in più rapida crescita al mondo e gli Stati Uniti creano più rifiuti elettronici di qualsiasi altro paese. I materiali tossici nell'elettronica, come il mercurio e il piombo, possono danneggiare le persone e l'ambiente. Gli americani riciclano circa 50.000 autocarri a cassone ribaltabile pieni di apparecchiature elettroniche ogni anno.

Quanta quantità di rifiuti elettronici vengono creati?

La ricerca suggerisce che nel 2017 sono stati acquistati 1,5 miliardi di telefoni cellulari , ovvero circa uno su cinque sul pianeta. Ciascuno alla fine raggiungerà la fine della sua vita e diventerà un rifiuto elettronico. Le Nazioni Unite hanno scoperto che nel 2016 sono stati creati 44,7 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici e solo il 20% di essi è stato debitamente eliminato.

Negli Stati Uniti, ci sono tante televisioni quante sono le persone. Questo è un sacco di elettronica che alla fine sarà ridotta a e-waste. E anche se questa tecnologia probabilmente modificherà le nostre vite in meglio, l'elettronica spesso funziona male e, diversamente dal mixer trentennale che rifiuta di morire, la nuova tecnologia si rompe più rapidamente.

Lanciare le cose invece di ripararle ha conseguenze di vasta portata per i consumatori e l'ambiente.

Inquinamento elettronico

Non solo verranno acquistati milioni di dispositivi elettronici ogni anno, ma si creerà inevitabilmente un'ondata di "rifiuti elettronici" pericolosi che verranno scaricati illegalmente nei paesi in via di sviluppo.

Il volume di rifiuti elettronici in tutto il mondo dovrebbe aumentare del 33% nel prossimo futuro. Negli ultimi anni, sono stati prodotti circa 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici in tutto il mondo - o quasi 15 sterline a persona sulla terra. Questo rifiuto elettronico contiene centinaia di materiali diversi e sostanze tossiche come piombo, arsenico, cadmio, mercurio e ritardanti di fiamma.

Dopo essersi sistemati in una discarica, le sostanze tossiche penetrano nell'ambiente contaminando terra, aria e acqua. Quando questi dispositivi vengono smantellati in condizioni primitive, le persone che lavorano lì soffrono spesso di una serie di malattie.

Secondo l'ONU, l'e-waste è ora la fonte di rifiuti in più rapida crescita al mondo. La Cina ha generato 11,1 milioni di tonnellate l'anno scorso e gli Stati Uniti 10 milioni di tonnellate.

Mentre esportare beni di castoff in paesi poveri è legale se possono essere riutilizzati, ci sono tonnellate di rifiuti elettronici inviati in Asia o in Africa con falsi pretesti. E nessuno sta tenendo traccia di quanti rifiuti elettronici vengono effettivamente diffusi in tutti i continenti.

Uno studio del MIT ha rilevato che gli Stati Uniti hanno riciclato solo il 66% dei milioni di computer, monitor, TV e telefoni dismessi nel 2010. I dispositivi non riciclati sono stati venduti a Hong Kong, in America Latina e nei Caraibi.

Poiché i nuovi modelli di telefoni e altri prodotti aggiornati stanno invadendo il mercato, il resto finisce nelle discariche. Questi telefoni sono fatti di metalli preziosi. I circuiti stampati usano oro, rame, berillio, zinco e tantalio; i rivestimenti includono piombo e le batterie sono a base di litio.

Tuttavia, meno del 10% dei telefoni viene estratto per i loro componenti. Questo alla fine porterà alla carenza di questi rari minerali terrestri.

Uomini d'affari e produttori hanno riconosciuto il problema e hanno iniziato a utilizzare sistemi di tracciamento per valutare fino a che punto i loro rifiuti elettronici vanno. Una televisione riciclata, incorporata con un dispositivo di localizzazione satellitare, è stata acquistata da un rivenditore di rifiuti elettronici con sede a Londra. Quella televisione fece un viaggio di 4.500 miglia dalle banchine di spedizione nel Regno Unito all'enorme mercato di elettronica di Alaba a Lagos, in Nigeria.

L'industria del riciclaggio è diventata un paradiso per gli esportatori di rifiuti elettronici e migliaia di dispositivi finiscono nelle nazioni in via di sviluppo. Ciò che non può essere riparato viene scaricato e le persone rischiano la vita raccogliendo i mucchi di rifiuti elettronici in uno stato di deterioramento sempre peggiorato.

In Gran Bretagna, quasi 500.000 tonnellate di rifiuti elettronici non vengono conteggiate ogni anno. Le leggi britanniche sulle apparecchiature di smaltimento dei rifiuti elettronici impongono ai produttori il rispetto dei costi ambientali dei loro rifiuti elettronici. Ma i rifiuti pericolosi vengono esportati illegalmente come parte di un mercato nero di rifiuti elettronici che vale milioni.

E e-waste non è limitato ai nostri dispositivi digitali. Anche la cosiddetta tecnologia verde aggiunge al profilo e-waste. I pannelli solari contengono metalli tossici che possono danneggiare il sistema nervoso umano e il cromo e il cadmio, che sono cancerogeni confermati. Queste tossine sono conosciute per lisciviare dalle discariche di rifiuti elettronici nei rifornimenti idrici. Potrebbe essere il momento per gli umani di tornare al metodo tradizionale di riparare gli oggetti rotti invece di rimpiazzarli.

Riparare, non sostituire

Nel 2013, un gruppo di consumatori preoccupati , ambientalisti, riciclatori, refurbishers, sostenitori dei diritti digitali e specialisti delle riparazioni negli Stati Uniti si sono uniti per fondare Repair.org, lavorando per assicurarsi che quando qualcosa si rompe, i consumatori statunitensi possano facilmente trovare informazioni, parti e tecnici di cui hanno bisogno per ripararlo.

Se un dispositivo o un dispositivo si rompono, proviamo a risolvere il problema, rimuovere l'elemento, correggere o sostituire la parte non riuscita e riaccenderlo. Sfortunatamente, la riparazione di prodotti computerizzati non ha un percorso diretto.

Spesso è facile riconoscere che una connessione è libera o un condensatore si è bruciato. Ma, molto spesso, è necessaria una diagnostica sofisticata per trovare il problema. La maggior parte dei produttori non fornisce assistenza, quindi ogni riparazione diventa prova per errore.

I produttori non vogliono che tu aggiusti la tua attrezzatura; vogliono che tu acquisti un nuovo aggiornamento più elaborato. Alcuni produttori citano anche persone che pubblicano informazioni sulla riparazione online. L'unica cosa che forniscono è consultazioni online o telefoniche che costano cifre esorbitanti. In questo modo, è semplicemente più economico acquistare un nuovo prodotto.

E anche se riesci a trovare le istruzioni che ti servono, buona fortuna a trovare le parti di ricambio. I produttori rendono così difficile ottenere le parti, è meglio cannibalizzare le vecchie apparecchiature che non funzionano più.

Alcuni produttori potrebbero credere che quando si tratta di orologi intelligenti e telefoni cellulari, la riparazione è impossibile. Ma i centri di assistenza, che utilizzano parti aftermarket, sono perfettamente in grado di effettuare piccole riparazioni, come la sostituzione di schermi fessurati.

Tuttavia, qualsiasi componente dell'apparecchiatura che richiede l'esecuzione di software può essere fornito con un Contratto di licenza per l'utente finale. Questi documenti definiscono chiaramente le regole: tu, il proprietario, puoi correggere tutto ciò che non riguarda il software. Se si infrange questa regola, la garanzia viene invalidata e la società non ti aiuterà con le riparazioni.

Quindi, mentre la riparazione dovrebbe essere un'opzione per i nostri dispositivi digitali, i produttori non offrono il loro aiuto. Cos'altro possiamo fare per limitare i rifiuti elettronici?

Riciclaggio e estrazione di rifiuti elettronici

I consumatori possono fare qualcosa per ridurre la loro impronta di rifiuti elettronici. Alcuni dei materiali utilizzati nella creazione di questi prodotti possono essere recuperati e riutilizzati, inclusi vetro, plastica e metallo.

Ma questi dispositivi contengono anche sostanze letali come mercurio, cadmio e piombo, che devono essere smaltiti correttamente. Durante il riciclaggio, verificare i requisiti e le leggi dello stato prima di prepararsi a riciclare i componenti elettronici.

Prima di consegnare qualsiasi cosa elettronica a un riciclatore, assicurati di cancellare completamente le tue informazioni personali. Ma cancellare semplicemente tutto non è una garanzia. Rivolgiti agli esperti di computer locali sui migliori modi per strofinare la tua elettronica.

Una volta che sei pronto per riciclare, il processo è semplice:

  1. Portalo al centro di riciclaggio: controlla i giorni di riciclaggio locali o i rivenditori che supportano il riciclaggio.
  2. Donalo - Se il tuo gadget funziona ancora, probabilmente c'è un ente di beneficenza o no-profit che sarebbe felice di averlo.
  3. Portalo in un'azienda tecnologica : molti produttori e rivenditori offrono ottimi programmi di riciclaggio ma leggono su di essi prima di selezionare il tuo riciclatore.

Un'alternativa al riciclaggio è chiamata e-waste mining , ed è un grande business in erba.

Secondo la BBC News, "la miniera del professor Veena Sahajwalla in Australia produce oro, argento e rame - e non c'è un piccone in vista. La sua miniera urbana presso l'Università del New South Wales (UNSW) sta estraendo questi materiali non dal rock, ma dai gadget elettronici. L'esperto di scienza dei materiali con base a Sydney ritiene che la sua operazione diventerà abbastanza efficiente da ottenere un profitto entro un paio di anni ".

C'è una ricerca che indica che tali strutture potrebbero effettivamente essere molto più redditizie delle miniere minerarie tradizionali. Ad esempio, una miniera d'oro può generare cinque o sei grammi di metallo per tonnellata di materia prima. Fino a 350 grammi per tonnellata possono essere estratti quando la sorgente viene scartata dall'elettronica.

L'estrazione tradizionale è ad alta intensità di manodopera; l'estrazione di rifiuti elettronici è altamente automatizzata. Ciò consente un metodo più economico di estrazione dei minerali preziosi.

Conclusione

Proprio come i rifiuti umani possono inquinare i nostri oceani e l'aria, i rifiuti elettronici possono impadronirsi delle discariche, inquinare le nazioni in via di sviluppo e lisciviare sostanze chimiche tossiche nella terra.

Proprio come le nazioni si sono unite per combattere i cambiamenti climatici, l'inquinamento idrico e salvare le specie in via di estinzione, è fondamentale che si uniscano per fare la differenza nella diffusione dei rifiuti elettronici.