Vai al contenuto

I vigili del fuoco inglesi chiedono una maggiore protezione dall’esposizione a sostanze cancerogene, mutagene e reprotossiche

 

FONTE FBU.ORG.UK

Numerosi studi dimostrano che autorità pubbliche e datori di lavoro non sono in grado di tutelare sufficientemente i vigili del fuoco dal rischio di esposizione ad agenti cancerogeni, mutageni e tossici per la riproduzione (CMR). Ciò significa che i vigili del fuoco sono doppiamente a rischio - non solo dalla natura della loro stessa professione ma anche dalle conseguenze di essa.
Vi è un grande divario tra i tumori riconosciuti come malattie professionali nei vari paesi e il numero di tumori attribuibili all'esposizione professionale. Dati nazionali e dati UE sui tumori contengono pochissime informazioni sulle professioni dei malati di cancro. L'European Trade Union Institute (ETUI) stima che l'8% di tutti i casi di cancro siano correlati al lavoro, costituendo il 12% dei casi di cancro tra gli uomini e il 7% dei casi di cancro tra le donne. Inoltre, studi specifici hanno dimostrato che i vigili del fuoco nella fascia di età compresa tra 30 e 49 anni presentano un significativo rischio di eccesso di cancro alla prostata e melanoma cutaneo.

La rete dei vigili del fuoco EPSU richiede quindi urgentemente un quadro normativo più forte e un approccio olistico per affrontare i tumori connessi al lavoro. Le misure dovrebbero garantire che l'esposizione ai CMR sia eliminata o ridotta il più possibile e che i vigili del fuoco siano sufficientemente protetti prima, durante e dopo gli incidenti. Salvaguardare ed estendere il "principio di precauzione" e il "principio di sostituzione" dell'UE che sono incorporati nei regolamenti REACH (Registrazione, valutazione e autorizzazione di sostanze chimiche) è fondamentale per garantire che le sostanze estremamente preoccupanti vengano gradualmente eliminate dal mercato e nuove sostanze chimiche non aggravare la situazione attuale. I governi devono assumersi la responsabilità dei vigili del fuoco e oltre a rafforzare la prevenzione riconoscere il cancro tra i vigili del fuoco come una malattia professionale.

È inoltre necessario assicurare che governi e datori di lavoro investano risorse umane e finanziarie sufficienti nel servizio antincendio, in modo che i problemi di salute e sicurezza sul lavoro in generale e i tumori connessi al lavoro in particolare possano essere affrontati, anche dopo che il lavoratore ha lasciato il suo posizione. Anche se questa è una loro responsabilità, le autorità pubbliche dovrebbero riconoscere che il miglioramento della salute e della sicurezza e la riduzione dei rischi per il cancro renderanno il servizio antincendio più sostenibile ed economico.

La rete dei vigili del fuoco apprezza molto il lavoro svolto dall'ETUI e dalla CES per affrontare i tumori connessi al lavoro, anche per garantire che i limiti di esposizione professionale (BOEL) vincolanti per i carcinogeni prioritari siano adottati nella direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni - MCD (2004/37 / CE). Il suo campo di applicazione dovrebbe essere esteso anche alle sostanze reprotossiche. Grazie alla pressione sindacale, la revisione del MCD è tornata ad essere una priorità e idealmente la nuova direttiva dovrebbe diventare uno strumento "vivente" che può essere più facilmente aggiornato. La rete contribuirà attivamente a questo lavoro e al lavoro che sarà sviluppato a livello globale per garantire l'attuazione delle linee guida dell'OIL sul lavoro dignitoso nei servizi di emergenza pubblici (2018). Insieme possiamo costruire una solida struttura Right2Health in Europa e oltre.

Aumentare la consapevolezza, raccogliere e scambiare dati comparabili e buone pratiche può garantire che le lezioni apprese siano condivise. Procedure chiare devono essere stabilite prima durante e dopo gli interventi, ad esempio sulla corretta pulizia degli indumenti e delle attrezzature utilizzate negli interventi. Sono necessari programmi di formazione ed esercitazioni per sostenere e attuare in pratica ogni fase delle procedure. I diritti di informazione e consultazione, il dialogo sociale e la contrattazione collettiva possono essere utilizzati per migliorare il processo decisionale sulla scelta, la progettazione e l'introduzione di nuove tecnologie, attrezzature e / o organizzazione del lavoro e processi lavorativi.