La Bielorussia deve rilasciare i leader sindacali e gli attivisti imprigionati

Fonte IndustrialAll

19 gennaio 2023 Un tribunale bielorusso ha condannato i leader di sindacati indipendenti a pene detentive indebitamente dure fino a nove anni per accuse di matrice politica. Ad oggi, i tribunali bielorussi hanno condannato almeno 16 leader e attivisti di sindacati indipendenti a lunghe pene detentive o restrizione della libertà.

Il 5 gennaio, il tribunale della città di Minsk ha condannato l’ex presidente del sindacato bielorusso dei lavoratori della radio e dell’elettronica (REP) Hennadz Fiadynich, 65 anni, e il presidente ad interim del REP Vasil Berasnieu, 72 anni, a nove anni di reclusione, e l’attivista del REP Vatslau Areshka, 68 anni. , a otto anni di reclusione in una colonia a regime rafforzato.

I tre sono stati arrestati il ​​19 aprile 2022 e accusati di “richiesta di misure restrittive, volte a arrecare danno alla sicurezza nazionale della Repubblica di Bielorussia”, “incitamento all’odio sociale” e “costituzione di una formazione estremista o partecipazione ad essa ”, tutte accuse basate sul codice penale.

Nell’aprile 2022, il Comitato per la sicurezza dello Stato della Bielorussia (KGB) ha elencato REP come organizzazione estremista e ne ha vietato le attività.

Il 26 dicembre 2022, altri tre dirigenti sindacali sono stati condannati dal tribunale della città di Minsk, accusati di “azioni che violano gravemente l’ordine pubblico”. Anche Aliaksandr Yarashuk, presidente del Congresso bielorusso dei sindacati democratici (BKDP), è stato accusato di “aver chiesto misure restrittive e altre azioni volte a danneggiare la sicurezza nazionale della Repubblica di Bielorussia” e, di conseguenza, è stato condannato a quattro anni di carcere. Il vicepresidente del BKDP Siarhei Antusevich è stato condannato a due anni di carcere e l’ufficiale del team dei media e contabile del BKDP Iryna But-Husaim è stato condannato a 1,5 anni di carcere con un regime generale.

È così che lo Stato ha risposto alla lotta dei sindacati indipendenti per la democrazia ei diritti umani in Bielorussia. Dalle contestate elezioni presidenziali dell’agosto 2020, i sindacati indipendenti in Bielorussia sono stati oggetto di attacchi enormi e costanti, tra cui perquisizioni negli uffici sindacali e nelle case dei sindacalisti, sequestro di telefoni cellulari e laptop, pressioni sui membri dei sindacati indipendenti affinché disdicessero la loro appartenenza sindacale, licenziamenti di iscritti sindacali indipendenti e, infine, la liquidazione di quattro sindacati indipendenti e della loro federazione nel luglio 2022.

Il segretario generale di IndustriALL, Atle Høie, afferma:

“La condanna di dirigenti sindacali per aver esercitato il loro legittimo diritto alla libertà di associazione costituisce una grave violazione dei principi della libertà di associazione. I diritti sindacali perdono ogni significato in assenza del pieno rispetto di quelle libertà civili sancite dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e dal Patto internazionale sui diritti civili e politici, in particolare per quanto riguarda il diritto alla libertà e alla sicurezza dell’individuo, la libertà da arresto e detenzione arbitrari, libertà di opinione e di espressione, libertà di riunione, diritto a un equo processo e diritto alla protezione dei beni sindacali”.

A seguito delle ultime decisioni giudiziarie che hanno incarcerato i leader sindacali in Bielorussia, IndustriALL Global Union e industiALL European Trade Union hanno scritto alla Commissione europea, al Parlamento europeo, al Consiglio europeo e all’ILO, chiedendo un’azione urgente, anche per esprimere il sostegno pubblico al movimento sindacale indipendente della Bielorussia, e di chiedere alle autorità bielorusse di rilasciare immediatamente e senza condizioni i sindacalisti arrestati e di porre fine alla repressione dei sindacati indipendenti e delle persone che chiedono il rispetto dei loro diritti umani.

IndustriALL Global Union e industriAll European Trade Union ribadiscono la richiesta del Comitato di esperti sull’applicazione delle convenzioni (CEACR) dell’ILO di “rilasciare tutti i sindacalisti che rimangono in detenzione e di ritirare tutte le accuse relative alla partecipazione a proteste pacifiche e azioni sindacali.

 

 80 total views,  2 views today