I lavoratori di Tesla hanno paura di denunciare il peggioramento delle condizioni di lavoro

Nel corso della sua conferenza stampa annuale, il sindacato tedesco IG Metall ha dichiarato che un numero crescente di lavoratori Tesla ha dichiarato di avere orari di lavoro più lunghi e poco tempo libero.

L’IG Metall, che ha un ufficio vicino allo stabilimento della casa automobilistica a Brandeburgo, è in contatto regolare con i lavoratori Tesla. Tesla non sta facendo abbastanza per migliorare le condizioni di lavoro e lascia troppo poco tempo per il tempo libero, la famiglia e il recupero”, ha dichiarato Irene Schulz dell’IG Metall Berlin-Brandenburg-Sachsen. Secondo il sindacato, i lavoratori sono sempre più timorosi di discutere apertamente delle loro condizioni di lavoro a causa degli accordi di non divulgazione che sono stati fatti firmare insieme ai loro contratti di lavoro. Due fonti a conoscenza della questione hanno dichiarato che anche Tesla China ha chiesto ad alcuni dipendenti di firmare accordi di non divulgazione.

Ad aggravare le preoccupazioni, la casa automobilistica ha pubblicato sul proprio sito web un nuovo ruolo di “Security Intelligence Investigator”. Nella descrizione del lavoro si legge che la posizione prevede la collaborazione con i dipartimenti legale e delle risorse umane per effettuare “la raccolta di informazioni sul campo sia all’interno che all’esterno delle mura di Tesla al fine di proteggere l’azienda dalle minacce”. Reuters ha trovato diverse persone su LinkedIn con il titolo di “Security Intelligence Investigator” che lavorano per Tesla a Shanghai, Austin e San Francisco. Lunedì 16 gennaio, il quotidiano economico tedesco Handelsblatt ha riferito che i politici locali hanno espresso preoccupazione per le accuse, chiedendo indagini sia da parte di Tesla che del governo locale. Il governo dello Stato di Brandeburgo deve far rispettare la sicurezza sul lavoro attraverso stretti controlli presso Tesla”, ha dichiarato Christian Baeumler del partito cristiano-democratico (CDU).

Queste pratiche ricordano in qualche modo il modo in cui Amazon ha affrontato le spinte sindacali in Europa. Nel 2020, diversi rapporti interni trapelati hanno rivelato come il gigante dell’e-commerce si sia affidato ad analisti dell’intelligence e abbia persino assunto detective privati per monitorare il lavoro organizzato e i movimenti sociali e ambientali. Un anno dopo, Amazon è stata sotto i riflettori per aver diffuso annunci antisindacali sulla sua piattaforma di live-streaming Twitch.

Anche l’amministratore delegato di Tesla, Elon Musk, è balzato agli onori della cronaca nell’ottobre 2022 per la sua brutale acquisizione del social network Twitter, che ha portato al licenziamento di migliaia di dipendenti di Twitter. Nel periodo che ha preceduto i licenziamenti, i dipendenti di Twitter hanno descritto il peggioramento delle condizioni di lavoro, con lunghi orari di lavoro e “sprint di lavoro” durante il fine settimana, facendo eco alle lamentele dei lavoratori Tesla all’IG Metall. In effetti, gli esperti attribuiscono allo stile di gestione di Elon Musk in Twitter la responsabilità dei problemi finanziari della casa automobilistica elettrica. Le azioni della società hanno perso più della metà del loro valore dall’inizio di ottobre e gli investitori temono che Twitter stia rubando molto tempo a Musk.

Una nota interna visionata dal New York Times l’11 gennaio 2022 ha rivelato che Musk ha informato i dipendenti di Twitter che avrebbe dato priorità a Tesla rispetto a Twitter. Questa inversione di rotta, insieme alle nuove offerte di lavoro e alle lamentele dei lavoratori di Tesla, suggeriscono che la strategia di Musk per risollevare le sorti dell’azienda prevede condizioni di lavoro pessime e l’imbavagliamento dei dipendenti.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

 

 224 total views,  3 views today