La legge anti-sciopero pone il Regno Unito fuori dal mainstream

Fonte ETUC

In risposta alle affermazioni del governo del Regno Unito secondo cui le nuove leggi anti-sciopero porterebbero il Regno Unito in linea con l’Europa, il segretario generale della Confederazione europea dei sindacati Esther Lynch ha dichiarato:

“Il Regno Unito ha già tra le restrizioni più draconiane al diritto di sciopero in Europa, ei piani del governo britannico lo allontaneranno ancora di più dalla normale pratica democratica in tutta Europa.

“La retribuzione in Germania, Svezia e molti altri paesi dell’UE viene decisa attraverso la contrattazione collettiva e la maggior parte delle controversie viene risolta attraverso la negoziazione tra sindacati e datori di lavoro, anche nel settore pubblico.

“Non c’è paragone da fare tra quel sistema di dialogo sociale e il conflitto politico che il governo del Regno Unito sta alimentando sulla retribuzione del settore pubblico.

“Se il governo del Regno Unito fosse davvero interessato a imparare dalle migliori pratiche in Europa, si riunirebbe con i rappresentanti sindacali per negoziare un accordo equo il prima possibile e non risponderebbe agli scioperi introducendo una legislazione più restrittiva”.

 119 total views,  2 views today