Nel comparto produttivo dell’estrazione dell’amianto nella Federazione Russa vi è crisi ?

Fonte il blog del Segretariato internazionale per la messa al bando dell’amianto ibasecretariat  IBAS 

Problemi di Capodanno per il settore russo dell’amianto?

 

copertura in. cemento amianto – da wikimedia

Un blog IBAS dell’anno scorso ha evidenziato la dicotomia tra la percezione pubblica dell’amianto in Russia e quella altrove. 1 Laddove altri paesi hanno evitato l’amianto per aver causato un numero incalcolabile di morti e problemi di salute tra le loro popolazioni, la Russia l’ha abbracciato. Il fatto che la fibra di amianto prodotta nelle miniere russe rappresentasse quasi il 60% del consumo globale annuo non veniva regolarmente menzionato nella propaganda diffusa dalla lobby dell’amianto per generare domanda per questo cancerogeno riconosciuto. 2

Per molti anni, i dati sul commercio russo di amianto si sono rivelati inaffidabili. Le sanzioni imposte nel 2022 dai paesi occidentali alle esportazioni russe, ci si poteva aspettare, avrebbero avuto un impatto negativo sulle prospettive finanziarie delle parti interessate dell’amianto. Mentre l’ammissione pubblica in tal senso rimane improbabile, ci sono prove che suggeriscono che il settore dell’amianto in Russia non è fiorente.

All’inizio di ottobre 2022 Uralasbest, il secondo produttore di amianto della Russia, ha iniziato a incontrare difficoltà nell’invio di amianto crisotilo in Cina, un mercato importante per l’amianto Uralasbest che rappresenta il 20% delle vendite totali dell’azienda. 3 Commentando il rifiuto della ferrovia di Sverdlovsk di trasportare più di 4.500 tonnellate di fibra di amianto nell’ottobre e nel novembre 2022, un portavoce di Uralasbest ha dichiarato:

“Ora semplicemente non abbiamo un posto dove conservarlo. Quello che viene caricato sui vagoni è il cosiddetto magazzino su ruote, abbiamo quasi esaurito lo spazio nei magazzini coperti. Stiamo negoziando per risolvere in qualche modo questa situazione… [con le] ferrovie russe”. 4

Il blocco nella catena di approvvigionamento potrebbe, temeva Uralasbest, costringerla a interrompere temporaneamente le operazioni minerarie.

Nel frattempo, un calo del 39% della produzione di amianto da parte di Orenburg Minerals, il più grande conglomerato di amianto della Russia, si è verificato nel periodo da gennaio ad agosto 2022 rispetto agli stessi otto mesi del 2021 secondo le statistiche pubblicate alla fine dello scorso anno dalle autorità nella regione di Orenburg. 5

Sarebbe troppo sperare che tutta la produzione di amianto in Russia si fermasse, ma il fatto che l’industria sia in difficoltà è una buona nota con cui iniziare il nuovo anno.

 

1 Kazan-Allen, L. La cui realtà dell’amianto è reale? 25 ottobre 2022.
http://ibasecretariat.org/lka-blog.php#a200

2 Indagine geologica degli Stati Uniti. Sintesi delle materie prime minerali 2022 – Amianto. Consultato il 6 gennaio 2023.
https://pubs.usgs.gov/periodicals/mcs2022/mcs2022-asbestos.pdf

3 Delle 160.000 tonnellate di amianto crisotilo esportate da Uralasbest nel 2022, 36.000 tonnellate sono andate in Cina.

4 “Uralasbest” può ridurre la produzione di crisotilo a causa di problemi con l’invio di merci in Cina]. 18 novembre 2022.
https://www.interfax.ru/business/873182

5 Nella regione di Orenburg nel 2022, la produzione di petrolio e gas è diminuita. 15 ottobre 2022.
https://www.ural56.ru/news/683371/

 114 total views,  1 views today