I lavoratori più anziani non sono inclini a chiedere il sostegno del datore di lavoro, citando l’età e altri problemi

Uno studio di IWH trova preoccupazioni sulla privacy, la reputazione, la perdita del lavoro tra i motivi per cui i lavoratori più anziani non sono inclini a condividere hanno bisogno di supporto per continuare a lavorare. N.B   La traduzione è stata fatta con google translator. Per un uso professionale fare riferimento al testo originale in lingua inglese . editor

Fonte IWH- Institute for Work and Health 

 

Alla luce della grave crisi del lavoro osservata in un’ampia gamma di settori in Canada, potrebbe essere una buona notizia per i datori di lavoro che molti lavoratori anziani non abbiano fretta di andare in pensione. Questo secondo un nuovo studio sui lavoratori anziani condotto dall’Institute for Work & Health ( IWH ).

Tuttavia, lo studio ha anche riscontrato problemi di conservazione legati alla riluttanza dei lavoratori più anziani a rivelare le loro esigenze di supporto. I risultati suggeriscono che le organizzazioni motivate a sostenere i lavoratori anziani a rimanere al lavoro devono offrire supporti flessibili a cui le persone possano accedere senza dover divulgare le proprie esigenze.

Nello studio, i partecipanti (tutti di età pari o superiore a 50 anni) hanno affermato di voler proteggere la propria privacy, evitare i pettegolezzi e salvaguardare la propria reputazione. Erano diffidenti nei confronti degli atteggiamenti di età e degli stereotipi sui lavoratori più anziani che avevano esigenze di salute o non avevano la capacità di apprendere nuove competenze.

Soprattutto, hanno parlato di aprirsi al rischio della perdita del lavoro e della precarietà. Molti hanno parlato delle difficoltà che i lavoratori più anziani devono affrontare quando cercano lavoro, della tendenza delle organizzazioni a prendere di mira prima i lavoratori più anziani con guadagni più alti quando si ridimensionano e il declino dei posti di lavoro a tempo pieno e permanenti con buoni benefici nel mercato del lavoro. Queste preoccupazioni si sono aggiunte alla loro riluttanza a condividere informazioni sulle loro esigenze di supporto.

Il nostro studio ha rilevato che le persone non volevano davvero andare dai propri manager o risorse umane per comunicare le proprie esigenze e cercare formalmente un intervento e assistenza, afferma la dott.ssa Monique Gignac, scienziata senior e direttore scientifico di IWH e autrice principale dell’articolo pubblicato a settembre in Lavoro, invecchiamento e pensionamento ( doi:10.1093/workar/waac029 ).

Questo creerà davvero sfide per i luoghi di lavoro. Potrebbero non sapere cosa sta succedendo ai loro lavoratori più anziani che, nonostante vogliano continuare a lavorare, potrebbero non avere il supporto per farlo, aggiunge Gignac, che ha anche condiviso i risultati del suo studio in un webinar IWH Speaker Series a settembre.

L’asporto per i datori di lavoro, aggiunge, è l’importanza di avere pratiche e politiche proattive nella creazione di ambienti flessibili e di supporto che consentano a qualsiasi lavoratore di accedere al supporto e mantenere la privacy.

Indica politiche come orari di lavoro flessibili, giorni di benessere e giorni personali retribuiti come esempi di politiche popolari che possono aiutare tutti i lavoratori, compresi i lavoratori più anziani, a gestire molte esigenze personali.

Citando uno studio precedente , osserva che i datori di lavoro potrebbero voler incoraggiare i lavoratori a essere proattivi nell’accedere ai supporti sul posto di lavoro. Questo perché coloro che evitano di attingere alle risorse finché non è necessario, e spesso durante una crisi, riportano risultati peggiori, come più interruzioni del lavoro e limitazioni dell’attività, rispetto a coloro che sono proattivi.

I nuovi risultati dello studio indicano anche la necessità di affrontare gli atteggiamenti di età sul posto di lavoro, sottolinea Gignac. Gli stereotipi negativi erano più dannosi quando provenivano dai dirigenti senior, ma qualunque fosse la loro fonte, non abbiamo sentito parlare di lavoratori che ritenessero di poter sfidare queste percezioni. Invece, la maggior parte dei partecipanti ha scelto di nascondere i propri bisogni di supporto ed evitare di attirare l’attenzione su se stessi, dice. Molti luoghi di lavoro stanno ora concentrando la loro attenzione su questioni di equità, diversità e inclusione. Affrontare gli atteggiamenti degli anziani deve far parte di questi sforzi.

Cosa hanno sentito i ricercatori

Lo studio si è basato su dieci focus group condotti con 86 partecipanti nella Greater Toronto Area nei mesi precedenti il ​​COVID. I partecipanti erano persone di età pari o superiore a 50 anni che lavoravano almeno 20 ore a settimana. Poco meno della metà aveva una condizione di salute cronica che comportava alcune limitazioni all’attività. I lavori che svolgevano erano una sezione trasversale di lavoro a tempo pieno, part-time e contratto, in una gamma di tipi di lavoro e settori.

Il team di ricerca ha sentito emergere quattro temi nella loro analisi dei focus group. Di seguito sono riportati alcuni dei commenti che hanno ascoltato, raggruppati in base ai seguenti temi e argomenti:

Tema 1 – Bisogno percepito di comunicazione

I partecipanti allo studio hanno riconosciuto che la condivisione delle informazioni personali era necessaria per mantenere buoni rapporti e favorire le connessioni con gli altri al lavoro. Tuttavia, avevano sentimenti contrastanti sulla condivisione di alcuni tipi di informazioni. Sebbene avessero meno preoccupazioni sulla condivisione dei loro bisogni di assistenza (a meno che questi non fossero prolungati), erano più riservati nel condividere il loro bisogno di supporto formativo o la loro intenzione di andare in pensione. Erano per lo più negativi sulla condivisione di informazioni sui bisogni di salute, in particolare sui bisogni legati alla salute mentale.

Assistenza

Quando mio marito si è ammalato e doveva essere via, sono stati davvero molto bravi con me. Mi hanno accontentato, nessun problema. (Donna, 54 anni, commessa al dettaglio)

Salute

Penso che ci sia molto più stigma per la salute mentale. Sai, hai l’anca malata, hai il diabete, o qualsiasi altra cosa, sai… poverino. [Ma se] è depresso, possiamo contare su di lui? Non sono così sicuro. Se nascondessi qualcosa, nasconderei la salute mentale. (Uomo, 56 anni, venditore)

Formazione e sviluppo delle competenze

Sento di dover competere con i [lavoratori] più giovani nel senso di dimostrare che sono completamente aggiornato nella tecnologia e in tutte le ultime strategie di apprendimento. (Donna, 63 anni, insegnante)

La pensione

È un morto che cammina. Non appena sanno che sei fuori dalla porta, beh, perché dovrei preoccuparmi di parlarti?… È come se fossi invisibile. L’ho visto ed è un peccato, ma è successo. (Uomo, 56 anni, analista ambientale)

Tema 2 – Mantenere la propria reputazione

I partecipanti hanno parlato dell’importanza dell’impressione che gli altri hanno di loro. Hanno parlato del tempo e degli sforzi considerevoli che sono stati necessari per coltivare la loro reputazione di lavoratori produttivi e qualificati nel corso della loro vita lavorativa. Consideravano la loro reputazione fragile e vulnerabile agli stereotipi dell’età. Comunicare i bisogni di supporto, in particolare i bisogni relativi alla salute, potrebbe minare la loro reputazione e renderli vulnerabili ai pettegolezzi o alla perdita di opportunità di lavoro.

Avrei paura di dire qualsiasi cosa, soprattutto se la persona che dovrei dire è una persona che ha l’autorità di assunzione… penso sempre alle conseguenze delle mie azioni. (Uomo, 56 anni, revisore fiscale)

Tema 3 – Fiducia negli altri e sostegno percepito

I partecipanti hanno parlato ampiamente di come la fiducia negli altri e l’entità del supporto percepito influenzano le decisioni di comunicare. Le discussioni si sono incentrate sulla prevenzione dei pettegolezzi, sulla protezione della privacy e sulla preferenza per il supporto informale rispetto alle vie formali.

Cultura organizzativa

C’è ancora una notevole quantità di stigma intorno all’alloggio o alla sua richiesta. Le persone sono molto riservate o hanno paura di farsi avanti con questo… C’è sempre questo sottile bisbiglio intorno all’ufficio su quello che sta succedendo lì o c’è del sospetto intorno a questo. (Uomo, 52 anni, impiegato del settore pubblico)

Supporto formale vs. informale

Dici a [HR] qualcosa, dovranno annotarlo, verrà registrato e tutto il resto. Se riesci a mantenerlo informale, è così che vorrei andare. (Uomo, 62 anni, data analyst senior)

Fiducia

Puoi identificare molto facilmente quelli che sono degni di fiducia … che conosci. Non divulgheresti le cose a meno che tu non abbia una storia consolidata, almeno per un po’ di tempo con qualcuno, in modo da poter vedere se può essere discreto. (Donna, 51 anni, supervisore spedizione/magazzinaggio)

Atteggiamenti degli altri verso i lavoratori più anziani

Perché stai invecchiando e sei uno di quei ragazzi che c’erano quando usavi le macchine da scrivere invece dei computer. Vieni stigmatizzato. (Uomo, 56 anni, analista ambientale)

Tema 4 – Percezioni sulla precarietà del lavoro

I partecipanti hanno parlato spesso di precarietà del lavoro e del rischio di perdere il lavoro. Ne parlavano non solo coloro che si trovavano in situazioni di lavoro precario (ad esempio, i lavoratori a contratto), ma anche coloro che avevano un impiego stabile e sicuro. I partecipanti con maggiore insicurezza del lavoro erano meno disposti a rivelare i propri bisogni, più preoccupati per la propria reputazione e avevano meno fiducia negli altri al lavoro.

Sfide nella ricerca di un nuovo lavoro

Cercando di trovare un lavoro… ho avuto più successo quando ho cambiato il mio curriculum togliendo la metà inferiore di tutti quelli in cui lavoravo. (Uomo, 60 anni, analista di logistica dei trasporti)

Costi e benefici dei lavoratori anziani

Lo trovo spietato, specialmente quando hai un dipendente fedele che ha lavorato lì per due decenni e loro sono tipo, okay, fuori al pascolo perché sei troppo costoso. (Donna, 54 anni, servizi finanziari)

Insicurezza del mercato del lavoro

C’è stata una vera attenzione per i millennial sottoccupati. Ma non sono solo i millennial… Sono io che lavoro sotto contratto da tre anni e mezzo. Non mi sento come se avessi alcun tipo di protezione del lavoro. (Donna, 54 anni, amministratore dei servizi finanziari)

Questo studio è stato condotto dallo stesso team che sta conducendo un progetto più ampio che esplora le esigenze di alloggio e le decisioni di comunicazione dei lavoratori che vivono con disabilità episodiche. Una caratteristica chiave di quel progetto, Accomodamento e comunicazione sulle disabilità episodiche (ACED), è lo sviluppo di strumenti per fornire orientamento ai lavoratori con disabilità episodiche, nonché ai loro datori di lavoro, dirigenti, supervisori, responsabili della disabilità e personale delle risorse umane. Per ulteriori informazioni su quel progetto, vai a: https://aced.iwh.on.ca .

 

 354 total views,  2 views today